Il dispaccio segreto degli Usa: "La Catalogna attrae terroristi"

Il cablogramma diffuso da WikiLeaks risale a 10 anni fa. "Una pesante immigrazione sta favorendo i reclutatori"

Le ondate di immigrazione musulmana in Catalogna hanno trasformato la regione autonoma spagnola nel «maggiore centro sul Mediterraneo per il radicalismo islamico» in Europa scrivevano preoccupati i diplomatici americani in Spagna. Barcellona ha aperto le porte della regione a 510.000 musulmani su 7 milioni e mezzo di abitanti. La concentrazione di islamici in alcune cittadine arriva al 40%. Molti imam sono salafiti e predicano la sharia come legge superiore a quella spagnola. Uno di questi, Abdelbaki Es Satty, irreperibile, sarebbe il cattivo maestro dei terroristi della Rambla. Non a caso la maggioranza di immigrati musulmani viene dal Marocco, come la cellula jihadista che ha seminato morte e distruzione.

Il campanello dall'allarme lo aveva suonato dieci anni fa l'ambasciatore americano a Madrid. Molto tempo dopo, grazie a Wikileaks, è stato pubblicato il testo del cablogramma «segreto» dell'ambasciata Usa del 2 ottobre 2007, che risulta estremamente preveggente. «Una pesante immigrazione, sia legale che illegale, dal Nord Africa (Marocco, Tunisia ed Algeria) e dal Sud-est dell'Asia (Pakistan e Bangladesh) sta facendo della Catalogna un magnete per i reclutatori di terroristi» si legge nel rapporto attribuito all'allora ambasciatore americano Eduardo Aguirre. «Ci sono pochi dubbi che la regione autonoma della Catalogna stia diventando una base primaria di operazioni per attività terroristiche - spiega il cablogramma segreto -. Le autorità spagnole hanno espresso il loro timore per la minaccia di queste comunità atomizzate di immigrati inclini al radicalismo». Non è un caso che l'anno dopo, nel 2008, venne scoperto un piano di attacco alla metropolitana di Barcellona organizzato da pachistani. La vasta presenza musulmana ha portato alla nascita di luoghi di preghiera salafiti, i duri e puri dell'Islam.

«Ci sono moschee e centri islamici che predicano l'autosegregazione e rifiutano i valori ed il sistema legale vigente nel Paese» ha spiegato l'accademico Pablo Olavide. Il centro studi di Madrid, Istituto reale Elcano, fa notare che metà di tutti centri salafiti della Spagna si trovano in Catalogna. Fernando Reinares, direttore del programma di ricerca sul terrorismo, afferma che Barcellona e le aree circostanti «sono il centro di maggiore radicalizzazione del Paese».

Il problema è che per anni le autorità politiche catalane hanno chiuso un occhio di fronte agli estremisti. Non solo Barcellona, ma pure Tarragona, Lleida, Valls, Gerona ed un'altra decina di città sono infiltrate dai salafiti. A Salt, dove il 40% della popolazione è musulmana, i predicatori estremisti annunciavano di volerla trasformare «nella nuova Mecca del radicalismo islamico». I 700 anni di occupazione moresca pesano molto nella propaganda jihadista. I seguaci del Califfo hanno inneggiato in rete alla mattanza di Barcellona scrivendo: «Il terrore sta riempiendo il cuore dei crociati nella terra di Al Andalus», che vogliono riconquistare.

Negli ultimi anni, nella moderna e turistica Catalogna, sono state rapite e punite donne musulmane, che non portavano il velo. E talvolta le autorità locali hanno chiuso un occhio per «prevenire un conflitto sociale». Un altro imam marocchino a Terrassa spiegava ai fedeli come picchiare le proprie mogli. Non solo: si calcola che circa diecimila separatisti catalani della linea dura si siano convertiti all'Islam.

La comunità musulmana è anche un importante bacino di voti, soprattutto per l'indipendenza. Prima del referendum del 2014 era stato promessa la costruzione di una grande moschea a Barcellona in cambio del sì all'indipendenza dalla Spagna. Il progetto esiste ancora ed è finanziato guarda caso dal Qatar, che con 2,2 miliardi di euro vorrebbe edificare nella capitale della Catalogna la terza più grande moschea al mondo dopo la Mecca e Medina.

Commenti

agosvac

Dom, 20/08/2017 - 13:04

Un cablogramma "segreto" spedito dall'ambasciata americana in Spagna a Washington. Ma perché non hanno avvertito il Governo spagnolo???

Demy

Dom, 20/08/2017 - 13:15

Li hanno fatti entrare per poi avere il voto, e questo è il risultato. In italidiota vogliono fare la stessa cosa "regalando" la cittadinanza.

lorenzovan

Dom, 20/08/2017 - 13:34

i servizi segreti USA sanno tutto di tutti,,,,strano che poi non riescano a fermare gli attentati in casa propria..e senza l'invasione che abbiamo noi...anch'io saprei predire che ci sara' un attentato in spagna o in francia o in germania..il difficile dare dati precisi per poterlo impedire !!!!

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 20/08/2017 - 13:38

La Catalogna attrae i terroristi, mentre gli USA attrae gli idioti!!! LA DEMOCRAZIA PROVVIENE DAGLI USA, COME LA CORRUZIONE E IL COMUNISMO "ALL`ITALIANA", SENZA DIMENTICARCI IL NUOVO SISTEMA PER IMPOVERIRE ANCOR PIÙ LE POPOLAZIONI DI QUESTO MONDO """LA BORSA INTERNAZIONALE""", CHE ARRICCHISCE UN PUGNO DI SANGUISUGHE, MA TOGLIE IL PANE A METÀ DEI POPOLI DI QUESTO PIANETA!!!

handy13

Dom, 20/08/2017 - 13:43

...da quando ci sono i buonisti/comunisti a governare, anche in Italia..... c'è molta attrazione.

gianrico45

Dom, 20/08/2017 - 13:54

Il sindaco di Barcellona andrebbe arrestato per favoreggiamento del terrorismo,per non aver messo in atto nessun provvedimento per la sicurezza dei suoi cittadini e dei turisti.

Ritratto di matteo844

matteo844

Dom, 20/08/2017 - 13:57

Se la Francia e' una groviera la Spagna e' uno scolapasta. Glielo avevano detto anche che ci sarebbe stato un attentato alle Ramblas e loro non hanno messo i blindati perche rovinavano l'estetica del viale. Intanto noi lasciamo tre connazionali sul campo,quattro con Niccolo',morto sempre a causa dell'inesistente security spagnola. Inoltre e' il paese piu' islamizzato d'Europa a quanto sembra e l'attentato pianificato da un imam (per capirsi quelli che predicano nelle moschee dove si dice che i musulmani non sono tutti terroristi) quindi pensate da chi siamo circondati in Europa,da fare accapponare la pelle.

giovanni951

Dom, 20/08/2017 - 14:24

fantastici questi americani.....le pensano di notte e le sparano di giorno.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 20/08/2017 - 14:33

Chissà, invece, che pensano dell'Itaglia...

honhil

Dom, 20/08/2017 - 14:36

La sinistra europea sapeva e metteva la tragica realtà sotto il tappeto ideologico. I veri nemici erano loro. I veri delinquenti stavano sotto le insegne rosse e a questi poi, consapevoli o meno (ma è difficile credere che la cancelleria vaticana non sapesse del contenuto di quel dispaccio), si unirono le berrette cardinalizie. E con questi mestatori all’opera, il destino dello Stivale era segnato. Ma poco importava. Dietro il paravento del multiculturalismo da sbandierare ai sette venti, si apprestavano a mettere le mani su un business che avrebbe fatto diventare le mitiche miniere di Salomone una bancarella per la vendita di gelati.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 20/08/2017 - 14:46

Casualmente da quando nelle Filippine è arrivato un presidente anti-americano, è spuntato lì l'ISIS. Strano eh?

Reip

Dom, 20/08/2017 - 15:10

Chissà perché si pubblicano sempre rigorosamente DOPO gli attentati che c'era qualche servizio segreto che sapeva già tutto!

perilanhalimi

Dom, 20/08/2017 - 15:12

Questi terroristi erano dei dilettanti, volevano colpire la sagra familia...ma non hanno capito che tra 20 anni ,grazie ai cattocomunisti catalani con in testa il sindaco, ...la Sagra familia ...diventera` una bellissima moschea!!!!

Andrea_Berna

Dom, 20/08/2017 - 15:25

Era il 2007... poi arrivò Obama e fu l'inizio della fine per la civiltà europea e occidentale in generale.

Ritratto di vincenzoaliasilcontadino

vincenzoaliasil...

Dom, 20/08/2017 - 15:55

I distruttori d'Europa e d'Italy Chiesa Cradicalscic Panzone piena e pensioni di Stato poi il Cardinale Marcincus con Passaporto Diplomatico da prete sparisce in America e Amanti dell'URSS lo fanno ben due volte Capo di Stato! Pensateci Giacomino!

Efesto

Dom, 20/08/2017 - 16:47

Ciò che fa gola a tanti politici da strapazzo ed a linee di partito senza attenzione strategica sono proprio i voti delle comunità. Ed i mussulmani costituiscono comunità proprio perché diversi dal mondo occidentale. La religione comporta atteggiamenti rinnegati ormai dalla europa laica: il rapporto di sudditanza della donna, la sharia come oggettiva norma di comportamento superiore alla stessa costituzione dello stato, le consuetudini alimentari, e soprattutto i doveri delle preghiera pilotata dagli imam. Queste comunità votano in blocco, secondo ordini religiosi e fanno gola a quanti, nei pressi di una maggioranza vengono ad attingere a questi serbatoi concedendo loro autonomie e diritti. Stupidi, stupidi, stupidi politici, loro passano, i poteri della comunità restano.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 20/08/2017 - 17:51

Il minimo che si possa dire è che gli USA lascino fare. Più probabile che siano invece addirittura mandanti e organizzatori.

asalvadore@gmail.com

Dom, 20/08/2017 - 17:51

Questo é dormire con il nemico in casa.