Divieti di Stato folli e ipocriti

C'è fumo e fumus. Lo sanno anche i sassi, ma per sicurezza lo ripetiamo: le sigarette fanno male. Anzi, malissimo.

Il fumo è un vizio stupido: non sfama, non nutre e danneggia la salute. Inoltre è caro, è uno dei pochi beni consumo che compri e immediatamente bruci. Nel senso letterale del termine. È totalmente inutile e apparentemente superfluo. Quindi incarna il vero spirito del vizio e finisce per diventare necessario.

Benissimo, fatte le doverose premesse bisogna tirare una conclusione: o le sigarette vengono messe al bando definitivamente (con tutte le conseguenze del caso) oppure non si possono perseguitare, insultare e marginalizzare i fumatori. Invece nei confronti dei fumatori c'è un vero e proprio fumus persecutionis. Oramai c'è più solidarietà nei confronti di chi si arrotola una canna rispetto a chi si accende una Marlboro.

Suvvia. Lo Stato non può essere lo spacciatore e allo stesso tempo il finanziere che bacchetta chi compra la «droga» che esso stesso vende. Guardia e allo stesso tempo ladro. Che togliessero quel benedetto marchio del Monopoli di Stato, se vogliono poter pontificare sugli innegabili malefici del tabacco. Invece i fumatori - chi scrive fa parte della maledetta categoria - è cornuto e mazziato, tartassato e sfottuto. Un bancomat deambulante dal quale lo Stato è sempre pronto ad attingere. Quante volte avete sentito dire «aumentano le accise sulle sigarette»? Ecco, appunto, troppe...

Per carità, nessuno chiede di tornare indietro al far west della sigaretta accesa ovunque: dai cinema ai ristoranti, dagli uffici alle aule di scuola. Ma la decisione del preside milanese sembra la ragionevole presa d'atto di un uomo di buon senso. Da che mondo è mondo gli studenti, tra un'interrogazione e l'altra, si chiudevano nei bagni a fumare una sigaretta. Appestando gli spazi comuni e quindi condivisi anche con i non fumatori. Che scandalo è prevedere all'interno di un istituto scolastico un'area nella quale consumare un prodotto legalmente venduto e per sovrammercato marchiato dallo Stato? È solo una battaglia pelosa e ipocrita.

Commenti

ohibò44

Sab, 16/12/2017 - 10:06

Allora permettiamo anche che scopino: se non altro non fa male alla salute. Che un’istituzione che ha il dovere di ampliare la cultura dei ragazzi, di aprire la loro mente a nuovi orizzonti, contemporaneamente permetta loro di iniziare ad inocularsi bronchiti croniche, enfisemi o addirittura il cancro mi sembra a dir poco criminale, oltre che ipocrita, naturalmente. Sì, ipocrita ma non da parte dello Stato bensì da parte degli educatori che dovrebbero insegnare ai ragazzi che uno Stato ipocrita è inaccettabile, come è disgustosa l'ipocrisia.

apostata

Sab, 16/12/2017 - 11:46

Una persona seria avrebbe chiuso l’articolo dopo la premessa. Poi sono elucubrazioni. Se lo stato non controllasse quel mercato, si incrementerebbero contrabbandi pericolosi e le produzioni pasticciate con ogni tipo di miscuglio. Col monopolio lo stato recupera solo in parte i costi sanitari per la cura dei fumatori malati. I radicali chiedono giustamente la liberalizzazione dell’uso della droga per toglierla al commercio di ignobili spacciatori (poi ci aggiungono dell’altro che non può essere condiviso e nella loro incoscienza si drogano). Molti chiedono a ragione che la prostituzione abbia anch’essa un controllo sanitario e fiscale e non si svolga ignobilmente sui marciapiedi sotto gli occhi di magnacci). Il fumo è "il più grave problema sanitario del secolo". La lotta al fumo richiede più impegno dei non fumatori, tutti dovremmo esprimere disappunto a chi fuma.

libertyfighter2

Sab, 16/12/2017 - 12:30

ohibò44 al liceo la gente che fuma, nel 90% dei casi è MAGGIORENNE. Non devi permettere niente, sono uomini. E tu stai lì per spiegare Matematica, Fisica, Italiano, Inglese. Non patetiche rappresentazioni di come vorresti che altri uomini vivessero. Gli "educatori" anzi, dovrebbero pensare a migliorare l'insegnamento di Matematica Fisica ITaliano Inglese,piuttosto che fare altro. Ah. Al liceo si scopa pure. Da sempre. E non solo i maggiorenni

Ritratto di dellelmodiscipio

dellelmodiscipio

Sab, 16/12/2017 - 12:38

Scopare a scuola (o meglio farsi scoprire) è vietato dal buon senso naturale più che da norme scritte. Come scureggiare o rutteggiare durante l'interrogazione, anche se sarebbe talvolta salutare.

maria angela gobbi

Sab, 16/12/2017 - 21:52

ed civica,NON rubare---però c'è un'area aperta dove si può. Alé!

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Dom, 17/12/2017 - 08:12

Uguali osservazioni per la ludopatia combattuta dallo Stato anche con voci di spesa in bilancio. Per giochi di Stato o da lui autorizzati.

rrobytopyy

Dom, 17/12/2017 - 08:49

per il liberismo sfrenato che predica la linea del giornale, ok. per il buon senso che non è di sinistra ma appartiene a tutti: il preside avrebbe fatto meglio a sospendere per qualche giorno chi veniva scoperto a fumare in bagno.

bruco52

Dom, 17/12/2017 - 11:01

troppi divieti, sfornati a volte senza criterio, fanno che i stessi divieti vengano disattesi, anche solo per sfida..."il fumo fa male..." , giusto, ma allo stesso tempo è qualcosa di lecito e salutare, a cui i fumatori, comunque consapevoli del danno, non vogliono rinunciare....si smette di fumare per propria volontà, non perché viene vietato...

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Dom, 17/12/2017 - 11:13

La gente deve esser libera di fumare, se vuole. A patto di non danneggiare gli altri. Ed a patto di tener presente che ogni danno alla salute conseguente farà loro carico per intero, e non sarà assistito dal servizio pubblico. Esempio pratico. Fumi, ti virnr un enfiisema dopo anni di bronchite cronica. I medici accertano che i tuoi malanni derivano da l funo. Ti paghi tutte le spese mediche e quanto ne consegue. Altrimenti crepi con la dignità che può avere un fumatore incallito. Coerenza per coerenza, visto che il tempo e la salute sono le ricchezze con cui tutti nasciamo, di solito.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Dom, 17/12/2017 - 11:42

Anche i preservativi si vendono legalmente in farmacia, gli alcolici nei bar, le mazze da baseball nei negozi di articoli sportivi, i bikini... Ma non credo che i locali di un istituto scolastico siano sede idonea a farne uso.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Dom, 17/12/2017 - 19:25

@ Contenextus, concordo in toto...

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 18/12/2017 - 00:18

Non mi resta che dire: lo Stato, come istituzione sociale, è il peggior tiranno dell'Homo Sapiens.