Dal Dna al traffico telefonico. Troppe cose non quadrano

I dubbi restano tanti: sospetti mai indagati, orari che non coincidono. E forse complici che nessuno cerca

Partiamo da un presupposto dettato dall'articolo 533 del codice di procedura penale che prevede: «Il giudice pronuncia sentenza di condanna se l'imputato risulta colpevole del reato al di là di ragionevole dubbio». Nel caso di Yara Gambirasio sono molti i ragionevoli dubbi che, ad oggi, aleggiano sulla reale colpevolezza di Massimo Bossetti.

Quanti dubbi sulle tracce

Il primo riguarda la famosa prova regina del Dna, quella che inchioderebbe il muratore bergamasco. Se da una parte l'accusa si è sempre detta certa che quel Dna, trovato sui leggings della povera ragazza, appartenesse, per «quantità e qualità», a Bossetti, dall'altra non ha mai dato la possibilità alla difesa di poter periziare il «grezzo» di quel campione. Diciamo che è come se un maledetto giorno fosse trovato del vostro Dna sul corpo di una ragazza, a voi sconosciuta, e vi accusassero di omicidio senza darvi la possibilità quantomeno di analizzare, con la vostra difesa, quella prova. Fosse quel Dna almeno l'unico ritrovato sul corpo della povera ragazza, invece no. Sul corpo di Yara sono stati ritrovati altri undici campioni di Dna non appartenenti né al presunto colpevole né alla vittima. Altri undici ignoti che la Procura non ha mai pensato di ricercare pur trattandosi di tracce importanti di sangue, bulbi piliferi, cute e forse vomito. Paradosso dei paradossi mentre il Dna di Ignoto 1 appare incompleto, esiste solo la parte nucleare e non quella mitocondriale (anomalia fino ad oggi mai esistita in natura) gli altri undici sono completi.

L'indagine che non c'è

Soltanto di uno di questi la procura ha sentito il bisogno di indagare ed era quello riferito alla insegnante di ginnastica di Yara, tale Silvia Brena. La Brena fu interrogata ma mai posta sotto indagine in quanto il suo dna trovato sul giubbotto della vittima, era compatibile con il fatto che le due ragazze si conoscessero. Quindi la procura parte da un postulato: la vittima e l'omicida non si dovevano conoscere. Postulato assai pericoloso perché noi sappiamo come spesso questi delitti si consumino tra persone che, quantomeno, si conoscono. Undici dna sul corpo della vittima ma l'unico ignoto da ricercare è Bossetti.

E se ci fossero complici?

Una domanda a questo punto sorge spontanea: ma l'omicida di Yara non poteva aver agito con dei complici? Altri elementi che mi procurano qualche dubbio sono legati sia al famoso furgoncino bianco che «per motivi di comunicazione» sembrava essere quello di Bossetti ma che si è scoperto, lo cita la sentenza di primo grado, che è «compatibile» ma non «uguale» a quello del muratore bergamasco.

Le celle telefoniche

E che dire delle celle telefoniche? Appare in sentenza che Yara si connetteva il 26 novembre 2010 (data della scomparsa della piccola) per l'ultima volta con una cella telefonica alle 18,50 compatibile alla palestra e che Bossetti alle 17,45 con una cella telefonica, diversa, e compatibile con casa sua.

Il movente dov'è?

Se il movente appare di natura sessuale, pur non avendo subito la vittima alcuna violenza carnale, appare ancora dubbiosa la ricostruzione di come sia avvenuto l'orrendo agguato. Yara e Bossetti non si conoscevano e quindi risulta pressoché impossibile che una ragazzina di tredici anni salga volontariamente su un furgone guidato da uno sconosciuto.

Un traffico senza fine

Così come risulta ad oggi mai contestato a Bossetti il sequestro di persona; pensate che tra le 18 e le 20 del 26 novembre 2010 sono passate in quella zona 118mila utenze telefoniche diverse e nessuno si è accorto che un rapimento in mezzo alla strada stava per accadere?

Il conflitto d'interessi

Un ultima cosa riguarda il lavoro straordinario ed importante che i Ris hanno svolto sul caso; un lavoro straordinariamente impegnativo in termini quantitativi e credo anche qualitativi. Ma anche qui una domanda va fatta; è giusto che il colonnello Lago, colui che firma la perizia sul corpo di Yara Gambirasio, diventi consulente della procura? Non sarebbe meglio che fosse un soggetto terzo a garanzia proprio di quel lavoro certosino fatto e prodotto dai Ris?

Questi dubbi non significano essere innocentista ma sono lacune di un semplice cronista che spera che finalmente quella povera ragazza di tredici anni possa riposare in pace avendo assicurato alla Giustizia «il» colpevole e non «un» colpevole «oltre ogni ragionevole dubbio».

Commenti

Fjr

Mar, 18/07/2017 - 08:21

Resto dell'idea che la cosa migliore era la super perizia ,i dubbi restano , e non sono pochi

valentina46

Mar, 18/07/2017 - 10:21

Il barista di Liverpool per sua fortuna non era mai stato in Italia. Bossetti si fa le lampade, gironzola nel web, ha un furgone bianco, il suo dna è sulla povera Yara in compagnia di parecchi altri e abita da quelle parti. L'hanno condannato subito, anche perché si dovevano giustificare i soldi spesi per circa 15.000 test dna. Io non so se è innocente o colpevole, di sicuro se è colpevole non lo è "al di là di ogni ragionevole dubbio". Dalla morte di Yara io non riesco più a guardare in tv gare di ginnastica.

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 18/07/2017 - 12:10

Le accuse a Bossetti non reggono. Il furgone non c’era, è stato dimostrato dalla difesa, e senza furgone non si va da nessuna parte a fare omicidi a Km di distanza. Il DNA era a metà, innaturale e pieno di anomalie scientifiche, impossibile elencarle tutte. Di là di questo il DNA, di per sé, non dimostra alcun reato ma solo l’identità del suo possessore. È evidente che il delitto è stato fatto da più persone e non da uno solo che, per di più, non è il tipo. È evidente che Yara non può essere stata portata su quel campo il giorno stesso; un mese prima quel campo è stato setacciato per una settimana dalla polizia per un altro delitto. Nessuna coincidenza tra telefono di Bossetti e di Yara, agganci in diversi settori o zone, a distanza di più di un’ora. Il telefonino di Yara è certificato dalla Vodafone andasse in direzione opposta a dove dicono andasse Bossetti con la sua vittima, non poteva stare in due posti diversi nello stesso momento.

herman48

Mar, 18/07/2017 - 13:27

Ormai in Italia e' chiaro che per fare bella figura giudici e magistrati devono sbattere qualcuno in galera, a dispetto di dubbi piu' che ragionevoli, incertezze e contraddizioni. Amanda Knox ne sa qualcosa, anche se alla fine ha prevalso lei sull'incompetenza degli investigatori e del PM.

Dordolio

Mar, 18/07/2017 - 13:53

Valentina, non era un barista, ma un camionista - se alludiamo allo stesso episodio di mala giustizia. Il DNA combaciava perfettamente. Ma lui riuscì a dimostrare che in Italia non c'era stato mai. Da notare che il personaggio era certamente un poco di buono. Ma Bossetti fino a che non lo hanno demolito con cattiverie infinite al limite del gratuito insulto era un cittadino specchiato. E anche dopo il processo - fatta la tara dello sterco con cui l'hanno gratuitamente coperto gli accusatori e non solo - per quanto accertato dai fatti riguardanti la sua vita pubblica e privata continua ad esserlo

Anonimo (non verificato)