La dolce vita di Varoufakis, il marxista al caviale

Il mito del ministro delle Finanze di Atene compromesso dalle foto glamour su "Paris Match". Il campione dell'anti capitalismo sposato con una ricca ereditiera. Pioggia di critiche sui social network

Com'è glamour la crisi. Il settimanale francese Paris Match ha pubblicato un patinato servizio fotografico su Yanis Varoufakis, il ministro greco delle Finanze, mente del partito Syriza e braccio destro del primo ministro Alexis Tsipras. Su di lui, in questi giorni superstar a Cernobbio, girano voci contrastanti. Qualcuno insinua che sia l'uomo forte del governo, quello a cui tocca studiare le misure economiche, fare il vocione con la Merkel e illustrare il programma agli altri Paesi dell'Ue. Altri invece lo danno già in disgrazia dopo i primi fallimenti. Senza dubbio, in questi mesi è stato il volto nuovo della sinistra europea: duro, puro e anche aitante, la T-shirt d'ordinanza come arma per mostrare lontananza dalla formalità del burocrate ma anche il bicipite guizzante.

La galleria fotografica di Paris Match lo avrà messo in imbarazzo? Sfogliamola. Ecco il marxista Varoufakis prepararsi a sfidare i diktat di Bruxelles dall'alto del suo attico all'ombra del Partenone. Ecco il marxista Varoufakis meditare sui vantaggi della decrescita di fronte a una tavola imbandita di leccornie. Ecco il marxista Varoufakis soppesare l'uscita dall'euro mentre abbraccia la moglie Danae Stratou sulla terrazza del loro nido d'amore con vista sull'Acropoli. Tra l'altro Danae, artista quotata come sua madre Eleni Potaga-Stratou, è figlia di Stamoulis Stratos, ricchissimo industriale del settore tessile. Insomma, la Grecia è messa molto male ma i Varoufakis, per fortuna, sembrano passarsela molto bene.

Sia chiaro: non sta scritto da alcuna parte che i ministri, discepoli di Marx o meno, debbano fare voto di povertà e vivere in una stamberga. Tanto più che il professor Varoufakis è un economista piuttosto noto, anche se considerato oscuro nella formulazione delle sue tesi. I Varoufakis abitano un appartamento di valore: non c'è niente di male, chi non vorrebbe, potendo, fare lo stesso? Nonostante ciò, il reportage sul ministro che si gode l'aria fresca di Atene, mentre là sotto, in strada, il popolo soffre una crisi storica, ha suscitato reazioni inviperite. Inevitabile, perché quest'uomo della sinistra, fino a qui idolatrato dai radicali di mezza Europa, sembra sposare in pieno lo stile di vita dell'alta borghesia. Basta dare un'occhiata al salotto minimalista con tavolo in legno grezzo a significare vita vissuta. Proprio in questo ambiente, Varoufakis si fa ritrarre con un libro in mano, intitolato Rational Conflict . L'autore? Un certo... Yanis Varoufakis. Poi c'è la stanza con pianoforte, di fronte al quale un pensoso Varoufakis cerca relax forse al termine di una infernale giornata trascorsa a verificare l'ammontare del debito o lanciare un piano di investimenti. Sui social network si va dallo stupore alla indignazione, passando per lo sfottò ironico. «Al popolo diamo brioche?». «Crisi? Quale crisi?». «Lo stile di vita marxista non tradisce mai». «Pose inspiegabili». «Buon appetito, noi intanto muoriamo di fame». Ci sono naturalmente anche i fan del ministro, secondo i quali il servizio di Paris Match sarebbe un complotto ordito per screditare l'ultimo baluardo rimasto contro il «neoliberismo selvaggio».

Per noi italiani, comunque, nulla di nuovo. La sinistra (ex) rivoluzionaria è approdata al marxismo rococò da un sacco di tempo, e dispensa oggi, più che lezioni sul Capitale , lezioni di buongusto (si fa per dire) in fatto di cultura e alimentazione. Per il marxista rococò, scriveva Tom Wolfe, inseguire il popolo bue è diventato inutile. Meglio consegnare il potere alle élite «davvero» democratiche (cioè post comuniste, stile Syriza) in virtù della loro raffinatezza finto-umile, chiaro riflesso di una indiscutibile superiorità morale. Le foto di Varoufakis sembrano andare in questa direzione, segno forse che la Grecia non è così lontana dall'Europa.

Commenti

GENIUZZO

Dom, 15/03/2015 - 09:12

OGNI MONDO E' PAESE.IL PARLARE BENE E RAZZOLARE MALE NON ESISTE SOLTANTO NEL DNA DELLA SINISTRA ITALIANA MA ANCHE OLTRE.LA STORIA LO HA BEN CHIARITO.SOLAMENTE I POPOLI(NON TUTTI GRAZIE A DIO)CHE VOTA QUESTE CONTRADDIZIONI TIPICHE DELLE SIISTRE ITALIANE ED EUROPEE NONN L'HA CAPITO. APRIRE GLI OCCHI,PLEASE.

Ritratto di gabrichan46

gabrichan46

Dom, 15/03/2015 - 09:15

Per fare l'anti capitalista convinto basta avere a disposizione un bel capitale. Non serve averlo in proprio, basta che qualcuno ce lo assicuri. Magari una moglie o un compagno. E' un po come i comunisti nostrani, loro vogliono che la ricchezza sia redistribuita, ma non la loro, quella degli altri. Non vanno a messa per non mettere un euro nel bussolotto, al momento della questua.

Ritratto di gabrichan46

gabrichan46

Dom, 15/03/2015 - 09:19

per fare l'anti capitalista bisogna avere a disposizione un bel capitale. Tanto per avere coscienza di cosa si vuole combattere. E' un po come i comunisti nostrani: loro vogliono la redistribuzione della ricchezza. Ma non la loro, quella degli altri. Si professano atei per non andare in chiesa la domenica ed evitare di mettere un euro nel bussolotto al momento della questua.

Ritratto di itaglianomedio

itaglianomedio

Dom, 15/03/2015 - 09:44

è proprio vero che ogni popolo ha i governi che si merita, non a caso grecia e italia sono gli zerbini d'europa

vince50

Dom, 15/03/2015 - 09:55

Da buon comunista se strafotte delle critiche,illude il popolo predicando buffonate.

Ritratto di echowindy

echowindy

Dom, 15/03/2015 - 09:59

NON SONO MALELINGUE DI BAR SULLA DOLCE VITA DELL’ANIMALE POLITICO MARXISTA GRECO, VAROUFAKIS. A MIO AVVISO UNA SPECIE DI HOMO POLITICUS SINISTROIDE CHE SA BEN MENTIRE SENZA ARROSSIRE, SIMULANDO VIRTÙ O SENTIMENTI CHE NON HA, PER INGANNARE, OLTRE CHE AVERE UNA “DISPOSIZIONE INTERIORE TRUFFALDINA” CHE LO SPINGE CON CIECA PRESUNZIONE AD AMBIRE IL POSTO CHE CONTI NELLA PANORAMICA DELLA POLITICA EUROPEA” ... VERGOGNA... VERGOGNA... VERGOGNA!

killkoms

Dom, 15/03/2015 - 10:01

ma ancora non l'hanno capito i fessocpmunisti che ni"loro"dirigenti sono tutti così?vi ricordate il "compagno cachemere" bertinotti?

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 15/03/2015 - 10:12

Non c'è storia, i capi comunisti sono tutti uguali, privilegi e soldi a go go, come da noi del resto. Resta il mistero dei milioni di morti di fame che li votano.

silvio50

Dom, 15/03/2015 - 10:15

questo ha copiato dai nostri politici, e vai.. fate come dico ma non come faccio.

marinaio

Dom, 15/03/2015 - 10:35

A me sembra che stiano mangiando solo un po' di insalata. E poi ad Atene, da QUALUNQUE casa si vede il Partenone essendo questo posto in alto sull'Acropoli. Daccordo sul fatto che i comunisti sono quelli che fanno meno sacrifici degli altri, ma in questo caso evitiamo la demagogia.

Ritratto di ersola

ersola

Dom, 15/03/2015 - 10:37

bevtinotti ha fatto scuola.

no_balls

Dom, 15/03/2015 - 10:41

Forse non vedo bene..... Ma vedo una tavola con insalatina...un pezzo di formaggio... Pane e vino.... Ma cosa andate raccontando?

Ritratto di illuso

illuso

Dom, 15/03/2015 - 10:48

Niente di nuovo sotto il sole.

bruco52

Dom, 15/03/2015 - 10:51

Paese che vai, comunista che trovi....anche noi non ci facciamo mancare niente in tema di pezzi d'uomo (e donne) del genere....d'altronde anche nell'URSS c'erano i ricconi, sempre rigidamente marxisti-leninisti, e il popolo che moriva di fame, perciò vogliono continuare a godere nel "paradiso in terra", anche senza URSS, sempre alla faccia dei poveracci, specialmente di quelli che si ostinano a dargli voti e crediti ...comunisti : "mondezza del mondo, ciarpame del sistema solare, pattume della Via Lattea, reflui tossici dell'Universo"....

Tarantasio.1111

Dom, 15/03/2015 - 10:57

Niente di nuovo...guardate i comunisti italiani cosa predicano e come vivono (loro) da nababbi... con i soldi dei contribuenti fessi, che li votano pure...

Ritratto di kinowa

kinowa

Dom, 15/03/2015 - 11:04

Scusate dov'è la notizia? E' risaputo che i meglio comunisti hanno il portafogli pieno.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Dom, 15/03/2015 - 11:10

E per giunta sua moglie è anche una bella donna. Quale decadimento dei valori della sinistra! La donna ideale per un "komunista" deve obbligatoriamente essere bella come Rosy Bindi e simpatica come la Santanchè.

AndreaT50

Dom, 15/03/2015 - 11:24

Son tutti uguali, sono bravi a parlare ma poi sotto sotto...

Alessio2012

Dom, 15/03/2015 - 11:24

Vi stupite? Il comunismo è come quell'uomo che, vedendo che la maggioranza delle persone erano stupide, creò il partito degli stupidi. Però non lo votò nessuno, così creò il partito degli intelligenti, e lo votarono tutti.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Dom, 15/03/2015 - 11:31

Non capite. Come fate a non capire? Anche i comunisti si sono accorti di non essere tutti uguali e se la ricchezza si fa o si ha essa é indipendente dall'essere comunista quindi un ricco comunista è bravo almeno come gli altri anzi, persino meglio perché coi soldi contrasta i capitalisti....uno spastico cammina meglio di come ragiona un comunista ed è migliore perché nel caso si fa aiutare.

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Dom, 15/03/2015 - 11:33

Niente di eccezionale. Un detto Komunista citava:"compagno tu lavori e io magno"

Degas

Dom, 15/03/2015 - 11:34

Almeno lui le "cene eleganti" le fa con sua moglie!!!!

aitanhouse

Dom, 15/03/2015 - 11:36

cosa facciamo? ripetiamo sempre le stesse cose? va bene ,diciamolo ancora una volta, anche se servirà poco, a tutti quei creduloni appecoronati sotto i sinistri: questi sono i compagni ,a napoli erano indicati per quelli del "tu fatichi ed io magno" cioè "tu lavori,povero scemo, ed io godo con i tuoi soldi".

killkoms

Dom, 15/03/2015 - 13:09

@degas,capirai che consolazione!

Ritratto di dardo_01

dardo_01

Dom, 15/03/2015 - 23:53

E' talmente demagogico il titolo, che non vale nemmeno la pena di leggere l'articolo!