Quel dubbio atroce: la Bomba su Nagasaki per punire il Papa

La città giapponese distrutta dall'atomica dopo Hiroshima era la più cattolica del Paese. E gli Alleati non amavano Pio XII

Su Nagasaki resta un interrogativo gigante. Il punto esclamativo è la bomba atomica al plutonio che uccise circa 80mila persone il 9 agosto del 1945, tre giorni dopo Hiroshima. Il punto di domanda è: perché Nagasaki? Esistono delle carte ufficiali che spiegano come fosse in un elenco di città maledette. Si scartò Kyoto perché era troppo importante culturalmente. Un'altra era coperta di nubi. La bomba cadde allora «innocentemente» lì.

La tesi che espongo è un tantino diversa. Si colpì Nagasaki perché era l'unica città a maggioranza cattolica del Giappone (e peraltro Hiroshima era la seconda per numero di papalini). Gli americani vollero punire così Pio XII per non essersi schierato, almeno dopo l'8 settembre, dalla parte degli Alleati. Anzi aveva osato protestare contro la distruzione dell'abbazia di Montecassino. In Vaticano era già stato recapitato un piccolo, odioso avviso di garanzia: cinque bombe di piccolo calibro cadute nei giardini a pochi metri dalla sua abitazione, a un passo da piazza San Pietro, sfiorando l'appartamento del suo massimo collaboratore, monsignor Domenico Tardini, la sera del 5 novembre del 1943; e poi ancora il 1° marzo del 1944 (un morto).

Torniamo però a Nagasaki. Cito da Asia-news. Scrive uno storico: «Secondo il comando militare alleato, la bomba atomica era una necessità, perché non si trattava di piegare una resistenza armata, ma l'idea molto viva tra i giapponesi che Dio era dalla loro parte…. L'atomica avrebbe dovuto scalfire questa certezza perché infliggeva un colpo mortale allo shintoismo artificialmente trasformato in ideologia militarista». Invece, continua l'analista, la bomba più che il cuore della religione giapponese colpì in pieno il quartiere cattolico di Nagasaki, il più importante e numeroso centro della Chiesa in Estremo Oriente. Perirono quasi tutti. L'epicentro dell'esplosione era stata proprio la loro cattedrale che, tra l'altro, in quel momento era affollata di fedeli in coda davanti al confessionale per prepararsi alla festa dell'Assunta».

E le prove? Non ce ne sono. Salvo una: l'orrore che la ragione nutre per il caso. Da pochi mesi è scomparso il cardinal Giacomo Biffi. Un grande conoscitore delle ragioni profonde della cattiveria umana, la persona meno mistica e più credente in Dio (ma anche nell'esistenza del diavolo) che abbia incontrato. In un dialogo che ebbi con lui, quando si era già ritirato in una piccola casa sulle colline di Bologna, mi espose le sue idee. In quei giorni – era il 2008 – si stava per celebrare a Nagasaki la beatificazione, voluta da Benedetto XVI, di 188 nuovi martiri. Non erano certo i primi a essere portati sugli altari lì a Nagasaki.

Ho ritrovato le osservazioni di Biffi nella sua meravigliosa autobiografia («Memorie e digressioni di un italiano cardinale», Siena, Cantagalli, 2010). Dove scrive: «A Nagasaki fin dal secolo XVI era sorta la prima consistente comunità cattolica del Giappone. A Nagasaki il 5 febbraio 1597 avevano dato la vita per Cristo trentasei martiri (sei missionari francescani, tre gesuiti giapponesi, ventisette laici), canonizzati da Pio IX nel 1862. Quando riprende la persecuzione nel 1637 vengono uccisi addirittura trentacinquemila cristiani. Poi la giovane comunità vive, per così dire, nelle catacombe, separata dal resto della cattolicità e senza sacerdoti; ma non si estingue. Nel 1865 il padre Petitjean scopre questa “Chiesa clandestina”, che si fa da lui riconoscere dopo essersi accertata che egli è celibe, che è devoto di Maria e obbedisce al Papa di Roma; e così la vita sacramentale può riprendere regolarmente. Nel 1889 è proclamata in Giappone la piena libertà religiosa, e tutto rifiorisce. Nel 1929, di 94.096 cattolici nipponici ben 63.698 sono di Nagasaki».

Ed ecco la domanda squassante, che nella conversazione che ricordo era molto meno domanda e molto più terribile dubbio: «Possiamo ben supporre che le bombe atomiche non siano state buttate a casaccio. La domanda è quindi inevitabile: come mai per la seconda ecatombe è stata scelta, tra tutte, proprio la città del Giappone dove il cattolicesimo, oltre ad avere la storia più gloriosa, era anche più diffuso e affermato?». Io gli suggerii quell'idea della punizione contro il Papa. Non ho il diritto di dire come mi rispose. Non si accusa così alla leggera. Ma in sede storica si può scrivere un punto di domanda ciclopico. Perché? E elencare indizi. Quello dei bombardamenti su San Pietro li ho accennati. So che molti nulla sanno del doppio attacco aereo e più che altro simbolico a Pio XII. L'attribuzione di questo attacco è considerata dubbia: forse che siano state azioni dimostrative della Repubblica di Salò? La testimonianza di Tardini parla di «una squadriglia alleata (che) sorpassava il Vaticano». Il fatto poi che non se ne sappia nulla, o pochissimo, è la prova regina che non siano stati i nazi-fascisti. Non perché fossero più bravi e più rispettosi del Papa, figuriamoci. Ma perché se ci fosse anche una sola possibilità di attribuirglielo, tu che leggi, l'avresti sentito raccontare cento volte in tivù.

Altri indizi. In quei tempi da Radio Londra si rimproverava duramente il Papa per il suo neutralismo. Poi le bombe. Poi la Bomba...

Commenti
Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 09/08/2015 - 08:58

Se il demonio americano trascinerà ancora una volta il mondo in guerra, stavolta per la prima (e ultima) volta assaggeranno finalmente il significato di avere le città bombardate. Pagheranno tutti i loro immondi e unici crimini.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 09/08/2015 - 09:01

Tesi credibile. Pio XII era anticomunista, ricordiamolo. Il comunismo era l'altra faccia della medaglia del potere americano: condivideva con l'americanismo il nichilismo, il materialismo, la dissacrazione della vita. Del resto gli USA armarono Stalin e lo lasciarono libero di massacrare decine di milioni di persone.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 09/08/2015 - 09:04

Non scordiamoci che la bomba fu inventata e promossa da gente come Szilard, Oppenheimer, Von Neumann... indovinate di che religione sono.

Ritratto di lucabilly

lucabilly

Dom, 09/08/2015 - 09:08

Io so che la guerra fu persa. Il resto, sfacelo compreso causato dai loro Alleati, e' un dato di fatto.

Pitocco

Dom, 09/08/2015 - 09:11

Nulla di nuovo sotto il sole, di certo questo papa non verrà certamente preso di mira.

Accademico

Dom, 09/08/2015 - 09:13

L'ottimo Farina non ha ancora.... perso l'abitudine di prodursi in boutades prive di senso, anche se immancabilmente suggestive. Fatelo tacere. Per sempre.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Dom, 09/08/2015 - 09:15

1/2 Nagasaki non rientrava nella lista dei bersagli principali degli americani, che invece era Kokura. Con esattezza i tre principali obiettivi per la seconda bomba erano (in ordine): Kokura, Kyoto e Niigata. Nagasaki fu aggiunta solo successivamente come obiettivo 'potenziale' quando Kyoto fu cancellato dalla lista per motivi religioso-culturali. Il terzo obiettivo era Niigata, ma anch'esso fu cancellato dalla lista a causa dell'elevata distanza. Agli americani, quindi, non rimanevano che Kokura e Naasaki. Bockscar era il nome dell'aereo che trasportava l'ordigno 'fat man' (la second bomba). La bomba non era ad implosione come la prima, ma aveva 64 detonatori e quindi considerevolmente più grande e pesante. Quando Bockscar arrivò in prossimità di Kokura, diventò presto evidente all'equipaggio che le condizioni meteorologiche, tutt'altro che buone, avevano salvato la città.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Dom, 09/08/2015 - 09:15

2/2 Il Capitano Sweeney fece tre giri intorno alla città (a causa dell'ordine di sgancio che doveva essere strettamente 'a vista d'occhio') e, quando il carburante iniziò a scarseggiare, dovettero prendere la decisione e cambiare obiettivo. Rimane il fatto che le altre due nazioni candidate all'atomica erano appunto Germania e... sissignori, Italia. Molto probabilmente la cultura (leggasi architettura - e poi la cultura 'non serve' dicono alcuni) ci ha salvato, ma rimane il fatto che il Giappone era già sconfitto e stava raschiando il fondo del barile (militarmente parlando) e che, quindi, la decisione di far esplodere le due atomiche fu meramente politica. Si voleva dare un segnale forte e di supremazia all'Unione Sovietica di Stalin, decisione che non fu presa nel 1945 bensì nel 1943.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 09/08/2015 - 09:16

Andate al di là delle apparenze: guardate come oggi il sinistrume disgregatore è appiattito sull'americanismo e i suoi disvalori. Materialismo, individualismo, distruzione di ogni radice, spiritualità e identità, della sostanza stessa quindi dell'uomo. Sinistra e americanismo sono figli dello stesso male: l'illuminismo massonico.

mariolino50

Dom, 09/08/2015 - 09:32

Accademico Niente è privo di senso quando ci sono di mezzo gli americani. La storia se la sono scritto da se, e inventato anche i crimini di guerra, però solo degli altri, altrimenti a Norimberga ci dovevano andare anche gli alleati. Le buttarono anche per far paura a STalin , ma dopo poco la ebbero anche loro.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 09/08/2015 - 09:38

L'Abbazia di Montecassino venne bombardata ESPRESSAMENTE per distruggere la nostra arte, la nostra bellezza (che i barbari cowboys mai avranno) e la Chiesa. Non ci sono scuse: i tedeschi avevano lasciato Montecassino proprio per evitare che subisse attacchi.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 09/08/2015 - 09:42

Il massone argentino non corre certo di questi pericoli. Servo del potere mondialista americano, globalista, immigrazionista, disgregatore... è la pedina perfetta del regime mondialista

IlPuzza

Dom, 09/08/2015 - 09:51

Ottimo articolo che spiega ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, che tutto il male nella storia del mondo viene dall'Amerika. Per fortuna che allora il compagno Stalin e oggi il compagno Putin ci proteggono dalla minaccia yankee.

IlPuzza

Dom, 09/08/2015 - 09:52

Aggiungo che se il Grande Montanelli leggesse oggi un numero di questo foglio che e' diventato il Giornale, come minimo arrossirebbe dalla vergogna.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 09/08/2015 - 09:59

Forse la verità non si saprà mai, come il fatto che si sono fatti attaccare di proposito a Pearl Harbour per entrare il guerra. Resta il fatto che i nostri "liberatori", attuali nostri padroni, e dal 1940 che bombardano, scatenano guerre, destabilizzano il mondo, sempre per motivi di pace, di giustizia, per motivi umanitari, e non hanno ancora finito. La difesa del dollaro e delle loro lobby finanziarie speculatrici e' sopra tutto.

Ernestinho

Dom, 09/08/2015 - 10:10

Certo che "ausonio" e "stenos" ne dicono di fesserie. Sono farneticanti! Si arrampicano sugli specchi per fare apparire gli "Americani" come criminali di guerra.Ricordate, se mai ce ne fosse bisogno, che senza il loro intervento adesso saremmo alle mercé di "nazisti" e/o "comunisti". Invece abbiamo la ns. Libertà, la ns. Democrazia, anche se le usiamo male!

Aristofane etneo

Dom, 09/08/2015 - 10:12

Hanno semplicemente testato l'effetto - presente e futuro - di una bomba al plutonio sugli abitanti di una città per studiarne la differenza con la bomba all'idrogeno appena sganciata su Hiroshima. Cazzettiero d'un Renato Farina "va a cag.re" in compagnia di "Ausonio" che pure leggo SEMPRE con estrema attenzione.

Ernestinho

Dom, 09/08/2015 - 10:15

X Ausonio. Non far sapere dove vegeti altrimenti gli Americani avrebbero ottime ragioni per eliminarti. Te lo meriteresti, vista la tua idiozia senza pari!

Giorgio Rubiu

Dom, 09/08/2015 - 10:19

Teoria interessante.Io,però,da cultore di musica e,specialmente,di jazz,ricordo che fino al 5 Agosto del 1945,a 12 anni,quando muovevo i primi passi nel mondo del jazz,non avevo mai sentito parlare di Hiroshima.Ma, quattro giorni dopo,quando fu bombardata Nagasaki,il nome mi fu subito familiare.E,credo,accadde la stessa cosa per gli americani.Nagasaki è il luogo dove si svolge l'opera di Puccini "Madama Butterfly" e,inoltre, tra 1929 ed il 1947 c'era una brano popolarissimo intitolato "Nagasaki".Era nel repertorio di quasi tutte le Big Bands americane della Swing Era. Basie, Goodman, Henderson, Barnett, Lunceford ecc. La scelta di bombardare Nagasaki potrebbe avere avuto luogo proprio per dare,al pubblico americano,qualcosa di più "reale" di quanto non fosse stata,fino ad allora,l'anonima città di Hiroshima. Chissà...?

Ritratto di federalhst

federalhst

Dom, 09/08/2015 - 10:28

Aggiungo: non siamo mai stati sulla luna, le scie chimiche sono opera del complotto massonico, le marmotte adorano incartare cioccolata.

Aristofane etneo

Dom, 09/08/2015 - 10:29

"Dubbio atroce" "Su Nagasaki resta un interrogativo gigante" "punto di domanda ciclopico" ... . Chiedi piuttosto ad un bravo psichiatra il perché dell'oscenità dei vezzeggiativi usati (fat boy e little boy) per due micidiali strumenti di morte su civili inermi.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Dom, 09/08/2015 - 10:39

Giorgio Rubiu - Mi creda di Jazz ne so qualcosa... e no non ha nulla a che fare con nulla di ciò che dice. Oggi, molto interessante la cosa, i giapponesi sono tra i migliori jazzisti in Asia (Makoto Ozone ad esempio).

Ritratto di depil

depil

Dom, 09/08/2015 - 10:40

sganciarono la seconda bomba atomica semplicemente perchè Americani ed Inglesi erano i peggiori criminali durante la seconda guerra mondiale, ripeto i veri criminali erano e rimangono loro.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 09/08/2015 - 10:40

Ernestinho - hahaha ma vada in Vietnam... e veda coi suoi occhi gli effetti dei bombardamenti americani.. ancora oggi. 3 milioni di morti. Senza parlare dei Pellerossa e della destabilizzazione di oggi, ISIS in testa

Aristofane etneo

Dom, 09/08/2015 - 10:43

Concordo con "IlPuzza - Dom, 09/08/2015 - 09:52 "). E aggiungo che vi farebbe uno di quei memorabili cazziatoni che vi costringerebbe a cambiare mestiere, editori compresi... sì va be', si fa per dire, visto lo squallore in cui nuotate voi cazzettieri d'Italia. Non certo Marcello Veneziani.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 09/08/2015 - 10:43

fin troppo facile da capire il perchè: il papa era di sinistra, filocomunista!

beowulfagate

Dom, 09/08/2015 - 10:45

Per fare dispetto a Bergoglio dovrebbero tirarla su La Mecca.

Ritratto di federalhst

federalhst

Dom, 09/08/2015 - 10:52

@ausonio - Maledetti americani se ne stessero a casa loro... Magari oggi avremmo ancora il caro Stalin e il grande Hitler, loro di morti non ne hanno proprio fatti.

G M

Dom, 09/08/2015 - 10:53

220.000 uomini, donne e bambini uccisi con la spregevole e vigliacca modalità della bomba atomica, non rappresentano un orribile crimine? I 140.000 morti di Hiroshima furono un tragico e sconcertante esperimento distruttivo, gli 80.000 morti di Nagasaki, cioè la reiterazione della nefanda azione, trasformarono l'intera operazione in uno dei più grandi crimini contro l'umanità.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Dom, 09/08/2015 - 11:04

Sulle due atomiche si può supporre di tutto, è lecito. Però il dubbio e le domande più sensate mi sembrano altre. Se la prima bomba fosse stata sganciata nell'oceano, a titolo dimostrativo delle sue mostruose capacità distruttive, siamo sicuri che i giapponesi non avrebbero capito e si sarebbero arresi? E gli States non avrebbero così dimostrato di non voler uccidere ad ogni costo e così barbaramente? E non sarebbe bastata la seconda, e solo quella, se la prima non avesse sortito effetti dissuasivi? Infine ci si può chiedere se tutto questo sia accaduto perché il governo USA in quel momento era fortemente democrat ed addirittura il dipartimento di stato intossicato da numerose spie comuniste?

LB15

Dom, 09/08/2015 - 11:11

Un articolo, a mio avviso, sconcertante. Scritto poi da Farina che sempre, sembrerebbe preciso e sicuro di quanto scrive. Il presente invece, basato su un "sentimento" anti americano che non gli fa onore.

Tobi

Dom, 09/08/2015 - 11:14

vorrei aggiungere un'interpretazione diversa da quella data dal Dott. farina. Gli americani si sono spesso contraddistinti per grandissima ignoranza della cultura delle nazioni contro cui sono entrate in guerra. I bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki sicuramente sono stati delitti contro l'umanità, e queste città scelte per qualche cinico motivo militare. La guerra però è in primis ispirata dal grande cornuto, e così quella che per l'ignoranza degli americani era solo una delle possibili città senza particolare significato, per suggerimento del cornuto la scelta del bombardamento è stata fatta cadere su di essa per poter raggiungere 2 obiettivi graditi alla bestia: il già menzionato crimine contro l'umanità, ed il tentativo di annientare i seguaci di Cristo e la Cristianità in Giappone. Chi ha comandato i bombardamenti atomici in Giappone è stato utile idiota del maligno. E questo fa capire che spesso l'ignoranza è di per se una colpa gravissima.

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Dom, 09/08/2015 - 11:16

Caro Farina il caldo fa brutti scherzi , dai retta a me goditi queste vacanze e la prossima volta stai con i piedi per terra e non inventarti falsi scoop.

mauro50

Dom, 09/08/2015 - 11:22

Che stupidaggine! come si fa a pensare che ammazzassero qualche centinaio di giapponesi cattolici solo per punire il Papa? ne ammazzavano già centinaia di migliaia in Europa di cattolici, non ci ha pensato nessuno? le cittò giapponesi lasciate intatte scopo atomica erano cinque: Kyoto, Kokura, Nagoya, Hiroshima e Nagasaki. Quest'ultima fu colpita solo perché a Kokura c'era brutto tempo e certo non per la presenza di quattro gatti cattolici. Ma ragionare prima di prendere notizie a scatola chiusa?

LB15

Dom, 09/08/2015 - 11:27

Articolo sconcertante, dettato, sembra, da mero anti americanismo, che non fa onore a un giornalista sempre convincente e preciso.

mariolino50

Dom, 09/08/2015 - 11:38

Ernestinho Certo il mondo è pieno di creduloni, libertà democrazia, ma dove, abbiamo più di 100 basi americane, si provi a fare di testa propria e poi si vede, siamo la loro portaerei principale. Oltre le BOMBE, hanno stermianato milioni di civili tedeschi con il fosforo, insieme agli inglesi, hanno fatto morire i prigionieri tedeschi di fame nel dopo guerra, però hanno processato gli altri per crimini di guerra, cosa mai vista nella storia, la guerra è un crimine con due attori, e fanno tutti le peggio porcherie, chi più chi meno.

Ritratto di sydneysider

sydneysider

Dom, 09/08/2015 - 11:42

La Russia dichiaro' guerra al Giappone l'8 agosto, il 9 gli americani lanciano la seconda atomica allo scopo di fare arrendere il giappone agli americani e non arrivare alla spartizione del paese con i russi, altro che bonta'.

Linucs

Dom, 09/08/2015 - 11:45

Ausonio: buddisti?

Ritratto di FanteDiPicche

FanteDiPicche

Dom, 09/08/2015 - 11:46

A questi crimini orrendi va aggiunta Dresda. E non solo questi criminali non hanno subito nessun processo come quello di Norimberga, ma sono riusciti perfino a trasformare in storia le balle raccontate sui vinti.

Ritratto di Riky65

Riky65

Dom, 09/08/2015 - 11:55

Comunque a ripensarci oltre ai cattolici questi bifolchi pianificatori americani hanno fatto fuori circa tra Hiroshima e Nagasaki circa duecentomila civili ,persone normali senza colpa !Questo per me ha messo allo stesso piano Hilter e Harry S. Truman , solo che l'ultimo ci ha messo pochi minuti per uccidere!!

Ritratto di Riky65

Riky65

Dom, 09/08/2015 - 11:55

Comunque a ripensarci oltre ai cattolici questi bifolchi pianificatori americani hanno fatto fuori circa tra Hiroshima e Nagasaki circa duecentomila civili ,persone normali senza colpa !Questo per me ha messo allo stesso piano Hitler e Harry S. Truman , solo che l'ultimo ci ha messo pochi minuti per uccidere!!

killkoms

Dom, 09/08/2015 - 12:01

il giappone conobbe già un massaccro di cattolici nel 18°secolo(se ricordo bene)!allora a dar manforte ai giapponesi scintoisti contro i giapponesi cattolici provvidero (con una nave da guerra che effettuò bombardamenti ad hoc)i protestanti olandesi!il protestantesimo nei paesi nordici è stato imposto con la forza,perseguitando i cattolici!

Ritratto di Riky65

Riky65

Dom, 09/08/2015 - 12:02

concordo in pieno con GM!!!!

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 09/08/2015 - 12:03

Con molta probabilità, potrebbe succede qualcosa anche a Francesco? Pio XII, era conosciuto come persona MOLTO ARROGANTE, mentre Francesco, con il suo troppo BUONISMO, stà aiutando le Mafie e con loro molti POLITICANTI-CORROTTI a ingrassare e perdipiù, stà AIZZANDO la POPOLAZIONE ITALIANA, a una RIVOLUZIONE, contro la malapolitica e la malagiustizzia, dei NOSTRI PAPPONI AL GOVERNO !!!

cinghios

Dom, 09/08/2015 - 12:31

Magari a Nagasaki aveva sede la Mitsubishi e magari sempre a Nagasaki si producevano i carri armati e i gli Zero, i temibili caccia dell'aviazione nipponica.

Ritratto di nuvmar

nuvmar

Dom, 09/08/2015 - 12:39

''su Nagasaki resta un interrogativo gigante'' la bomba era destinata al papa! Ca...volo che arguzia questo scriba...- Mi venisse di raccontare la cosa ai nipotini mi farebbero ricoverare .-Ditegli che in quel tempo i papi non viaggiavano, con buona pace di Ausonio che conosce il demonio, però.-

pinux3

Dom, 09/08/2015 - 12:43

@mortimrmouse...Pio XII di sinistra e filocomunista? Che cos'è, una battuta?

agosvac

Dom, 09/08/2015 - 12:50

I motivi che hanno spinto gli americani a sganciare la seconda atomica, peraltro neppure necessaria dopo l'esito della prima, non li saprà mai nessuno. Io, non ricordo più dove, ho letto che la prima scelta era proprio Kioto appunto per la sua importanza. Pare che l'aereo avesse dei problemi quindi sganciò sulla città più vicina che, purtroppo, era Nagasaki. Che gli USA volessero "punire" il Papa, mi sembra solo un'enorme corbelleria!!!

Ritratto di Opera13

Opera13

Dom, 09/08/2015 - 12:56

Satana ha un solo nome, Sion massonici mondialisti, con base in USA, Israele, e BG. Compiono atrocita con la complicita di stati marionettes. Altro che democrazia. @federalst @enerstinho - voi vivete ne buio.

Ritratto di ersola

ersola

Dom, 09/08/2015 - 13:08

ma come si fa a scrivere una simile fesseria?

Ritratto di ersola

ersola

Dom, 09/08/2015 - 13:11

invece la scelta di nagasaki a cosa fu dovuta? dai fatece ride ancora.

Aristofane etneo

Dom, 09/08/2015 - 13:22

No federalhst o Ernestihno o ..., non ci casco. Non mi farete inneggiare a Hitler o a Mussolini parlandone male e o malamente. 70 anni di democrazia parlamentare con la Carta Costituzionale più bella (e prostituibile) della Terra hanno ci ridotto nella m.rda, ma non scriverò "Viva il Fascismo". Sì, è vero, ai tempi del Fascismo sarebbero state impensabili porcate quale il saccheggio del Monte dei Paschi di Siena o questa repellente invasione di sconosciuti Africani resa possibile da traditori della nostra disgraziata Italia complice anche la nostra Marina Militare a sua volta aiutata dalle Marine militari delle Nazioni amiche (europee). E allora?

lolafalana

Dom, 09/08/2015 - 13:32

Giornalista senza alcuna credibilità...

Ritratto di cristianomorelli

cristianomorelli

Dom, 09/08/2015 - 13:43

@Mortimermouse: sono tutti comunisti! Anche Roosvelt ed Eisenhower erano comunisti. E Churchill dove lo mettiamo? Bolscevico! Si, certo anche tutti i Papi, i Dalai Lama, i rabini, Maometto e Gesu' Cristo. Tutti comunisti! Invasione! Aiuto!!!

Ritratto di cristianomorelli

cristianomorelli

Dom, 09/08/2015 - 13:45

@RenatoFarina: ma non si é buttato per terra dalle risate dopo avere scritto questo articolo?

alox

Dom, 09/08/2015 - 14:14

Ausonio ma perche' il Giornale non dice piu' niente del leader Massimo Putin? Danno notizie su notizie di quel che succede in USA e Niente in Russia: dillo ai tuoi colleghi! Grazie

Tobi

Dom, 09/08/2015 - 14:24

vorrei aggiungere un'interpretazione diversa da quella data dal Dott. farina. Gli americani si sono spesso contraddistinti per grandissima ignoranza della cultura delle nazioni contro cui sono entrate in guerra. I bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki sicuramente sono stati delitti contro l'umanità, e queste città scelte per qualche cinico motivo militare. La guerra però è in primis ispirata dal grande cornuto, e così quella che per l'ignoranza degli americani era solo una delle possibili città senza particolare significato, per suggerimento del cornuto la scelta del bombardamento è stata fatta cadere su di essa per poter raggiungere 2 obiettivi graditi alla bestia: il già menzionato crimine contro l'umanità, ed il tentativo di annientare i seguaci di Cristo e la Cristianità in Giappone. Chi ha comandato i bombardamenti atomici in Giappone è stato utile idiota del maligno. E questo fa capire che spesso l'ignoranza è di per se una colpa gravissima.

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Dom, 09/08/2015 - 15:00

Gli USA ancora oggi dovrebbero mostrar vergogna per questa infamia che hanno commesso e che è stata unica al mondo. Come si fa a sganciare una bomba atomica su donne e bambini, su civili innocenti!? C'è chi inorridisce per i crimini dei crucchi, ma non per questo episodio che a mio parere è pari all'olocausto.

Gyro

Dom, 09/08/2015 - 15:00

Parliamo del paese che ha sterminato i cattolicissimi nativi americani (la SHOA negata), ed ora arma e finanzia gli ammazza cristiani dell' ISIS, cosa c'è da sorprendersi?

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 09/08/2015 - 15:19

federalhst - gli USA non hanno mai combattuto l'URSS e hanno invece armato Stalin. Gli hanno anche lasciato sterminare milioni di persone, Holodomor incluso.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 09/08/2015 - 15:20

Gli USA non hanno protetto il mondo dal comunismo, se è per questo lasciarono anche libero Pol Pot che invece venne eliminato dai vietnamiti. La guerra di Corea era una guerra anticinese, non anticomunista. Il comunismo è servito agli USA per giustificare la perdurante occupazione della servile Europa.

Ritratto di Giorgio Prinzi

Giorgio Prinzi

Dom, 09/08/2015 - 16:18

La mia tesi espressa in un saggio su Montecassino è che la decisione di bombardare l'Abbazia venne presa a tavolino dopo che il Vaticano aveva dato fiato sostegno alla propaganda tedesca dopo che un convoglio militare germanico aveva trasferito a Roma òe opere d'arte per preservarle da eventuali incursioni dei "barbari volanti". Alti ufficiali tedeschi in uniforme erano stati ospiti dell'Abate, contravvenendo alla proclamata smilitarizzazione dell'area. All'epoca Vaticano ed Usa non intrattenevano relazioni diplomatiche. Oggi non credo che il loro approccio culturale sia cambiato e Francesco I, il Verde, dovrebbe tenerne conto ed avere un atteggiamento più cauto. Il genocidio di Isis contro i cristiani non trova contrasto militare sul campo; sarà un caso?

Tobi

Dom, 09/08/2015 - 16:48

sig. Prinzi, mi scusi, una cosa è che il Vaticano abbia voluto salvare le opere d'arte nell'Abbazia di Montecassino, altra cosa è invece che abbia sostenuto la propaganda tedesca, e non mi risulta affatto che il Vaticano abbia fatto quest'ultima cosa!

Giorgio Rubiu

Dom, 09/08/2015 - 17:19

#Italia Nostra - Il fatto che oggi i giapponesi abbiano alcuni dei migliori jazzisti al mondo non infirma in alcun modo il mio "suggerimento" che rimane una possibilità. Da Hiroshima e Nagasaki sono passati 70 anni e gran parte del mondo annovera ottimi jazzisti dato che il jazz è un linguaggio universale (per chi lo conosce e lo capisce) ampiamente diffuso. Il mio commento non affermava niente; ma suggeriva la possibilità che la scelta di Nagasaki potesse essere stata fatta per dare un nome "riconoscibile" agli americani di allora. Anch'io, come lei, sono un cultore di questa bellissima forma di musica che suono da 68 anni. Jazz tradizionale (Dixieland) forzatamente poiché suono il banjo che, nel jazz moderno, non ha alcun posto. Oggigiorno, tra l'altro, si gabella per jazz della musica che con il vero jazz (moderno o della tradizione che sia) non ha alcuna relazione. Cordialità. Giorgio

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Dom, 09/08/2015 - 17:54

macchia indelebile sulla coscienza del popolo USA. ....ma lo sapevate che il gen. Mc. Arthur ( comandante dellla flotta del pacifico) fece di tutto perché il governo USA sganciasse l' atomica anche sull' Europa?

Agev

Dom, 09/08/2015 - 18:01

Ausonio perché spreca tempo ed intelligenza con gente che non vede/sente Al Di La del proprio naso. Gaetano

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Dom, 09/08/2015 - 20:34

Giorgio Rubiu - Congratulazioni. Mi avvicinai anch'io al Jazz con una raccolta di LP doppi di Dixieland strepitosi. Però il jazz è cambiato molto soprattutto grazie ai dischi e alle radio che facevano circolare la nuova musica molto più velocemente di un Mozart che impegnava magari due anni di viaggi per portare in giro i suoi nuovi lavori. Detto ciò, non possiamo non guardare al lavoro di un Gill Evans con Miles o di un Keith Jarrett o Chick Corea. Col dixie questi hanno poco a che fare anche perché le armonie del dixieland sono di gran lunga più tradizionali (accordi di settima di dominante al massimo diminuiti con vocings tradizionali). Con Corea abbiamo qualcosa a metà tra Bartók e Monk con pizzichi di Schönberg. Tutta un'altra storia. Con Jarrett un Caleidoscopio. Anche questo è il jazz. E lo suono anch'io da 30 anni. Cordialmente.

CALISESI MAURO

Dom, 09/08/2015 - 20:56

Komeini ( grande mente ) come chiamava i ns amici.... il grande satana!! Non sbagliava niente!!

CALISESI MAURO

Dom, 09/08/2015 - 20:56

Komeini ( grande mente ) come chiamava i ns amici.... il grande satana!! Non sbagliava niente!!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 09/08/2015 - 21:26

Agev - Grazie. Non è tempo sprecato, io sono fiducioso... questo mondo un giorno rinascerà, non fosse altro che per la natura ciclica di tutto. Noi non vedremo i giorni della rinnovata luce ma da autentici europei noi dobbiamo combattere senza pensare alla vittoria. La lotta è in sé sacra.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Lun, 10/08/2015 - 10:28

non diciamo scemate. l'obbiettivo della seconda bomba era la citta' di kokura. il bombardiere non poteva tornare indietro con l'ordigno perche' a differenza di quello lanciato su Hiroshima, era gia' innescato al momento del decollo. la bomba su Nagasaki era strutturalmente diversa da quella di Hiroshima. Si e' trattato semplicemente di un esperimento scientifico e la popolazione civile considerata come cavia. Strano, ai gerarchi nazisti fu comminata la pena di morte dopo un processo farsa a norimberga...invece qui ...

Agev

Lun, 10/08/2015 - 10:37

Ausonio .. Abbia sempre consapevolezza che tutti Noi siamo esseri/essenze/entità viventi in eterno .. Sappia che questo mondo .. La nostra amata meravigliosa Terra è Già nata alle nuove e potentissime vibrazioni che sono Già e che trasmuteranno tutta la materia e l'Uomo . L'uomo che è Già e che verrà a brave trasmuterà Tutta la realtà/mondo .. La caduta del velo/muro dell'illusione della menzogna è ormai certo che cadrà per opera dell'uomo e della totalità dell'umanità entro il 2080 .. Potrà avvenire in un attimo .. E' così che funziona nell'universo e Qui .. L'Uomo diviene Ciò che in realtà E' .. Il reale Creatore della realtà/mondo..- Sol- Solo l'Unità nel/del Uomo saprà tradurre in realtà/mondo le reali Leggi Naturali e Cosmiche che lo governano ed alle quali appartiene . Lei farà sicuramente parte di ciò che Lei chiama i giorni della rinnovata Luce. Con affetto. Gaetano

zanzarlad

Lun, 10/08/2015 - 12:47

Dagli americani c'è da aspettarsi anche questo , perché no ? mi sembra plausibile ,

Ritratto di stock47

stock47

Lun, 10/08/2015 - 13:08

La solita e stupida dietrologia storica per cambiare le carte in tavola sulla storia e sui fatti. Nagasaki era stata scelta assieme ad altri possibili obiettivi pe le sue caratteristiche militari. Vi era la fabbica della Mitsubishi, quella che costruiva gli aerei "zero" giappo0nesi, ultimamente usati dai kamikaze per buttarsi sulle navi americane. Vi erano numerose fabbriche di munizionamento. Le forze USA, inoltre, potevano raggiungere con un bombardiere isolato solo la parte meridionale del Giappone e non utto il Giappone. Figuriamoci se agli USA interessava colpire il Papa in Giappone, poi! Solita idea cretina di sinistra.

Ritratto di stock47

stock47

Lun, 10/08/2015 - 17:35

Gli USA attuali non li digerisco ma gli USA d'allora avevano pienamente ragione a tirare le due atomiche. Il Giappone in base al codice del bushido non intendeva arrendersi e combattere fino all'ultimo, soldati e civili. In due isolette prese con assalti tradizionali i morti furono oltre 86.000 tra americani e giapponesi. Il Giappone è costituito da 5.000 isole, moltiplicate la cifra delle vittime per 2.500 coppie di isole, esce fuori una cifra astronomica di vittime possibili. Ridotte all'osso UN Milione di americani e 5 Milioni di giapponesi. Senza contare che un nemico che non si arrende potrebbe uscire dal "cappello" una nuova arma che poteva cambiare la guerra, come stavano per fare i tedeschi con V2 e atomica. I giapponesi non furono vittima di niente, di vittime ne avevano fatte milioni in Asia, hanno raccolto quello che hanno seminato.

Pitocco

Sab, 15/08/2015 - 00:04

@Italia Nostra Piccola nota, a Nagasaki c'era il 90% della popolazione cattolica. Ora si domandi perché proprio Nagasaki e chi ordinò lo sterminio.