E Forza Italia va in tour per la legittima difesa: "Al lavoro con magistrati, avvocati e cittadini"

Tappe da Nord a Sud per discutere la proposta di legge presentata da Fi alla Camera

Roma - Parte oggi da Venezia il tour sul «diritto alla difesa» organizzato da Forza Italia per una consultazione con gli operatori del diritto. Prossime tappe, Bari e Reggio Calabria. «Da nord a sud, regione per regione, Tribunale per Tribunale, Corte per Corte, per discutere insieme ad avvocati, magistrati e cittadini», dice Enrico Costa, la proposta di legge presentata dal partito azzurro e ancora in attesa di essere calendarizzata alla Camera.

Il capogruppo di FI in Commissione Giustizia a Montecitorio spiega che «le delegazioni saranno composte da parlamentari che si occupano dei temi della giustizia». Si sperimenta un metodo di lavoro che sarà replicato per altri provvedimenti degli azzurri. Partendo con la giustizia, sulla quale Silvio Berlusconi ha riacceso i riflettori chiedendo una riforma che comprenda la non appellabilità delle sentenze di assoluzione, provvedimenti per il giusto processo, separazione tra giudici e pm, una nuova disciplina delle intercettazioni, della custodia preventiva, cioè galera senza un processo solo per reati violenti, introduzione dell'istituto della cauzione come in America e tempi dei processi entro la media europea (oggi ci vogliono 1120 giorni per una sentenza di primo grado, in Olanda 98 giorni, ricorda il leader).

La mobilitazione di Fi su questi temi inizia con la pdl sul «diritto alla difesa», prima firmataria la capogruppo alla Camera Maria Stella Gelmini. I parlamentari incontreranno i vertici degli uffici giudiziari e dell'Avvocatura in varie città.

«Abbiamo deciso di iniziare dalla corte di appello di Venezia - dicono Pierantonio Zanettin, Giusi Bartolozzi e Mirella Cristina, che oggi partecipano al primo incontro - perchè proprio in Veneto hanno avuto luogo alcuni fatti di cronaca che hanno colpito e diviso l'opinione pubblica. Facciamo riferimento alle rapine che hanno visto come vittime il benzinaio Graziano Stacchio di Ponte di Nanto (Vi) , il tabaccaio Franco Birolo di Civè di Correzzola (Pd) ed il commerciante Ermes Mattielli di Arsiero (Vi). Era doveroso quindi iniziare il percorso di confronto proprio da quel territorio, segnato da episodi così dolorosi».

Mentre Fi presentava a Montecitorio la sua iniziativa legislativa il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede diceva in Senato che il problema della legittima difesa è «una priorità» per il governo. Ma per gli azzurri c'è «una frizione nella maggioranza» giallo-verde che ritarda la calendarizzazione della pdl. Si tratta di uno dei cavalli di battaglia di Matteo Salvini, ma Di Maio e i suoi in che direzione vanno? Un po' piccato, il sottosegretario alla Giustizia Jacopo Morrone ricorda a Fi che sulla legittima difesa «la Lega è da sempre in prima linea, questo tema è una priorità del governo ed è già stato depositato in commissione Giustizia al Senato, un disegno di legge con la prima firma del sottosegretario della Lega Nicola Molteni». Fi, però, ha già il suo piano per fare pressione. Dopo Venezia, per l'ascolto degli operatori del diritto ci si sposterà a Bari, dove sta organizzando Francesco Paolo Sisto, mentre di Reggio Calabria si sta occupando Jole Santelli.

Commenti
Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 16/07/2018 - 09:56

Si può discutere su tutto ma... come giustificare la proposta di istituire anche qui in Italia la "cauzione" come negli USA? Anche un bambino capirebbe che è un barbaro sistema per tenere fuori di galera i "ricchi" (inclusi i politici) mentre nessuno scampo avrebbero i poveri cristi.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 16/07/2018 - 10:16

Enrico Costa: il transfuga ritornato all'ovile quando l'acqua già invadeva le stive del precedente governo. Farsitaglia, come al solito, si contraddistingue per la grande disponibilità a ripescare i figliuol prodighi di mezzo mondo. Un partito affidabile, non c'è che dire...

peter46

Lun, 16/07/2018 - 11:12

Dreamer_66...e ci sei tornato dopo le ferie proprio quando stavo a postare lo stesso commento?Nel significato,certo?

sbrigati

Lun, 16/07/2018 - 11:58

Così come è stato introdotto il rito del processo abbreviato si potrebbe modificare nel senso che se chiedi ed hai forti sconti di pena, la sentenza deve essere definitiva, niente 2° grado e il ricorso in cassazione deve essere giustificato solo con nuove prove sia per l'accusa che per la difesa.

napolitame

Lun, 16/07/2018 - 12:03

pisanu....berlu' ti ricordi dei controlli vessatori ai legittimi possessori d armi? aliquo'.... berlusconi ti ricordi di un certo aliquo'?? il terrore dei cittadini onesti possessori di armi! la brambilla ,nefasta quanto e piu dei centopercento animalisti. berlu' che hai fatto per la legittima difesa eh? che hai fatto? che hai fatto per limitare lo strapotere dei questurini che vessavano i legittimi possessori di armi? berlu' a me piace pensare che anche i cittadini onesti possessori di armi ti abbiano cacciato! e faranno in modo che tu non veda il potere mai piu!

mcm3

Mar, 17/07/2018 - 06:15

Forza Italia ormai e' inesistente, provano a pmettere bocca su tutto per cercare di far vedere che sono ancora vivi ma non contano piu' niente, nom li ascolta piu' nessuno, andate al mare, fate piu' bella figura