E i No Tav graziati dai giudici spiegano come sabotare i treni

Un sito rilancia le minacce degli anarchici. Ma per le toghe non sono terroristi

Torino«La Tav è ovunque e sabotarla è facile e alla portata di tutti gli ardiri e gli ardori». Questa è una delle frasi riportate in un articolo, rilanciato su siti web di area anarchica, postate come commento all'attentato di Bologna del 23 dicembre, quando un incendio doloso alla stazione di Santa Viola, alla periferia ovest della città, ha mandato in tilt la circolazione dei treni. Parole che pesano come macigni e fanno esplodere le polemiche sull'assoluzione di pochi giorni fa, dall'accusa di terrorismo, di quattro attivisti No Tav che nel maggio del 2013 - incappucciati ed armati di bottiglie molotov, bombe carta e bengala - assaltarono un cantiere dell'Alta Velocità a Chiomonte, in Piemonte. Per loro i pm Andrea Padalino e Antonio Rinaudo avevano chiesto la condanna a nove anni e mezzo, una richiesta caduta nel vuoto, perché i giudici della Corte d'Assise di Torino non hanno ritenuto quell'assalto un atto eversivo.

L'autore dell'articolo pubblicato sui siti di area anarchica, riferendosi all'attentato contro l'Alta Velocità, si augura che «ciò che sta accadendo possa assumere dimensioni sempre maggiori», per fare «finalmente uscire la lotta contro la Tav dai ristretti confini di una civile vallata per estenderla a un paese caotico». Sempre nel pezzo pubblicato in rete, è citato lo scrittore Erri De Luca, noto per le sue posizioni No Tav, però - come è stato fatto già in altre occasioni - per criticarlo. «La significatività di un atto - si legge - non è data dal suo share televisivo né dalla sua condivisione cittadina. Altrimenti dovremmo essere grati a un Erri De Luca per aver pubblicamente sostenuto la necessità del sabotaggio e ai giudici del tribunale di Torino per non averlo condannato per terrorismo. Come se il ritorno del sabotaggio fosse merito loro». Un merito che, a quanto pare, per l'autore dell'articolo, spetta solo agli attivisti No Tav. La conclusione è poi una sorta di annuncio per le azioni future, scritto con parole inquietanti: «Quando i media ripristineranno il mussoliniano silenzio sui fatti, quando il calcolo della politica riprenderà il sopravvento sull'eccesso della rabbia, anche allora, come sempre, basterà un po' di immaginazione e di determinazione. E un altro, nuovo rintocco». Concetti da brivido, con i quali chi scrive sembra giocare ed ironizzare, come se per lui e quelli come lui, buttare bombe carta e sabotare linee ferroviarie fosse una normale e giusta azione di protesta, un qualcosa di cui vantarsi. Le frasi riportate sui siti di area anarchica inerenti al sabotaggio «sono state annotate dalla Digos», si limita a dire il procuratore aggiunto e portavoce della Procura di Bologna, Valter Giovannini, dopo la dichiarazione del questore Vincenzo Stingone, secondo il quale con il sabotaggio «non è stata messa a repentaglio l'incolumità delle persone». Una presa di posizione netta è stata invece presa da Mino Giachino, responsabile nazionale Trasporti di Forza Italia, che ha detto: «È irresponsabile e contro l'interesse del Paese, sottovalutare gli atti di sabotaggio della Tav».

Commenti

ARGO92

Dom, 28/12/2014 - 17:22

UNA VOLTA SI CHIAMAVA MAGISTRATURA OGGI ASSOCIAZIONE A DELINQUERE

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 28/12/2014 - 17:28

Mentre invece la LEGA viene rinviata a giudizio per BANDA ARMATA!!!!Ma ci rendiamo conto in che razza di paese siamo(siete) costretti a SOPRAVVIVERE??? IL CANCRO IN CONFRONTO È NIENTE!!!! Buon anno???? Dal Leghista Monzese. PS gli eventuali condannati diventeranno dei martiri!!!!

IAIA

Dom, 28/12/2014 - 17:30

Ringraziamo ancora una volta la casta più privilegiata ed intoccabile che ci sia in Italia, grazie alla quale abbiamo clandestini rei a piede libero perché sono vittime del disagio sociale, ubriachi omicidi liberi e terroristi liberi. E continueranno così finché non sarà applicata lea legge sulla responsabilità civile dei giudici. Per non parlare delle carriere automatiche, degli scatti biennali di anzianità e di incremento economico...poveri noi!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 28/12/2014 - 17:44

DELINQUENTI! QUESTI SONO I FIGLI DEI DELINQUENTI DEL PD, che non sta per partito democratico, ma partito delinquenti!!!! MAFIOSI! ladri!!! SABOTATORI DELLA DEMOCRAZIA!!!

unico1930

Dom, 28/12/2014 - 18:07

Ma perche' tutta questi magistrati rossi,amanti del comunismo non vanno a vivere in Corea del Nord? Questo si che sarebbe un buon auspicio x un meraviglioso 2015. Se poi qualche politico li volesse seguire.........

NON RASSEGNATO

Dom, 28/12/2014 - 18:36

La magistratura non può considerarli terroristi, altrimenti sarebbe costretta a mandare dei compagni in galera. Ben diverso sarebbe stato se fossero di destra.

Roberto.C.

Dom, 28/12/2014 - 18:53

...però..però! Siamo tutti sicuri che c'è l'abbiano solo con la TAV? ...e se un giorno cambiassero binario?

elio1953

Dom, 28/12/2014 - 19:01

ma lo sapevamo tutti che erano dei terroristi ma i giudici della stessa pasta hanno detto di no! però sono terroristi dopo 18 anni i militanti della Lega Nord.........................ma fatemi il piacere!

colian

Dom, 28/12/2014 - 19:24

Magistratura italiana favoreggiatrice di ogni criminalità e delinquenza!

magnum357

Dom, 28/12/2014 - 19:26

Licenziare i magistrati è più che doveroso !!!!!!!!

pieropomiga

Dom, 28/12/2014 - 19:54

ma quali graziati se gli hanno dato tre anni e mezzo per una fesseria!!!

tormalinaner

Dom, 28/12/2014 - 19:57

La Magistraturta non è più credibile è un partito come tutti gli altri e per giunta spostato a sinistra. Tanto vale che li eleggiamo noi, così se non funzionano li mandiamo a casa, oggi se non funzionano li teniamo a vita con stipendi altissimi se sei di sinistra il crimine rende.

FRANCO1

Dom, 28/12/2014 - 20:03

«Quando i media ripristineranno il mussoliniano silenzio sui fatti," .....hahahahaha!!! Olio di ricino e manganello...hahahaha!!! Paura eh?? Tranquilli non esiste più un Popolo Italiano orgoglioso della propria Patria, dal 1940 è stato cancellato e e negli anni 60 annientato.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Dom, 28/12/2014 - 21:07

I veri terroristi sono quelli che assolvono sempre e comunque i delinquenti No TAV!

vince50

Dom, 28/12/2014 - 21:15

Non so se i No Tav siano terroristi,ma certamente lo sono i giudici.Così come lo è il sistema giuridico Italiano e chiunque ne faccia parte,sono loro i veri responsabili della rovina di questa nazione.

Ritratto di sitten

sitten

Dom, 28/12/2014 - 21:29

io credo che il popolo che è sovrano, deve prendere il posto di certi magistrati. Solo così, possiamo essere sicuri che la Giustizia funzionerà.

Armandoestebanquito

Dom, 28/12/2014 - 22:41

Quando Silvio Berlusconi, padre della patria comincio' a lottare contro, allora fu perseguitato, tradito, screditato, espropriato e condannato, Adesso la sinistra spinge per Salvini che perseguita i rom. I leghisti furono i primi a tradire, Nel 94 Silvio li porto' al potere dopo pochi mesi, un gruppetto di provinciali tipici, Bossi, Bosio, etc, si ribaltarono e aiutarono Prodi.. adesso siamo dagli inizi Salvini chi?

silvano45

Dom, 28/12/2014 - 23:09

per la magistratura politicizzata e rossa con le ferie fino a ieri.... di 60 giorni la violenza da perseguire è solo quella delle camice verdi o delle vittime che derubate in casa si difendono il resto è noia

Ritratto di mario.leone

mario.leone

Dom, 28/12/2014 - 23:35

Nessun commento: resto allibito.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 29/12/2014 - 00:02

Credo sia evidente, al di là di ogni ragionevole dubbio, che alcuni magistrati appoggiano i delinquenti della Val di Susa. SAREBBE ORA DI AVVIARE UNA SERIA INCHIESTA ALL'INTERNO DELLA MAGISTRATURA E METTERE UNA VOLTA PER TUTTE IN DISCUSSIONE L'INTOLLERABILE ANOMALIA DI MAGISTRATI POLITICIZZATI.

Ritratto di Sinistronzo

Sinistronzo

Lun, 29/12/2014 - 00:32

Ma loro sono solo BRAVI RAGAZZI CHE SBAGLIANO, usano solo molotov, spranghe di ferro, mazze da baseball, estintori, bombe. I leghisti invece minacciano Roma ladrona, urlano e non parlano il linguaggio radical chic al caviale, vanno quindi puntiti e processati come un'Associazione Terroristica.

maurizio50

Lun, 29/12/2014 - 08:37

Sbalorditivo: gli iscritti alla Lega Nord rinviati a giudizio per terrorismo; i farabutti che si definiscono NO-TAV incolpati di peccatucci buoni giusto per i Servizi Sociali! E poi i Giudici di questo stradisgraziato Paese si meravigliano che la gente abbia perduto ogni fiducia nella Giustizia!!!!!!!!!!!

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Lun, 29/12/2014 - 08:52

Io gli infilerei un candelotto di dinamite nel cu..lo a sti magistrati di M..d.a. che mi vengan poi a dire che non é atto terroristico. A queesto punto attentare al palazzo del parlamento e del senato e quello di giustizia non é terrorismo, allora cosa aspettano?

LoreSera77

Lun, 29/12/2014 - 09:53

1) Il sabotaggio non è terrorismo. C'è arrivato persino Renzi. 2) L'assoluzione dall'accusa di terrorismo dei 4 NoTav non ha implicato il loro rilascio, come dall'articolo potrebbe apparire: dopo un anno di isolamento sono infatti finiti ai domiciliari, con tutte le restrizioni del caso. 3) Si sa che l'anarchico è il vostro capro espiatorio preferito, ma non furon certo loro a piazzare le bombe nelle piazze, nelle stazioni e sui treni: quello fu terrorismo. 4) La foto pubblicata è fuorviante e maliziosa. Quella scritta che parrebbe far riferimento alla Tav altro non è che una tag (una firma) vergata chissà quando da anonimi writers (graffittari). Gli stessi sbirri ci han messo un po' a capirlo: prima le han misurate e fotografate tutte quante. Ma lì non sta scritto No Tav nè Tav, bensì "TAU": nulla a che vedere con gli autori del sabotaggio.

LoreSera77

Lun, 29/12/2014 - 09:55

@siredicorinto: si dà il caso che i 4 NoTav non abbiano infilato candelotti di dinamite nel sedere a nessuno, nè abbiano attentato al palazzo del Parlamento. Per questo si parla, per l'appunto, di sabotaggio e non di terrorismo. Studiate l'italiano.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 29/12/2014 - 23:32

# LoreSera77 09:55 La sua scarsa conoscenza sul significato delle parole fa capire che lei le interpreta attraverso gli occhiali da trinariciuto. Il concetto di terrorismo non implica soltanto offese fisiche alle persone ma anche il semplice fatto di TERRORIZZARE LA POPOLAZIONE CON ATTENTATI. Lei fa la medesima lettura ipocrita dei magistrati politicizzati di Torino che ANDREBBERO INCRIMINATI PER FAVOREGGIAMENTO DI ATTI DI TERRORISMO.

LoreSera77

Mar, 30/12/2014 - 11:36

@Runasimi: ribadisco che l'attacco notturno al cantiere non comporta offese di alcun tipo alle persone, nè terrore alcuno dal momento che la val di Susa sostiene in massa la resistenza al Tav in ogni sua forma. Il sabotaggio di Bologna è azione differente e da altri compiuta, non so quale lettura ne sarà data. La sentenza però era dovuta, non potete aspettarvi che i giudici ne puniscano 4 per colpirne 100: è come bombardare bambini per non far crescere terroristi. Volete poi far passare un messaggio distorto: le stragi italiane non furono causate da NoTav nè da anarchici...e fate ciò perchè nel condannare la violenza illegittima del sabotaggio giustificate quella nera o di Stato.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 30/12/2014 - 23:31

# LoreSera77 11:36 Ha poco da ribadire caro trinariciuto amico di terroristi. Attaccare un cantiere è una vera azione terroristica. Il fatto che non ci sia scappato il morto è solo casuale. Quanto alla massa di abitanti della Val di Susa contrari alla linea veloce non ci racconti favole. Su queste pagine non ci sono i citrulli irregimentati dalle vostre teorie deliranti su stragi di stato. Se certe tragedie italiane sono da addebitare a fascistelli fanatici non creda che i comunisti come lei siano immuni da sospetti. Per troppo tempo i suoi compari sono stati amici intimi di servizi russi, bulgari e cecoslovacchi interessati a destabilizzare il nostro paese. GIÀ, MA CON GENTE COME LEI CHE NEGA LA REALTÀ È INUTILE DISCUTERE. VOI NON DIALOGATE, PREDICATE COME I PRETI.

LoreSera77

Mer, 31/12/2014 - 09:49

@Runasimi: è in grado di argomentare e provare le Sue affermazioni sul caso ed il morto? Non credo. E' mai stato a Chiomonte o parla per sentito dire? 3 anni e 1/2 più 1 d'isolamento e li dite "graziati": avete del coraggio! In risposta Le chiederei se attaccare a Genova la scuola Diaz, sempre con uso di bottiglie molotov (benchè usate solo come prove false), sia stata o no da parte delle forze dell'ordine una vera e propria azione terroristica: a mio giudizio sì. E se sia stata punita adeguatamente: a mio giudizio no. Lei invece immagino pensi che ciò che fanno i servi dello Stato non si possa giudicare terrorismo, nè sia punibile. Dimostra servilismo culturale, appunto, tipicamente fascista. Quanto a me, son comunista solo nei Suoi incubi e convincimenti.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 31/12/2014 - 23:49

# LoreSera77 09:49 Non ho alcun incubo comunista. Lei come quelli del PD dice di non esserlo ma parlate il medesimo linguaggio. Quello di alieni avulsi dalla realtà. Lo prova il semplice fatto che mi considera fascista solo perché ho opinioni diverse dalle sue. Lei come tutti i trinariciuti avete bisogno di inventarvi dei nemici per poter vivere e illudervi di essere "i migliori". PERCIÒ ATTACCATE VIGLIACCAMENTE I LAVORATORI DELLA POLIZIA CHE FANNO IL PROPRIO DOVERE. Anche loro sbagliano. MA VOI AVETE DIMENTICATO CHE SONO UOMINI. Qualità che manca ai vigliacchi che fanno del terrorismo la propria ragione di vita. Peraltro una ben miserabile vita.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 02/01/2015 - 00:04

# LoreSera77 09:49 Non ho alcun incubo comunista. Lei come quelli del PD dice di non esserlo ma parlate il medesimo linguaggio. Lo prova il semplice fatto che mi da del fascista solo perché ho opinioni diverse dalle sue. Lei come tutti i trinariciuti avete bisogno di inventarvi dei nemici per poter vivere e illudervi di essere "i migliori". PERCIÒ ATTACCATE VIGLIACCAMENTE I LAVORATORI DELLA POLIZIA CHE FANNO IL PROPRIO DOVERE. Anche loro sbagliano. MA VOI AVETE DIMENTICATO CHE SONO UOMINI. Qualità che manca ai vigliacchi che fanno del terrorismo la propria ragione di vita. Peraltro una ben miserabile vita.