E Mastella fa risorgere l'Udeur

L'ex ministro: "Senza di noi il centrodestra non vince nel Mezzogiorno"

Roma - Mezzogiorno e Umanesimo giudiziario. Ecco le due missioni dell'Udeur 2, secondo il leader sempreverde Clemente Mastella. A Napoli, l'ex Guardasigilli del governo Prodi (prima titolare del Lavoro nel governo Berlusconi), inizia la sua nuova vita politica, l'ennesima, accanto al Cavaliere e al centrodestra (per il Pdl è già stato eurodeputato tra il 2009 e il 2014) e sigla un'intesa con l'Udc di Lorenzo Cesa.

«Riprendiamo questa storia - dice - che era stata interrotta attraverso umiliazioni e un po' di cinismo ingiusto». Spiega la scelta pro Berlusconi, «il Cavaliere oggi rappresenta una forma di equilibrio democratico nel Paese», manda un messaggio al leader della Lega, Matteo Salvini: «Io ho la mia storia, non sono un riciclato». Il resuscitato soggetto moderato e cattolico, per lui, non è la «terza, quarta o quinta gamba del centrodestra», ma una componente indispensabile. «Senza di noi - dice il settantenne capo dei Popolari per il Sud- non va da nessuna parte, non arriverà al 40% e senza non si governa. Perché al Sud non c'è la forza della Lega di Salvini, ma ci siamo noi, come dimostrato dalle regionali in Sicilia. La legge elettorale favorisce i vari Mastella e metteremo insieme le isole democristiane, per diventare un arcipelago».

Accusato da Luigi de Magistris, allora pm e oggi sindaco di Napoli, travolto dai guai giudiziari che lo portarono alle dimissioni nel 2008 e provocarono la caduta del governo Prodi, assolto 9 anni dopo in primo grado, a settembre e riabilitato, Mastella battezza l'Udeur 2 nella Sala Congressi della Stazione Marittima partenopea, sotto al simbolo del campanile, con il suo nome. Quello di un «martire della giustizia», come si è definito. Accanto ha la moglie Sandra Lonardo, anche lei coinvolta nella vicenda giudiziaria. «Lo devo spiega l'ex sindaco di Ceppaloni, ora di Benevento a tutti i militanti Udeur ostracizzati e vilipesi in questi anni. Non coltiviamo né rancori né rivincite. L'umanesimo giudiziario ed il Sud saranno priorità della nostra agenda politica, sullo sfondo dei valori di laicità democristiana». Oltre a Cesa, in sala c'è Paolo Cirino Pomicino e Mastella critica il governo, attacca la sottosegretaria Maria Elena Boschi, che non si è dimessa per il caso di Banca Etruria e il M5S, che «non riesce a recuperare voti nell'astensionismo, come dimostrato ad Ostia». Promette una «rivoluzione copernicana», soprattutto contro i ritardi nelle sentenze.

Commenti
Ritratto di nordest

nordest

Dom, 17/12/2017 - 09:00

Natro de bon ,lasciate perdere le mummie: dove pensate che l’Italia vada in queste condizioni,fate intervenire il buon senso ,almeno per i vostri figli.

Klotz1960

Dom, 17/12/2017 - 09:00

Mastella e' stato torturato dalla sinistra giudiziaria per un decennio. Sara' pure un anziano DC, con tutti i relativi difetti, ma tanto di cappello al suo ritorno.

cameo44

Dom, 17/12/2017 - 10:24

Mastella come tutti i politici ha memoria corta dimendica di aver detto che Berlusconi era finito ed era passato dal centro destra al centrosinistra con il Governo Prodi dopo i problemi giudiziari per tornare in politica si è presentato alle Europe con F.I. e giusto per non lasciar nulla è il Sindaco di Benevento un altro politcio immortale

MOSTARDELLIS

Dom, 17/12/2017 - 10:48

In ogni caso i rinati DC hanno dimostrato di essere sempre più onesti e capaci dei rinati PC. E qui è meglio che non facciamo nomi...

sparviero51

Dom, 17/12/2017 - 11:51

ALMENO È SIMPATICO,SA PARLARE IN ITALIANO E, NON DI POCO CONTO ,È STATO UN ALLIEVO E SUPPORTER DI ANDREOTTI CRESCIUTO A PANE E POLITICA . MEGLIO LUI DEL MIGLIORE DEI " GRULLINI" PENTASTELLATI !!!

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Dom, 17/12/2017 - 11:59

La verità è che Mastella può tornare utile a Berlusconi perché porta voti, anziano o giovane che sia. E la politica, tenuto conto del livello di analisi che hanno dimostrato di saper fare gli italiani, è centrata sui consensi elettorali, soprattutto ora che ci sino i collegi uninominali. Discettare di altre ragioni per il rientro di Mastella nel CDX, in questo momento, è ridicolo.

treumann

Dom, 17/12/2017 - 12:12

Onestamente, non ne sento affatto la mancanza, anzi.....

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Dom, 17/12/2017 - 12:36

Un'altro di quelli che hanno mangiato bene,bevuto meglio, che ci ha ridotto schiavi della UE della culona di Germania e delle lobby economiche.nopecoroni

giottin

Dom, 17/12/2017 - 14:08

Farà pure risorgere l'udeur, ma sicuramente, per quanto mi riguarda, farà calare il cdx!

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Dom, 17/12/2017 - 14:18

Cavaliere, lascialo perdere, giá ti ha tradito una volta, lo fará ancora. Giá comincia con i ricatti: senza di noi non si governa. E' pronto a darsi al miglior offerente. Poi con Cesa.... e udr..... idea agghiacciante.E colpa loro se non hai potuto governare e fare le riforme: sempre i bastoni tra le ruote ti mettevano i Casini vari. Siamo seri, dai!!!!!