E Renzi si mangia anche il candidato Minniti

"Non mi occupo del congresso", tuona l'ex premier. E l'ex ministro dell'Interno adesso pensa al ritiro

Roma - Marco Minniti si ritira. Matteo Renzi se ne va dal partito. Nicola Zingaretti e Carlo Calenda attaccano il giglio magico. Nel Pd è caos totale a meno di una settimana dalla scadenza (12 dicembre) per la presentazione delle candidature per le primarie del 3 marzo. L'ex ministro dell'Interno, dopo l'annuncio della candidatura e un veloce tour in tv, ha intuito che tira una brutta aria tra i dem: il sogno dell'appoggio di Renzi e dei renziani è svanito. Il rottamatore ha già preso la decisione: lascerà il Pd. Con o senza il giglio magico, l'ex segretario non intende tornare indietro: a gennaio partirà la costituente del nuovo movimento. Una certezza che avrebbe spinto Minniti al passo indietro: l'ex titolare del Viminale non teme il mancato sostegno dei renziani ma la partecipazione a una competizione inutile. E soprattutto di concorrere alla guida di un partito ormai defunto con l'addio di Renzi. Nonostante una parte del giglio magico, l'area che fa capo all'ex ministro del Sport Luca Lotti, sia stata fino all'ultimo al fianco di Minniti.

Ma Renzi non ha lasciato spiragli per una trattativa: «Come sapete non mi occupo del congresso del Pd», ha commentato l'ex sindaco di Firenze. Messaggio ribadito da alcuni parlamentari renziani: «Non si può dire: stai con me e scompari. Portami consenso ma non farti vedere».

Il ritiro dell'ex ministro e l'addio di Renzi provocano nervosismo anche tra le truppe di Nicola Zingaretti: «Per il Pd sono preoccupato e allarmato. Spero che qualcuno non abbia deciso di distruggere il Pd e stia giocando a un gioco macabro. Non dobbiamo permetterlo. Il Pd va cambiato, non picconato con le furbizie. Distruggerlo ora o puntare a dividere credo sia un immenso regalo al M5s e Salvini», avverte il governatore del Lazio. Mentre l'ex ministro Carlo Calenda si affida all'ironia per commentare il momento delicato in casa dem: «Emiliano non è più iscritto al Pd ma è il candidato del Pd. Renzi è un senatore del Pd ma si candiderà con un suo partito. Minniti è candidato alla segreteria indipendente da Renzi ma si ritira (forse) perché non ha l'appoggio di Renzi. Bello. Altre idee?».

I renziani potrebbero ora decidere di schierare un candidato di bandiera: Ettore Rosato o Teresa Bellanova. Mentre sfuma la carta Lorenzo Guerini. Nella confusione è spuntato anche un finto lancio di agenzia che annunciava la conferenza stampa di Minniti per ufficializzare il ritiro. L'unico che, al momento, gode per la retromarcia dell'ex ministro è Maurizio Martina che può già contare sul sostegno di Graziano Delrio e Matteo Richetti. Con Minniti fuori dal campo, Martina ritornerebbe in corsa per la vittoria contro Zingaretti. Una vittoria di Pirro, in un partito già lacerato e diviso prima di aprire le danze.

Commenti

tonipier

Gio, 06/12/2018 - 10:00

" PACCHIA FINITA?" Le connotazioni socialmente negative dei ladroni, marpioni, simulatori, imbroglioni, corrotti, farabutti, falsi, ed altro... queste, sono le connotazioni socialmente negative della democrazia politica "italiana" finito nelle mani di veri provocatori da 50/60 anni fa' oggi i fessi son finiti....il popolo si è svegliato...... il vostro potere sta finendo nei cessi,datevi una mossa ritirandovi tutti in letargo,silenziosamente, sono certo, ci guadagnerte molto, ma molto di più, se vi dileguati.......

Papilla47

Gio, 06/12/2018 - 11:16

Il renzino non ci sta se non è lui a comandare si prende il pallone e non si gioca più. Speriamo che faccia il suo partitino e così il PD potrà dire arrivederci a mai più.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 06/12/2018 - 11:24

Il vecchio PCI, quello di Togliatti e dei rubli non è mai morto. Ha solo cambiato nome un centinaio di volte ma l'ideologia è sempre quella. Nel 1989 alla Bolognina non è successo niente, Occhetto ha raccontato un paio di barzellette e tutti a casa. Poi arriva Renzi, toscano buffo, e pensa di fare del PCI quello che in tutta Europa han fatto dei partiti comunisti: evoluzione alla social democrazia. Apriti cielo, i vecchi compagni con intere biblioteche Einaudi in casa, mai letto niente, sanno però, per sentito dire dai vecchi compagni che socialdemocrazia uguale socialfascismo. E allora dagli con motti mottetti slogan citazioni il più celebre dei quali è "qualcosa di sinistra" che in parole chiare significa Via Rasella Piazzale Loreto foibe e superiorità morale.

ammazzalupi

Gio, 06/12/2018 - 12:06

Fagocitati dalla loro insaziabile BULIMIA. Forse è la volta buona che il "sol dell'avvenire" sorgerà su quel letamaio che è sempre stato il PD. Requiescat in pace.

corbin

Gio, 06/12/2018 - 12:12

ma cosa è "minniti"?

diesonne

Gio, 06/12/2018 - 12:31

diesonne il segretario si sceglie dopo il congrasso e non prima:prima il programma e poi la persona che deve attuarlo e non viceversa

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 06/12/2018 - 12:34

Si stanno "mordendo" a vicenda. Avanti così .. ahahahaha ..

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 06/12/2018 - 13:41

---la parte maggioritaria del pd non era più sinistra da un pezzo --il pd renziano dei cerchi magici ecc ha buttato a mare le istanze degli operai e ha abbracciato la corrente dei neoliberisti spinti---una sorta di balena bianca antelitteram come del resto è anche farsa italia---non è un mistero od un segreto dunque --quale sia il vero progetto renziano ---prendere la truppa che lo segue ed unirla alla grossa fetta di farsa italia che è antisalviniana---con nuovo nome e simbolo---il giornalista minzolini ha già accennato qualcosa in proposito --e sia brunetta che romani hanno detto che ci sono trattative in corso---tutto sommato bene così---quello che rimane del pd senza renzi potrà ricominciare da capo facendo cose di sinistra come dice moretti--e recuperando a sè la classe operaia e degli ultimi--swag

Ritratto di bussirino

bussirino

Gio, 06/12/2018 - 14:09

Caro Minniti... non hai voluto ascoltare…. sei andato a testa bassa alla iscrizione di candidato alla segreteria del PD. Così ti sei bruciato… Ora Renzi non ti prenderà nel nuovo partito con Berlusconi… e tu non hai il carisma di leader politico.. Lo ha Renzi...lo ha Di Maio… lo ha Salvini...lo aveva Berlusconi...ma gli altri sono tutti da azzerare. Augurati che questa legislatura duri fino alla fine dei 5 anni… e poi? Ritornerai alla tua passione della pesca subacquea da buon pensionato… Auguri Cesare Bussandri

Tutumnus

Gio, 06/12/2018 - 15:19

Una volta i komunisti mangiavano i bambini .....; ora si "mangiano" tra loro! Tra poco spariranno per "autoconsumo interno" ......

Libero 38

Gio, 06/12/2018 - 15:21

Ormai l'accozzaglia pidiota e' allo sbando.A breve fara' la fine toccata all'Andrea Doria.Mi sorprende che il furbacchiotto kompagno minniti abbia fatto la figuraccia di ..... e si sia accorto solo ora che gli italiani ne hanno le p.... piene di gente inaffidabile come il raccontaballe renzi, il talibano martina ecc...ecc...