Ecco la "barbarie giustizialista" che non ha indignato Re Giorgio

Napolitano oggi denuncia la malagiustizia, ma quante indagini flop sono passate sotto il suo silenzio

Il suo cruccio si chiama Loris D'Ambrosio. «Non posso dimenticare», ha scandito Giorgio Napolitano in Senato. Non si può archiviare la tragedia di un magistrato colto e preparato, morto di crepacuore dopo la pubblicazione delle sue conversazioni. Ora re Giorgio punta il dito accusatore. «C'è chi ha pagato prezzi altissimi al giustizialismo, grazie anche alla pubblicazione di intercettazioni manipolate. Come è successo al mio consigliere D'Ambrosio che ci ha rimesso la pelle».

Oggi è tutto chiaro. Senza ombre e silenzi. Ma ieri non era così. Napolitano, Renzi e tanti altri tacevano, assecondavano, nascondevano dubbi e timori. Anzi, partecipavano, puntata dopo puntata, alla grande fiction giudiziaria e al rotolare di tante teste e dignità. Sì, meglio ricordare. Ecco Vittorio Emanuele. Le sue frasi, non proprio regali, hanno fatto il giro d'Italia. E così la storia gloriosa dei Savoia è diventata cronaca sporca, in un diluvio di intercettazioni. Per giorni e giorni le gesta del principe si sono trasformate in un penoso fumetto popolare, con un capitolo sui sardi e un altro sulle prostitute. L'opinione pubblica si è rimpinzata di dialoghi imbarazzanti, ma alla fine, nel frastuono generale, anche le accuse sono evaporate. Via i reati gravissimi, via le contestazioni e le tangenti, via l'associazione a delinquere e tante scuse per gli arresti. È il malcostume tricolore: sempre uguale da anni e anni. Arresti fra squilli di tromba, frasi a effetto atterrate al momento giusto sui giornali, capi d'imputazione chilometrici. Poi, col tempo, le nebbie della giustizia si diradano lasciando un paesaggio di rovine. Un copione che si rinnova maledettamente uguale. Roberto Salmoiraghi, sindaco forzista di Campione d'Italia, finisce nella rete stesa dall'allora pm di Potenza Henry John Woodcock intorno all'onnipresente Vittorio Emanuele. E segue la stessa umiliante trafila: le manette per, nientemeno, associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e allo sfruttamento della prostituzione. Intanto, mentre lo portano a Potenza ascolta i giornali radio che ripetono il suo nome in una litania di presunti traditori del bene pubblico. Nessuno prova a ricordare che la presunzione di innocenza «non è un velo d'ipocrisia, ma un richiamo forte alla realtà concreta». E la realtà reclama la sua innocenza. Addirittura non deve nemmeno passare in aula per il processo perché il dibattimento si affloscia ancora prima di cominciare. Salmoiraghi si dimette da sindaco, il tempo gli restituisce l'onore. Del resto, in Italia hanno gettato la spugna primi cittadini e ministri, sgambettati da insidiosi avvisi di garanzia, vocaboli velenosi usciti da qualche faldone, contestazioni imponenti svanite nel nulla. Nel silenzio assordante dei tanti garantisti di oggi. Sempre pronti per troppi anni a battere le mani ad ogni stormire della magistratura, sempre alieni da critiche, sempre rapidi nel giustificare qualunque ricamo sulle vite degli indagati. Del resto il 16 gennaio 2008 lascia la sua scrivania di Guardasigilli Clemente Mastella, assediato dalle indagini, dai sospetti, dai pregiudizi. La moglie Sandra Lonardo va ai domiciliari, lui scappa da via Arenula e una settimana dopo è il governo Prodi a saltare: il già gracile esecutivo viene travolto: il solito partito trasversale mette al primo posto la questione morale. Non c'è spazio per altre considerazioni: l'indagato è colpevole a priori, anche se poi risulterà estraneo, e il marito condanna, con la sua vicinanza, la moglie e viceversa. Non c'è scampo e i vertici dello Stato dirigono il traffico senza se e senza ma. Oggi di quel groviglio di accuse non è rimasto nulla, ma ormai è andata così. I conti si fanno alla fine, ma le carriere vengono stroncate prima, ora il pm chiede l'assoluzione per il governatore Vincenzo De Luca, inquisito per l'indagine sul Sea Park di Salerno. Solo ieri De Luca era esposto ala gogna dell'Antimafia e passava per impresentabile. Dal Quirinale, e non solo, nemmeno l'accenno di un'obiezione.

Commenti
Ritratto di manasse

manasse

Gio, 21/04/2016 - 08:23

cosa aspettarsi da un comunista mai pentito le porcate vanno bene quando le subiscono i NEMICI non vanno bene quando colpiscono i COMPAGNI

mezzalunapiena

Gio, 21/04/2016 - 08:49

Ci sarà pure un motivo per cui la magistratura italiana è al 68 posto nella classifica mondiale.

elalca

Gio, 21/04/2016 - 08:49

l'arroganza e la nequizia di questo individuo sono senza pari. fortunatamente neppure lui è eterno........

Ritratto di blackeagle

blackeagle

Gio, 21/04/2016 - 08:51

"La storia gloriosa dei savoia"???? MA VOI LA STORIA LA CONOSCETE?!?! se non sbaglio i piemontesi prima del furto ai Meridionali erano pieni di debiti!!! e quale gloria c'è in questo? Saldati sciolti nella calce nel lager di fenestrelle (auschwitz), e quale gloria c'è in questo?! assassinare bambine 11enni alle spalle quale gloria c'è in questo! bruciare di notte interi paesi quale gloria c'è in questo!!! Si erano sollevati un po grazie all'oro fottuto ai Meridionale e mi dite glorioso?!?! p.s. ovviamente non pubblicate nemmeno questo!

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Gio, 21/04/2016 - 08:53

Eregio signor Napolitano, solo una cosa voglio dirle. Lei caro signore, é stato il presidente ( diminutivo voluto ) non degli italiani ma dei compagni rossi come lei, non é stato mai, dico mai il mio presidente , dico di più, da anni vivo in Francia, Paese civile e mi sono sempre vergognato d'esser italiano per colpa sua e di quanti, come lei , hanno rovinato l'Italia. Lei signore, avrebbe dovuto seguire il suo credo e cavalcare un carro armato sovietico, che tanto le piaceva.

semprecontrario

Gio, 21/04/2016 - 08:58

che uomo piccolo piccolo

elgar

Gio, 21/04/2016 - 09:03

Il suo cruccio si chiama Loris d'Ambrosio. Forse solo perchè lo riguardava da vicino. E gli altri? Se il principio è che va tutelata la privacy, ognuno non si può chiamare colpevole fino al terzo grado ecc. perchè non si è mai spesa una parola a favore dei malcapitati colpiti da inchieste farlocche? Epperò fatti dimettere dalle loro cariche immediatamente. Perchè le pubblicazioni delle intercettazioni penalmente irrilevanti date in pasto all'opinione pubblica non hanno mai indignato quelle stesse persone che oggi "scoprono" il giustizialismo fatto soprattutto dai media? Dopo che, come noto, col giustizialismo hanno campato di rendita (politica) per anni? Sol perchè "ora" non gli giova più come prima e sperimentano sulla loro pelle che cosa si prova ad essere oggetto di questa barbarie tutta italiana oserei dire. Ovvero ti invio un avviso di garanzia, ti sputtano sui giornali ed in TV e tu, ovviamente, ti dimetti. Poi... si vedrà.

Ritratto di bobirons

bobirons

Gio, 21/04/2016 - 09:04

Devo farmi credente, non fosse altro per pregare il Signore di chiamarlo presto a Se.

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 21/04/2016 - 09:19

Ma perché non rimane muto e cerca di scivolare nell'oblio???

francab

Gio, 21/04/2016 - 09:19

giorgione ha l indignazione a singhiozzo, e i nostri gip, pm e giudici sono come la Mariet di ciacer

anavipao

Gio, 21/04/2016 - 09:20

...mi verrebbe da chiedere se invece l'emerito Napolitano ha dimenticato il Presidente Nagy e i carri armati sovietici che dovevano portare la pace in Ungheria.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 21/04/2016 - 09:22

Per qualcun altro non c'è rimorso mentre per i vicini tutto è possibile.Ma la grande mietitrice è vicina.

Ritratto di viotte17121957

viotte17121957

Gio, 21/04/2016 - 09:22

E quando si trattava di Berlusconi dove era? il compagno??

claudioarmc

Gio, 21/04/2016 - 09:29

Stia tranquillino anche noi non possiamo e non vogliamo dimenticare quello che questo fenomeno ha fatto al nostro paese.

linoalo1

Gio, 21/04/2016 - 09:33

Questo Signore(?),abbia almeno la compiacenza di nascondersi e di stare zitto!!!!Dopo aver distrutto l'Italia ed anche buona parte dell'Europa,dovrebbe rimanere segregato in una cella umida e fredda,fino al resto della sua vita!!!Perché,qualche Ignorantone con le fette di salame sugli occhi,si chiederà???Pensate al 2011, ed analizzatelo a fondo,politicamente!!!Cosa mai sarà successo nel 2011??Vi do un aiutino!Berlusconi, non vi dice niente???E la morte di Gheddafi che ha causato l'inizio dell'Esodo di Africani in Europa,ISIS ed attentati,perchè sono successi?Forse perché non c'era più Gheddafi??E poi,con il Triumvirato di Usurpatori al Governo(Monti,Letta,Renzi),che il Popoòo non ha votato,come invece vorrebbe una Democrazia,una cappella dietro l'altra!!Ne nomino solo duemle più eclatanti:Assistenza Immigrati e Sanzioni alla Russia!!Ossia:miliardi di €uro in fumo!!!Ma chi se ne frega,tanto noi siamo ricchi!!!!

katy61

Gio, 21/04/2016 - 09:49

Bellissimo articolo complimenti...sono d'accordo in tutto

Coolpix

Gio, 21/04/2016 - 09:49

Condivido ogni parola dell'articolo, purtroppo continuerà sempre così.. Cesare da Biella

katy61

Gio, 21/04/2016 - 09:54

ZURLO SEI UN MITO...SCUSATE IL SECONDO SMS

Ritratto di Tuula

Tuula

Gio, 21/04/2016 - 09:55

Il Napolitano deve soltanto tacere

oicul44

Gio, 21/04/2016 - 09:56

Pure questo articolo si commenta da se! Di un .....Paese malato, ...., volto a cercare sempre......, il marcio ovunque.Perchê? ..... Perchê ognuno ha sete di " Potere"?!!!! ....... Perchê realmente non si guarda ai problemi reali dei concittadini, e si cerca soluzioni per migliorarle!

Beaufou

Gio, 21/04/2016 - 10:00

Si tranquillizzi, Giorgio Napolitano. Presto sarà la Natura ad aiutarlo a dimenticare anche Loris D'Ambrosio, e ad aiutare noi a dimenticare lui.

giampiroma

Gio, 21/04/2016 - 10:02

ma ancòra lo fanno parlare?? mandatelo a giocare a bocce ai giardinetti

Ritratto di pigielle

pigielle

Gio, 21/04/2016 - 10:03

Pur con tristezza dico che la storia ci farà giustizia. Augurerei lunga vita a questo ignobile personaggio, se non altro per dargli tempo di espiare le sue colpe. Pazienza, sarà il buon Dio ad aver il privilegio di presentargli il conto. La sofferenza procurata a tante famiglie ed a onesti lavoratori solo per foraggiare i suoi accoliti non può restare impunita.

accanove

Gio, 21/04/2016 - 10:27

mi vien da pensare che la magi(sini)stratura ormai troppo forte tenga sotto ricatto gli uomini delle istituzioni e che gli stessi presidenti la temano forse per coda di paglia (CHI è pulito in qel mondo?).

tonipier

Gio, 21/04/2016 - 10:31

" ERA ORA" UNA VITA NELLA LATRINA" Subire delle ingiustizie, dalla GIUSTIZIA,una cosa opprimente. Le associazioni e le imprese delinquenziali più o meno occulte o clandestine, le degenerazioni sociali dell'illecito e del delitto concorrono con doviziosi apporti di mezzi e con cospicui contributi di voti alla designazione ed alla elezione nelle assemblee rappresentative popolari: nazionali, regionali, provinciali, comunali, di candidati delle diverse liste che maggiormente si prestano o possono prestarsi ad essere strumentalizzati per fini di espansione della consorterie del delitto.

bernaisi

Gio, 21/04/2016 - 10:36

Basta dire che è un comunista duro e puro che hai detto tutto, il loro motto infangare gli altri per trasformare gli gnomi come loro in giganti.

nem0

Gio, 21/04/2016 - 10:42

il vero (auto) vilipendio del presidente della repubblica (minuscolo dovuto)

tonipier

Gio, 21/04/2016 - 10:44

" LA FINE, DEL CUMPARO, CUMPARUZZO" Le piovre del malaffare, le imprese del delitto, le associazione per delinquere, che si propongono l'arricchimento con qualsiasi mezzo, che trovano nel sottosviluppo economico, nella precarietà di condizioni sociali, la manovalanza più spicciola e dozzinale, hanno le loro radici, le loro ramificazioni nei partiti politici, agiscono in simbiosi ed in sintonia con le aberrazioni e le degenerazioni della sindacalpartitocrazia. " SPAZZATELI VIA"

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 21/04/2016 - 10:51

blackeagle: aggiungiamo anche la responsabilità determinante di Vittorio Emanuele III per 20 anni di fascismo, la sua inettitudine e la vile fuga verso Brindisi all'indomani dell'8 settembre, senza lasciare uno staccio di disposizione ai vertici militari.

unosolo

Gio, 21/04/2016 - 11:21

ma dai è avanti e si scorda il suo passato , ne ha fatte a carico nostro di gite gonfiate , gonfiate come rimborsi ovviamente , ma non è stato il solo d'altronde noi lavoravamo e versavamo molti soldi come ritenute e loro si regalavano il meglio del meglio compresi vitalizi a iosa,.il lavoro nostro ha reso ricche diverse personalità,.

Ritratto di onollov35

onollov35

Gio, 21/04/2016 - 11:23

Per siredicorinto.Hai perfettamente ragione,purtroppo, gli Italiani vecchi e nuovi,ricordano sempre il Fascismo e betificano la cosidetta resistenza. Come si è visto, anche un comunista è stato eletto presidente della Repubblica.

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Gio, 21/04/2016 - 11:27

Da Napolitano, comunista non pentito, che applaudì all'invasione dell'Ungheria e poi impiegò decenni a capire che, ancora una volta, aveva sbagliato, non mi aspetto nient'altro che questa pelosa indignazione a giorni alterni che si manifesta quando colpisce il suo entourage e si cela quando sono gli altri ad essere nel mirino. D'altronde dovrebbe ben ricordare che " chi di spada ferisce di spada perisce".

Una-mattina-mi-...

Gio, 21/04/2016 - 11:34

DA COMPATIRE, ascoltarlo è accanimento terapeutico

Ritratto di mavi5247

mavi5247

Gio, 21/04/2016 - 11:35

mio Signore prendilo con te il più presto possibile.....!!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 21/04/2016 - 11:52

I "garantisti a prescindere" si meritano questo ed altro. La prossima volta ci penserete due volte prima di fare le solite logore dichiarazioni su un malinteso senso del garantismo.

Chattanooga

Gio, 21/04/2016 - 11:53

Alla sinistra è scoppiata in mano la bomba che hanno assai proficuamente usato per venti anni contro Berlusconi. E' tutto estremamente semplice, lo capirebbe anche un bambino di tre anni.

Tommaso123

Gio, 21/04/2016 - 12:23

e certo che quel copione si ripete maledettamente per via di una magisatura cosi cieca e senza scrupolo e per quei governatori comformistici assumendo quasi sempre atteggimento cosi incollato al loro favore pur rovesciando una realta persino una carriera di uno bravo e innocente.

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 21/04/2016 - 12:49

Tipico dei comunisti impenitenti. Se serve per far fuori il nemico allora e' bello democratico giusto, se tocca a loro allora e' barbarie. E' questo ceffo e' stato presidente della repubblica. Infatti si vede il livello di questa repubblica. Per fortuna non durera' tanto.......

Agev

Gio, 21/04/2016 - 12:53

A voi non sarà concesso più nessun perdono.. Voi sapete esattamente in ogni momento Al Di La delle inutili parole quello che fate .. Voi uccidete in ogni istante e con la vostra inutile presenza la vita vivente .. Al Di La comunque perdoniamo perché comprendiamo la vostra miseria/ignoranza/impotenza/impossibilità fatta di menzogne di piccoli giochini di piccolo potere senza la reale comprensione della realtà in essere. Voi siete figli inconsapevoli della vostra stessa ignoranza e al servizio delle intelligenze più sottili che comandano il mondo e lei piccolo uomo Napolitano ne è la più bassa/alta espressione che tradotta nella realtà ha creato in Italia e non solo in tutto il mondo solo miseria su ulteriore miseria .. Questi sanno tutto di voi e sanno e conoscono ogni vostro pensiero.. Ogni vostra reazione , ogni vostra movimento e sanno come comprarvi con poco .. Il vostro tempo è finito per sempre . Gaetano

vale.1958

Gio, 21/04/2016 - 12:53

Dio batti un colpo per favore!!!

Lorenzo Cafaro

Gio, 21/04/2016 - 13:03

A me non frega niente, vorrei solo per curiosità sapere perché sistematicamente censurato. Ho offeso il re? Se così me ne vanto, alla faccia della libertà liberale. O ha ragione chi dice che siamo diventati fascisti? Vabbè, comunque chissene. Detto ciò dovremmo essere d'accordo e dire: ok. Ora sistemiamo la magistratura! Invece da trischeri perdiamo l'occasione per rimettere a posto le cose. Adieu.

elpaso21

Gio, 21/04/2016 - 13:19

Questo articolo contiene una inesattezza, è vero che fin dal 1992 che ci si lamenta della barbarie giudiziaria, ma ricordiamoci che, quando il Grande Statista Berlusconi vinse le elezioni nel 2008 con maggioranza schiacciante sia alla Camera che al Senato, la prima cosa di cui si preoccupò fu di por fine a questa indecenza, ebbene con la sua Riforma della Giustizia il governo ormai supervisiona gli atti della magistratura, quindi da quando la Riforma fu posta in essere finalmente la "mattanza" ha avuto fine.

greg

Gio, 21/04/2016 - 16:21

I nostri avi hanno combattuto le guerre del risorgimento italiano per fare l'Italia Unita, da una accozzaglia di genti diversissime che, nella maggioranza, ragionavano con la mentalità del servaggio verso i signori feudali. Questo accadeva maggiormente nel sud del paese, dove la tracotanza dei feudatari era ancora maggiore che al nord. Questo "signore Giorgio Napolitano" (un comunista, nel senso più AMPIO del significato) da sempre aveva in testa di diventare il "DECISORE" dei destini italici (LEGGERE LA SUA STORIA), come lo fu Togliatti, come lo furono Stalin e Lenin, per disgrazia della Russia sovietica. Per Napolitano il termine “giustizia” ha un solo significato: fare quello che decide lui

Anonimo (non verificato)

greg

Gio, 21/04/2016 - 19:48

ELPASO21 - che ridicolaggine quel "il Grande Statista Berlusconi"......., Vediamo cosa hanno fatto, dal 2001 ad oggi, i grandi statisti Monti, Letta, Renzi, con la spinta poderosa di Napolitano che si è messo la Costituzione sotto le scarpe per fare i comodi suoi, cioè impporre al paese il governo unico della sinistra,

greg

Gio, 21/04/2016 - 19:48

ELPASO21 - che ridicolaggine quel "il Grande Statista Berlusconi"......., Vediamo cosa hanno fatto, dal 2001 ad oggi, i grandi statisti Monti, Letta, Renzi, con la spinta poderosa di Napolitano che si è messo la Costituzione sotto le scarpe per fare i comodi suoi, cioè impporre al paese il governo unico della sinistra,

greg

Gio, 21/04/2016 - 19:53

Premuto tasto sbagliato....stavo scrivendo SENZA UNO STRACCIO DI VOTO PRESO PER LEGITTIMARE questi tre disgraziati che stanno governando fregandosene altamente che esistono anche gli italiani, che pagano loro stipendi da favola, viaggi, bella vita, aeroplani giganteschi - il famoso air force one di Renzi, ormai da quasi 3 mesi fermo perchè il guitto di Rignano voleva l'aeroplano nuovo. Il Berlusconi, tanto per chiarire, le leggi le voleva fare, e le aveva anche fatte, ma si da il caso che in Italia ci sia una giustizia di sinistra, magistratura democratica, che si inventa i teoremi giudiziari (=balle su balle) per impedirgli di governare il paese come da mandato popolare, che lui ha avuto sul serio in libere elezioni. Quindi sig. Elpaso21, vada ad elpasare nel suo CS, nel gabinetto

Duka

Ven, 22/04/2016 - 07:26

FINO A QUANDO LO DOVREMO MANTENERE?????

greg

Ven, 22/04/2016 - 10:43

DUKA - fino a quando dovremo mantenere tutti i politici di sinistra, di cui Napolitano è il capo assoluito ormai dall'epoca di Mani Pulite, inizio anni 90...??? Perchè è questa la domanda che dobbiamo porci. La sinistra, che non riusciva più ad imporsi elettoralmente parlando dopo l'expoit di Berlinguar nel 1976, 34% dei consensi elettorali, iniziò allora a manovrare per riuscire ad avere il potere per via giudiziaria, una strategia studiata da Togliatti quando pretese, ed ottenne per pace sociale, il Ministero di Grazia e Giustizia nel 1946. Ed oggi, grazie a Napolitano, la MALAGIUSTIZIA DELLA MAGISTRATURA ROSSA, domina nel paese obbligandoci tutti ad una vita da indagati a prescindere (il nuovo capo del sindacato dei magistrati, D'Avigo che afferma che non esistono innocenti, nel paese, ma solo colpevoli non ancora in galera) mentre i magistrati rossi vivono alla grande, con privilegi infiniti e ignorando le leggi, per fare solo ed unicamente i comodi loro.