Ecco chi è il chirurgo plastico che ha sfigurato la sinistra

Vip, magistrati, politici. A Matteo Tutino, primario di chirurgia plastica a Villa Sofia, tutti si rivolgevano per farsi scolpire il corpo, perdere peso e ottenere favori e incarichi nella sanità pubblica siciliana

Vip, magistrati, politici. A Matteo Tutino, primario di chirurgia plastica a Villa Sofia, tutti si rivolgevano per farsi scolpire il corpo, perdere peso e ottenere favori e incarichi nella sanità pubblica siciliana. Tutino si aggirava in maniera indisturbata, sia negli ospedali che nei palazzi della politica, al punto da presentarsi alla Leopolda palermitana, organizzata da Davide Faraone: il colonnello di Matteo Renzi che aspira a succedere a Rosario Crocetta.

E se quest'ultimo lascerà la carica di governatore, abbandonando per sempre la politica, un ruolo di rilevo lo avrà avuto questo medico di 54 anni – sposato con una «bella donna» e con due figli - e con un curriculum da luminare. Tutino accelera il processo di disfacimento della sinistra, indebolisce il governo di Matteo Renzi e lo rende vulnerabile sulla questione morale di berlingueriana memoria. È un uomo vanesio, il mago del body jet , con fisico da palestrato e bicipiti da urlo che non esita a mostrare. E che fanno presa su Crocetta. Il chirurgo, e anche in questo è simile al governatore, si veste in maniera informale, rifiuta l'etichetta, e nei luoghi istituzionali si presenta in t-shirt aderenti e senza giacca e cravatta, stupendo i funzionari e i commessi di Palazzo d'Orleans. Quasi a voler ostentare sia il fisico da body builder ma soprattutto l'estrema vicinanza con Crocetta. E ciò fa specie perché perfino al maestro Franco Battiato veniva chiesto di indossare la cravatta.

Una presenza, quella del chirurgo plastico, così invasiva da suscitare l'ilarità degli assessori. Invasivo e vantone, insomma. Nel suo curriculum Tutino così si presentava: «Ho la capacità nel gestire emozioni e i comportamenti nei pazienti difficili». Laureatosi a Palermo a pieni di voti, Tutino inizia a girare il mondo e a collezionare studi e titoli. Dagli Stati Uniti al Messico, passando per la Repubblica Ceca, il salottiero Tutino si distingue sempre, o almeno così si legge nel curriculum, per «specializzazioni in chirurgia plastica» in cui si classifica «primo in graduatoria». È un vanesio questo Tutino da Palermo che nel 2006 approda all'Ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Raccontano che negli anni del governo di Raffaele Lombardo un noto esponente del Nazareno, oggi vicinissimo a Crocetta, lo abbia introdotto nella war room di Palazzo d'Orleans, sede della presidenza della Regione. Lombardo, però, diffida del Tutino perché, confidano le fonti al Giornale , «non ebbe buone referenze». Ma se Lombardo lo rifiuta, Crocetta lo accudisce e ne diviene amico. Anzi, un amico di cui fidarsi al punto da farlo diventare l'eminenza grigia della Sanità in Sicilia, colui - ed è scritto nelle carte degli inquirenti di Palermo – che gli fornisce «il papello» con i nomi dei direttori generali che formalmente avrebbe dovuto proporre Lucia Borsellino. Tutino decide, Crocetta esegue. «Brugaletta va a Messina e Giovanni a Trapani o ancora meglio al Civico perché averlo al Civico significa averlo anche nel Policlinico», è il monito del mago del body jet . Si vantava anche con i conoscenti, si legge sempre nell'ordinanza della Procura di Palermo, della sua amicizia con il governatore Crocetta. Un'amicizia nata nel segno della «rivoluzione» per il tramite di Antonio Ingroia, il pm della trattativa fra Stato e mafia che provato con la politica ma si è dovuto rifugiare, per salvare la faccia, in una società partecipata siciliana. «Tutino mi era stato presentato dai colleghi magistrati Lia Sava e Antonio Ingroia e in loro presenza si era più volte incontrato», dichiara il pm Dario Scaletta. È Ingroia insomma il responsabile di un sodalizio, quello fra Crocetta e Tutino, da cui passano tutte le decisioni della presidenza della Regione. Nel suo studio, a via Sammartino, a sera sfilavano gli amici vip che il chirurgo riceveva quando gli altri pazienti erano ormai andati via. Perfino Totò Cuffaro, governatore di Sicilia dal 2001 al 2008, oggi detenuto a Rebibbia per una condanna per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra, si fece convincere a un intervento con il metodo del sondino per provare a perdere i chili di troppo. Salottiero quel tanto che basta in una città foriera di cene e di incontri come Palermo, il chirurgo plastico Tutino tesse le fila del potere crocettiano più di un qualunque assessore o consulente del governatore. Distogliendo dunque Crocetta dalla realtà siciliana e avviandolo su un binario morto. La fine della «rivoluzione».

Twitter: @GiuseppeFalci

Commenti

rosa52

Mer, 22/07/2015 - 21:03

che bel mondo quello del pd!!!!!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 22/07/2015 - 21:15

Dalla medicina che ti fa ritornare a nuova vita alla clinica della eutanasia della politica.

scorelv1

Mer, 22/07/2015 - 21:16

Bravo Tutino....

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Mer, 22/07/2015 - 21:54

Tutino, ma a Frocetta, hai per caso rettificato il cilindro? La "tolleranza", dicono i bene informati, tra il pistone e la camicia, iniziava ad avere parametri non sostenibili per il corretto flusso della "benzina". Dalton Russell.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Mer, 22/07/2015 - 21:58

L'Italia è ormai tutta una cloaca, un sistema corrotto come questo credo non abbia uguali nella storia, forse neanche alla corte di Bisanzio.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Mer, 22/07/2015 - 22:05

Ma la figlia di Borsellino che va nel piddì, cioè nella filiale politica della mafia, che ha in testa: segatura? Non è che il padre starà facendo il triplo salto mortale nella tomba?

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Mer, 22/07/2015 - 22:06

Borsellina, rispetto immenso per tuo padre, ma dimmi con chi vai, ti dirò chi sei.

Ritratto di Azo

Azo

Mer, 22/07/2015 - 22:06

Insomma, questo Tutino, è il Cagliostro del ventunesimo secolo, colui che questa volta INFINOCCHIA I MAFIOSI DELLA POLITICA SICILIANA, CON LO SCOPO SPECIFICO DI SABOTTARE ROMA CAPITALE E GLI ITALIANI !!!

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Mer, 22/07/2015 - 22:33

Tutino rappresenta benissimo l'area politica di appartenenza: ixxxxxxxe, cialtrone, spaccone, intrallazzato, e qui mi fermo per pietà

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 22/07/2015 - 22:37

Tutino a Crocetta cosa gli ha rifatto? Forse l'anello???

Ritratto di MARKOSS

MARKOSS

Mer, 22/07/2015 - 22:38

UN MONDO DI FINOCCHI E LESBICHE .... MA CHE AMANO I MIGRANTI AFRO-MAOMETTANI E I CANI DA LECCA.

gianrico45

Mer, 22/07/2015 - 22:38

Gli ha rifatto il c... invece della faccia

Ritratto di cerberus

cerberus

Mer, 22/07/2015 - 22:57

Mi piacerebbe sapere perché tutta questa fretta per 'sti omosessuali , non credo sia cosi importante e ci sono problemi molto più urgenti da affrontare in quel di Bruxelles. A meno che nei posti che contano sia pieno di codesti personaggi...

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Mer, 22/07/2015 - 23:06

E brava la borsellina, che razza di frequentazioni ha, e sembra si trovi bene in simile compagnia, ma è troppo brutta per fare una grande carriera:renzi-fonzie le donne le vuole di bell'aspetto, per sviare l'attenzione dalla loro nullità e indirizzarla su deretani, tette e toilette.Boschina docet.

LOUITALY

Mer, 22/07/2015 - 23:35

sbiancamento anale PD !

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Mer, 22/07/2015 - 23:53

E secondo Voi un solo elemento del genere può rovinare il PD??? Ma dai.....sono tutti inguaiati NON SE NE SALVA UNO. Basti vedere cosa sta accadendo con gli immigrati; scandali, soldi, mercanti di uomini senza dignità ma sempre PRONTI A RUBARE anche se si tratti della famiglia. e poi....in televisione....sempre le stesse parole: LA COLPA E' DEGLI ALTRI MAI LA LORO. LORO SONO una casta diversa. LADRI, IPOCRITI, FALSI E TRADITORI DELLA COSTITUZIONE!!!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 23/07/2015 - 00:01

A voler essere maligni, ma proprio maligni, l'allegria di Crocetta è forse motivata dalla ingombrante presenza del palestrato, forzuto corpaccione del chirurgo?

cristino

Gio, 23/07/2015 - 00:06

pd e forza talia c'è differenza? Nati solo per iteressi. Possibile che molti ancora non capiscono. Fate un nome di chi è stato dalla parte di noi italiani. Capite che il debito pubblico è stato costituito per il 90 per cento dalla politica che ha creato regioni ed enti inutili? Sapete che centinaia di milardi vanno in fumo per leggi regionali opprimenti e che servono solo ad incrementare guadagni?

claudio63

Gio, 23/07/2015 - 00:51

ma allora crocetta e compagni non potevano non sapere, e se non ora, quando?... come risuonano questi sloganuzzi urlati ai tempi contro il caimano il corrotto, il pregiudicato, lo psiconano,il colluso, il mafioso... non suonano epiteti che potrebbero star di comodo anche alla casacca del Crocetta adesso? Era prima o poi ovvio che la macchina del fango si muovesse anche contro i propri sodali... che pena e quanto schifo.

cangurino

Gio, 23/07/2015 - 03:02

Si dice che in Sicilia la mafia abbia sempre fatto e faccia il bello ed il cattivo tempo, ad ogni livello, politico, sociale, economico ecc.. Per 50 anni la Sicilia è stata un serbatoio di voti della DC. Di politici condannati in via definitiva per collusione con la mafia, quando non addirittura per attività mafiosa, ce n'è una moltitudine. Da qualche anno la Sicilia è un serbatoio di voti del PD. Chiedo: improvvisamente la mafia è stata debellata e non ha più il controllo dei voti? Questi personaggi che decidono, al di fuori di ogni regola istituzionale, chi assegnare agli incarichi importanti della sanità, sono impermeabili alle pressioni che le organizzazioni mafiose riescono ad esprimere mirabilmente?

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Gio, 23/07/2015 - 06:47

Il più pulito c'ha la rogna.

lento

Gio, 23/07/2015 - 06:50

La condanna a morte della Borsellino e' poca cosa a confronto di altre frasi intercettate ...

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Gio, 23/07/2015 - 07:04

Un "curriculum" più da farabutto che da medico.

meloni.bruno@ya...

Gio, 23/07/2015 - 07:15

La Mafia in Sicilia non si è mai istinta,è viva e vegeta!

Accademico

Gio, 23/07/2015 - 07:30

Eh ma... stavorta je va storta. Stavorta er piddì sò pija 'n saccoccia. E ce mette na crocetta sopra!

beppazzo

Gio, 23/07/2015 - 07:31

Crocetta si è preso una cotta per il palestrato, va capito.

FRANZJOSEFF

Gio, 23/07/2015 - 07:35

ROSA52 PROPONIAMOLO PER UNA MEDAGLIA AL VALORE CIVILE E TITOLO DI CAVALIERE DELLA REPUBBLICA ITALIANA.

Accademico

Gio, 23/07/2015 - 07:37

Vedo Crocetta, nella foto, agitare la manina sinistra con malgiogliana leggiadria come se volesse salutarci e... penso di non sbagliarmi..

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 23/07/2015 - 08:17

inutile far finta di non crederci: il PD è in grado coi suoi PM di far sparire tutto!