Ecco dove si vive meglio: Bolzano al top con Trento

Sul podio anche Belluno: è il trionfo del Nord Est Male il Meridione, maglia Nera a Vibo Valentia

Il Nord-est trascina l'Italia nella classifica che fotografa la qualità di vita nelle città. L'Italia compie un piccolo passettino in avanti rispetto agli ultimi due anni: nel 2018 sono infatti 59 su 110 le province in cui la qualità della vita è risultata buona o accettabile, rispetto alle 56 del 2016 e del 2017. Merito di città come Bolzano e altri centri del Nord-est che guidano la classifica. L'indagine è stata realizzata da Italia Oggi in collaborazione con l'Università La Sapienza di Roma.

Bolzano è la provincia dove si vive meglio in Italia, seguita da Trento e Belluno. Confermato il podio del 2017. Milano resta la pecorella nera del Nord: il capoluogo lombardo, guidato dal sindaco Pd Beppe Sala, è al 55° posto. Male anche Torino: la città amministrata dal sindaco grillino Chiara Appendino è al 78° posto. L'indagine conferma la solidità delle posizioni di vertice ormai raggiunte dalle città del Nord-est.

Male anche Venezia. Stabili Napoli (in terzultima posizione) e Palermo (al 106 posto). Fanalino di coda Vibo Valentia. La provincia altoatesina, come era stato nel 2017, si conferma luogo del miglior vivere. La ricerca fotografa modelli virtuosi, criticità e cambiamenti in atto nelle provincie e nelle principali aree del Paese. Sono nove le «griglie» dell'analisi: affari e lavoro, ambiente, criminalità, disagio sociale e personale, popolazione, servizi finanziari e scolastici, sistema salute, tempo libero e tenore di vita.

Dall'indagine emerge una tendenza, che anno dopo anno si sta consolidando: la qualità della vita in Italia è caratteristica delle piccole e medie città del Nord-Est e, in misura minore, del centro. Basti pensare che nelle prime 35 posizioni della classifica solo Aosta esce da questa direttrice.

La città ideale ha mediamente 100 mila abitanti. È la conseguenza di un'ampia possibilità per sindaci e amministratori di risolvere i problemi e garantire servizi efficienti. Governare i grandi centri è molto più difficile a causa delle lentezze e della pesantezza dell'apparato burocratico e amministrativo. Nelle prime 40 posizioni, infatti, solo Verona e Padova hanno poco più di 200mila abitanti, mentre Brescia, Parma, Modena, Reggio Emilia, Bergamo, Trento, Forlì, Vicenza, Bolzano e Piacenza ne hanno più di 100mila, tutte le altre 28 città hanno un numero di abitanti inferiore. Questa tendenza è confermata dalle pessime posizioni di classifica delle città più grandi: Milano, Torino, Roma (85°) Palermo (106°) e Napoli al 108°.

La fascia centrale della classifica registra l'avanzata per alcune città che hanno recuperato rispetto all'anno scorso. Salvo una, Treviso, che è passata dalla sesta alla nona posizione. Al quarto posto Siena, che ha recuperato sette posizioni (era undicesima), seguita da Pordenone, che passa dalla nona alla quinta, e da Parma, che ha guadagnato una posizione rispetto al 2017 (era settima). Tendenzialmente, comunque, nei capoluoghi di regione la qualità della vita è aumentata, salvo che in sette città.

Maglia nera alla calabrese Vibo Valentia, in coda alla classifica in compagnia di Catania, Napoli, Siracusa e Palermo: cinque provincie ricche di bellezze architettoniche e naturali che tuttavia non riescono a fare il salto di qualità. C'è un'altra tendenza che sembra emergere da qualche anno nella serie delle classifiche sulla qualità della vita, ed è quella della frammentazione della classica polarità Nord-Sud. Sono abbastanza evidenti i segnali di un Mezzogiorno che punta a emergere dalle tradizionali zone di insufficienza. Quest'anno Teramo e Matera sono sbucate nella prima metà della classifica.

Commenti

Epietro

Lun, 19/11/2018 - 09:25

Bravissimi, ma che fatica rispetto alle altre regioni. 1^ Si tengono in regione tutte le tasse che pagano. 2^ Non ancora soddisfatti ricevono altri contributi dallo Stato Centrale, ossia da noi.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 19/11/2018 - 10:47

Sono "Province" di due Regioni autonome. Certamente favorite dal "sistema", a loro favorevole, sono abitate da persone serie, che seriamente lavorano e ben gestiscono i loro conti. Sono favorite, é vero, ma lo meritano anche. Mezzo secolo fa ho lavorato da quelle parti: un altro mondo, per merito loro. Da imitare, non da criticare.