La terra dello Stato se fai il terzo figlio? Ecco come funzionerà

Con la finanziaria arriva la terra per le famiglie con il terzo figlio. Solo per le coppie sposate e gli stranieri residenti in Italia da 10 anni

Con la finanziaria arriva la terra per le famiglie con il terzo figlio. L’idea è del ministro delle Politiche agricole, Gian Marco Centinaio.

“Si dice che in Italia si fanno pochi figli e che serve un aiuto per invertire la tendenza. Per questo il ministero vuole dare un contributo favorendo in particolare le aree rurali, dove i figli si fanno ancora”, spiega il leghista. Si tratterà di una concessione gratuita della durata di 20 anni per i “nuclei familiari con terzo figlio nato negli anni 2019, 2020 e 2021”. Ora il nodo è capire cosa si intende per “nuclei familiari”. Il ministro della Famiglia, il ‘cattolicissimo’ Lorenzo Fontana preme per un’interpretazione restrittiva. Secondo lui il provvedimento dovrebbe essere destinato solo alle coppie sposate e non alle unioni civili o alle coppie di fatto. Dato che sarebbe incostituzionale escludere totalmente gli stranieri, per loro si è deciso di adottare la stessa soluzione adottata per il reddito di cittadinanza: il terreno andrà a chi è residente in Italia da almeno 10 anni. I terreni agricoli in mano allo Stato, inoltre, secondo la Coldiretti, valgono teoricamente 9,9 miliardi e sono pari a mezzo milione di ettari. In verità, il loro valore reale è inferiore perché, come spiega il Corriera della Sera, si tratta di fondi di magazzino difficili da vendere dal momento che l’Agenzia del Demanio, con il progetto ‘Terre vive’ ha già venduto i lotti migliori.

Commenti

PrigionieriEDiversi

Mer, 31/10/2018 - 10:48

Cioè fammi capire: ho un terzo figlio e lo stato mi da un pezzo di terra da zappare per 20 anni? E se abito in centro a Milano, mi ritrovo il terreno in alta val Camonica? E se abito in provincia, che so, di Agrigento, ci costruisco sopra una bella villetta abusiva? È ora di mandare questo governo a zappare la terra!

polonio210

Mer, 31/10/2018 - 11:17

Qualche domanda. 1)Insieme ai terreni viene data, in concessione ventennale, una cascina completa di stalla granaio magazzino per gli attrezzi ed i macchinari? 2)Le sementi sono a carico dello Stato o se le compreranno gli assegnatari? 3)Gli assegnatari dovranno possedere la patente per i mezzi agricoli ed il patentino per l'uso di pesticidi? 4)Se la risposta è sì alla domanda 3, chi pagherà x conseguirli? 5)Gli assegnatari dovranno eleggere la loro residenza nei comuni sotto i quali ricadono i terreni in concessione? 6)Se si risponde sì alla domanda 5, dove si trovano le scuole, di ogni ordine e grado, più vicine e che mezzi ci sono per raggiungerle.

tonipier

Mer, 31/10/2018 - 11:21

" OTTIMA IDEA NON SI PUO' SEMPRE FARE I DISFATTISTI SU TUTTO"

Ritratto di filospinato

filospinato

Mer, 31/10/2018 - 12:47

La cosa stupenda è che tanta sinistra è contraria pure a questa operazione politica che aiuta i proletari. Questo governo fa politica di sinistra davvero e premia gli italiani che sanno seminare (di destra e di sinistra) e vogliono lavorare non quelli pieni di sterili intellettualismi che hanno/stanno parassitizzando l'Italia. BENE

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 31/10/2018 - 12:53

zingari ed afro-magrebini,nonché pakistani ed altre risorse sono già in fila!!

libertyfighter2

Mer, 31/10/2018 - 13:02

Mamma quanto puzza di vecchia URSS.

investigator13

Mer, 31/10/2018 - 13:10

fermate questi grullini, non si rendono conto cosa dicono se nasce il terzo figlio. Tra il dire è il fare c'è di mezzo il mare e non un pezzo di terra. Ma come gli vengono in mente certe idee a questi frulli. Di Maio dai torna a casa….