Ecco quanto ci costano le unioni civili

I dati proposti dalla Ragioneria generale dello Stato non corrisponderebbero al vero. Le unioni tra persone dello stesso sesso rischiano di costare allo Stato centinaia di milioni l'anno

Una premessa. Le unioni civili, così come sono intese nella proposta di legge della senatrice Pd Monica Cirinnà, sono equiparate al matrimonio, con tutto ciò che questo comporta e, da domani, la commissione Giustizia del Senato tornerà a discuterne. Secondo i dati della Ragioneria generale dello Stato, le unioni tra persone dello stesso sesso saranno all'incirca 67mila (in dieci anni). Tante? Poche? E, soprattutto, le unioni civili quanto peseranno sulle casse dello Stato?

Alcuni numeri: ammettendo che saranno circa 67 mila le coppie interessate ad unirsi civilmente, come riporta Libero, "solo il 35% di quelle coppie avrebbe probabilmente il coniuge a carico con relativa possibilità di detrazione fiscale, e il costo salirebbe progressivamente dai 3.2 milioni di euro del 2016 (primo anno di applicazione della normativa) ai 16 milioni di euro a regime previsti nel 2025".

A questo punto bisogna però chiedersi se il numero elaborato dalla Ragioneria generale dello Stato sia realistico oppure no. Come riporta Libero, infatti, "i fans delle unioni civili fanno tutti i loro calcoli sull'esempio tedesco. Hanno preso a prestito buona parte delle norme introdotte in Germania, e quindi sono sicuri che anche in Italia ci sarebbero 67mila unioni civili, perché tanti erano i tedeschi che hanno utilizzato una legge simile secondo il censimento del 2011". I dati italiani, insomma, sarebbero privi di ogni fondamento. Secondo una rilevazione dell'Istat, infatti, le persone omosessuali in Italia sarebbero molte di più e sarebbero comprese in una forbice che va da un milione a tre milioni. Il che renderebbe le unioni civili molto più costose di quanto ipotizzato dalla Ragioneria generale dello Stato e mettendo a rischio lo stesso bilancio dello Stato.

Commenti

Totonno58

Mar, 01/09/2015 - 10:24

Basta!...è arrivata la tanto agognata relazione sui costi?domani il ddl sarà portato in discussione alla Commissione Giustizia?E allora lasciamo che le cose facciano il loro corso...non so se c'è ancora qualcuno che davvero ha ancora voglia di fare salotto su questo argomento...

rokko

Mar, 01/09/2015 - 10:26

Qualche milione di euro metterebbe "a rischio il bilancio dello Stato" ?? Ma di cosa vi siete fatti stamattina ?

vince50

Mar, 01/09/2015 - 10:34

Urge nuovo diluvio che faccia pulizia generale,sperando che il nuovo Noè faccia una "buona scrematura"prima di imbarcare persone a casaccio.

Ritratto di alejob

alejob

Mar, 01/09/2015 - 10:36

Le leggi si SCRIVONO e poi possono venire CANCELLATE. Per prima cosa i (CONUIGI) che lavorano devono pagare le TASSE unendo i due STIPENDI, come fanno in tutti i paesi CIVILI del MONDO. In seconda cosa il (CONUIGE) che rimane solo, riceverà la REVERSIBILITA' solo alla data del suo PENSIONAMENTO non subito dopo la mancanza del compagno. Terzo la REVERSIBILITA' sarà ADEGUATA ad un TETTO delle due ENTRATE se il compagno lavora e se non lavora si TROVA UN LAVORO. Se questo si concreta, la REVERSIBILITA' CESSA automaticamente fino all'ETA' pensionabile.

MenteLibera65

Mar, 01/09/2015 - 10:39

Cosa non fareste per impedire questa legge...... Articolo pieno di imprecisioni e volutamente falso. Che ci siano uno o due milioni di gay in italia, non significa affatto che tutti vogliano "sposarsi". E non mi si venga a dire che la percentuale di gay italiana è maggiore di quella Tedesca. Prendere ad esempio le 67.000 vere "unioni" della Germania, che è un paese simile al nostro, è una cosa di buon senso. Il resto sono solo fregnacce scritte apposta per continuare a spaventare in tutti i modi i cittadini circa questa legge. La quantità di falsità di tutti i generi (gender, adozioni facili, costi assurdi) che si stanno scrivendo daperutto per ostacolare l'approvazione di una legge, che in teoria incide solo su un piccolo nucleo di persone, è segno evidente del grado di avversità omofoba che c'è in questa nazione. Mai nessuna legge era stata così osteggiata, mentre in altri paesi esiste da decenni e nessuno è morto. Altro che lobby gay, qui c'è la lobby omofoba.

Totonno58

Mar, 01/09/2015 - 10:46

alejob...mi sembra che nel ddl Cirinnà è previsto quello che scrivi...in ogni caso puoi dare un notevole contributo alla causa e così si puo' accelerare l'approvazione...anche perchè NUN CIA FACIMM' 'CCHIU'!!:)

rokko

Mar, 01/09/2015 - 10:53

Mi sfugge perché il numero medio di gay in Italia dovrebbe essere diverso da quello della Germania o di altre parti del mondo. Il dato da dove è preso ? Non vi pare di scrivere fregnacce ?

fcf

Mar, 01/09/2015 - 11:26

Oltre allo sconcio morale che rappresenterebbero i "matrimoni" tra gay ci mancavano anche i costi a carico degli italiani.

lento

Mar, 01/09/2015 - 11:26

Ecco questa e' la Tigre che galoppano i comunisti,per prendere voti.....SALVINI Galoppa la Tigre Nobile quella che il popolo Italiano vuole che Galoppi un politico ITALIANO.

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Mar, 01/09/2015 - 11:34

Si comincia con il matrimonio tra gay, poi arriveremo alle adozioni ai gay, e come ciliegina sulla torta il riconoscimento dell'orgoglio pedofilo. Bello schifo!

Totonno58

Mar, 01/09/2015 - 11:44

Pajasu75...sei partito già male ("matrimonio gay"...?!?) e poi la catastrofe...:):)

Ritratto di tethans

tethans

Mar, 01/09/2015 - 11:45

I Dati forniti dalla cancelleria di stato sono molto sbagliati , si dimenticano che se una persona si sposa o entra in unione civile DEVE PAGARE IL COMUNE DI RESIDENZA PER EFFETTUARE LA REGISTRAZIONE E SONO circa 500€ , quello che ha paura lo stato di perdere il tesoretto cioè; LA PAURA DEL GOVERNO E PERDERE I SOLDI CHE VENGONO LASCIATI DA PERSONE SINGOLE ..

Ernestinho

Mar, 01/09/2015 - 11:51

X alejob. Spero dal suo ragionamento esuli il coniuge superstite casalingo, disoccupato non per sua scelta. Come fa a sopravvivere dal decesso al compimento della sua eventuale età pensionabile, sempre più alta?

Ernestinho

Mar, 01/09/2015 - 11:54

Poiché il mio commento critico non viene pubblicato dico solo che sono pienamento daccordo con quello di "Pajasu75" ed altri similari!!!

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 01/09/2015 - 11:55

La famiglia è un'istituzione creata da Dio (o se preferite dalla "natura") per consentire la formazione di un gruppo destinato alla riproduzione della specie. La "famiglia" omosessuale non risponde a questa fondamentale esigenza, anche se pretese del genere vengono avanzate ad uso strumentale, per cui non può essere modellata sulla famiglia "naturale" solo per realizzare un mezzo per migliorare la propria condizione economica a spese della collettività. In un paese in preoccupante crisi di natalità è la famiglia "naturale" che deve essere tutelata e protetta. Per farsene un'idea si veda come è tutelata la famiglia naturale in Russia, il paese culla del comunismo, e cominciamo a vergognarci.

marf9

Mar, 01/09/2015 - 12:06

Preferite forse calcolare quanti soldi sta risparmiando lo Stato non riconoscendo a tutti gli stessi diritti ma imponendo a tutti le stesse tasse? Sarebbe immorale e incivile lucrare sulla disuguaglianza di trattamento dei cittadini. Altrimenti pensiamo anche a quanto ci costa dare l'assistenza sanitaria a quelli con i capelli rossi! Un articolo questo senza logica e senso civico (né cristiano).

qwertyuiopè

Mar, 01/09/2015 - 12:11

Veramente cifre che possono mandare in fallimento lo stato! Cerchiamo di essere seri almeno una volta questi soldi sono una goccia nel mare delle spese dello stato italiano!

Ernestinho

Mar, 01/09/2015 - 12:14

Hai proprio ragione "Totonno58"! Prima lo schifo, e poi la catastrofe!! Ma state zitti, che è meglio!

Ernestinho

Mar, 01/09/2015 - 12:20

Ho capito, è solo questione di soldi. Di morale NIENTE! Povera umanità, come dice un altro commentatore: il Mondo è pronto per un altro Diluvio Universale!

Tuthankamon

Mar, 01/09/2015 - 12:29

Sono totalmente contrario e lo ritengo un errore e una vergogna morale, culturale e storica. Il problema di bilancio è l'ultimo. Sono pronto a scommettere che servirà come grimaldello per utero in affitto e sentenze mirate ad ottenere il favore di qualche corte internazionale!

FranzCard

Mar, 01/09/2015 - 12:32

sempre scioccato dai commenti degli omofobi. e ridurre adesso la questione ad una problematica economica è penoso. d'altronde avete deciso che non dobbiamo avere diritti, altrimenti costiamo troppo. invece le tasse ce le fate pagare... ed essendo tutti single e bene retribuiti, ne paghiamo assai... spero la leggi passi. e il mio voto da Berlusconi andrà diretto a Renzi. è dal 94 che voto centrodestra e chi mi ritrovo? Gasparri che delira sempre sui gay... zero diritti, zero di tutto.

Guido_

Mar, 01/09/2015 - 12:45

Non sarebbe più intelligente riflettere sul fatto che le pensioni di reversibilità o gli sgravi per il coniuge a carico sono assurdità in una società come la nostra? Non ci vuole poi un genio per capire che se si vogliono aiutare le famiglie con prole, gli aiuti vanno indirizzati direttamente a loro, indipendentemente dalla loro condizione coniugale. Credo che l'articolo di Romano sia pura demagogia.

Totonno58

Mar, 01/09/2015 - 12:58

Ernestinho..io invece parlo quanto mi pare e, da cattolico praticante, coniugato con prole, dico che è una legge giusta, ovvia, sacrosanta!!

canaletto

Mar, 01/09/2015 - 13:36

Ecco il nuovo mafio business della sinistra, ormai quello dei migranti è già consunto, adesso si rifanno con i finocchi

Iacobellig

Mar, 01/09/2015 - 13:47

La Cirinnà deve soltanto essere fermata prima che faccia davvero danni agli italiani per la sua ignoranza, inadeguatezza e capacità semplicemente di pensare! Va fermata subito e vada a fare altro!

i-taglianibravagente

Mar, 01/09/2015 - 14:08

L'idrofobo e' quello che ha paura dell'acqua, l'agorofobo e' quello che ha paura di stare in piazza, in mezzo alla gente....ma l'omofobo....? no perche' direi con assoluta certezza che qui la paura dei "gay"...non ce l'ha nessuno....proprio nessuno.

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Mar, 01/09/2015 - 14:33

Unioni civili = Manifesto della deriva umana e sociale. Opponiamoci, prima che diventi illegale essere normali.

Ernestinho

Mar, 01/09/2015 - 14:39

Bravo "totonno58"!. Sei proprio un bell'esempio di cattolico!

Ernestinho

Mar, 01/09/2015 - 14:50

Io sono un cattivo cattolico, le ammetto. Ma per me i valori sono sacri, come la famiglia, ad esempio. Ma la vera famiglia, composta da uomo e donna. Non una pseudo "unione civile", che non significa niente e che mi fa veramente schifo!

fisis

Mar, 01/09/2015 - 14:56

Parlare di costi, quando si tratta di riconoscere dei diritti alle persone, mi sembra grottesco, oltre che offensivo verso la dignità delle persone stesse.

Totonno58

Mar, 01/09/2015 - 15:17

Ernestinho...evidentemente ti senti molto vicino a Dio per giudicare chi è un buon esempio di cattolico...a parte questo, visto che hai una tua rispettabilissima morale riguardo la famiglia, ti invito ad essere coerente ed a ribellarti al fatto che le unioni civili dei nostri parlamentari sono riconosciute e tutelate, omo o gay che siano (con la nostra Chiesa Cattolica che, in proposito, ha sempre taciuto)...o preferisci che i politici godano di privilegi che noi comuni mortali non potremo mai avere?!?FATE PRESTO LA LEGGE SULLE UNIONI CIVILI.

rokko

Mar, 01/09/2015 - 15:23

Guido_, sono d'accordissimo. Siamo all'assurdo che dobbiamo pagare pensioni di reversibilità a persone che non hanno mai nemmeno pensato di lavorare in vita loro.

curiosity1

Mar, 01/09/2015 - 15:26

Articolo vergognoso, sia nella forma che nel contenuto! Nella forma parlare di quanto ci costerebbe in pensioni, detrazioni e via dicendo il riconoscimento di diritti civili sacrosanti è inammissibile, perchè casomai bisognerebbe dire quanto ha risparmiato lo stato finora negando diritti essenziali a suoi cittadini solo in base al loro orientamento sessuale. Nella sostanza poi dire che in italia ci sono più omesessuali che in germania mi sembra una cavolata gigantesca e non degna di un giornale come quello per cui scrive!

little hawks

Mar, 01/09/2015 - 15:31

Se una coppia di giovani che vuole mettere su famiglia si vedesse scippare un alloggio da due innamoratissimi gay, io credo che non saremmo di fronte a qualcosa di buono. Ognuno è libero di fare quello che vuole, e di andare tranquillamente all'inferno se crede, ma la famiglia e l'allevamento dei bambini sono un compito fondamentale da tutelare con ogni mezzo. Si alla pensione di reversibilità se la coppia è etero, ma perché dovremmo pagare con i soldi di tutti una pensione al sopravvissuto?

MenteLibera65

Mar, 01/09/2015 - 15:39

Personalmente ho letto il vangelo per anni, e non ho mai letto una sola parola in cui Gesù dice "impedite agli altri di fare qualcosa". Ho sempre letto parole che dicono "fate o non fate qualcosa". Lo dico per i sedicenti cattolici che pensano di guadagnarsi il paradiso a punti, impedendo la legge sulle unioni civili dei gay.

Totonno58

Mar, 01/09/2015 - 16:52

rokko...spero di aver capito male perchè se pensi che essere gay ti esenta dal lavoro hai raggiunto il top!:)

rokko

Mar, 01/09/2015 - 17:33

Totonno58, non hai capito una cippa :-)) Lasciamo stare la questione gay / non gay. Intendevo dire che non capisco perché uno vedovo pensionisticamente parlando debba essere trattato diversamente da uno che non è mai stato sposato. In altre parole, perché deve esistere la reversibilità della pensione ? Quando uno diventa vedovo, se è ancora abile al lavoro lavori, altrimenti prenda la pensione al minimo. Cosa non è chiaro ?

Totonno58

Mar, 01/09/2015 - 23:45

rokko...ok, chiarissmo...proporrei di leggere questa intervista alla Cirinnà che chairisce molte cose: http://www.repubblica.it/politica/2015/08/31/news/monica_cirinna_-121972864/

GianniGianni

Mer, 02/09/2015 - 00:12

67mila coppie gay in Germania che ha 80 milioni di abitanti e invece 1 milione e mezzo di coppie gay in italia che ha 60 milioni di abitanti? Redazione ma cosa vi siete fumati? Roba cattiva supponmgo