Ecco le spese nascoste dal governo sprecone: un miliardo a settimana

Lo studio Unimpresa che smaschera il premier: nel 2015 52 miliardi di uscite in più. E 26 di tasse

Roma Da una parte le parole, dall'altra i numeri. Sono le solite due facce del governo Renzi, anche in tema di revisione della spesa pubblica. Ieri il consulente alla spending review e alter ego del premier, Yoram Gutgeld, ha scritto al Sole 24 Ore rivendicando i «risultati importanti di un impegno che il governo intende proseguire» sostenendo che in due anni sono stati conseguiti oltre 25 miliardi di riduzione di spesa coniugati a una riduzione delle tasse per 28 miliardi. In quello stesso momento, il Centro studi Unimpresa smentiva l'ottimismo di Gutgeld. Nel pomeriggio un'altra doccia fredda, questa volta proveniente dalla Funzione pubblica: nel 2014 le spese per consulenze esterne della Pa nel 2014 sono aumentate del 61,3% su base annua a 1,19 miliardi di euro.Ma andiamo con ordine. Secondo il Centro studi Unimpresa, infatti, non solo non è stata attuata una vera spending review, ma l'anno scorso è aumentato pure il carico fiscale. In particolare, la spesa pubblica è cresciuta di 52 miliardi di euro, mentre le tasse sono cresciute di quasi 26 miliardi: l'esatto contrario di quanto affermato trionfalisticamente da Gutgeld. Nel 2015 le uscite correnti del bilancio pubblico sono, infatti, passate dai 483,8 miliardi dell'anno precedente a 536,4 miliardi. Le entrate tributarie, invece, sono salite da 407,5 miliardi a 433,4 miliardi. Ovviamente, il ritorno alla crescita registrato nel 2015 ha attenuato l'incidenza della pressione fiscale in relazione al Pil, ma quando si guardano i dati assoluti - al di là degli effetti del ciclo macroeconomico - si osserva come il concetto di riduzione delle tasse sia un fatto puramente nominalistico. «Il governo ci prende in giro: sono chiacchiere quelle sulla spending review e sono chiacchiere pure quelle sulla sforbiciata al prelievo fiscale», ha commentato il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi sintetizzando il renzismo in uno slogan («Tante promesse, molti annunci e zero fatti concreti»).Non poca sorpresa hanno poi destato i dati diffusi dal ministro della Pubblica amministrazione, Marianna Madia. Sono tornati, infatti, ad aumentare i compensi per gli incarichi conferiti da Regioni, ministeri, università e tutto il resto della Pa, sfiorando gli 1,2 miliardi. Insomma, si è tornati a pescare fuori dal perimetro della Pa, che già conta 3,2 milioni di dipendenti. I dati, che emergono dall'Anagrafe delle prestazioni restituiscono una fotografia poco edificante. Il numero di soggetti chiamati a consulenze e collaborazioni è aumentato del 15,7% su base annua nel 2014, ma ancora più significativo è l'incremento di quanti hanno ottenuto un compenso (+48%). Il primato spetta al comparto delle Regioni, che nel 2014 ha registrato un aumento dei costi per la voce in questione del 113%, seguito da ricerca (+56%) e scuola (+55%). Non si sottrae all'incremento nemmeno il comparto «ministeri e agenzie fiscali» (+32%). Sommando tutto il capitolo incarichi, sia interni sia esterni, si ottiene un esborso di quasi 1,5 miliardi per quasi 600mila mandati, spalmati su oltre 300mila soggetti dei quali oltre la metà è esterna alla Pa. Altro che svolta buona: la cara vecchia consulenza ai «fedeli devoti» è più viva che mai.

Annunci

Commenti

Beaufou

Lun, 22/02/2016 - 08:19

Eheheh...come'è noto, nomina sunt omina. Questo qui dall'ottimismo facile (e bugiardo, com'è quello di tutti i suoi compari) si chiama Gutgeld, vale a dire "buon denaro". Il suo: su quello non ci piove. Ahahah.

ilbarzo

Lun, 22/02/2016 - 08:25

Un miliardo a settimana? Tutti in medicine!

linoalo1

Lun, 22/02/2016 - 08:25

Se la spesa fosse servita a salvare l'Italia,non sarebbe certo da criticare!!!Ma così non sembra!!!Chi è perché ha mangiato tutti quei soldi???Il Sinistrato Renzi,lospieghi agli Italiani e poi,visto il Fallimento,si dimetta!!!!!O,forse,anche qui è solo colpa di Berlusconi???Ora che lo avete eliminato,non avete più nessun Capro Espiatorio!!Quindi???'fora dai ball'!!!!

FabComo

Lun, 22/02/2016 - 08:48

Tranquilli saranno solo denigratori...spacciatori di notizie false! Tutta gente che vuole mettere in cattiva luce il Governo del Bomba (anche la Madia?), i soliti gufi catastrofisti..... Ascoltate il suono del pifferaio e vi passerà tutto!

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 22/02/2016 - 08:49

Di questi 52 miliardi la metà 26 l'abbiamo pagata noi (tasse + 26miliardi) l'altra metà ha incrementato il deficit pubblico.FDP

Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Lun, 22/02/2016 - 08:55

Yoram Gutgeld... ma è italiano? Ha ancora il doppio passaporto Israeliano? Un nome (gutGELD), un programma. Interesse Nazionale, questo sconosciuto.

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 22/02/2016 - 09:15

Perché i sinistroidi ed i comunistardi credevano,sul serio,che il fonzie avrebbe fatto gli interessi dell'Italia!!

Ritratto di .BeppeFanClub.

.BeppeFanClub.

Lun, 22/02/2016 - 09:24

c'è ancora qualche itaglione che crede ancora a ciò che dice o fa il renziearelli l'uomo SOLA al comando?

Holmert

Lun, 22/02/2016 - 09:25

Renzi mi ricorda un personaggio di una striscia dell'Intrepido, un giornaletto che leggevo da ragazzo. Si chiamava Superbone, il quale si vantava sempre delle sue imprese e dei suoi familiari. Ricordo quando diceva che lo zio aveva dato molto lustro alla città, poi andando ad indagare si scopriva che faceva il lustrascarpe. Insomma un "pallonaro".

elalca

Lun, 22/02/2016 - 09:26

cialtrone

Ritratto di .BeppeFanClub.

.BeppeFanClub.

Lun, 22/02/2016 - 09:27

funziona così, la SPENNING vale solo per gli ITAGLIONI

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Lun, 22/02/2016 - 09:29

Terrificante. Il mondo sta vivendo forse la più grossa rivoluzione della storia e questi si agitano per tenersi stretti i voti di quattro invertiti.

Ritratto di manasse

manasse

Lun, 22/02/2016 - 09:50

ma cosa aspettarsi dai renzini rossi sono si capaci di rottamare ma il bersaglio non è la vecchia politica mail mercato in generale e il popolo in particolare

canaletto

Lun, 22/02/2016 - 10:12

Piove sempre sul bagnato e solo valanghe di tasse su di noi. Con tutto il personale della PA c'è bisogno di ricorrere a consulenze esterne dei soliti consulenti PIDDI che si fanno pagare a peso d'oro?????? CHIAREZZA NEI CONTI, TRASPARENZA LADRI MALEFICI E SOPRATTUTTO IL BOSS MAFIOSO RENZI

giovanni PERINCIOLO

Lun, 22/02/2016 - 10:43

Al tutto bisogna aggiungere che le condizioni favorevoli sprecate nel 2015 sono irripetibili. Bassissimo costo del denaro che ha ridotto il costo del debito pubblico, valutazione dell'euro che ha favorito le esportazioni, crollo del costo del petrolio.... Solo queste tre "congiunture" da sole avrebbero dovuto portare a dei risultati positivi enormi e invece siamo sempre più nella me-rda! Grazie bischero e soci!