Enna, esempio di come Ncd e Pd si spartirebbero la Sicilia

Una serie infinita di incarichi, consulenze, spartizioni, bandi, progetti e finanziamenti che vedono incrociarsi le strade di Ncd e Pd

Il Fatto quotidiano racconta in un lungo articolo una intricata rete di interessi comuni che dalla Sicilia si estende fino ad arrivare nelle sale del potere a Roma, e che, nell'isola, parte da Enna, feudo del Partito democratico, per arrivare a Bronte, in provincia di Catania, quartier generale del Nuovo centrodestra.

Secondo la ricostruzione del quotidiano, "ogni qual volta in Sicilia nuove e straordinarie opere pubbliche o private aprono le porte a investimenti", due nomi "compaiono e scomapiono, si sovrappongono e ricompongono". Si tratta di Vladimiro Crisafulli, senatore Pd, detto Mirello, balzato agli onori delle cronache per la vicenda del trasferimento del prefetto Fernando Guida e che coinvolge anche il ministro Angelino Alfano, e di Giuseppe Firrarello, esponente di punta di Ncd nell'isola.

Un rapporto, quello tra i due politici, che secondo il Fatto esemplificherebbe la commistione di potere e interessi comuni delle due aree politiche e che hanno visto come teatro la famosa università di Enna, dove sono passati con diversi incarichi personalità di destra e sinistra: Isabella Rauti, moglie di Gianni Alemanno, Enzo Marinello e Giuseppe Beretta, deputati Pd, Elio Rossitto, teorico dell'Mpa, e tanti altri.