Erdogan travolto si rifugia in Allah

L'isterismo del sultano spiazzato dalla tempesta e dai suoi errori

I t's the economy stupid, è l'economia stupido! Valeva come frase chiave della campagna elettorale di Clinton contro Bush nel 1992, e adesso fa un effetto secco quando si vede l'isterismo di Tayyp Erdogan di fronte al tracollo: il suo atteggiamento di continua minaccia interna e internazionale, la prepotenza che si trasforma in repressione senza pari, l'autoritarismo da sultano specie da quando ha vinto le elezioni il 24 giugno risultano irrilevanti o persino ridicole di fronte alla bancarotta. Si tratta di miliardi, ieri Erdogan ha capito che le sanzioni americane stanno veramente entrando in vigore, che l'inflazione è al 16% e cresce e la banca centrale non è capace di aumentare i tassi, che la moneta perde l'11,5% ogni giorno, che Trump ha deciso di alzare le tariffe sull'importazione di alluminio e di acciaio. La frana è incontenibile, la mitologia del leader islamista che può continuare a dialogare con l'Occidente approfittando della memoria storica dell'unico Paese musulmano moderato e collegato all'Occidente a fronte di un mondo arabo molto meno avanzato, si è infranto sulla crisi del capo.

Trump lo ha stretto in un angolo: Erdogan ieri assediato e terrorizzato dall'abbandono degli investitori internazionali ha chiesto, inerme se non di paroloni, una risposta alla sua gente: «Se avete dollari, euro o oro sotto il cuscino, cambiateli in lire turche. È una battaglia nazionale». Se l'è presa non solo con Trump ma anche con la «lobby dei tassi di interesse». Una delle tante teorie della cospirazione di chi ha già messo in galera decine di migliaia di supposti cospiratori contro il suo potere. E occorre tenere ben presente che considera questo potere divino. Sempre in tv ha esclamato: «Abbiamo la nostra gente, abbiamo il nostro diritto e abbiamo Allah». Come Ahmadinejad in Iran, Erdogan spinge molto avanti la sua immagine religiosa, legata alla Fratellanza Musulmana, fino a far dire e scrivere frasi in cui lo si è disegnato sfolgorante di un carisma che lo rende simile a Dio o forse Dio stesso. Molte citazioni descrivono un'aura mistica e un'emanazione di potere sacrosanto dalla sua persona.

La tradizione secolare della Turchia Erdogan l'ha spezzata aumentando il budget del «direttorato» religioso (un ministero con poteri potenziati) è arrivato a 2,5 miliardi di dollari mentre il ministero degli Esteri ne ha 636 milioni. Il direttorato ha la funzione di gestire l'allargarsi a macchia d'olio del giogo religioso, dall'abbigliamento allo stile di vita, alla libertà di espressione. La gestione dei soldi la decide il capo, e in queste ore quello che promette al popolo una svolta economica risolutiva è il ministro delle Finanze che è anche il genero di Erdogan, Berat Albayrak, destinato a un'esplicita espansione del potere del ministero. La crisi con gli americani è nata sull'onda della detenzione del pastore americano Andrew Brunson, detenuto oramai da due anni, accusato dal regime turco di aver cospirato contro il governo e vista invece in America come una forma di persecuzione religiosa. Le richieste di liberazione dell'americano sono state definite da Erdogan «evangeliste e sioniste». Trump ha reagito con le sanzioni.

Lo scontro può portare gravi danni al favoleggiato rapporto con l'Islam? In realtà no, perché quello l'ha già distrutto Erdogan col suo comportamento.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 11/08/2018 - 08:47

ora non potrà avere pretese per entrare in europa :-) lo teniamo fuori, in fondo è un paese problematico!!!

Ritratto di Ulrico

Ulrico

Sab, 11/08/2018 - 09:17

Bravo Erdogan! Continui a sperare in Allah, ma se pensa che gli possa risolvere i problemi, tenga presente che gli ebrei sono 3.500 anni che aspettano la terra che dal Nilo si estende sino all'Eufrate. E se quel fazzoletto in cui vivono, non glielo regalava, per compassione, la G.B., non avrebbero neppure quello.

vigpi

Sab, 11/08/2018 - 09:39

Se domani Salvini proponesse una legge per governare da solo per i prossimi 10 anni, se proponesse una legge per accentrare su di se tutti i poteri, un'altra per comandare indisturbato anche la giustizia penso che sarebbe preso a pernacchie e mandato subito a casa. In Turchia (come pure in Venezuela) invece l'hanno votato!!!!

venco

Sab, 11/08/2018 - 09:40

Sentito stamattina che ha chiesto aiuto a Putin, ma Putin non è allah.

Ritratto di diplomatico

diplomatico

Sab, 11/08/2018 - 10:15

Il crollo della lira turca e la discesa nella polvere di questo dittatore islamista che auspica la conquista dell'Europa mediante la sostituzione etnica ("Andate in Europa e fate non 3, ma 5 figli!") mi riempiono di gioia. Assisterò volentieri in televisione nei prossimi giorni/mesi allo spettacolo confortante di veder sgretolarsi questo regime.

Ritratto di luigin54

luigin54

Sab, 11/08/2018 - 10:25

Ecco l'esempio di un DEMENTE.....

Nick2

Sab, 11/08/2018 - 10:44

Semplicemente, gli si è fatto capire: "O stai da questa parte, altrimenti fai una brutta fine". Ai nazionalisti filorussi dovrebbero fischiare le orecchie. Ma loro non se ne rendono conto. Credono sia una questione di islam...

Yossi0

Sab, 11/08/2018 - 10:57

Difficilmente la fratellanza musulmana miliardaria lo lascerà naufragare a meno che non lo abbiano già sostituito con un altro utile idiota che tra poco emergerà.... stiamo a vedere

Reip

Sab, 11/08/2018 - 11:44

Erdogan e’ solo un demente....

umberto nordio

Sab, 11/08/2018 - 12:37

Che Allah sia pietoso con lui.Anche se non se lo merita....

Nick2

Sab, 11/08/2018 - 13:59

Diplomatico, la Turchia ha un'importanza geopolitica fondamentale per gli equilibri del globo, grazie alla sua posizione di cuscinetto fra Occidente ed Oriente. Inoltre è una grande potenza militare, perché ha il secondo esercito della NATO, dopo quello degli Stati Uniti. Chi governa un paese così complesso deve dare un colpo al cerchio (l'Islam) un colpo alla botte (l'Occidente) e barcamenarsi con la Russia. Questo regime, che secondo Trump si è spostato troppo verso la Russia, probabilmente, pian piano, ritornerà ad avvicinarsi agli USA e ben difficilmente crollerà. Non avete ancora capito che la religione serve solo per sviare l'opinione pubblica delle masse?

6077

Sab, 11/08/2018 - 23:40

erdogan mi sta sulle palle, ma a parte questo e tutti i suoi errori, il crollo della lira è effetto di sanzioni e/o speculazioni. c'è poco da festeggiare. probabilmente questa è la conseguenza di aver comprato batterie contraeree dai russi.

6077

Sab, 11/08/2018 - 23:45

erdogan mi sta sulle palle, ma a parte questo e tutti i suoi errori, il crollo della lira è conseguenza di sanzioni e/o speculazioni. c'è poco da festeggiare.

6077

Sab, 11/08/2018 - 23:51

@ulrico: ma stai scherzando vero? il progetto di fondare israele risale a prima della prima guerra mondiale, e quel pezzo di terra è stato preso con la forza, king david hotel ti dice niente? le due righe azzurre sulla bandiera secondo te cosa sono? tutto lo sgomitare a costo di rischiare un'altra guerra mondiale secondo te a cosa serve?

6077

Sab, 11/08/2018 - 23:54

curioso come gli appelli all'autorità divina siano da condannare solo quando li fanno gli altri.

6077

Dom, 12/08/2018 - 01:11

@Nick2 10e44: concordo. erdogan mi sta antipatico ma il discorso non fa una grinza.