Una famiglia su 20 non riesce a pagare mutui e affitti

Roma - Il 5,4% delle famiglie in Italia nel 2015 ha denunciato difficoltà nel pagamento delle rate dell'affitto o del mutuo. Si tratta del peggior dato dall'inizio della rilevazione Istat sulle condizioni di vita degli italiani nel 2004 e di ben due punti percentuali più elevato rispetto al 2005 (3,4%), anno nel quale molti nuclei iniziarono a beneficiare del deciso taglio Irpef deciso dal governo Berlusconi. Oggi, invece, circa il 60% delle famiglie ritiene «pesante il carico delle spese» da versare alla banca o al proprietario della casa in cui si vive.

In particolare, l'area con il maggior tasso di famiglie in sofferenza è il Sud: il 6,9% fatica a pagare l'affitto al proprietario di casa o il mutuo alla banca. Debitori più puntuali invece al Nord, specialmente al Nord Est (4,7%) e al Centro (4,9%). La differenza la fa anche l'età: tra gli under 35 la percentuale si alza notevolmente (12% a fronte dell'1,5% degli over 65). Ad accumulare meno ritardi sono infatti i pensionati (1,4%), mentre i disoccupati hanno ovviamente maggiori difficoltà (18,9%). L'esborso per l'alloggio rappresenta una delle principali voci di spesa: il costo medio di un mutuo è di 586 euro mensili, quello di un affitto 431 euro. Per il 59,8% di chi ha stipulato un contratto di locazione e per il 58,8% di chi ha sottoscritto un finanziamento ipotecario questo tipo di spesa è considerato «un carico pesante».

Da non trascurare anche il dato sulla difficoltà a onorare le scadenze delle bollette: il 12% delle famiglie italiane non ce la fa: al Centro è una su 10, al Sud e nelle Isole quasi una su cinque. In alcuni periodi dell'anno alcuni nuclei famigliari non hanno soldi per acquistare l'abbigliamento necessario (16%), per fare fronte a malattie (11,7%), per pagare le tasse (13,5%), ma anche per i trasporti (8,8%) o per mangiare (8,3%). Non sorprende perciò che il 71,6% delle famiglie consideri il risparmio «una missione impossibile», record dall'inizio della rilevazione.

D'altronde, tra il 2010 e il 2015, ha ricordato la Cgia di Mestre, gli italiani hanno subito una stangata da 30 miliardi di euro, causata da un incremento del 6,3% delle tasse versate allo Stato (Irpef, Ires, Iva) e dell'8,1% di quelle locali (Ici-Imu, Tasi, addizionali Irpef, Irap). Il Pil nominale, invece, è cresciuto solo del 2,4 per cento. Come ha sottolineato il coordinatore dell'Ufficio studi degli artigiani mestrini, Paolo Zabeo, «tutto questo ha provocato un aumento dell'esclusione sociale e della disoccupazione». L'impennata degli indici di disagio economico, che si riverberano soprattutto sui consumi, nasce da qui.

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 09/12/2016 - 09:12

Ma le case dello Stato sono date agli immigrati perché loro hanno figli, ciò che le giovani coppie di italiani non hanno, perché non se li possono permettere.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 09/12/2016 - 10:49

Peccato! Proprio ora che stavamo andando così bene...

unosolo

Ven, 09/12/2016 - 11:10

cinque anni peggiori della nostra Nazione tra governo tecnico e questo sfrattato , danni enormi solo ai Lavoratori del PIL e pensionati che hanno visto scendere stipendi e assegni di oltre 1500 euro mediamente per anno , mai la rivalutazione nonostante il rottamatore fallito , miliardi persi in tre anni ultimi ? tanti , metteteci anche l'aereo , senza responsabilità alcuna e vuole anche farsi un partito tutto suo per usare quel cadavere d'aereo .

Fjr

Ven, 09/12/2016 - 11:20

Questo è il risultato delle politiche economiche europee unito al solito magna magna tipico della politica italiana,dove prima vengono le risorse mantenute dal popolo e dopo molto dopo lo stesso popolo che le mantiene e se la filiera si dovesse interrompere e il popolo finalmente smettesse di calarsi i pantaloni e mettersi a 90?perche' mi sembra di capire che forse sarebbe venuto il momento di interrompere questa carneficina

VittorioMar

Ven, 09/12/2016 - 11:42

..serve ancora chiarire per i "NO"..????