Il farmacista contro il generale nella gara senza Cinque stelle

Solo Trerotola (centrosinistra) ha conteso la vittoria a Bardi (centrodestra). Fuori causa M5s e «Possibile»

Il Generale, il Farmacista, l'Imprenditore e il Professore. Questa è la storia dei 4 sfidanti che, in Basilicata, vogliono diventare governatore. I partiti li hanno scelti fuori dalla politica, cavalcando l'ondata di protesta che vede nel Palazzo l'origine di tutti i mali.

Vito Bardi, candidato del centrodestra, è il grande favorito della competizione elettorale. Generale in pensione della Guardia di finanza, classe 1951, nato a Potenza, è stato battezzato da Silvio Berlusconi «campione della legalità» che riporterà la Regione sulla retta via dopo 25 anni di centrosinistra. Ha fatto carriera con le Fiamme gialle in giro per l'Italia, sempre con qualche stelletta in più, da Torino a Livorno, da Firenze a Roma, da Bari a Napoli. Prima di buttarsi nell'avventura politica risiedeva proprio sotto il Vesuvio e ieri non ha potuto votare, perché le pratiche per il cambio di residenza non sono state ultimate. In mattinata passeggiava per Matera con la famiglia e poi, a Potenza, ha affrontato la notte elettorale. Per lavoro ha girato tutto il Paese, ma Bardi sente forti le sue radici lucane. Filiano è il paese tra Matera e Melfi dove la sua famiglia è nata e ancora rappresenta un'istituzione. Quattro lauree e due master in tasca, il petto carico di medaglie e croci, una lunga lista di onoreficenze, è stato scelto da Forza Italia come candidato della coalizione e lo slogan che meglio lo rappresenta è: «Presente!». Di sé il Generale dice: «Ho servito lo Stato con passione e determinazione, mettendomi al servizio della collettività, senza mai risparmiarmi». Il curriculum? Maturità classica alla scuola militare «Nunziatella», lauree in Economia e commercio, Giurisprudenza, Scienze internazionali e diplomatiche, Scienze della sicurezza economica e finanziaria, matrimonio 35 anni fa, 2 figli e una grande passione per il calcio. «Le uniche pause me le concedo quando gioca il mio Napoli», dice.

Il Farmacista è Carlo Trerotola, 61 anni, designato dal centrosinistra e vero antagonista di Bardi, secondo i sondaggi. L'ha scelto il Pd per raccogliere l'eredità infangata del governatore Marcello Pittella, fratello dell'europarlamentare Gianni, travolto con la sua giunta dallo scandalo giudiziario che lo ha fatto finire agli arresti. È legato alla famiglia Pittella, ma la sua di famiglia ha una netta impronta di destra. Il padre è stato uno dei fondatori dell'Msi della Basilicata, primo sindaco del partito in provincia di Potenza e si portava Marcello ai comizi di Giorgio Almirante. «Ogni tanto lo ascolto anche adesso», confessa ammirato. Dicono che nella sua farmacia ci fosse un busto del Duce ed è spuntata una tessera del Msi intestata a lui. «Sono orgoglioso di mio padre - dice Trerotola-, dell'educazione che mi hanno dato lui e mia madre che era presidente dell'Azione cattolica, ma non sono di destra e non lo sono mai stato».

Il terzo concorrente è l'Imprenditore del M5s, Antonio Mattia. Doveva essere in pole position, visto che alle politiche di marzo il movimento è arrivato al 44,4 per cento in Basilicata. Invece, paga il crollo del partito al governo e i tanti NO smentiti, dall'Ilva alla Tap, alle trivelle, oltre allo scarso radicamento locale. Mattia ha 47 anni, passate frequentazioni nel centrodestra, una laurea in Giurisprudenza e dal 2012 è pentastellato. A Potenza si occupa di ristorazione e intrattenimento per famiglie, dopo aver lavorato nel settore commerciale.

Il Professore di sinistra è il quarto candidato, con 0 chance. Valerio Tramutoli, 61 anni, docente di Fisica all'università lucana, appoggiato dalla lista civica «La Basilicata Possibile».