Fiducia al Senato, l'ex 5Stelle Paola Nugnes: "Sarà un sì attento"

L'ex M5S e ora iscritta al gruppo Misto del Senato, Paola Nugnes, ha tenuto sulle spine i 5S fino all'ultimo

Dopo aver incassato la fiducia alla Camera, oggi Giuseppe Conte dovrà superare la prova del Senato. Ed è proprio a palazzo Madama lo scoglio per il governo gialloverde. Qui i numeri sono davvero ridotti all'osso: i voti a favore dovrebbe attestarsi tra i 169 voti e i 173, di poco più alti dei 161 necessari per ottenere la maggioranza.

Alcuni senatori non hanno sciolto la riserva e decideranno proprio all'ultimo come votare. Come nel caso di Paola Nugnes, ex M5S e ora iscritta al gruppo Misto del Senato, che prima aveva dichiarato di non voler comunicare il suo voto per poi svelare le sue intenzioni. In discussione generale, si era limitata a un semplice "vedremo...", elencando ad ogni modo le criticità e le "mancanze" nelle proposte programmatiche illustrate ieri alla Camera dal premier.

"Del contributo dato da lei presidente Conte alla crescita di una Lega sovranista non si parla più e ora nasce un governo contro la destra illiberale - ha dichiarato la Nugnes -. Onore a voi se il governo fosse caduto sulla nave Diciotti. Oggi per avere una vera discontinuità bisognerebbe ripristinare la legalità e fare una vera legge sulle migrazioni, affrontare una stagione sui diritti civili. Su lavoro, sicurezza sociale, obiettivi ribaditi che condividiamo e su cui aspettiamo un confronto su proposte concrete. Ma serve anche coraggio, ridare centralità al Parlamento, invece si insiste sulla riduzione del numero dei parlamentari che poggia su presupposti propagandistici e sull'Autonomia differenziata".

Dopo aver tenuto sulle spine il M5S per giorni, l'ex grillina ha poi svelato: "Il mio sarà un critico, anzi, un sì attento".