Fini, si allargano i guai: processo per riciclaggio Rischia fino a trent'anni

L'ex leader di An rinviato a giudizio insieme al cognato Tulliani e al «re delle slot» Corallo

La famigerata casa di Montecarlo porta nuovi guai a Gianfranco Fini. L'ex presidente della Camera finisce sul banco degli imputati e dovrà difendersi dall'accusa, pesantissima, di riciclaggio. Il processo comincerà il 30 novembre e riguarda 10 persone: il re delle slot machine Francesco Corallo, alcuni suoi collaboratori, l'ex deputato di Forza Italia Amedeo Laboccetta, Fini, la compagna Elisabetta Tulliani, il cognato Giancarlo, il suocero Sergio.

«Dimostrerò la mia innocenza davanti ai giudici», replica l'ex leader di An, appena avuta la notizia del rinvio a giudizio. Si vedrà in aula. Per la Procura di Roma, Corallo, potentissimo dominus del gioco d'azzardo, avrebbe sistematicamente evaso le imposte dovute sulle sue attività, trasferendo fra il 2008 e il 2014 ai Caraibi qualcosa come 150 milioni di euro, prontamente reinvestiti in attività economiche, finanziarie, immobiliari. Per questo, l'imprenditore catanese è ritenuto la mente di un'associazione a delinquere finalizzata al peculato, al riciclaggio e alla 14, oggetto nell'estate del 2010 di una memorabile campagna del Giornale, liquidata allora da molti giornali e dalla procura con un'alzata di spalle o, peggio, qualificandola come una colata di fango. Fini invece rassicurava gli italiani: «Non ho nulla da nascondere». E sottolineava «l'ossessiva campagna dei giornali berlusconiani».

Non era cosi: quelle stanze dorate, destinate da una facoltosa benefattrice al partito, erano invece finite nella disponibilità del clan Fini-Tulliani. Insomma, secondo la procura che oggi si ricrede e torna sui suoi passi, quell'acquisto fu effettuato attingendo agli infiniti capitali di Corallo e quell'operazione rappresenta uno dei cinque momenti in cui a Fini viene contestato il riciclaggio. Per questo la pena massima, che codice alla mano arriva per un singolo episodio fino al tetto di 12 anni, potrebbe salire, sempre sulla carta, fino a 30 anni. Gli avvocati, a cominciare da Nicola Madia, difensore di Sergio e Giancarlo Tulliani, contestano tutti i passaggi della costruzione giuridica e di fatto ritengono che i pm abbiano tentato in extremis, con le armi ormai spuntate dalla prescrizione di un'eventuale corruzione, di rimediare in qualche modo agli errori precedenti. La Procura però va avanti e sostiene che pure la cessione a terzi del solito appartamento di boulevard Princesse Charlotte sia stata illegale, configurando per quel ricavo, pari a 1,2 milioni di euro, l'autoriciclaggio.

In tutto, su questo secondo versante vengono identificati 7 milioni di euro frutto di riciclaggio. E per un segmento da 2,4 milioni, si sfiorano suggestioni penali ancora più forti: quei denari, transitati come al solito attraverso canali off shore, sarebbero stati utilizzati dal trio Tulliani per attività immobiliari in Italia e questo sarebbe avvenuto in coincidenza di un passaggio legislativo molto delicato e atteso, l'approvazione del decreto 78/2009. Con quel provvedimento si rinnovava la disciplina del gioco d'azzardo, naturalmente a vantaggio delle società poi risucchiate nell'inchiesta. La svolta era arrivata il 13 dicembre 2016 con gli arresti eccellenti di Corallo e Laboccetta: il primo era stato ammanettato dalla polizia olandese nell'isola di Saint Marteen, il suo quartier generale, il secondo, parlamentare del Pdl fino al 2013, era stato bloccato a Napoli.

Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 17/07/2018 - 08:53

Non rischia niente, ha aiutato e molto i komunisti.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Mar, 17/07/2018 - 09:05

Fermiamoci un attimo e smettiamola di scherzare. A me poco interessa la vicenda giudiziaria di Fini, che tra l'altro, conoscendo la magistratura italiana, molto probabilmente finirà con una bella prescrizione (i tempi sono dettati dai magistrati), mi interessa sottolineare l'aspetto politico-morale che ha investito tutto l'affare della casa di Montecarlo. Qui fini ne esce con le ossa rotte avendo dimostrato di essere quel che è (sic), ma non solo lui, ne escono per quel che realmente "sono" tutti quelli (giornali e presidenti compresi) che, sodali con lui, l'anno coperto e sostenuto nella battaglia per far cadere il govrno Berlusconi. Spero che se ne traggano el dovute conseguenze, politico-morali ovviamente.

timoty martin

Mar, 17/07/2018 - 09:25

Speriamo lo mettano finalmente in prigione. Purtroppo le speranze sono minime, gli appoggi sinistroidi sono tanti

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 17/07/2018 - 10:12

eeehhh... 30 anni di carcere! BUM!!! Nemmeno gli autori della strage di Bologna sono stati in carcere così a lungo.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Mar, 17/07/2018 - 10:34

Fermiamoci un attimo e smettiamola di scherzare. A me poco interessa la vicenda giudiziaria di Fini che, tra l'altro, conoscendo la magistratura italiana, molto probabilmente finirà con una bella prescrizione (i tempi sono dettati dai magistrati), mi interessa sottolineare l'aspetto politico-morale che ha investito tutto l'affare della casa di Montecarlo. Qui fini ne esce con le ossa rotte avendo dimostrato di essere quel che è (sic), ma non solo lui, ne escono per quel che realmente "sono" tutti quelli (giornali e presidenti compresi) che, sodali con lui, l'hanno spinto, coperto e sostenuto nella battaglia per far cadere il govrno Berlusconi. Spero che se ne traggano le dovute conclusioni, politico-morali ovviamente.

Duka

Mar, 17/07/2018 - 10:50

SPERIAMO!!! LUI E TUTTA LA BANDA TULLIANI-

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 17/07/2018 - 10:53

Bene....uscirà quando li avrà FINI-ti (forse).

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 17/07/2018 - 11:06

---articolo esagerato che denota ancora il dente avvelenato dell'editore nei confronti di fini---anche un tipo semplice che conosca un pò le carte sa che fini ne uscirà alla grande---il partito poteva vendere la casa a chiunque --anche ad una off--senza essere obbligata a conoscere chi si nascondeva dietro di essa--l'importante era che l'immobile non fosse svenduto--e così non è stato dal momento che il valore di vendita è stato maggiore del valore con il quale l'appartamento fu registrato nelle carte del partito--se poi dalla vendita è iniziata una rivendita per attuare un piano di riciclaggio--non esiste conto corrente alcuno riconducibile a fini--mentre esistono cc riconducibili a tutta la stirpe tulliani--fini si salverà--la famiglia acquisita no--swag

federik

Mar, 17/07/2018 - 11:19

Trent'anni??? Non illudeteci, ricordatevi che Giuda è amico dei comunisti....

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mar, 17/07/2018 - 12:08

in galera devi andare maledetto traditore.

occhiotv

Mar, 17/07/2018 - 12:37

Magari. Manfredi diceva "fusse ca fusse la vorta bona"

tosco1

Mar, 17/07/2018 - 12:44

La parabola Fini e' ormai al tonfo finale.

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Mar, 17/07/2018 - 12:48

è probabile finisca tutto nella solita bolla di sapone, ma almeno che trascorra i prossimi 10 anni a pagare avvocati e presenziare nelle aule di tribunale, di più non credo si possa chiedere a questa magistratura.

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 17/07/2018 - 12:56

Ma va, in carcere in itaglia? Alla fine se la cava, se va male prende due anni con la condizionale o prescrivono tutto.

Ritratto di redarrow

redarrow

Mar, 17/07/2018 - 13:45

Forse questa farsa vedra' la luce tra qualche lustro!

Ritratto di ichhatteinenKam.

ichhatteinenKam.

Mar, 17/07/2018 - 19:42

HA QUASI 66 ANNI RINVIATO A GIUDIZIO NE PASSANO ALTRI 10 E IN TANTO MANGIA E FOTTE