Per il forcaiolo De Magistris la Severino è incostituzionale

Il sindaco sospeso di Napoli fa ricorso al Tar per riavere la sua poltrona

«In qualunque altro Paese europeo un premier si sarebbe già dimesso. Di cosa altro deve essere sospettato per poter compiere un decoroso passo indietro in segno di rispetto delle istituzioni e degli italiani? Quale altra bassezza etica e quale altra accusa giudiziaria devono piovergli addosso per liberarci della sua presenza?» s'indignava Luigi De Magistris nel 2011, quando il premier Silvio Berlusconi fu indagato per il caso Ruby. A tre anni di distanza, dopo che Berlusconi è decaduto da senatore per la effetto della legge Severino, è proprio De Magistris non solo ad essere condannato, ma a decadere da sindaco per via della medesima legge Severino. E cosa fa? Un ricorso al Tar per «incostituzionalità delle legge Severino».

È l'ultima carta che l'ex pm, lanciato in politica da un altro ex pm, Antonio Di Pietro, prova per salvarsi dal «decoroso passo indietro» da sindaco di Napoli che proprio non vuole fare, malgrado la sospensione già notificatagli dal prefetto. Mentre il Pd napoletano raccoglie le firme per sfiduciarlo, e il vicesegretario Lorenzo Guerini chiede di «staccare la spina» alla stagione De Magistris, il sindaco sospeso, nel frattempo autonominatosi «sindaco di strada», conta le ore che lo separano dalla decisione della prima sezione del Tar Campania, presieduta dal presidente del Tribunale amministrativo regionale Cesare Mastrocola. I suoi legali (affiancati dagli avvocati dell'Avvocatura del Comune di Napoli costituito ad adiuvandum », cioè a sostegno di De Magistris, spiega il Corriere del Mezzogiorno ) hanno presentato una richiesta di sospensiva del provvedimento che ha sospeso De Magistris da sindaco. L'udienza è fissata per dopodomani, mentre si attende il verdetto già per giovedì 23, salvo rinvii. Se il Tar gli darà ragione, De Magistris tornerà sindaco il giorno stesso. E tutto sarebbe congelato fino ad una pronuncia della Corte costituzionale, con tempi inevitabilmente dilatati. Perché il ricorso dell'ex pm punta proprio su quello, sulla incostituzionalità della legge Severino, tema su cui ovviamente non può pronunciarsi un Tar ma solo la Consulta.

Nell'istanza, finora tenuta top secret, si chiede il rinvio ai giudici costituzionali - e quindi il reintegro di De Magistris nelle sue funzioni - perché la legge Severino avrebbe profili di incostituzionalità. I punti su cui lavora la difesa di De Magistris sarebbero due. Il tipo di reato che fa scattare la norma, cioè l'abuso d'ufficio (per cui De Magistris è stato condannato in primo grado a 15 mesi di reclusione pena sospesa) applicato a sindaci e assessori. Un sospetto «eccesso di delega» del governo rispetto ad un ente locale che viene così amputato dei suoi vertici. L'altro aspetto è la retroattività, già emerso nel dibattito sulla decadenza di Berlusconi. «La legge Severino è già stata applicata a molti amministratori locali, ma sul piano interpretativo restano dubbi non ancora sciolti - spiega il presidente dell'Unione Camere Penali, Beniamino Migliucci, alla Gazzetta del Mezzogiorno -. Se si ritiene che si tratti di una norma sanzionatoria allora non dovrebbe essere retroattiva. E nel caso di De Magistris la norma è stata approvata dopo l'apertura dell'inchiesta, mentre il processo era in corso». Dunque ci sono i margini per considerarla incostituzionale, e su quelli punta De Magistris che spera di ribaltare «l'ingiustizia» subita («Sono onesto fino al midollo, questo è regime. Siamo fiduciosi nei ricorsi che avvieremo. Torno presto»).

Nel frattempo continua l'inedita fiction «Il sindaco di strada». Sul suo sito De Magistris aggiorna la popolazione sull'attività on the road : «Oggi ho visitato scuole, ospedali e luoghi pubblici dei tre quartieri Marianella, Posillipo...», «Domenica tra musei e città metropolitana», «Oggi ho ascoltato le cittadine e i cittadini dei quartieri Scampia e Soccavo» etc. Attivissimo non solo su strada ma anche su Twitter, dove accusa di incostituzionalità anche la circolare del Viminale sulla non validità dei matrimoni omosessuali celebrati all'estero. Incita il suo elettorato a «Resistere, Resistere, Resistere: a Napoli pagine di resistenza per opporci a cricche, mafie, caste politiche, affaristi e massonerie deviate», e presta la voce al rap di una nuova etichetta musicale indipendente napoletana «Suono Libero Music». Con la speranza di tornare presto occupato, come sindaco, grazie al Tar.

Commenti

m.nanni

Lun, 20/10/2014 - 08:40

la legge del peggiore ministro di tutti i tempi della repubblica italiana, la Severino è incostituzionale anche a naso: può una legge ordinaria scardinare la sacralità dei principi sanciti dalla costituzione in tema di presunzione d'innocenza sino a sentenza definitiva? può una legge ordinaria di uno stato democratico annullare il principio costituzionale applicando la sanzione della colpevolezza sin dal primo grado di giudizio? io non ho nulla da spartire con Demagistris, ma si doveva aspettare Demagistris a voler annullare una legge stalinista? il centrodestra perchè non parla meno e agisce di più e meglio?

Ritratto di V_for_Vendetta

V_for_Vendetta

Lun, 20/10/2014 - 08:45

ovviamente se applicata a loro e' incostituzionale, se invece appicata agli avversari politici e' corretta, adeguata e deve essere rigorosamente applicata. Siete proprio degli ottusi comunisti con la mente annebbiata, continuate a votare sta gente, bravi.

linoalo1

Lun, 20/10/2014 - 08:56

Povero De Magistris!Ma cosa ha fatto?La Legge Severino e' incostituzionale?Peccato che,prima di lui,lo avesse proclamato un certo Berlusconi!Allora,nessuno lo aveva ascoltato!E,a maggior ragione,anche oggi,tale Legge,resterà nascosta nel dimenticatoio!Perchè?Ovviamente perché il caso Berlusconi è stato chiuso e sepolto!Altrimenti,si correrebbe il rischio che Berlusconi avesse avuto ragione,con tutte le conseguenze del caso!Lino.

Ritratto di indi

indi

Lun, 20/10/2014 - 08:59

Quanta immondizzia da djscarica, nel genere umano.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Lun, 20/10/2014 - 09:03

"La Severino è incostituzionale". Però quando è stata applicata per far decadere Berlusconi da Senatore non abbiamo sentito "Giggino Munnezza" dire la stessa cosa. Per coerenza si dovrebbe sputare in faccia da solo!

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Lun, 20/10/2014 - 09:05

Mai avrei creduto che i Napoletani arrivassero a digerire un simile quacquaraquà!

Ritratto di gabrichan46

gabrichan46

Lun, 20/10/2014 - 09:07

Mi ha colpito una frase di De Magistris, pronunciata nei confronti di Berlusconi. :-Quale altra accusa giudiziaria deve piovergli addosso....- Questo ha fatto la magistratura "politicizzata" Ha scagliato una serie di accuse, più o meno motivate, più ho meno supportate da qualche teorema, per cercare di distruggere Berlusconi Non riuscendoci sono passati ad inventarsi le condanne, costruendo tribunali ad hoc. Però, noi lo avevamo detto, a forza di schizzare fango qualche schizzo può colpire i lanciatori. Adesso ad aprire l'ombrello deve pensarci De Magistris. Speriamo bene per gli altri.

angelomaria

Lun, 20/10/2014 - 09:08

IL SOLITO GIGETTO CHE SI CREDE SUPERIORE A TUTTI E INTOCCABILE TROPE VOLTE T'E' ANDATA LISCIA ORA E'TEMPO DI PAGARLE TUTTE!!!BUONGIORNO E BUONTUTTO A VOI CARI LETTORI E DIREZIONE.

Ritratto di Azo

Azo

Lun, 20/10/2014 - 09:15

Scusate tanto, questo de magistris, ha gestito la mansione di sindaco di Napoli, peggiò di un BIFOLCO, "CI SONO AVVOCATI PAGATI DAL COMUNE DI NAPOLI CHE LO DIFENDONO"!!! ( Come è possibile ) ??? NON È CHE LA CAMORRA ABBIA PRESO IL POTERE TOTALE NEL TERRITORIO CAMPANO ? COSA FÀ "RE GIORGIO" PER RIPULIRE L`ONTA. CREATA DA QUEL DE MAGISTRIS, EX MAGISTRATO, SINDACO, PIENO DI BORIA E DI SPAVALDERIA, CHE DOVREBBE ESSERE DA SIMBOLO DEL PAESE ??? QUANDO LI METTONO TUTTI IN GALERA, QUESTI DELINQUENTI ???

Ritratto di dbell56

dbell56

Lun, 20/10/2014 - 09:15

Si incostituzionale per lui ma non per il Berlusca. I forcaioli giustizialisti son così! Subito tremendamente pronti ad auto-assolversi ma altrettanto pronti a gettare la croce sul prossimo e a far becera morale su tutto e tutti, buttando addosso ad altri il fango che li ricopre. De Magistris è solo un pusillanime. Lui e quelli come lui, che sono purtroppo la più parte degli italiani.

cicero08

Lun, 20/10/2014 - 09:18

Questo perché hanno omesso di contestarglii il reato di vilipendio che ci stava pRoprio tutto

Ritratto di elio2

elio2

Lun, 20/10/2014 - 09:21

E'chiaramente costituzionale e guai affermare il contrario, se riguarda Berlusconi e diventa automaticamente incostituzionale se riguarda un qualche compagno. Niente di nuovo sotto il sole, da sempre si adattano le leggi a loro uso e consumo. Certo però che votare questi delinquenti qua bisogna proprio non essere in grado di intendere e volere.

Ritratto di roberto-sixty-four

roberto-sixty-four

Lun, 20/10/2014 - 09:25

Un pagliaccio degno di un paese di pagliacci.

Ritratto di marforio

marforio

Lun, 20/10/2014 - 09:28

Tutti allupati per una vile poltrona.Che popolo di M siamo diventati.

rossono

Lun, 20/10/2014 - 09:30

vi ricordate quel sindacalista scroccone che dopo un secondo della lettura della sentenza di condanna a Berlusconi si presentò ai microfoni a gridare che le sentenze vanno rispettate senza se e senza ma, che l`he successo e diventato muto? Poveretto!!!

elgar

Lun, 20/10/2014 - 09:44

Che faccia di tolla! Proprio lui che in televisione si faceva paladino dell'art. 3 della Costituzione ovvero che la legge è uguale per tutti. @rossono. Certo che lo ricordo era il signor Epifani Guglielmo all'epoca segretario del PD. Giudizio del medesimo non pervenuto. Silenzio assordante.

meverix

Lun, 20/10/2014 - 09:46

Giggino, nel tuo tour napoletano on the road, fai una capatina all'interno del Vesuvio.

ilritornodigesù2000

Lun, 20/10/2014 - 10:09

Non ho cosa dire riguardo questa notizia. Solo che sembra ci sia sempre l'interesse..... personale. VOTA IL PARTITO "AIUTIAMO L'ITALIA" VOTA IL PARTITO "AIUTIAMO L'ITALIA"

eglanthyne

Lun, 20/10/2014 - 10:14

UE',così parlò 'o EX sindaco!

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Lun, 20/10/2014 - 11:02

Fai come dico io ma non fare come ca?????volo faccio io.

Lino.Lo.Giacco

Lun, 20/10/2014 - 11:05

ci sono tutti i presupposti per un caos generale,il paese vive una anarchia totale,ogni sindaco si fa le sue leggi,ogni regione si fa le sue come si puo' chiedere al cittadino "normale" il rispetto delle leggi quali? i governatori sono contro il governo come se loro non ne facessero parte,come i sindaci,i magistrati i prefetti... chi e' lo stato? solo renzi? strano che il dindacato che tutela i governatori non abbiano dichiarato sciopero generale contro il governo ma il capo dello stato cosa dice? e' orgoglioso di rappresentare questo paese da quarto mondo??

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Lun, 20/10/2014 - 11:15

I kommmunisti sono come le kavallette..quando passano lasciano dietro il deserto..si magnano tutto e anche di più..alla fine quando non è rimasto più niente.. si magnano anche tra di loro!!

Ritratto di 48RENATO

48RENATO

Lun, 20/10/2014 - 11:35

Vai Giggino,vinci la tua battaglia,vediamo se poi la legge severino è incostituzionale solo per te.SAI CHE RISATE QUANDO DOVRANNO ASSOLVERE ANCHE BERLUSCONI PER INCOSTITUZIONALITA,E ALTRI. EEEEEEEEEEE VAI

Ritratto di enzo33

enzo33

Lun, 20/10/2014 - 12:01

La legge Severino è incostituzionale? veramente? Bene, Bravo, Bis... (non è che non lasci perchè c'è qualcosa in pentola, magari Bagnoli da "sistemare")?

Libertà75

Lun, 20/10/2014 - 12:02

La severino oltre ad essere incostituzionale per retroattività, è anche incostituzionale perché affligge un'ammenda (anche se amministrativa come la sospensione) quando la sentenza non è ancora definitiva. Il nostro ordinamento prevede che uno è innocente fino a sentenza definitiva, quindi perché "sospenderlo" se ancora non si è certi della sua colpevolezza? Per me ha ragione, poi pistola lui a non aver fatto una battaglia prima...

Hook61

Lun, 20/10/2014 - 12:34

secondo me (purtroppo) ha ragione sto scugnizzo. Comunque il suo e quello di Berlusconi sono due casi diversi. Per quel che capisco io la sua sentenza non e' definitiva, al contrario di quella di B... Mi sa che (purtroppo) ha delle possibilita' di farcela. D'altronde quando a fare le leggi ci sono i massimi ignoranti della Nazione...altro non dico

Felice48

Lun, 20/10/2014 - 12:38

Ma quando si è trattato di applicare questa legge al caso di Berlusconi non credo che il de magistris abbia sostenuto questa convinzione che adesso incastra lui.

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Lun, 20/10/2014 - 12:39

Bene immagino anche il magistrato e politico di sinistra..inoltrerà un'istanza alla Corte di Giustizia..quindi l'accusa di incostituzionalità sarà bipartisan e ancora più credibile!!

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Lun, 20/10/2014 - 12:42

CHI DI TOGA FERISCE DI TOGA PERISCE...

Ritratto di depil

depil

Lun, 20/10/2014 - 13:00

è ora che questo PREGIUDICATO venga preso a calci in faccia e mandato in Africa.

squalotigre

Lun, 20/10/2014 - 13:32

m.nanni- cosa dovrebbe fare il cdx oltre che denunciare la legge come anticostituzionale? E' anticostituzionale non solo perché colpisce coloro che non sono stati condannati in via definitiva, ma anche perché viene applicata in maniera retroattiva. Il cdx lo ha gridato e riaffermato in tutte le sedi ma la sx ha detto che tutto era regolare, sacrosanto, legale e che un simile provvedimento era addirittura insufficiente perché Silvio avrebbe dovuto subire almeno un paio di giri di ruota o in alternativa una decina di frustate, a scelta. Invece, guarda un po', adesso diventa per bocca di colui che invocava le scudisciate, stalinista. Ma andare a nascondersi lui e gli ipocriti, farisei, giustizialisti a corrente alternata no?

Ritratto di moshe

moshe

Lun, 20/10/2014 - 13:40

Io non gli darei nemmeno un posto da netturbino, un posto da netturbino è un posto per persone che hanno una dignità!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Lun, 20/10/2014 - 14:14

É GIA! PER UN KOMUNISTRONZO COME DEMAGISTRIS LE LEGGI SONO INCOSTITUZIONALI; QUANDO SONO LORO AD ESSERE ACCUSATI!!!.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Lun, 20/10/2014 - 14:18

É GIA! PER UN KOMUNISTRONZO COME DEMAGISTRIS LE LEGGI SONO INCOSTITUZIONALI; QUANDO SONO LORO AD ESSERE ACCUSATI!!!.

Romolo48

Lun, 20/10/2014 - 14:20

Poveri Napoletani! Ma vi rendete conto di chi vi siete portati in casa?

Ritratto di semovente

semovente

Lun, 20/10/2014 - 15:12

L'avesse detto Berlusconi sarebbe scoppiata la 4^ guerra mondiale (4^ perchè la terza è già in corso, come da affermazioni di persone molto importanti su questa terra).

emmea

Lun, 20/10/2014 - 15:25

#Libertà 75. Ma lei come ragiona? Ci sono altre figure nella pubblica amministrazione che in caso di procedimento penale per determinati reati possono essere soggetti alla sospensione cautelare dal servizio e dalle funzioni e anche non in presenza di un giudizio di primo grado. Mi dica, secondo lei dovrebbe valere anche per costoro il principio di non colpevolezza fino a sentenza definitiva? Questi provvedimenti, previsti da leggi e regolamenti, sono applicati (e sono opportuni) perché tendono a salvaguardare la P.A. e le pubbliche istituzioni e mirano a impedire che soggetti sottoposti a indagini o condannati per reati di una certa gravità continuino ad operare all’interno delle stesse, screditandole. Ma in questi casi nessuno ha mai sollevato il problema. Lei sostiene che la legge Severino sia incostituzionale e si ritiene in buona compagnia perché anche il signor Giggino lo sostiene (pelosamente a mio parere giacchè vi ha interesse). Io invece sostengo il contrario e sono anch’io in buona compagnia. Si legga bene la legge se non lo ha ancora fatto e scoprirà che la ratio è quella di evitare che si ripetano situazioni che da venti anni, anzi da sempre, le persone oneste e per bene chiedono alla politica: cioè quella di evitare che i condannati per reati di un certo tipo e gravità ricoprano cariche pubbliche o siedano in organismi istituzionali in cui l’onore, l’onestà ed il decoro morale devono essere alla base e rappresentare un requisito fondamentale. La legge Severino a mio parere non è una norma penale perché la decadenza o la sospensione che prevede in taluni casi non sono a mio parere pene accessorie (e men che meno ammende amministrative, come le chiame lei, che non esistono – ma dove le legge queste boiate su Topolino?) le quali, dovrebbe saperlo, sono applicate sempre dal giudice. Io mi sono fatto l’idea che si tratta di due istituti particolari che scattano automaticamente in presenza di un giudicato penale anche non definitivo, né più né meno di quando il Questore o il Prefetto revoca una licenza di pubblica sicurezza ad un soggetto condannato penalmente per un reato ostativo al rilascio di quella stessa licenza in senso assoluto, per cui vengono a mancare in capo al titolare le condizioni che diedero luogo al rilascio della stessa licenza. Il guaio è che vi è la pretesa e l’arroganza di adattare le norme alle proprie esigenze e quel che è più grave è che l’opinione pubblica si muove sempre spinto non già da una valutazione oggettiva dei fatti ma il più delle volte da una valutazione politica determinata dalla passione per l’uno o l’altro schieramento. Quando avremo imparato ad essere onesti intellettualmente forse questo paese prenderà una piega diversa.

emmea

Lun, 20/10/2014 - 15:26

#Libertà 75. Ma lei come ragiona? Ci sono altre figure nella pubblica amministrazione che in caso di procedimento penale per determinati reati possono essere soggetti alla sospensione cautelare dal servizio e dalle funzioni e anche non in presenza di un giudizio di primo grado. Mi dica, secondo lei dovrebbe valere anche per costoro il principio di non colpevolezza fino a sentenza definitiva? Questi provvedimenti, previsti da leggi e regolamenti, sono applicati (e sono opportuni) perché tendono a salvaguardare la P.A. e le pubbliche istituzioni e mirano a impedire che soggetti sottoposti a indagini o condannati per reati di una certa gravità continuino ad operare all’interno delle stesse, screditandole. Ma in questi casi nessuno ha mai sollevato il problema. Lei sostiene che la legge Severino sia incostituzionale e si ritiene in buona compagnia perché anche il signor Giggino lo sostiene (pelosamente a mio parere giacchè vi ha interesse). Io invece sostengo il contrario e sono anch’io in buona compagnia. Si legga bene la legge se non lo ha ancora fatto e scoprirà che la ratio è quella di evitare che si ripetano situazioni che da venti anni, anzi da sempre, le persone oneste e per bene chiedono alla politica: cioè quella di evitare che i condannati per reati di un certo tipo e gravità ricoprano cariche pubbliche o siedano in organismi istituzionali in cui l’onore, l’onestà ed il decoro morale devono essere alla base e rappresentare un requisito fondamentale. La legge Severino a mio parere non è una norma penale perché la decadenza o la sospensione che prevede in taluni casi non sono a mio parere pene accessorie (e men che meno ammende amministrative, come le chiame lei, che non esistono – ma dove le legge queste boiate su Topolino?) le quali, dovrebbe saperlo, sono applicate sempre dal giudice. Io mi sono fatto l’idea che si tratta di due istituti particolari che scattano automaticamente in presenza di un giudicato penale anche non definitivo, né più né meno di quando il Questore o il Prefetto revoca una licenza di pubblica sicurezza ad un soggetto condannato penalmente per un reato ostativo al rilascio di quella stessa licenza in senso assoluto, per cui vengono a mancare in capo al titolare le condizioni che diedero luogo al rilascio della stessa licenza. Il guaio è che vi è la pretesa e l’arroganza di adattare le norme alle proprie esigenze e quel che è più grave è che l’opinione pubblica si muove sempre spinto non già da una valutazione oggettiva dei fatti ma il più delle volte da una valutazione politica determinata dalla passione per l’uno o l’altro schieramento. Quando avremo imparato ad essere onesti intellettualmente forse questo paese prenderà una piega diversa.

agosvac

Lun, 20/10/2014 - 15:48

Se avesse ragione de magistris e la legge severino fosse contraria alla Costituzione, insieme a lui dovrebbe anche essere reintegrato nelle sue funzioni di senatore certo Berlusconi!!!!!

giovanni PERINCIOLO

Lun, 20/10/2014 - 15:51

Tipico esempio di coerenza, imparzialità, dignità di certi magistrati italiani allevati e cresciuti alla fonte gramsciana de "il fine giustifica i mezzi" e i trinatriciuti applaudono per Berlusconi ma spariscono per giggino!

ex d.c.

Lun, 20/10/2014 - 16:18

Se per caso vince varrà, speriamo, anche per Berlusconi

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 20/10/2014 - 16:21

de magistris ha avuto solo un merito, per quel che vale! è stato l'unico che si è preso la briga di indagare e condannare la sinistra, vedi prodi, il why not... chissà come mai questa indagine è finita nel nulla, e l'ex magistrato è finito bruciato come sindaco? :-)

Ritratto di onollov35

onollov35

Lun, 20/10/2014 - 16:47

Se è incostituzionale per il suignor Giggino, lo è anche per Berlusconi. Allora deve ritornare Senatore!

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Lun, 20/10/2014 - 18:27

Ma questo tipo di gentaglia ci vorrebbe anche governare, ma non si fa abbastanza schifo?

pinux3

Lun, 20/10/2014 - 18:45

@rossono...Ti risulta che qualcuno nel PD abbia detto che De Magistris non deve dimettersi? No? Allora perchè scrivi minchiate?

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Lun, 20/10/2014 - 18:54

La legge-Severino, checché ne dirà e se lo dirà la CC, è una boiata infame non meno della famigerata corazzata Potëmkin di fantoziana memoria. Fantozzi e Severino infatti, aldilà della legittimità, merito e legalità della norma, sono accomunati da un unico destino, quello di far ridere. E la Severino, poveretta, non è stata neanche sola. Attribuire retroattività civile, penale o amministrativa ad una norma è una barbarie che solo gli Unni potevano immaginare. Gli Unni stessi si domanderanno infatti che cosa ci stanno a fare i molteplici gradi di giudizio se una norma dello Stato non ne tiene conto. E forse loro, gli Unni, una risposta ce l'hanno pure. Noi no. Perché siamo in Italia, paese che ha il culto della differenziata, odio degli inceneritori, del nucleare, degli ogm, culto della pace a comando, culto per l'accoglienza dei miseri per dar loro il colpo di grazia, odio per le armi e le guerre e culto per i vigliacchi che se ne tengono lontani. E' l'Italia dove uno come DeMagistris, eletto non a caso sindaco a Napoli, potrebbe anche avere ragione.

Ritratto di tomari

tomari

Lun, 20/10/2014 - 19:16

Come mai, i sinistrati, non commentano questo articolo? Dove sono ersola, luigipiscio,andrea...e agli altri sinistronzi?

Ritratto di uccellino44

uccellino44

Lun, 20/10/2014 - 21:47

Avanti così, cara magistratura! Continuiamo a far ridere l'Europa ed il mondo intero!!

elio1953

Lun, 20/10/2014 - 21:50

ma come un ex magistrato che non accetta una legge di stato: certo quando toccava agli altri andava bene ora che tocca a lui no! mi sembri tonino di montenero!

ammazzalupi

Lun, 20/10/2014 - 22:37

Oltre che idioti, ma quanto sono stronzoli questi komunistronzoli!!! Quando le "condanne ingiuste" vengono inflitte ai nemici, le condanne si eseguono e non si discutono! Quando, invece, le "condanne giuste" vengono inflitte a loro... allora... le leggi, alla base della condanna, sono incostituzionali! Non cambierete mai, komunistronzoli falsi, bugiardi e infami!!!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 21/10/2014 - 00:25

La logica di questo pazzariello ciarlatano che per convenienza fa il sinistroide è semplice. PER LUI CHE SI È VESTITO DI ROSSO-ARANCIONE LA LEGGE È INCOSTITUZIONALE. PER BERLUSCONI INVECE CHE QUEL VESTITINO NON CE L'HA È COSTITUZIONALE. Ci rendiamo conto di che razza di mammalucchi ci sono a sinistra ed in magistratura?

Massimo_2357

Mar, 21/10/2014 - 07:18

Certo che i napoletani hanno una buona attitudine ad eleggere sindaci di alto livello.... Ma questo è proprio un fenomeno ! Una monnezza vera e propria.