Francis, Lassie e Uggie. Dal cinema alla tv è una recita bestiale

Cani, gatti, cavalli e muli: veri e propri attori. Tanto che negli Usa c'è l'Oscar degli animali

Che li abbiamo visti sul grande schermo del cinema o sul piccolo monitor, magari in bianco e nero, che entrino prepotentemente nei nostri occhi con i moderni sistemi tridimensionali, gli animali «attori» sono spesso più apprezzati dei grandi nomi a due zampe e soprattutto la loro fama dura molto di più nel tempo.

Per molti anni (e oggi in altra forma) agli animali attori, cani, gatti, equini, è stato assegnato uno speciale premio Oscar per la miglior recitazione, sia come attori principali che come non protagonisti. Si chiamava Patsy Award (Picture Animal Top Star of the Year) e fu ideato dall'ufficio di Hollywood dell'American Humane Association nel 1939 per onorare gli animali artisti, dopo che un cavallo fu ucciso in un incidente, durante la ripresa del film con Tyrone Power, Jesse James.

Il primo destinatario di un Patsy è stato Francis, il mulo parlante che ricevette l'onorificenza nel 1951 durante una una cerimonia ospitata da Ronald Reagan al Carthay Circle Theatre di Hollywood. Il premio successivo copriva sia la pellicola cinematografica che la televisione ed fu suddiviso in quattro categorie: cane, equino, selvaggio e speciale, categoria che comprendeva qualunque animale. È così che Arnold Ziffel, un simpatico maiale della serie TV Green Acres vince il premio due volte, mentre il suo addestratore Frank Inn diventa famoso per il personaggio di Orangey che vince la medaglia nel 1961 dopo avere recitato tra le braccia di una splendida Katherine Hepburn, in Colazione da Tiffany.

E veniamo a un cane celeberrimo di cui, ancora oggi, i network televisivi trasmettono le avventure. Si tratta di Lassie, una femmina di Collie protagonista di decine di film, serie televisive, cartoni animati, fumetti e romanzi apparsi dal 1938 fino a oggi che vincerà due volte il Patsy. Lassie, che commuove bambini e adulti per la sua generosità e bontà d'animo, compare,nel 1943, in una pellicola cinematografica Lassie come home (Lassie torna a casa) dove è affiancato da una giovanissima Elizabeth Taylor. Il film è un trionfo e l'infinita serie televisiva che ne segue raggiunge in Italia, una tale popolarità, che, ancora oggi, la razza Collie (Pastore Scozzese) viene comunemente chiamata Lassie.

Se si scrive di Lassie non si può dimenticare certo Rin Tin Tin (Rinty) altrettanto famoso Pastore Tedesco trovato da un soldato statunitense di nome Lee Duncan in un canile bombardato in Lorena, poco prima della fine della Prima guerra mondiale. In Italia ebbero successo soprattutto i fumetti (anni trenta) e la serie televisiva Le avventure di Rin Tin Tin (realizzata tra il 1954 e il 1959 e distribuita per la prima volta dalla Rai a partire dal 5 aprile 1956). La sua fedeltà e il suo coraggio ne fanno l'antesignano del cane eroe e, in parte detective, la cui controparte moderna è Rex, un altro Pastore Tedesco di enorme successo in TV.

Nella celebre Hollywood Walk of Fame (dove si trovano le impronte dei più grandi attori) Lassie e Rinty hanno il loro posto assieme alle più famose star di cinema e TV. Nel 1986, per mancanza di finanziamenti cessano i premi Patsy, sostituiti ultimamente da altre onorificenze. La più famosa, quella di Uggie, la stella a quattro zampe, amata da tutti, registi, attori, spettatori, tanto che nel 2011 aveva festeggiato la sua lunga carriera aggiudicandosi la massima gloria per un cane, il Palm Dog, per la sua straordinaria recitazione in «The Artist».

Insomma, non dite più «recita come un cane».

Commenti
Ritratto di tomari

tomari

Dom, 11/06/2017 - 17:28

Bhe, a dire il vero, io ho visto più attori che recitavano da animali...