La fronda Pd lancia Gentiloni come candidato premier

Sempre più dem guardano a lui nel ruolo di federatore del centrosinistra. Orfini chiude: modello Pisapia già sconfitto

Roma - L'incubo del «nuovo» Prodi si riaffaccia nel quartier generale renziano all'indomani dei ballottaggi che hanno sancito la sconfitta, netta, per il Pd. La sindrome del leader perdente comincia a circolare anche negli ambienti più vicini a Matteo Renzi. Il segretario dei dem sembra aver le carte in regola per essere il capo di un partito. Tutte, tranne una, quella fondamentale per chi coltiva l'ambizione di guidare il Paese: la vittoria nelle competizioni elettorali. Renzi è un mago delle partite amichevoli, quelle che si giocano in famiglia: sia alle primarie del 2103, che alle ultime del 30 aprile, ha stracciato avversari del calibro di Gianni Cuperlo e Andrea Orlando. L'ex premier soffre, però, il campo quando si giocano le partite ufficiali. Quelle in cui conta il risultato finale. Il secondo alt da parte degli elettori, dopo la bocciatura al referendum, riaccende il dibattito sulla forza della leadership renziana non solo in quella parte del Pd che da sempre contrasta la linea politica dell'ex sindaco di Firenze ma anche tra chi, fino ad oggi, lo ha accompagnato nella lunga marcia verso la guida dei democratici. È davvero Renzi il candidato ideale per battere, alle prossime Politiche, un centrodestra rivitalizzato? È la domanda che da domenica sera sono in molti a porsi al Nazareno. Può essere Renzi il federatore del centrosinistra? Il segretario del Pd possiede doti di sintesi politica per guidare una coalizione che includa sia Roberto Speranza che Pier Ferdinando Casini? Renzi appare come un ottimo segretario di partito, perfetto per motivare la comunità del Pd ma difetta del quid per trascinare il centrosinistra alla vittoria. Un limite che Romano Prodi ha intuito subito, tanto che l'ex professore, terrorizzato dall'idea di rivedere il centrodestra alla guida del Paese, si è rituffato nella mischia alla ricerca del proprio erede. Andrea

Orlando, portavoce del pensiero prodiano nel Pd, chiede l'apertura del tavolo del centrosinistra. Proposta rispedita al mittente da un falco renziano come Matteo Orfini, consapevole che in caso di coalizione allargata la leadership di Renzi possa essere in bilico: «Serve il modello Pisapia sennò si perde, dicono. Peccato che la sconfitta peggiore l'abbiamo subita a Genova». Le parole del presidente Pd aprono un nuovo fronte di guerra con Pisapia e Mdp. «Il centrosinistra a trazione Pd esce sfibrato, stanco, perdente», afferma il capogruppo di Mdp alla Camera Francesco Laforgia mentre Marco Furfaro di Campo Progressista ribatte a Orfini: «Ci vuole buon senso e risparmiare al presidente del Pd un livello così basso e cabarettistico della politica. Lo stesso buon senso che imporrebbe silenzio e molta autocritica, soprattutto da chi non vince elezioni da tre anni e che prova a scaricare le proprie responsabilità nei riguardi di chi le elezioni le ha vinte, ha governato e governato bene». Le polemiche post-comunali rafforzano Gentiloni che sembra possedere il profilo giusto per guidare una versione moderna dell'Ulivo.

Il premier ha riallacciato il dialogo con le forze più a sinistra della coalizione, da Mdp a Campo progressista di Giuliano Pisapia. Gentiloni ha la capacità di rassicurare i mercati europei, ma allo stesso tempo di dialogare con la Cgil. E da un po' di tempo, il premier sembra riscuotere consensi e endorsement anche tra i renziani più ortodossi. L'unico ostacolo alla leadership di Gentiloni? Gentiloni.Non se la sente di tirare uno sgambetto proprio a Renzi. Che lo ha spedito a Palazzo Chigi.

Commenti

moshe

Mar, 27/06/2017 - 10:51

... sono proprio arrivati alla disperazione !

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 27/06/2017 - 10:57

Meglio Gentiloni che Renzi. Però sempre un politico di serie B.

Giorgio Rubiu

Mar, 27/06/2017 - 11:29

Ci sarà una resa dei conti e Renzi scoprirà come, dopo avere perso il referendum e le amministrative,l'aver vinto le primarie non sarà servito a niente,forse nemmeno per continuare ad essere il segretario del partito.Ma Renzi non è il tipo da arrendersi ed ha ancora un mucchio di sostenitori.Formerà un suo partito e tornerà ad essere il leader del suo nuovo movimento.Però,si ricordi che cambiare sedia a sdraio sul Titanic non eviterà il naufragio.

bezzecca

Mar, 27/06/2017 - 11:52

L uomo giusto per perdere le elezioni

Ritratto di ElioDeBon

ElioDeBon

Mar, 27/06/2017 - 11:55

La Paura fa 90! Questi si sono bevuti il cervello!

agosvac

Mar, 27/06/2017 - 12:04

Gentiloni sostituto di renzi? Prima dovrebbe vincere le prossime elezioni, cosa che mi sembra alquanto difficile!!! Sarà anche conte o marchese o chissà cosa, ma, politicamente, mi sembra una completa nullità! Oserei dire di più: non è solo una nullità, è pericoloso, molto, molto pericoloso per l'Italia e gli italiani!!!

GMfederal

Mar, 27/06/2017 - 12:18

QUINDI L'EBETINO SI È AUTODISTRUTTO? lol lol

OttavioM.

Mar, 27/06/2017 - 12:21

Ormai sono alla disperazione,con Renzi hanno già perso,ma credono di vincere rifacendo la grande accozzaglia che va da Pisapia a Casini.Gli italiani sono stufi del PD e di tutta la sinistra.In questi anni hanno solo aggravato i problemi di povertà,precarietà,immigrazione e sicurezza.Bisogna mandare la sinistra a casa e cambiare governo,sennò non cambia mai niente.

Ocram59

Mar, 27/06/2017 - 12:30

Se a Gentiloni, i suoi superiori, ordinano di cedere Sardegna e Val d'Aosta ai francesi le fa subito essendo solo un mero esecutore anti-italiano come Monti

Iacobellig

Mar, 27/06/2017 - 13:43

UN ALTRO NON ALL'ALTEZZA!

Ritratto di Inhocsignovinces

Inhocsignovinces

Mar, 27/06/2017 - 13:47

cambiando i dividendi il prodotto non cambia!x quello che valgono e concretizzano da prodi a gentiloni,DUDU fa + bella figura

Tarantasio

Mar, 27/06/2017 - 16:07

non mi sembra che ODIARE chi sta distruggendo una nazione insieme al suo futuro sia eccessivo, è il'unico sentimento che ci permette di resistere

titina

Mar, 27/06/2017 - 16:13

Io preferisco Gentiloni a renzi. Comunque il pd non lo voterò più.

Triatec

Mer, 28/06/2017 - 00:18

Gentiloni impalpabile, evanescente, leggero come il borotalco. L'uomo giusto per spezzare le reni alla Germania e far vedere i sorci verdi a tutta l'Europa. Forza conte Paolo Gentiloni Silveri, nobile di Filottrano, Cingoli e Macerata, fatti valere siamo tutti con te.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 28/06/2017 - 00:58

Tutta gente inutile.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 28/06/2017 - 08:43

Uno vale l'altro. Le stesse politiche disastrose. Aumento dbito, aumento tasse, aumento clandestini, aumenti per gli stipendi rai, nulla per i terremotati, nulla per i milioni di indigenti italiani, nulla per i disoccupati, nulla per il lavoro, nulla sulla riduzione delel spese. Nulla di nuovo.

PEPPINO255

Mer, 28/06/2017 - 10:59

Perché non candidare a premier la Colf di Bersani ?!? Almeno si saprebbe "prima" che si tratta di una serva. O preferite ancora il SERVO di Silvio Berlusconi ?!?

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Mer, 28/06/2017 - 13:58

Più che la "fronda" servirebbe una "fionda" che lo spedisca su Marte... sempre che di là non s'intazzino...