Frustata in nome della sharia la prima cristiana in Indonesia

Ha 60 anni ed è stata condannata a 28 vergate per vendita di alcolici. Donne sempre più nel mirino

La prima cristiana frustata in Indonesia nel nome della sharia si è beccata 28 vergate a 60 anni. Due in meno rispetto alla pena prevista avendo già scontato 47 giorni di carcere. Il «grave» reato punito con la frusta, secondo la dura legge del Corano, è la «vendita illegale di alcolici».

Niente di nuovo nella provincia estremista di Banda Aceh, dove la sharia talebana è legge rispetto all'applicazione più morbida nel resto del paese. Assieme alla prima donna cristiana fustigata, che si chiama Remita Sinaga, hanno subito la stessa sorte una coppia di adulteri puniti con 100 frustate. Negli ultimi mesi la frusta è calata sulla schiena di diverse donne islamiche comprese delle ragazzine di 19 anni colpevoli di aver trovato il primo amore senza sposarsi. Alcune vittime sono svenute sotto le sferzate del boia. Nel 2016, non al tempo di Maometto, e tutto perfettamente previsto dalla legge.

Sinaga, la cristiana punita dalla sharia, è stata portata in piazza a Takengon davanti ad un migliaio di spettatori, che scattavano foto con il cellulare come se fossero al luna park. In tunica bianca e con un fazzoletto viola, che le copriva gran parte del volto, è stata immortalata su un sito di notizie locali mentre si becca la prima frustata con una canna di bambù. Il colpo è assestato da un boia vestito di nero con il cappuccio in testa, come ai tempi dell'Inquisizione.

La poveretta è stata condannata per aver venduto un liquore locale. La provincia di Aceh, nell'isola indonesiana di Sumatra, applica la sharia talebana dal 2005. L'introduzione più restrittiva della legge islamica faceva parte del pacchetto di pace con il gruppo separatista musulmano Movimento per Aceh libera.

Lili Suparli, portavoce del governo locale, ha ammesso: «È la prima volta che una non musulmana viene punita per aver violato una delle regole contenute nel Corano». L'ulteriore passo in avanti di stampo talebano è avvenuto lo scorso anno con un emendamento che permetteva di colpire i cristiani. Sotto le frustate del boia finiscono soprattutto donne musulmane con i loro amanti o semplici fidanzati. Drammatiche foto in rete mostrano un'islamica minuta, che viene fatta inginocchiare per subire la pena. La donna urla e alla fine si accascia. I poliziotti devono portarla via in barella.

Il primo marzo una ragazzina di 19 anni è stata frustata assieme al fidanzato di 21, colpevoli di essersi frequentati prima del matrimonio. In dicembre la studentessa universitaria, Nur Elita, con un velo rosa sulla testa piangeva ed il suo volto era segnato da smorfie di dolore mentre arrivavano le frustate. Pure lei è colpevole di essersi innamorata senza sposarsi. Ad ogni frustata la folla esultava davanti alla moschea Baiturrahim. La punizione è stata inflitta anche ad un uomo invalido, che si trascinava sulle stampelle.

Ieri è trapelato che due turisti tedeschi sono stati fermati per diverse ore, rei di aver osato andare in spiaggia in costume da bagno. All'arrivo degli agenti si erano già rivestiti, ma sono finiti lo stesso in commissariato. «Indossare un bikini sulla spiaggia è chiaramente una violazione del decreto che impone sia ai musulmani, che ai non musulmani di osservare la sharia», secondo il capo della polizia di Lhokseumawe.

Nel mini «califfato» della moderna Indonesia le ragazze non possono indossare jeans o magliette attillate, montare a cavalcioni su un motorino o ballare in pubblico. Per non parlare del giorno di San Valentino cancellato dal calendario.

www.gliocchidellaguerra.it

Commenti

Raoul Pontalti

Gio, 14/04/2016 - 15:21

La vendita illegale di alcool caro Fausto è punita anche in Italia, dove vengono puniti ad es. il venditore di alcolici a minori e in Trentino anche il padre che compera la birra e ne offre in locale pubblico un sorso al figlio diciassettenne. E la punizione per l'esercente che vende o somministra bevande alcoliche ai minori o a chiunque dopo le 3 del mattino viene fustigato da noi con sanzioni amministrative più dolorose delle frustate di cui all'articolo.

egi

Gio, 14/04/2016 - 15:24

La Boldrini non ha niente da dire?, Lei che come tutti i radical chic vanno a champagne???

alberto_his

Gio, 14/04/2016 - 15:26

Notizia da cronaca locale, non vedo perché debba trovare spazio qui. Se la condannata non fosse cristiana nemmeno scrivereste. Il divieto di vendere alcolici riguarda tutti indipendentemente dal loro credo. S. Valentino andrebbe cancellato anche qui visto le connotazioni sempre più commerciali che accompagnano l'evento.

Ritratto di blackeye

blackeye

Gio, 14/04/2016 - 15:27

"SE NON ORA QUANDO", "BANDIERE ARCOBALENO", "RIVOLUZIONARIE DEL '68", "PARI OPPORTUNITA'"...... ci siete ancora?????

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Gio, 14/04/2016 - 15:37

Banda Aceh non è un mini califfato ma è in perfetta linea con l'Indonesia tutta. Furbescamente, il "moderno" governo centrale ha demandato le questioni religiose alla periferia in modo da poter far finta di essere neutrale e poter intrattenere relazioni con la comunità internazionale dando colpa dell'integralismo ai governi locali. Del resto sui soldi dei miscredenti, che affluiscono nella miscredente (buddista) Bali, non ci si può sputare sopra, lo vuole Allah.

Rossana Rossi

Gio, 14/04/2016 - 15:41

Andate a dirlo alla sboldrina........

Ritratto di lettore57

lettore57

Gio, 14/04/2016 - 15:47

blackeye che fa? mi dimentica il popolo viola?

Mizar00

Gio, 14/04/2016 - 15:49

@alberto_his. già.. "non vedi" .. allora SVEGLIATI ed apri gli occhi. Che pena.

mcm3

Gio, 14/04/2016 - 15:50

Condanno fortemente l'accaduto ma mi domando una cosa : come fa una donna che vive da 60 anni inIndonesia a fare una stupidagine del genere ?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 14/04/2016 - 15:51

#alberto_his Ti sei messo in gara con Pontalti, vero? Gara tesa a giustificare l'ingiustificabile. Anche a costo dello sprezzo del ridicolo.

milope.47

Gio, 14/04/2016 - 15:54

...Hai letto Bergoglio?. Ah già dimenticavo. Tu hai altro da fare. Sabato devi brindare alla salute di Maometto.

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Gio, 14/04/2016 - 16:02

Raoul Pontalti scrive "... viene fustigato da noi con sanzioni amministrative più dolorose delle frustate di cui all'articolo. ". Ma è scemo?

antipifferaio

Gio, 14/04/2016 - 16:07

@Raoul Pontalti...magari i suoi compagni di merende del Pd ora vorranno ispirarsi alla sharia talebana e fustigare i commercianti di alcolici...giusto? Mi faccia il piacere...L'Italia è un vero casino infernale dove gli alcolici vengono venduti liberamente anche nei finti circoli ricreativi con angolo bar...per non parlare dei club "non a sfondo di lucro" i cui soci fondatori con una tessera da 5 euro annua possono vendere di tutto e di più... PD = BUFFONI!!

PietroSoave

Gio, 14/04/2016 - 16:13

Ci sara' stato un buon motivo perché Dio gli abbia mandato uno tzunami

Rainulfo

Gio, 14/04/2016 - 16:15

attenzione! l'Islam indonesiano è considerato moderato..

Ritratto di il navigante

il navigante

Gio, 14/04/2016 - 16:21

Notizia alquanto strana, mi risulta che la Legge islamica "Sharia" può essere applicata solo per chi appunto è di religione musulmana e non per gli altri.

venco

Gio, 14/04/2016 - 16:23

Nell'ideologia islamica non esiste coscienza comune.

Ritratto di Flex

Flex

Gio, 14/04/2016 - 16:28

Sono talmente vigliacchi da doversi sempre nascondere dietro qualche "straccio".

blackbird

Gio, 14/04/2016 - 16:30

Vendere alcolici non è una cosa tollerata in tutto il mondo "libero". Negli USA, per esempio, ci sono delle contee dove si possono vendere e contee dove è vietato. Sempre negli USA e in GB è vietatissimo vendere alcolici ai minori (anche ai maggiorenni se hanno meno di 21 anni, negli USA). Le sanzioni sono pesantissime, rischi la galera. Nelle spiagge tedesche è abbastanza comune vedere persone nude prendere il sole, ma se accade in Italia si beccano le multe e finiscono al comando. Io sostengo che a casa loro possono fare come vogliono, l'importante è che non vengano a dettare legge in casa nostra, ma qui ho seri dubbi che riusciremo a resistere.

gneo58

Gio, 14/04/2016 - 16:32

fatti meno canne Raoul.

Cheyenne

Gio, 14/04/2016 - 16:47

ma all'ineffabile franceschiello e all'altra faccia di bronzo di matty non gliene frega proprio niente

taniaes

Gio, 14/04/2016 - 16:54

nota: il boia ha sempre la faccia nascosta

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 14/04/2016 - 17:05

rp riesce ad arrampicarsi sugli specchi meglio delle mosche...

libertyfighter2

Gio, 14/04/2016 - 17:24

"Indossare un bikini sulla spiaggia è chiaramente una violazione del decreto che impone sia ai musulmani, che ai non musulmani di osservare la sharia" Anche questo. In Malesia ancora vedi buddisti e cristiani andare col bikini e musulmane infilate nei sacchi dell'immondizia. Ma prima o poi verrà impedito anche ai buddisti e ai cristiani di andare col bikini. Tra l'altro, l'Indonesia è sempre stata storicamente una nazione in cui i padri fondatori hanno fortemente voluto la tolleranza religiosa.

isolafelice

Gio, 14/04/2016 - 17:39

All'indomani dello tsunami 2004 le popolazioni musulmane di Aceh ebbero i maggiori aiuti, oltre che immediati, dalle nazioni occidentali cristiane. Furono migliaia gli operatori religiosi a raggiungere Banda Aceh e là risiedere per anni per portare conforto ed aiuto. L'islam ringrazia, e vediamo come. Non scordatevi di certe cose.

Aegnor

Gio, 14/04/2016 - 18:21

I più perseguitati sono i cristiani ma stranamente in Europa arrivano solo islamici

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 14/04/2016 - 22:10

Banda Aceh è sempre stata riottosa verso il potere centrale tant'è che dopo il catastrofico tsunami di dieci anni fa hanno dovuto desistere dal lottare perché sono stati piegati dagli eventi naturali che sovente cambiano il destino degli uomini: ma si sa il mostro Idra più gli tagli le teste e i tentacoli e più "rinasce".

Clericus

Gio, 14/04/2016 - 22:12

@il navigante mi spiace ma si sbaglia di grosso. L'Islam, come d'altra parte il Cristianesimo e' una religione "ecumenica" vale a dire che i suoi precetti (la Sharia) si applicano indistintamente a tutti, musulnani e non. Questo non e' vero per esempio per il Giudaismo, che non e' una religione "ecumenica" e i cui precetti si applicano solranto agli Ebrei. Gli integralisti ebraici per esempio (ci sono eccome) sono un problema per gli altri Ebrei che infatti non li sopportano. Quindi state tranquilli, fra qualche anno la Sharia sara' legge anche in Europa...

anna.53

Gio, 14/04/2016 - 22:12

Civilissime le punizioni corporali secondo un commentatore, addirittura meno dolorose delle sanzioni amministrative nostrane. Soprattutto le frustate sono l'esempio di una religione che pratica la pace..... Allucinante spiegare e difendere l'indifendibile ! Soprattutto per nascondere la (reale) persecuzione di minoranze religiose in molti paesi.

edo1969

Ven, 15/04/2016 - 07:38

Pontalti, "sanzioni amministrative più dolorose delle frustate" ah ah ah che simpatico l'alcool dovrebbero vietarlo a te

clamajo

Ven, 15/04/2016 - 08:35

@oldpeterjazz...è un' eventualità da prendere seriamente in considerazione....

Raoul Pontalti

Ven, 15/04/2016 - 15:26

Ma 'sti bananas nella vita hanno fatto i disoccupati e poi sono passati direttamente alla pensione? Ma almeno si diano la briga di leggere le norme relative alle sanzioni previste per chi vende o somministra alcool a minori, ubriachi, dementi o semplicemente fuori dagli orari consentiti. Hanno mai sentito parlare delle relative sanzioni penali e di quelle amministrative che raggiungono i 50.000 euro? E cosa comporti economicamente per un imprenditore la chiusura dell'esercizio decretata amministrativamente? Le frustate parrebbero loro carezze con i fiori...

killkoms

Ven, 15/04/2016 - 17:05

e francesco lava i piedi ai murzulmani..!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 15/04/2016 - 21:37

Nei democraticissimi USA ti sbattono in galera senza appello, salvo se hai una montagna di soldi per la cauzione o il fior fiore strapagato del foro avvocatizio, e rischi di finire arrosto sulla sedia elettrica o stravolto dagli spasmi della iniezione letale solo perché un giudice sbatte il martello del verdetto sul tavolo. Leggetevi le cronache e ne avrete dei bei spunti.