Giachetti: "A Roma il Pd ha toccato il fondo"

Roberto Giachetti, a bocce ferme, commenta la sua sconfitta e racconta come lo accoglievano i romani: "Peccato che sei del Pd sennò ti votavo”

“Già quando ho fatto le primarie ho capito che aria tirava. Eravamo messi proprio male: a Robè, mi dicevano i nostri iscritti, non sarai mica venuto a farci la lezioncina”. Così vicepresidente della Camera Roberto Giachetti, candidato al Campidoglio, racconta mesi di che hanno preceduto la sua sconfitta e dice:“Il leit motiv della campagna in buona sostanza è stato questo: “Peccato che sei del Pd sennò ti votavo”. E ancora: “Se oggi giri e pronunci il nome di Marino, la gente ti corre appresso. Si capiva come sarebbe finita”, spiega in un'intervista al Messaggero.

A poco è, dunque, servito smarcarsi dal Pd e imporre una linea di rottura col passato e “con un sistema di un certo tipo”. Sulle condizioni del Pd romano Giachetti dice: "Non penso che non si sia fatto nulla, penso che si sia fatto poco. Il lavoro di Barca e il commissariamento hanno inciso. Non abbastanza, però. Questo partito deve diventare di nuovo luogo di attrazione per chi vuole fare politica. Abbiamo toccato il fondo”.

C’è da ricostruire un partito e lui intende far prendere parte a questa ricostruzione dividendosi tra il ruolo di vicepresidente della Camera a Montecitorio e di capo dell’opposizione in Campidoglio. "Cinque mesi fa, ho preso un impegno con Roma – conclude Giachetti - Che diventassi sindaco o meno, intendo tenere fede a quell'impegno e dare il mio contributo a rilanciare il nostro partito, ma molto di più per lavorare dall'opposizione al riscatto della città. Saremo determinati e costruttivi, sfideremo i 5 Stelle sulle cose concrete". Non sarà comunque facile per Giachetti mantenere il doppio incarico dato anche che su Change.org è partita una petizione online per farlo dimettere da vicepresidente della Camera.

Commenti
Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Gio, 23/06/2016 - 16:57

E meno male che e del Pd.Se non lo fosse bisognerebbe inventarlo.