"Il governo faccia come i Romani: tratti con le tribù del Nordafrica"

Il generale Preziosa: «L'Europa ci lascia soli ma noi stiamo sbagliando politica. La colpa dell'invasione? Della Francia»

«L'Italia sta sbagliando politica e l'Europa ci lascia soli. E, allora, per bloccare l'invasione, bisogna usare gli stessi metodi che usarono i romani». Insomma, la storia si ripete e dagli sbagli si può anche imparare. Ne è convinto l'ex Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica militare, generale Pasquale Preziosa.

Generale, perché l'Europa ci lascia soli nella battaglia contro l'immigrazione incontrollata?

«L'Italia oggi è da sola. Non è che l'Europa non ci sia. L'Europa è compatta, ma è dall'altra parte. Anche la Germania, che aveva iniziato una politica dell'accoglienza simile alla nostra, ispirandosi ai valori fondanti dell'Europa, ha dovuto poi cambiare strategia perché non era sostenibile. Quindi l'Italia, con il discorso dell'immigrazione, è rimasta isolata».

Intende dire che il nostro Paese sta sbagliando?

«Voglio dire che la soluzione è quella di muoversi velocemente e fare politica attiva. Il problema della migrazione si risolve con un atteggiamento diverso da quello attuale. Quindi, vuol dire che questa non è una buona politica».

In sostanza, come si dovrebbe muovere chi ci governa?

«Bisogna cambiare atteggiamento con i Paesi del Nord Africa e con l'Europa. I risultati dell'attuale politica si vedono e sono negativi, ma soprattutto, continuando in questa direzione si va verso la catastrofe. Il fenomeno della migrazione, con tutte le sue conseguenze, però, era già visibile qualche tempo fa e non era necessaria alcuna analisi approfondita del fenomeno».

Di chi è la colpa dell'invasione che stiamo subendo?

«La Francia ha iniziato il disastro con la destabilizzazione della Libia, che nel 2014 aveva già un governo riconosciuto internazionalmente e democraticamente eletto. Il fatto che gli islamisti, che all'epoca contavano solo 30 seggi, si siano opposti e abbiano spinto Al-Thani ad andare verso Tobruk, non vuol dire che il governo non era un governo democraticamente eletto. Sicuramente, la nascita del governo di Tripoli, quello degli islamisti e, successivamente, quello voluto dall'Onu, con il lavoro fatto da Kobler, è stato un disastro, perché oggi siamo di fronte a tre governi senza autorità e autorevolezza».

Quindi anche l'Onu ha responsabilità precise?

«Il sostituto di Kobler, Ghassan Salamé, entrerà nelle sue piene funzioni a settembre, ma già adesso ha tentato l'approccio con i vari governi con scarsi risultati. È da tener presente che il braccio destro di Kobler è colui che propugnò di fatto il colpo di Stato contro Al-Thani. Quindi, l'Onu è un disastro».

Che si può fare, dunque?

«I tre governi esistono e bisogna trovare una soluzione. Pochi, ad esempio, stanno dialogando con le tribù al sud della Libia, ma il problema è ancora più grosso perché bisogna stabilizzare i Paesi intorno a quella Nazione. Prima ci pensava Gheddafi, che finanziava i Paesi intorno, quali Sudan, Ciad e anche Mali, in maniera tale che gli eserciti avessero un regolare salario tutti i mesi. Da quando è caduto, quegli eserciti sono diventati milizie, che altro non fanno che traffici di esseri umani o di altro. Quindi, come si vede, il problema è ancora più grosso».

Che pensa dell'operato del ministro Minniti?

«Che Minniti, che si è insediato solo da pochi mesi, stia facendo un grandissimo lavoro, che andava iniziato molto tempo prima e quindi andrà sostenuto, affinché possa avere successo per arginare questo tragico fenomeno dell'immigrazione».

Commenti

VittorioMar

Dom, 09/07/2017 - 10:49

...SE LA STORIA SERVISSE A QUALCOSA...NON SAREMMO IN QUESTA SITUAZIONE..!!

PaoloPan

Dom, 09/07/2017 - 10:57

Tutti i capi di stato del G20 hanno riconosciuto il diritto di ogni Paese di difendere i propri confini. Perché l'Italietta del PD non difende i suoi confini? L'unica risposta è con i migranti ci si arricchisce, più che con la droga.

elpaso21

Dom, 09/07/2017 - 11:14

Era tutto chiaro già molti anni fa.

Duka

Dom, 09/07/2017 - 11:14

MA PER CARITA' NON MANDATECI IL NOVELLO "GENIO" DEL PD alias PCI HA GIA' FATTO UN MEGA-FIASCO E DANNI CHE NESSUNO PAGHERA' MAI.

TitoPullo

Dom, 09/07/2017 - 11:36

Finalmente una persona che parla chiaro!! Grande Gen.Preziosa!!! Avete sentito "pidioti" e "sinistri" ???

idleproc

Dom, 09/07/2017 - 11:47

Ha ragione, in pratica è da fare quello che aveva già fatto Gheddafi e con lo stesso spirito, ricreare la sovranità per il popolo libico. Sono migliori i veri amici degli schiavi. Ne abbiamo tradito uno, è il minimo che dovremmo fare per farci perdonare. Peccato che gli Imb. o peggio, anche come esecutori non siano all'altezza del compito e rovinerebbero tutto come già fatto.

Yossi0

Dom, 09/07/2017 - 11:47

Verissimo con la differenza è non da poco che i romani avevano gli attributi questi, nella migliore delle ipotesi, sono eunuchi e qui mi fermo

mutuo

Dom, 09/07/2017 - 11:56

Siamo lo zimbello del mondo intero. Una nazione senza dignità che da tempo ha imboccato la strada dell'auto dissoluzione. I sinistri sono il cancro delle società. Poverini non sanno vedere aldilà del proprio naso.

bobots1

Dom, 09/07/2017 - 12:05

Nulla di nuovo. Ci metterei anche la colpa di Obama e la Clinton. Grande colpa...quell'Obama che quando è venuto in Italia ha avuto inviti ed osanna da parte del nostro jet set politico...ipocriti schifosi!

sergio_mig

Dom, 09/07/2017 - 12:13

Ovvio, la Francia aveva già posizionato gli aerei in volo sui confini della Libia in modo di essere la prima a bombardare Gheddafi subito dopo l'OK dell'Onu. Sarkosi scalpitava X il possesso del petrolio libico. Adesso i francesi, che sono i maggiori responsabili di questo disastro non si assumono nessuna responsabilità e respingono questa marea di immigrati. Itaglioti, sveglia, subito il blocco di tutti i porti poi si vedrà.

piardasarda

Dom, 09/07/2017 - 12:23

definisce il fenomeno immigrazione: TRAGICO

amicomuffo

Dom, 09/07/2017 - 12:29

La persona si è dimenticata anche di dire, che quando c'era un'emergenza, che poteva interferire con la sopravvivenza della civiltà romana, veniva eletto un dittatore.....ma facciamo come quella canzone:"tutto và ben madama la marchesa!"

agosvac

Dom, 09/07/2017 - 12:32

Che la colpa di questa invasione sia della Francia non c'è ombra di dubbio. Ma è anche colpa di chi ha appoggiato la Francia nella distruzione della Libia, quindi degli obama/clinton e del nostro presidente emerito Napolitano. Ma la colpa principale è dei nostri Governi PD che niente hanno fatto per impedire l'invasione, pur potendolo fare. Sarebbe bastato dire un NO secco all'invasione. Sarebbe bastato chiudere i porti alle ong. Sarebbe bastato pensare al benessere degli italiani invece di far fare un sacco di bei soldini alle loro coop rosse.

maximilian66

Dom, 09/07/2017 - 12:36

il Berlusca come al solito ci era arrivato con 10 anni di anticipo. ricordo l'ironia e la cattiveria quando accolse Gheddafi a Roma.. ringraziate Obama e comoagnia bella oer le primavere arabe, la nascita dell'ISIS e questa situazione.

Magicoilgiornale

Dom, 09/07/2017 - 12:41

Le tribu'? Ma si rendono conto

Ritratto di floki

floki

Dom, 09/07/2017 - 12:52

Comunque del parere di un generale al servizio dei governi che hanno tradito il popolo..... "me ne frego".

nopolcorrect

Dom, 09/07/2017 - 13:20

Meno male che i generali (sia pure in pensione) comincino a dire la loro. Aspetto ancora un ammiraglio (in pensione,ovviamente). L'idea di collaborare PAGANDO con i Libici delle varie tribù e fazioni è essenziale ma se questo non bastasse bisognerà pensare all'uso della forza. Sul "come" non sono esperto per suggerirlo ma so di sicuro che solo la vecchia idea di Theodore Roosevelt funziona: "Speak softly and carry a big stick", parole diplomatiche ma sia chiaro a tutti che siamo pronti a usare il bastone per non farci invadere.

FRATERRA

Dom, 09/07/2017 - 13:31

Si intervistano personaggi per sentirsi dire ovvietà,che lasciano il tempo che trovano. La colpa è della Francia;ma la Francia ha fatto e continua a fare i propri interessi e gli interessi dei Francesi;il nostro sgoverno è schiavo degli usa e getta e della u.e. non ha polso non ha iniziative forti,tutto bene signora Marchesa...

Ritratto di Giancarlo09

Giancarlo09

Dom, 09/07/2017 - 14:06

Se la Storia servisse a non rifare gli stessi errori allora questo mediocre generale si renderebbe conto che continuare a sottostare ai ricatti di africani e mediorientali è solamente un segno della nostra debolezza e della mancanza di risolutezza che ci porterà al completo soggiogamento da parte di questi novelli barbari. Del resto, l'impero romano (quello vero, quello d'occidente) crollo proprio quando non fu più in grado di contrastare la pressione migratoria esterna e cominciò a pagare i propri invasori nella speranza di calmarne la cupidigia e la brama di razzia e di distruzione. Ma il grado di generale dove gliel'hanno dato al Cepu?

Aprigliocchi

Dom, 09/07/2017 - 15:11

Ora dobbiamo dire che in verità molte persone dei media sono la perché sono affiliate ai club e lavorano per loro. Dunque che non bisogna credere a quello che taluni "giornalisti" ci raccontano, mi sembra ovvio. D'altronde guai a criticare la globalizzazione e Gotham City e la migrazione, guai a dire che si tratta di un complotto. Guai. Oggi é chiaramente impossibile esprimere i propri pensieri, anche in quei paesi che si dipingono democratici.

mariolino50

Dom, 09/07/2017 - 16:58

amicomuffo Vero ma restava in carica sei mesi, non a vita.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 10/07/2017 - 14:53

Basta con Germania e Francia, finti amici che ci hanno distrutto. Italexit ormai si impone.