"Hanno convinto papà a uccidersi"

Anche la figlia del giudice D'Amico accusa una delle "stanze della morte" svizzere

Pietro D'Amico era un uomo perbene. E un giudice irreprensibile. Che amava la toga. Quando era procuratore generale di Catanzaro, cercarono di coinvolgerlo nella controversa inchiesta «Why not» per una improbabile «fuga di notizie»: ombre che D'Amico fugò, dimostrando la sua assoluta correttezza.

Forse non fu la causa scatenante, ma certo quelle illazioni non contribuirono ad alleviare la depressione che, nel tempo, avrebbe stretto il magistrato in una morsa sempre più intollerabile. Tanto da spingerlo a ricorrere al suicidio assistito in una clinica svizzera; una scelta tragica resa ancora più drammatica da circostanze oscure, mai completamente chiarite. Ne è persuasa anche Francesca, figlia del giudice, che da 2013 (anno della morte del padre) ha intrapreso una coraggiosa battaglia contro il business dell'eutanasia, particolarmente fiorente in alcuni centri della Svizzera dove ogni anno 700 «pazienti» (gli italiani sono circa il 40%) scelgono di andare a morire terra portando alle labbra un bicchiere pieno di veleno.

Ma la storia del giudice D'Amico è diversa da tutte le altre: «Mio padre - ha sempre raccontato Francesca in ogni sede, compresa quella giudiziaria - non era un malato incurabile o terminale. Era depresso, è vero. Ma dalla depressione si può guarire. Papà doveva quindi essere accompagnato verso una cura, non verso il suicidio assistito. Chi gli ha permesso di morire senza convincerlo a trovare una via d'uscita alternativa, meriterebbe di andare in galera».

La denuncia di Francesca non è generica, ma individua responsabilità precise. Persone, fatti e circostanze che qualche mese fa il Giornale ha verificato in Svizzera punto per punto e che confermano quanto dichiarato dalla figlia del giudice in una intervista del luglio 2013 rilasciata al Fatto Quotidiano. Si comincia con la telefonata-choc ricevuta da Francesca alle 18,25 del giorno 11 aprile 2013: «Pronto, parlo con Francesca D'Amico? Sono la dottoressa Erika Preisig, le comunico che suo padre è venuto varie volte da me per richiedere il suicidio assistito. Oggi è morto, non poteva più vivere, stava troppo male, voleva andare». Francesca si sente sprofondare: «Forse ha sbagliato persona. Papà due giorni prima aveva parlato al telefono con il mio fidanzato e nulla lasciava presagire un suicidio». Ma la Preisig è implacabile: «Capisco sia difficile da accettare, ma questa è la realtà, le invierò il certificato di morte, e per volontà di Pietro il suo corpo verrà cremato il 22 aprile. Buonasera».

Ma chi è questa Erika Preisig? Fondatrice di una delle prime «stanze della morte» svizzere, dove il suicidio assistito è una pratica legale benché le norme che la disciplinano non siano del tutto chiare: il sospetto è che, in cambio di 10 mila euro (non rimborsabili in caso di ripensamento, ndr), le tre cliniche elvetiche specializzate nella «dolce fine» accettino aspiranti suicidi di ogni tipo: compresi quelli non «irreversibilmente incurabili», come formalmente previsto dai protocolli sanitari svizzeri.

Sospetti che diventano mezze certezze alla luce del recente caso dell'ex politico Lucio Magri, anche lui malato di depressione ma non per questo rifiutato da una delle strutture svizzere. Stesso discorso per la vicenda dell'ingegnere comasco venuta alla luce appena due giorni fa, per la quale la Procura lariana ha deciso di aprire un'inchiesta con l'ipotesi di istigazione al suicidio. Quella stessa «istigazione» che potrebbe essersi celata anche dietro l'addio al mondo del dottor D'Amico.

La conclusione di Francesca è all'insegna dell'amore verso un padre che non c'è più: «Papà stava vivendo solo un momento psicologicamente difficile. Andava aiutato a vivere, non a morire».

Commenti

chebarba

Lun, 04/09/2017 - 09:08

il mal compreso diritto alla libertà, che non può essere libertà di nuocere a sè o altri, e le persone indifese, indebolite dalla malattia del corpo o della mente devono essere difese, chi per depressione viene spinto o convinto all'eutanasia subisce un reato e un lavaggio del cervello, vi è una grande differenza tra chi mosso dalla disperazione dinanzi a sè non vede altra via d'uscita dalla sofferenza che gettarsi da un balcone (e mi stringe il cuore il dolore che una persona può provare per arrivare a tanto) e chi freddamente va in svizzera a farsi uccidere come una bestia al macello, entrambi sedati e poi la fine, che sostiene tale pseudo libertà è un cinico omicida abile nel travestirsi da paladino della libertà e dei deboli ma resta un cinico assassino che del prossimo non importa nulla

chebarba

Lun, 04/09/2017 - 09:10

le persone vanno aiutate a vivere, l'uomo è quello cheè perchè ha sempre lottato per la vita, solo successivamente per il poter, e il potere sulla vita (morte)degli altri è l potere che i demoni dell'umanità (nulla a che vedere con la religione in cui sono il riflesso della realtà)vogliono ottenere

Agev

Lun, 04/09/2017 - 11:32

Inizialmente, quando con la nascita, l'entità entra in uno strumento umano, immediatamente si frammenta nello spettro di una percezione ed espressione fisica , emotiva e mentale. Da quel momento in poi, l'entità è attentamente condizionata ad adattarsi e orientarsi nel contesto tridimensionale e cinque-sensoriale della Terra. In effetti , l'entità frammenta intenzionalmente la sua coscienza al fine di sperimentare la separazione dalla totalità del proprio Sé Superiore che è infinito ed eterno e che vive nell'unità Totalità della vicino alla settima vibrazione dimensione. E' il nostro Sé Superiore che sceglie volontariamente di fare esperienza nella realtà tridimensionale della Terra e che ci guida. Terminata l'esperienza decide di tornare a casa. Pertanto Signori miei la morte non esiste. Un uomo consapevole di ciò decide consapevolmente la propria cosiddetta morte. Tutto il resto è futile morale o inutile accanimento terapeutico. Gaetano

Ritratto di diemme62

diemme62

Lun, 04/09/2017 - 12:09

Capisco che il suicidio assistito aiuti chi (un tetraplegico, ad esempio) non potrebbe uccidersi da solo. Ma negli altri casi, che senso ha ? Ti bevi da solo il tuo veleno, o ti spari un colpo, e addio mondo

nomen-omen

Lun, 04/09/2017 - 12:27

Bravissima. Ha detto tutto con una sola frase : "Le persone vanno aiutate a vivere, non a morire." Ma invece ci viene imposta una cultura di morte.

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 04/09/2017 - 14:22

per descrivere la magistratura italiana ci vorrebbe il fu pittore francese luis david .