I danni del no ai Giochi a carico dei grillini

Risarcimento da 20 milioni. Giunta e consiglieri rischiano la penale: chi ha votato lo stop deve pagare

Roma - La partita del no alle Olimpiadi non è chiusa, ma potrebbe avere conseguenze pesanti per il Comune di Roma. O meglio per la sindaca Raggi personalmente e tutti i consiglieri che hanno votato la mozione per il ritiro della candidatura ai Giochi del 2024, il 29 settembre scorso. Il danno erariale che il presidente del Coni Giovanni Malagò ha quantificato in 20 milioni di euro potrebbe portarli dritto davanti alla Corte dei conti. Perché non basta dire che la capitale rinuncia alle Olimpiadi per timore di illeciti nelle opere necessarie o comunque perché nel programma del M5S era annunciata questa opposizione. Fin qui si tratta di un atto politico, ma per giustificare l'inversione a U che ha cancellato l'impegno preso dalla giunta Marino a giugno 2015 ci vuole ben altro. Quello che si chiama un atto di alta amministrazione, con adeguata giustificazione dei motivi per i quali si rinuncia ad un possibile arricchimento per Roma, a finanziamenti almeno di 5 miliardi di euro.

Tutto questo in Campidoglio non è stato fatto e la procura della Corte dei conti certo segue con molta attenzione la vicenda, pronta ad intervenire se non arriverà il giusto provvedimento. Esperti dell'Avvocatura dello Stato considerano ad alto rischio l'operazione, così com'è stata condotta dalla Raggi e dai suoi. Il principio della «discontinuità amministrativa» rispetto alla gestione precedente potrebbe rendere la sindaca e chi nell'assemblea ha condiviso la sua posizione responsabili individualmente delle spese già fatte per promuovere la candidatura dal Comitato olimpico, ma anche del mancato guadagno per la città che i Giochi avrebbero potuto portare. Per mettersi al riparo da un procedimento contabile la Raggi, spiegano gli esperti di diritto amministrativo, dovrà firmare un'ordinanza per confutare punto per punto i motivi a sostegno della candidatura della mozione precedente, oppure sarà il consiglio comunale a dover nuovamente deliberare per spiegare con una nuova analisi dei conti pubblici perché le Olimpiadi sono incompatibili con l'attuale bilancio della città.

La mozione approvata 5 giorni fa tecnicamente è un «contrarius actus» non adeguatamente motivato e dunque arbitrario. Il fatto che si temano ruberie o cementificazione per quelle che la Raggi ha definito le «Olimpiadi del mattone» non è certo giuridicamente rilevante. La delibera della giunta Marino era corposa, 20 pagine ben motivate, e ora bisognerà seguire lo stesso procedimento, ma all'inverso, per cancellarla.

Commenti
Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Lun, 03/10/2016 - 09:00

Solo il fatto che lo pensino è ridicolo. Malagò dovrebbe spiegare dove e perché ha già speso tutti quei milioni per il nulla.

ectario

Lun, 03/10/2016 - 09:10

Usare sempre l'alibi che gli altri rubano o fanno impicci o nepotismo (tutto da dimostrare per loro, ma le premesse da sudditi del marchese non sono certo fantastiche), è molto stucchevole e deprimente. Questa "avvocato", sembrerebbe non conoscere appieno cosa significa giurisprudenza. Comunque, buon lavoro a contestare la delibera e motivazioni di quell'altro, sempre "de sinistra"!

cgf

Lun, 03/10/2016 - 09:18

quando Monti disse NO alle Olimpiadi a Roma, quali danni causò? Sono fatti recenti, di questa decade, non di quella precedente e/o secolo scorso.

bruno baly

Lun, 03/10/2016 - 09:18

cominci il coni e tutti quelli che protestano contro il no a pagare i debit e il mutuo delle ultime olimpiadi. Poi si vedrà. Accattoni !

bruno baly

Lun, 03/10/2016 - 09:23

il pd e forza italia (giunta alemanno) rifondino i 15 miliardi di debiti fatti durante il loro governo. Poi il coni garantisca il totale finanziamento delle olimpiadi e il totale riassetto post-olimpiadi. Comoda fare pagare gli altri e far guadagnare gli amici propri. E' finita ...cari !

paco51

Lun, 03/10/2016 - 09:25

E' l'unica cosa giusta fatta dai 5 stelle fino ad ora a Roma!

linoalo1

Lun, 03/10/2016 - 09:25

Ci tengo a precisare che non sono un Grillato,anzi che l'ho sempre cricato,sia come comico che come Politico(?)!!Però,mi viene spontaneo,in questo caso,di difendre la Raggi!!Chi ha Sbagliato,è principalmente Malagò e,prima di lui,sicuramente Marino!!!!Quindi,a rigor di logica,se qualcuno deve pagare,questo è Malagò ed il CONI!!!Non vedo il perché debba essere il Comune di Roma a dover psgare una caxxata di Malagò!!!Licenziatelo e procedete come fsreste con la Raggi!!!!

Ritratto di lettore57

lettore57

Lun, 03/10/2016 - 09:33

Mi chiedo: nel caso la candidatura fosse andata avanti ma poi il Cio non avesse candidato Roma la Corte dei Conti avrebbe chiesto i soldi al Coni per aver speso 20 milioni senza alcun risultato?

Ritratto di ellebor0

ellebor0

Lun, 03/10/2016 - 10:13

Se si avverasse sarebbe il giubileo (al contrario) dei 5*, c'è da spanciarsi dal ridere. Sicuramente la sindaca si consolerà ballando con le stelle una tarantella sui tetti di Roma, a meno che le sue entrature alla Corte dei Conti le aprano l'ombrello di Mary Poppins, salvandola.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Lun, 03/10/2016 - 10:20

malago' deve pur consolarsi del perduto magna magna. richiesta da rispedire al mittente con sonoro pernacchio. anzi con denuncia per spreco di 20 milioni di euro

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 03/10/2016 - 10:27

@Roberto_70:....mi associo:"Malagò dovrebbe spiegare dove e perché ha già speso tutti quei milioni per il nulla".....Quella del "NO" alle Olimpiadi,è l'unica cosa giusta che questa nuova Giunta abbia fatto!!

sietecaproni

Lun, 03/10/2016 - 11:40

gentile Maria Greco...certo e' difficile per Voi tutti non aggrapparVi ai vetri per trovare qualcosa contro il M5S. Perché non fate qualche inchiesta giornalistica per verificare se il CONI o lo stasso Malago non abbiano qualche sheletruccio putrefatto nell'armadio. Mah!!! chissa!!! meditate gente..meditate

alberto_his

Lun, 03/10/2016 - 12:13

Anticipo dell'ISDS, degna appendice del TTIP. I possibili guadagni di privati (e dei loro referenti) vengono prima dell'interesse collettivo.

Ritratto di FRANZ58

FRANZ58

Lun, 03/10/2016 - 12:24

il nuovo sindaco avrebbe dovuto dare il consenso, quindi, prima di spendere doveva attendere (NO PD NO PARTY). le spese quindi, sono a suo carico. forse era convinto della vittoria a Roma di qualche amico. gli è andata male.

Ritratto di combirio

combirio

Lun, 03/10/2016 - 12:33

Sempre a prendere tutto sul serio. Il Sindaco ( La sindaca non mi piace ), potrà sempre dire Stavamo scherzando! Era tutta una burla! In fondo il nostro sommo capo è un comico! Dov'è il delitto?

Vigar

Lun, 03/10/2016 - 12:33

Ma quali danni! Spieghino piuttosto chi ha già speso i soldi e come si è permesso di farlo di sua iniziativa, senza preventiva autorizzazione . Ma siamo impazziti???

Vigar

Lun, 03/10/2016 - 12:34

Pagate piuttosto i danni e i debiti delle ultime olimpiadi, farabutti!

agosvac

Lun, 03/10/2016 - 12:38

Egregio roberto70, li ha spesi perché esisteva una specifica delibera del precedente sindaco!!!!!

Pinozzo

Lun, 03/10/2016 - 12:41

sembra quasi che questo Giornale sia dispiaciuto per il no alle olimpiadi, mentre e' stata una decisione giustissima. vi manca la soilta opportunita' di magna magna?

swiller

Mar, 04/10/2016 - 02:41

I danni sonoA carico dei ladroni che le vogliono fare.

swiller

Mar, 04/10/2016 - 03:59

Per la greco .......cambi mestiere.