I distinguo di Gentiloni: "Lotta a Isis, non guerra"

Bizantinismi alla Farnesina: "Dobbiamo combattere i terroristi sul piano militare, ma senza entrare in una dinamica di conflitto"

C'è una frase, nell'intervista concessa questa mattina dal ministro degli Esteri Paolo Gentiloni a La Repubblica, che colpisce: "Dobbiamo combattere i terroristi sul piano militare, ma senza entrare in una dinamica di conflitto."

Proviamo a metterci nei panni del cittadino comune: cosa diavolo vorrà dire, il titolare della Farnesina? Gentiloni ammonisce di non abusare della parola "guerra", quasi che i conflitti scoppiassero o meno nel momento in cui si accetta di chiamarli col loro nome.

Dalle sue parole, però, si evince - e non è un bello spettacolo - l'immagine di un'Italia che voglia quasi disimpegnarsi dall'intervento boots on the ground, sul terreno: facciamo la guerra al terrorismo ma senza fare la guerra, combattiamo ma senza armi, mobilitiamo i militari ma non le forze armate. Formule ambigue, prese di posizione sfumate, bizantinismi semantici. Torna alla mente l'Italia del 1939, che per non entrare in guerra al fianco dell'alleato tedesco (e Dio solo sa quanto sarebbe stato meglio non allearcisi) coniò l'astrusa formula della "non belligeranza": combattiamo, ma senza guerreggiare.

Anche un bambino capirebbe che le bombe di Parigi non sono una dichiarazione di guerra, ma sono già un atto di guerra. Peccato che la guerra non sia come l'amore e non occorra essere in due, per farla. A leggere le parole di Gentiloni, invece, sembra quasi che all'Occidente (e quindi all'Italia) non si possa muovere guerra senza permesso. "Parlare di guerra è un errore" e la guerra svanisce, come per incanto.

Aggrapparsi al fatto che la Francia si giustificata a parlare di guerra ma noi no, sostenere che per noi vale un altro discorso, è solo codardia. I terroristi non hanno mai fatto differenza, né la fanno né la faranno, tra Parigi e Roma. Come non l'hanno fatta tra Madrid e Londra e New York. Vogliono colpire il nostro stile di vita e la nostra libertà: aspettiamo che le stesse libertà che condividiamo con i francesi vengano colpite anche sul nostro territorio, per poter parlare di guerra?

Nella "morale dell'opera" posta al termine della sua "Storia della Seconda Guerra mondiale", Winston Churchill (che quella guerra la profetizzò e la vinse) scriveva: "In guerra: decisione. Nella disfatta: fermezza. Nella vittoria: magnanimità. Nella pace: buona volontà".

È di decisione che l'Italia e l'Europa avrebbero bisogno, nella guerra attuale. Non di inutili circonlocuzioni che aggirano i problemi senza risolverli.

@giovannimasini

Commenti

MarcoE

Lun, 16/11/2015 - 12:29

Ha parlato il fenomeno!

Rossana Rossi

Lun, 16/11/2015 - 12:38

Il pensiero di essere in mano a questo qui fa venire i brividi........

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 16/11/2015 - 13:02

Dopo le "convergenze parallele" di antiche fasti democristiane oggi mi tocca sentire un altra frase storica "combattere senza dinamiche di conflitto". Devo dire che Tra interni, esteri e difesa il governo ha grattato lo croste dal fondo del barile. Siamo in mano a dei pagliacci.

marygio

Lun, 16/11/2015 - 13:03

un altro genio strappato all'agricoltura

Ettore41

Lun, 16/11/2015 - 13:04

L'ambiguita' della sinistra italiana lascia senza parole. Ma come possiamo avere credibilita' all'estero? Ho seguito alla BBC il messaggio di Francois Hollande ai Francesi. E'stata una vera dichiarazione di Guerra all'ISIS con frasi molto dure. in parole molto succinte ha detto: "Nessuna pieta' per questi barbari". Gentiloni farebbe bene a leggersi il messaggio di Hollande ai francesi.

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Lun, 16/11/2015 - 13:09

Gentiloni parla e .... dà un classico esempio di politichese da "prato di margherite appassite". Quello che dice va letto due volte perché una sola non basta ... incredibile e demoralizzante!

Ritratto di charry_red_wine

charry_red_wine

Lun, 16/11/2015 - 13:12

che frase profonda e priva di senso.. chiamala come vuoi, basta che meni ste bombe e la smetti di pagare riscatti a destra e a manca (più a manca che a destra)

Maver

Lun, 16/11/2015 - 13:16

Una classe politica che sa tassare tranquilli e pacifici cittadini ecco dove arriva la sua leadership. Detesto il conflitto armato perché distrugge vite umane, alla meglio le mutila, perché crea lutti famigliari, perché c'è ben poco di eroico nel morire in una latrina centrati da un cecchino. Ma so anche che una vita vissuta nella incapacità di assumersi le proprie responsabilità: con la propria coscienza, con la propria storia, con la propria onorabilità, omettendo di difendere i deboli che ci sono stati dati in custodia è anche peggio, non è vita.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 16/11/2015 - 13:18

Il titolo dell’articolo interpreta le parole del ministro, ma se non è zuppa è pan bagnato: "Dobbiamo combattere i terroristi sul piano militare, ma senza entrare in una dinamica di conflitto"!?!? Per fortuna che il ministro non ha vinto le primarie per Roma: meglio Marino, pur con tutti i suoi limiti. Questo non ci sta proprio con la testa. Un distinguo che fa solo pena e francamente preoccupa: questi sono i cervelloni che ci governano? Forse glielo ha suggerito Renzi? Un governo di incompetenti. L’unico che mostra di capire qualcosa è il ministro delle finanze, solo che un giorno dice una cosa ed il giorno seguente ne dice un’altra, “renzianamente” del resto.

Palladino

Lun, 16/11/2015 - 13:20

...ma che cxxxo dice. Certo che con simili ministri c'è veramente da tremare. "Gentiloni,detto Paolo,personaggetto".

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 16/11/2015 - 13:21

Bravo gentiloni il distinguo era essenziale come lo è stato per smentire il pagamento del riscatto delle due oche.

ectario

Lun, 16/11/2015 - 13:25

Quando uno è un incapace dice cose contraddittorie e senza senso. Lotta all'ISIS con cosa: militari che fanno occhiatacce? o usano cerbottane con cartuccette di carta? o meglio gavettoni? E viene pure pagato. Che squallore i cattoK al governo di una fu grande nazione.

giottin

Lun, 16/11/2015 - 13:30

"Lotta a isis non guerra", ma come si fa ad essere così pagliaccio!

cangurino

Lun, 16/11/2015 - 13:48

Penso che Gentiloni si riferisse in realtà ad una risposta molto più ferma, ma non del tutto armata, ossia ai milioni (forse) di candeline che gli italiani hanno acceso a sostegno delle vittime e della pace nel mondo. E' chiaro che i terroristi, dopo tale prova di fermezza dell'occidente, staranno adottando nuove contromisure (pistole ad acqua per spegnere le candeline?), ma Gentiloni troverà una soluzione anche contro le pistole ad acqua. Penso sia grande esperto di tali armamenti tattici.

agosvac

Lun, 16/11/2015 - 13:55

Probabilmente a questo nostro ministro daranno l'oscar dell'idiozia!!!!! Un po' come la nostra beneamata magistratura: bisogna difendersi chiamando le forze dell'ordine, non uccidendo chi ti minaccia!!!!! Peccato che , qualora le forze dell'ordine arrivassero, uno è bello e morto!!! Ma, ragazzi, la colpa non è sua, la colpa è di chi lo ha designato come ministro!!!!!!!

Ritratto di aresfin

aresfin

Lun, 16/11/2015 - 14:11

Gentiloni: "Lotta a Isis, non guerra"..... bene, e con cosa li combattiamo i terroristi, con la battaglia navale, o forse con il monopoli o il risiko? Povero babbeo.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 16/11/2015 - 14:17

Il governo dei parolai. Parlano, parlano, senza dire niente. Il guaio è che poi ci sono i fatti, naturalmente riferiti sempre in modo speciale, sul tipo dell’indicazione dataci oggi da Gentiloni: "Dobbiamo combattere i terroristi sul piano militare, ma senza entrare in una dinamica di conflitto". Incredibile, se non fosse vero.

Ritratto di centocinque

centocinque

Lun, 16/11/2015 - 14:19

Angelino è il primo, ma questo gli insidia il primato!

antipifferaio

Lun, 16/11/2015 - 14:22

Siore e Sioriii...a Voi...la sinistra italiana di governo!!! Applausi.... Lo zucchero filato lo troverete appena fuori dal tendone.... POVERI NOI!!!!!

steacanessa

Lun, 16/11/2015 - 14:23

Questo è fulminato, ma non sulla via di Damasco!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 16/11/2015 - 14:35

Gentiloni, scusi, lei è un gentleman? A domanda risponde: "...Azzo..."

Ricky70

Lun, 16/11/2015 - 14:48

"Dobbiamo combattere i terroristi sul piano militare, ma senza entrare in una dinamica di conflitto." Perfetto Gentiloni come dichiarazione che non dice nulla, ma che ne sa tanto di “armiamoci e partite”. Con tali dichiarzioni viene superata la Mogherini, la mascotte agli esteri della UE che non è mai invitata agli incontri internazionali ristretti che contano.

hectorre

Lun, 16/11/2015 - 14:57

il governo più strampalato della storia, parla il fenomeno che ha dato 12 milioni di dollari al califfato per liberare due oche e le ha accolte con tutti gli onori all'areoporto!!!!.....siamo in buone mani!!!!...

timba

Lun, 16/11/2015 - 14:59

Niente da fare. La storia insegna. Noi Italiani abbiamo sempre fatto andare avanti gli altri : armiamoci e partite! Codardi e doppiogiochisti, abbiamo sempre aspettato per saltare sul carro dei vincitori. Non mi fanno impazzire i Francesi, per niente. Ma, a differenza nostra, senza se e senza ma, hanno iniziato subito a combattere quelle bestie. Mentre sfollavano dallo stadio cantavano "La Marsigliese". Noi continuiamo con i distinguo, i puntini sulle "i", prego avanti voi... che schifo.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Lun, 16/11/2015 - 15:13

Dobbiamo combattere......ma senza entrare in una dinamica del conflitto. Blabla, blabla,blabla. Ma che caxxo stai a dire!!!!! Se si combatte c'é guerra. Altrimenti si sta a casa a leccarsi le ferite. Tirate fuori una volte per tutte gli attributi. Dite le cose chiare e non sottintese. Sti imbecilli sempre in politichese dicono le cose: qui lo dico poi lo nego. Tipicamente da italiani.Sempre in ombra dicono le cose per poi poter smentire. Hanno rotto.

Italianoinpanama

Lun, 16/11/2015 - 15:26

la solita itaglia di sempre!

nippy

Lun, 16/11/2015 - 15:27

Continuo a chiedermi come abbiamo fatto a ridurci così, se nel raggio di 10.000 km. c'è un inetto stiamo sicuri che gli diamo un incarico istituzionale. Anche volendo salvare il meno peggio è ormai impresa impossibile. Sconfortante.

Ritratto di manganellomonello

manganellomonello

Lun, 16/11/2015 - 15:37

L'ho già scritto in passato. Questo ha la faccia di quello che a scuola lo prendevano a schiaffi e per il culo da mattina a sera. E' un povero complessato come molti che sono schierati come lui a sinistra e dintorni centristi. O come qualcuno travalicato accidentalmente al centrodestra.

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Lun, 16/11/2015 - 15:57

Certo che pensare di avere, sotto la regia del PDC Renzi, un Alf-ano ministro dell'interno, la Pinotti ministro della difesa e Gentiloni ministro degli esteri vien da dire che siamo proprio in una botte di ferro. Chi ci toccherà mai? Siamo autolesionisti già da soli.....

Ritratto di Loudness

Loudness

Lun, 16/11/2015 - 16:06

Dobbiamo scaldare l'acqua lasciandola fredda. Salare la minestra ma che risulti insipida. Vestirci bene da apparir straccioni. Saltare stando fermi. Respirare da morti e bagnarci i piedi ma che siano asciutti. Accendere tutte le luci in modo che siano spente, sdrairci stando in piedi, andare avanti all'indietro. Inoltre dobbiamo odiarci restando amici, frequentarci senza vederci, vestirci restando nudi e urlare senza far rumore.

Ritratto di Loudness

Loudness

Lun, 16/11/2015 - 16:08

I distinguo di Gentiloni: "Lotta a Isis, non guerra" Bravo Gentilò... prova a convocare urgentemente un consiglio dei Ministri e proponi a quelli dell'Isis di risovere la questione a Ramino o ad ammazzasette. Questo neanche al Circo di Moira Orfei farebbe fare bella figura.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Lun, 16/11/2015 - 16:21

Con renzi gentiloni e alfano siam ben difesi contro il mussulmano e poi di grazia abbiamo la pinotta arma vincente nel furore della lotta. Ahahahahahihihihihihihuhuhuhuhuh

Ritratto di V_for_Vendetta

V_for_Vendetta

Lun, 16/11/2015 - 16:22

perfavore qualcuno stacchi la spina a questo decerebrato, nin c'e' nulla da fare per salvarlo insieme ai suo compagni di partito e di governo........

giovanni951

Lun, 16/11/2015 - 16:40

questo distinguo mi tranquillizza. Ero già tranquillo con due geni come il duo alfano renzi, ma ora con le dichiarazioni di gentiloni è meglio ancora. Ora può tornare a dormire.

Ritratto di 100-%-ITALIANA

100-%-ITALIANA

Lun, 16/11/2015 - 16:54

Signor Gentiloni la sua affermazione mi fa venire in mente 1 vecchia battuta "Ci segua precedendoci!" - Com'è possibile COMBATTERE senza entrare nelle DINAMICHE DEL CONFLITTO?? Cosa facciamo gli "prendiamo" a parolacce? - @ Loudness stupendo il suo commento; se non ci fossero dei morti (compresa 1 Italiana) ed il rischio d'attentati a casa nostra è reale la dichiarazione del Signor Gentiloni sarebbe surrealmente comica

Giorgio5819

Lun, 16/11/2015 - 17:02

Gentiloni, un bel distinguo : fatti, non pugnette.

Ritratto di salvo38

salvo38

Lun, 16/11/2015 - 17:32

grande uomo con il cervello più piccolo di uno scarafagio

Blueray

Lun, 16/11/2015 - 17:49

Lui voleva certamente esprimere "una vibrata protesta". Poi gli hanno detto che era un po' poco e che i terroristi, della protesta, anche se vibrata, sai cosa se ne fanno. Così ha ripiegato sui bizantinismi. Certo che è ridicolo. Però per l'Italia entrare in guerra è un vero dramma. A cominciare dai pochi aerei disponibili, dagli armamenti tutti da predisporre ammesso che non siano da ordinare chissà dove, dai passaggi parlamentari e del Presidente della Repubblica per autorizzare le operazioni militari a scopo bellico. Insomma una babele. Si pensi che recentemente, contro l'Isis in Iraq abbiamo impiegato 2 aerei senza pilota Predator, un velivolo da rifornimento in volo KC 767, e 4 Tornado in versione Ids per la ricognizione e la sorveglianza, dunque assolutamente senza bombe. Da non credere.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Lun, 16/11/2015 - 18:59

bravo gentiloni,bisogna colpire Daesh in maniera chirurgica ed efficace ma limitando al massimo gli effetti collaterali,anche mediaticamente bisogna saper calibrare bene le parole per iniziare a contrastare la propaganda dei terroristi.Con buona pace di chi invece urla e strepita solo per interesse elettorale.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Lun, 16/11/2015 - 19:01

Comunque gentiloni durante la dichiarazione aveva uno sguardo severo e cupo tanto da far presagire gravi ripercussioni contro il beduino trasmettendo tanta sicurezza e serenità al popolo italico.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Lun, 16/11/2015 - 19:03

gentiloni non reciti ossi moro sei tu un' ossimoro

autorotisserie@...

Lun, 16/11/2015 - 21:37

SVEGLIATE QUESTO ABUSIVO IxxxxxxxE, OPPURE CACCIATELO A CALCI, FORSE SI SVEGLIA , CHE SCHIFO D'UOMO.

buri

Lun, 16/11/2015 - 22:51

Gentiòoni ci deve spiegare come pensa di lottare escludendo la guerra,forse manfanfo caramelle e cioccolatini