"I nostri militari in Lettonia? Un boomerang per l'Italia"

Parla l'esperto: la missione guidata dalla Nato è una scelta miope che danneggerà anche l'economia

La missione di sorveglianza nell'area del Baltico, con il dispiegamento di 140 soldati italiani al confine con la Lettonia, potrebbe costarci molto cara in termini di tenuta economica. Lo rivela il professor Aldo Ferrari, massimo esperto di Eurasia, nonché docente di Lingua e letteratura armena, Storia del Caucaso e Storia della cultura Russa presso l'Università Cà Foscari di Venezia. Dalle sue riflessioni si evince come «la politica Nato sia in questa fase distruttiva e miope». Il segretario della Nato Stoltenberg ha spiegato che l'Italia ha sempre fornito un contributo all'impostazione di un rafforzamento degli assetti difensivi nei Paesi orientali dell'Alleanza. Però questa volta la strategia sembra meno credibile a suo avviso.

«Sì perché si sta facendo un passo verso una direzione sbagliata. Il piano della Nato non servirà a risolvere criticità, semmai ad aumentarle, creando problemi non solo di comunicazione nell'Unione Europea, ma persino in Ucraina e in Siria».

In che misura l'Italia potrebbe risultare responsabile di un cambiamento degli scenari e degli equilibri politici e militari?

«Non parlerei di vera e propria responsabilità da parte nostra. Alla fine non siamo altro che l'anello di una catena. Rientriamo in un progetto e in alleanze che alla fine ci impongono dall'alto che cosa fare».

Lei si esprime totalmente in termini negativi sul piano annunciato dalla Nato, o vede qualche spiraglio positivo in prospettiva futura?

«Purtroppo vedo nero. Siamo di fronte a un braccio di ferro che non porterà a vincitori o a vinti. È una prova di forza dove alla fine non ci guadagnerà nessuno. Anzi, ci troveremo in una situazione di debolezza, anche economica».

È un errore che va imputato in via esclusiva alla Casa Bianca?

«I massimi responsabili di questa nuova strategia militare sono loro in ultima analisi. La decisione di inviare uomini nello scacchiere baltico è stata presa con grande miopia e senza una valutazione oggettiva di quelle che potranno essere le conseguenze».

Nell'ennesima prova di forza tra Russia e Stati Uniti l'Italia rischia di finire schiacciata in maniera irreparabile?

«Non vedo altre prospettive all'orizzonte. Per l'Italia il dispiegamento di truppe nei Baltici si dimostrerà un boomerang».

Intende che provocherà problemi di natura economica, mettendo a rischio tra le altre cose gli investimenti delle oltre 400 nostre aziende presenti in Russia?

«È evidente. I due anni di embargo hanno danneggiato più l'Italia, e in generale i Paesi esportatori, della Russia stessa. L'economia russa si è stabilizzata anche grazie alla nascita di una nuova produzione che ha sostituito i prodotti finiti sotto embargo. Non vedo che cosa può portare di buono un nuovo inasprimento di rapporti con Mosca».

Lei sta dicendo che le mosse che dovevano indebolire Putin hanno rafforzato il leader del Cremlino?

«Lo dicono i numeri. Al made in Italy la questione Russia è costata 3,6 miliardi di euro. L'export italiano è passato dai 10,7 miliardi del 2013 ai 7,1 miliardi di euro del 2015. Siamo ad un calo che supera abbondantemente il 30%.

E nel frattempo c'è stato anche un riavvicinamento fra Putin e Erdogan.

«Che ha permesso alla Turchia di poter riprendere le esportazioni verso la Russia, ottenendo in cambio la riapertura dell'indotto turistico verso Istanbul. Senza dimenticare gli scambi, ben più determinanti, legati al gas e al petrolio».

Noi risultiamo perdenti, così come l'Ue. E gli Stati Uniti?

«Hanno lanciato il sasso e nasconderanno la mano, nel senso che i promotori di questa iniziativa militare non hanno un interscambio commerciale significativo con la Russia. O comunque non tale da danneggiare l'economia americana. Le incognite sono tutte degli alleati».

Commenti

sesterzio

Dom, 16/10/2016 - 08:57

E' proprio vero il detto:"padron comanda cavallo trotta".Gli Usa impongono,tramite l'alleanza atlantica,atti e situazioni le cui conseguenze,sul piano commerciale,ricadranno sugli Stati deboli. Non si vedono veri motivi per infastidire una Russia oltre certi limiti.I veri nemici dell'Occidente sono altrove.

giovanni PERINCIOLO

Dom, 16/10/2016 - 09:01

..."È una prova di forza dove alla fine non ci guadagnerà nessuno. Anzi, ci troveremo in una situazione di debolezza, anche economica»... Non é esatto, gli USA ecnomicamente non ci rimetteranno nulla come ampiamente dimostrato dalle sanzioni in vigore mentre per l'Europa la fattura già oggi molto cara non farà altro che aggravarsi! La Nato é uno strumento obsoleto a totale trazione USA ed é diventato assolutamente controproducente quando non dannoso per la comunità europea a partire dalla caduta del muro di Berlino. Oggi una valenza positiva solo se fosse riqualificata su base esclusivamente europea con esclusione dagli USA!

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Dom, 16/10/2016 - 09:02

Politica estera aberrante di dilettanti allo sbaraglio

Ritratto di scipione scalcagnato

scipione scalcagnato

Dom, 16/10/2016 - 09:16

Siamo così stupidi da creare danni irreveribili al nostro export in Russia, attraverso queste comparsate da primo della classe volute dal governo Renzi. Idem per la nostra presenza in Afghanistan e in altre cosiddette "missioni di pace" nel resto del mondo, che ci costano quasi un miliardo di €/anno. Cui prodest?

01Claude45

Dom, 16/10/2016 - 09:39

Con gli OTTUSI GOVERNANTI FIORENTINI CHE CI RITROVIAMO PER SPINTA DI UN LOMUNISTOIDE 910enne, GLI ITALIANI PAGANO più degli altri le sanzioni che VENGONO IMPOSTE DA ALTRI OTTUSI che NULLA HANNO DA PERDERE, MA SOLO GUADAGNARE. ELIMINARE NATO E USA DALL'EUROPA ED, IN PARTICOLARE, DALL'ITALIA.

MOSTARDELLIS

Dom, 16/10/2016 - 09:41

Ormai la NATO significa Stati Uniti e Stati Uniti significa guerra a Putin. Possibile che Renzi & C non lo capiscono? Ma sono proprio deficienti? E' la seconda mossa sbagliata nei confronti della Russia in poco tempo, prima le sanzioni e ora l'invio di militari. E' la follia PD. Speriamo nelle prossime elezioni.

01Claude45

Dom, 16/10/2016 - 09:42

GENTILONI, semplicemente il NULLA FATTO MINISTRO !!!!!!!!!! Bel guadagno con la "PI(più) NOTTI" insonni per gli ITALIANI che lavorano e producono anche per mantenere questi CERVELLONI DETERIORATI, compreso quelli dei FIORENTINI al governo.

Massimo25

Dom, 16/10/2016 - 09:48

Io non la chiamerei miopia,uno se é miope ed é consapevole di esserlo mette gli occhiali...qui siamo a degli IDIOTI di pura razza Italiana.Gli americani sono per natura criminali,e su questo non piove,la storia é li per essere letta e interpretata,non ci vogliono i geni...prima ci liberiamo di questo INFAME ABUSIVO di montecitorio e prima potremmo sperare di salvarci..

Ritratto di nordest

nordest

Dom, 16/10/2016 - 09:54

Prima ci liberiamo del cialtrone Renzi :prima ripartirà l'economia,votiamo no così imparerà a vivere ,c'è un popolo da rispettare con la sua dignità.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 16/10/2016 - 09:59

Si è rovesciato il mondo. Quando ero un bambino gli Americani erano i nostri salvatori, quelli che avevano sconfitto Hitler e che ci proteggevano dall'URSS. Ora si sono rovesciate le parti, anche se non lo abbiamo capito subito, almeno dalla guerra in Iraq, ma ormai è palese la sporca politica dei Clinton e dei loro predecessori. Meglio Putin.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 16/10/2016 - 10:01

SUPPONGO CHE QUESTI CAPI DI STATO DISLOCATI LUNGO I CONFINI RUSSI SAPPIANO CHE IN CASO DI UNA GUERRA GENERALE SONO I PRIMI A SPARIRE DALLA FACCIA DELLA TERRA DIVENTARE DESERTI ARIDI..NON CREDO CHE SIANO COSì STUPIDI.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 16/10/2016 - 10:07

DITELO AI POLITICI DEL pd CONOSCIAMO GIà LA LORO "DEMOCRAZIA" DAL DISSANGUAMENTO DEI POVERI PENSIONATI ALLE SUPER PENSIONI ECC ECC ESPRIMO UNA MIA IDEA PERSONALE , LA VOSTRA NON LA SO MA LA VEDRò ALLE PROSSIME ELEZIONI.

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Dom, 16/10/2016 - 10:17

.... E corrono pure il rischio di farsi male...

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Dom, 16/10/2016 - 10:31

Il Renzi, che con fierezza (ipocrita) si fa avversario di Merkel e compagnia (naturalmente per piazzare i clandestini che porta in Italia, poi il resto: mah!) ha dato sempre (sotto-traccia, è un furbetto eh!) tutto il sostegno richiestogli da Jean Claude e dalla sua combriccola di burocrati, adesso non parla dei militari in Lettonia. Ma molti lo hanno capito: è sempre pronto ad eseguire gli ordini di Obama e degli euro-burocrati. Il bello è la frottola che dice: non sono loro a volerlo, ma: siamo no che lo vogliamoi!!!!!!! Non lui ma tutti noi!

ernestorebolledo

Dom, 16/10/2016 - 10:48

Partire dalla constatazione che il governo di Matteo Renzi non è stato eletto dal popolo 

antonioball73

Dom, 16/10/2016 - 11:05

madonna quanto la fate lunga! tutta questa manfrina x convincere i berlucones a diventare improvvisamente antiamericani e altrettanto prontamente filorussi (ma vi mandano un elenco quotidiano degli amici e nemici di silvio a cui conmformarvi immediatamente?). ma digli la verita' ai tuoi elettori: quando l'amico matteo avra' finito di proteggerlo e lui avra' liquidato tutto (milan,mediatrash ecc),sara' l'altro amico,il caro VLADIMIRO, a raccattare lui e tutta la sua corte di fuggitivi. ma deve portare la dote,e x portare la dote ci vuole ancora la protezione di renzi. e secondo voi dovremmo uscire da onu,nato e diventare alleati di putin in un probabile conflitto x questo? ma andate a ......

gpl_srl@yahoo.it

Dom, 16/10/2016 - 11:29

la guerra che la signora Clinton, aiutata dalla amministrazione attuale americana, vuole scatenare tra Europa e Russia è cosa sicuramente sua e non nostra, pertanto credo sia il caso che i suoi interessi assolutamente privati non ci debbano coinvolgere: il nostro presidente del consiglio non è assolutamente in grado di difendere gli interessi italiani nemmeno a livello di politica estera: dia lui le dimissioni prima che sia troppo tardi altrimenti annunci un referendum IEXIT e forse questo passo lo salverà dal disastro che l' attuale amministraziuone USA sta preparando: evidentemente il test proposto alla Clinton è quanto mai giustificato mentre i nostri soldati in Lituanua non lo saranno mai

moshe

Dom, 16/10/2016 - 11:36

l'impegno di questo governo di me..a profuso alla rovina dell'economia italiana è senza limiti

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 16/10/2016 - 11:43

Forse è l'obiettivo principe dei nostri politicanti, danneggiare la nostra economia. E per accelerare il discorso, fanno anche queste stupidaggini, mentre nelle piazze si esibiscono con le manifestazioni della pace (solo di chi vogliono loro) e sotto sotto fomentano le guerre (solo quelle che vogliono loro). Obiettivo facile, visti i molti caproni che li seguono, senza pensare ai molti danni collaterali, che un giorno farà piangere anche loro. Ma non ci arrivano, troppo difficile per loro.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 16/10/2016 - 11:49

Ma ci vanno con le bandiere arcobaleno della pace tanto care ai pidioti?

ilbelga

Dom, 16/10/2016 - 11:55

ancora una volta servi degli americani e pensare che saranno le nostre aziende a rimetterci mi viene il nervoso. ma si può essere cosi inetti in politica estera. renzie: ma vai a c----e incompetente che sei mi sembri un dilettante allo sbaraglio... ci vediamo presto al referendum...

VittorioMar

Dom, 16/10/2016 - 12:29

...ma ci rendiamo conto che arriva l'inverno,e se a quello gli girano ...i pollici e chiude il gas in Europa e lo vende su un mercato più ampio, come la CINA(1,2oo milioni di utenti contro 5oo milioni in EUROPA)noi che fine faremo??

VittorioMar

Dom, 16/10/2016 - 12:31

...per non mandare i nostri militari ,si dovrebbe uscire dalla NATO!!...MAGARI!!

zucca100

Dom, 16/10/2016 - 12:43

Americani komunisti renziani bolscevichi nipotini di Castro ch eguevara Lenin Stalin

Riclivi

Dom, 16/10/2016 - 12:50

I russi si cagheranno sotto all'arrivo dei soldati italiani....la storia non insegna proprio nulla!

ohibò44

Dom, 16/10/2016 - 13:06

Penso che quest’intervista chiarisca in modo inequivocabile e una volta per tutte il motivo per cui, come me, molti filo-americani ai tempi dell’URSS sono oggi diventati filo-russi

Ritratto di abj14

abj14

Dom, 16/10/2016 - 13:09

Invece di mandare 140 militari italiani nel baltico, inviassero 140 sommozzatori (o anche molti di meno), meglio se NATO, a sforacchiare nottetempo barconi e gommoni sulle spiagge libiche.

Ritratto di WiseIntelligent

WiseIntelligent

Dom, 16/10/2016 - 14:02

Giustissimo inviare i nostri soldati a difesa della NATO.

lavieenrose

Dom, 16/10/2016 - 14:11

Renzi non è niente altro che il galoppino di Obama e della Clinton. Rappresenta inoltre il potere delle banche e delle finanziarie americane alle quali dell'Italia non importa proprio nulla. Prima se ne va prima ci risolleviamo, ma ho seri dubbi che con le prossime elezioni ce lo togliamo dalle scatole, visti i sondaggi. I cinque stelle alla fine della fiera sarebbero il minore dei mali perchè dopo tre mesi si andrebbe a rivotare (Roma docet).

agosvac

Dom, 16/10/2016 - 14:15

Significativa la chiusura dell'articolo: a perderci, come al solito non sono gli Usa ma i suoi alleati, si fa per dire, dell'Ue. La cosa che ha dell'incredibile è che l'Ue non dipende dagli Usa per le sue forniture di gas e petrolio ma dalla federazione Russa! Si può essere così scemi dall'andare contro quelli che ti permettono di passare gli inverni al calduccio e di fare funzionare le tue industrie????? A mio parere i maledetti burocrati dell'Ue soffrono di masochismo:si fanno del male da soli e godono nel farsi del male!!!

scorpione2

Dom, 16/10/2016 - 14:28

e vai, una bella guerra non farebbe proprio male. mi raccomando nucleare.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 16/10/2016 - 15:31

70 anni di occupazione... ah pardon... la chiamano "liberazione". .. 70 anni di servilismo contro i nostri interessi. E chi si oppone o "non piace" fa la fine di Mattei, Moro o Craxi.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 16/10/2016 - 15:33

La Russia presto consegnerà il suo gas anche all'India. Cina + India ossia 3 miliardi di persone. L'Europa diventerà sempre più marginale e ridotta a terzo mondo anche grazie ai seguaci di Kalergi

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 16/10/2016 - 15:33

Non è certo un caso che Frottolo si porti negli USA, dal padrone, il sindaco di Lampedusa. Il piano di meticciato dell'Europa, di AFRICANIZZAZIONE dell'Europa è stato ordinato a Washington, da gente come Soros.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 16/10/2016 - 15:36

La strategia della superpotenza morente è ovvia e in fondo logica (al netto di considerazioni morali che non possono appartenere ai cow boys): usare i vassalli e i servi contro Russia e Cina. I servili europei contro la Russia e i servili coreani e mezzigiapponesi contro la Cina.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 16/10/2016 - 15:41

non temete ....con le belle tope che ci sono nei paesi baltici, gli italiani diserteranno dal giorno 1.

ziobeppe1951

Dom, 16/10/2016 - 15:47

zucca100....12.43...noto con piacere che piano piano ci arrivi pure tu ....lo so, siete rimasti alle purghe staliniane

carmann

Dom, 16/10/2016 - 15:53

la nato è chiaramente manipolata da obama e dal suo fido kerry. la nefasta coppia sta alzando l'escalation verso la russi per motivi di politica interna per mettere in cattiva luce trump che giustamente( come l'italia di berlusconi) vuole mantenere buoni rapporti con putin. obama si sta rivelando il peggior presidente usa del dopoguerra( peggiore anche dello scialbo carter). spero proprio che la signora clinton non venga eletta, meglio un populista( lo sarà davvero?) come trump rappresentante dell'america profonda. ps. il segretario generale della nato è della stessa famiglia politica di barak hussein obama. sarà un caso?

mila

Dom, 16/10/2016 - 16:26

@ mostardellis -Magari perfino Renzi & Co l'hanno capito, ma sono sotto stretto controllo e ricatto da oltreoceano. Del resto, non si vede nessuna manifestazione popolare anti-NATO nelle piazze italiane.

sergio_mig

Dom, 16/10/2016 - 16:31

Ennesimo disastro di Renzi che viene usto come zerbino da tutti. A lui basta un invito dalla Merkel e da Obama ( con il ciarlatano Benigni) per sentirsi uno statista e non si accorge che lo prendono X i fondelli, in più tutte queste idiozie le paghiamo noi. Mi domando: il Pres. Mattarella che ci sta a fare? L'Italia sta morendo per colpa di narcisisti incapaci. Qualsiasi insulto a questi parolai sarebbe inutile perché non hanno neppure la dignità di capire e di dimettersi.

Keplero17

Dom, 16/10/2016 - 16:34

E' una scelta del governo renzi di fare l'allato fidato di un'America che quando c'è da fare i conti mette il suo interesse al primo posto. Da un punto di vista politico è una scelta ardita, perché basta un niente per accendere una miccia che trascina in una escalation, basta un soldato lituano dal grilletto facile. Militarmente è una scelta che ci espone ai missili nucleari russi. Le guerre iniziano sempre per via di incidenti accaduti o voluti e poi quando ci si è dentro non si sa come uscirne. Anche per questo basta un no al referendum.

Raoul Pontalti

Dom, 16/10/2016 - 16:35

Ho somma stima del prof. Alfo ferrari di cui seguo regolarmente gli articoli pubblicati su ISPI con particolare riferimento alla storia e alla politica del Caucaso, ho poi spiccata simpatia per la nazione armena di cui il nostro Aldo insegna lingua e letteratura, purtuttavia non condivido il suo pessimismo espresso in questo articolo. L'Italia, lo ammette lo stesso Aldo, è un anello della catena NATO, dunque con scarse possibilità di manovra, e l'invio di truppe italiane in Lettonia, paese membro della NATO è un atto dovuto tra l'altro a buon prezzo e che ci risparmia interventi altrove più rischiosi. L'episodio in sé non ci costa molto nemmeno in termini di incavolatura dei russi. Condivido invece il giudicio globale negativo sulle iniziative NATO a partire dagli anni 90 che hanno stravolto il senso dell'alleanza da difensivo a offensivo pro USA.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 16/10/2016 - 18:46

La NATO altro non è che il pretesto con cui gli USA mantengono la loro occupazione e il loro dominio in una Europa priva di sovranità. Basta sapere cosa ne pensava De Gaulle del resto.

Klotz1960

Dom, 16/10/2016 - 20:18

Smettiamola con le frasi fatte buoniste ma stupide tipo " da una parte, ma dall'altra" o, come in questo caso, un irrigidimento "che non portera' ne' vincitori ne' vinti". I confinanti sono Europa e Russia e sono pertanto quelli che hanno tutto da perdere, infinitamente di piu' degli Usa. Lo capisce anche un bambino, ed infatti noi Europei non dovremmo consentire agli Usa di scherzare con la pelle nostra e dei Russi. Invece glielo stiamo permettendo, e questo e' l'ennesimo tradimento dell'UE. L' UE pensa solo a fare l'Impero, ed in cambio del sostegno Usa al suo progetto imperiale, sostiene gli Usa nell'irresponsabile provocazione della Russia. Che S C H I FO.

wrights

Dom, 16/10/2016 - 20:56

A mio avviso la NATO (comandata dagli USA), viene usata per tornaconto economico esclusivo sempre degli USA. In pratica fanno mandare i nostri soldati (chiamiamoli così), solo ed esclusivamente per inasprire i nostri rapporti con la Russia e spingerci nel TPP. Lo scopo è quello di farci diventare parte del loro mercato esclusivo come lo siamo a livello militare e degli armamenti. E' in atto un attacco alle industrie tedesche che non vogliono il TPP, (megamulte inventate per cose risapute, ecc. e solo a loro e non ad altri stati che usano gli stessi sistemi, Giappone, Italia ecc.) ed anche le pulci sobillate, devono fare finta di ribellarsi.... siamo diventati patetici.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 16/10/2016 - 21:27

Ma come siamo furbi, che politica lungimirante!

Ritratto di laghee100

laghee100

Dom, 16/10/2016 - 21:28

... unico vantaggio....in Lettonia ci sono delle gran belle ragazze !!!

buri

Lun, 17/10/2016 - 11:04

anche questa volta siamo i vassali degli americani che sembrano ben decisi a spingere le provocazioni fino alle estreme conseguenze, usamo la NATO per scatenare una guerra alla Russia