I punti in comune (e non) tra la Lega e M5s

Su flat tax, reddito di cittadinanza e Legge Fornero si gioca l'accordo di governo tra la Lega di Matteo Salvini e il Movimento Cinque Stelle di Luigi Di Maio

Flat tax, reddito di cittadinanza e Legge Fornero. Ruota su questi tre punti (ma non solo) il “contratto di governo” tra M5S e Lega. Ma vediamo nel dettaglio.

Reddito di cittadinanza e flat tax

Il reddito di cittadinanza è sto il cavallo di battaglia del Movimento Cinque Stelle in campagna elettorale, il tema con cui ha stravinto al Sud. Alla Lega non convince proprio perché verrebbe percepita come una norma assistenzialista tesa a favorire il Meridione. Secondo il professor Giacinto della Cananea che, per conto del M5S, ha studiato le convergenze sui programmi, sarebbe meglio puntare sul “potenziamento dei sistemi attuali di sostegno al reddito”. L’importante, per Luigi Di Maio, è dare un aiuto concreto e ulteriore alle famiglie. Aiuto che potrebbe arrivare anche attraverso maggiori fondi per il “reddito di inclusione” introdotto dal governo Gentiloni.

Per Salvini, invece, è fondamentale abbassare le tasse ma i pentastellati, in più occasioni, hanno fatto capire che non vogliono sentir parlare di flat tax al 15% in quanto favorirebbe troppo i ricchi. Meglio puntare su una riforma progressiva delle aliquote Irpef. Sul resto, però, Lega e M5S hanno programmi simili. Entrambi propongono l’inversione dell’onere della prova fiscale per i contribuenti, sono favorevoli alla “web tax” e contrari a un eventuale aumento dell’Iva, previsto dalle clausole di salvaguardia Ue.

Legge Fornero

La riforma della legge sulle pensioni, la cosiddetta ‘Legge Fornero’, divide solo parzialmente Lega e Cinque Stelle. Se per Salvini è imprescindibile abolirla, Di Maio ha una posizione leggermente più morbida e preferisce parlare più di “revisione” piuttosto che “abolizione” di tale legge. L’idea di massima, spiega La Stampa, dovrebbe essere quella di ritornare alle vecchie regole, prevedendo la Quota 100 (somma tra età della pensione e anni di contributi versati) per tutti i lavoratori, la proroga dell’Opzione donna ed una “quota 41” per i lavoratori precoci. In pratica con 40 anni di contributi si potrebbe lasciare il lavoro già a 60 anni, con 35 si andrebbe a 65, mentre oggi il requisito minimo è fissato a 66 anni e 7 mesi. La fattibilità del progetto è subordinata alle risorse finanziarie che, al momento, non sarebbero sufficienti.

Politica Estera

Sulla politica estera, sempre secondo il professor della Cananea, vi sarebbero profonde divergenze. Al di là dell’ultima intervista in cui Beppe Grillo rilanciava sul referendum sull’Euro, i pentastellati hanno ammorbidito le proprie posizioni euroscettiche, mentre la Lega non vuole rispettare i vincoli del trattato di Maastricht. Salvini, poi, per quanto riguarda il rapporto con la Russia, è stato molto chiaro: stop alle sanzioni. Di Maio, invece, nel discorso del 6 febbraio alla Link Campus University, ha avuto una posizione molto filo-atlantica

Immigrazione clandestina, sicurezza e giustizia

Anche sull’immigrazione clandestina c’è una certa sintonia tra i leghisti che intendono fermare gli sbarchi dall’Africa e i pentastellati che hanno accusato le Ong di essere i “taxi del mare”. Entrambi puntano molto anche sul tema della sicurezza e di maggiori fondi per le forze dell’ordine ma i grillini hanno una visione “giustizialista” che, invece, manca ai leghisti, sebbene siano contrari a indulti e decreti "svuota-carcere" e abbiano inserito nel loro programma un investimento straordinario per costruire nuove carceri.

Commenti
Ritratto di adl

adl

Gio, 10/05/2018 - 17:20

Si fanno pagare meno i ricchi per regalare soldi a disoccupati e lavoratori in nero. Me la vedo difficilotta anzichè no !!!!!!

Ritratto di deep purple

deep purple

Gio, 10/05/2018 - 17:20

Praticamente si rimangeranno tutto quello che hanno promesso in campagna elettorale. Chissà che contenti saranno i loro elettori. Ciaone!

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 10/05/2018 - 17:24

La Flat tax! Ma dove sono i soldi? Si creino posti di lavoro, ma per gli Italiani, non per i bengalesi e simili. Ed é per questo che Salvini ha scaricato il resto del centro destra? Vedo scuro il suo futuro politico. Faccia molti passi indietro oppure si trasferisca nella corte di Grillo. Il suo recente successo elettorale rischia di rimanere un bel ricordo.

ginobernard

Gio, 10/05/2018 - 17:41

beh in teoria permettendo pensionamenti anticipati si creerebbero opportunità per i giovani. Alla fine un 60 enne non ha le energie e l'entusiasmo di un 20-25 enne. Il ricambio va fatto. Per molti rimanere a lavorare è un supplizio ...

donzaucker

Gio, 10/05/2018 - 17:45

I grillini giustizialisti? A me pare che siate giustizialisti anche voi Legaioli-Berluschini quando l'imputato vi sta antipatico (Vedi Fini o Renzi Sr).

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 10/05/2018 - 17:47

La vedo dura questa "collaborazione".Molto dura!....forse su uno-due punti,ma il pensare di navigare assieme per 5 anni...impossibile. Nuove carceri?....Perchè?....Per continuare a tenere nelle nostre carceri il 50% di "diversamente italiani"?Il pretendere che i paesi di provenienza,si riportino a casa A LORO SPESE,i loro compatrioti,no?...Non è corretto,non lo consente l'art. 10 della "più bella costituzione del mondo"?....Salvini mi sà che ci siamo cacciati in un bel ginepraio....Vediamo di uscirne al più presto!

tonipier

Gio, 10/05/2018 - 17:51

" SAREBBE RIDICOLO DARE IN MANO FLAT TAX....." su questo tasto giocano, se cade questo tasto, sono realmente finiti in un grandissimo burrone tutti i buffoni..

nalegior63

Gio, 10/05/2018 - 17:59

adesso si fa sul serio...hi hi hi pidioti giuda finalmente state sparendo for de ball

Pinozzo

Gio, 10/05/2018 - 18:21

Dall'elenco sopraindicato mi sfugge tranne per l'immigrazione quali siano i punti di contatto tra m5s e ln.

Silvio B Parodi

Gio, 10/05/2018 - 18:23

lasciamoli lavorare.... vediamo ... eventualmente poi, si puo' criticare, io sono ottimista, siatelo anche voi, sempre meglio dei pidioti che hanno ridotto l'Italia ad un letame!!!!!

Antonio Chichierchia

Gio, 10/05/2018 - 19:19

Fra un po' scade il mandato di Draghi e con lui il Quantity Leasing. Lo spread comincerà a riaffacciarsi (qualche settimana, non di più) ed ecco il Governissimo, Monti si scalda in panchina.

peter46

Gio, 10/05/2018 - 19:41

donzaucker...e lo vedremo fra qualche giorno quando il tribunale si aprirà per i tulliani e soprattutto per Fini.E pensare che entrati nell'animalismo brambillian-berlusconiano si pensava abbassassero i fucili,ma non sarà così se ci sarà da 'impallinare' il Fini.Io sarò quà per 'dignità' e contro l'indegnità delle ms ex missini che l'hanno abbandonato dopo averli portati in 'paradiso' dove da soli non ci sarebero mai arrivati...non mancare se non hai meglio da fare.

necken

Gio, 10/05/2018 - 21:12

@ginobernard: è la stessa cosa che si diceva 40/50 ANNI fà quando si concedevano le baby pensioni; oggi il mercato del lavoro si evolve costantemente e sono necessarie nuove professionalità (500.000 posti vacanti) che rimangono vacanti mentre i disoccupati languono.Il tuo ragionamento forse è applicabile alla PA ed a figure come i bidelli ad esem.

rokko

Gio, 10/05/2018 - 22:05

ginobernard guarda, ho esperienza per parlare a ragion veduta: quelli per i quali lavorare fino a 60 anni è un supplizio, sono esattamente quelli per i quali lavorare è stato un supplizio per tutta la vita. Poi, la storia che pensionando prima si creino dei posti di lavoro per i giovani è un falso mito. I posti di lavoro ai creano con la crescita economica, non c'è scappatoia.