Incontro fra Trump e May Si salda l'asse con Londra

Venerdì il primo ministro britannico alla Casa Bianca Il piano per un accordo commerciale tra i due Paesi

New York - Donald Trump getta le basi della nuova diplomazia americana partendo dalla «special relationship» con la Gran Bretagna. È infatti la premier inglese Theresa May la prima leader straniera a fare il suo ingresso nella Casa Bianca del 45esimo presidente degli Stati Uniti. L'incontro a Washington tra il tycoon e la May, in calendario venerdì, conferma l'asse con la Londra della Brexit, e serve per iniziare a lavorare a un accordo commerciale con la Gran Bretagna dopo la sua uscita dall'Ue. «Parleremo dei valori che condividiamo e su come possiamo rafforzare la relazione speciale» fra i due paesi, ha spiegato May, assicurando un confronto «franco».

Nel frattempo, nel calendario di The Donald è fissato un incontro con un altro leader straniero, il presidente messicano Enrique Pena Nieto, che vedrà il 31 gennaio: al centro dei colloqui in questo caso immigrazione e il famigerato muro anti-clandestini. A Washington, intanto, prosegue la guerra tra il miliardario newyorkese e la stampa. Sabato pomeriggio il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer ha convocato a sorpresa un incontro lampo con i giornalisti nel corso del quale ha attaccato i media «irresponsabili» che riportano «informazioni false» sui numeri dell'affluenza al giuramento. Mentre il capo di gabinetto Reince Priebus ha rincarato la dose affermando che «c'è una cospirazione dei media per delegittimare» il presidente. Il tycoon si è anche recato in visita nella sede della Cia, un tentativo di ricucire le tensioni delle ultime settimane dopo le indagini dell'intelligence sui legami con la Russia. Su Twitter, infine, ha commentato le manifestazioni delle donne affermando che «le proteste pacifiche sono un marchio della nostra democrazia». Ma «abbiamo appena avuto un'elezione! Perché queste persone non hanno votato?».

Commenti

luigiMis

Lun, 23/01/2017 - 08:53

con internet è impossibile sbagliare: su youtube il discorso, su politico la trascrizione. Non è andato a ricucire ma a presentare Mike Pompeo come nuovo capo e a comunicare l'obiettivo primario (il presidente è il responsabile dell'esecutivo, quindi indica le priorità): sradicare dalla faccia della terra Isis. Vi pare poco? I presenti (funzionari CIA) lo hanno accolto con 5 minuti di ovazione. lasciate stare la CNN, andate alle fonti.

i-taglianibravagente

Lun, 23/01/2017 - 09:12

Aria fresca! Buon segno questo feeling Trump-May........quel che resta dell'europa sa gia' di muffa.

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Lun, 23/01/2017 - 10:36

La politica estera USA è sempre un destreggiarsi globale tra Cina e Russia. Con Trump la priorità sarà contenere la Cina e per questo è necessario riavvicinarsi alla Russia...il Pacifico e l'Asia saranno il futuro e quindi perché perderlo? Per la Crimea? Una distensione con la Russia però potrebbe portare anche a un aumento di relazioni Berlino Mosca ( la Germania non osa "muoversi" verso est quando gli Usa sono ai ferri corti con la Russia), quindi ecco il sostegno alla brexit, contro la UE germanizzata per indebolirla e la rinnovata amicizia con Londra ( a cui bisogna far andare giù, da tradizionali anti russi che sono gli inglesi, il ravvicinamento a Mosca). Comunque tutte cose positive per noi!

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 23/01/2017 - 11:38

Praticamente uno sputo in faccia alla ue.

pasquinomaicontento

Lun, 23/01/2017 - 12:07

L'ironia è l'arma intelligente di chi sa che, sta battibeccando con uno che c'ha i paraocchi,che vede solo quello che ha davanti a se, come i cavalli da corsa,che, se non guidati andrebbero a sbattere sulle transenne...e il "Roscio" ne ha a quintali di quella cosa lì,lo dimostra il passato prossimo del suo intercalare :-Ma abbiamo appena avuto solo un'-e"l"ezione!"- Dimme se al posto di quella ELLE ciavesse messo una ERRE.-Perchè queste persone non hanno votato?-"Tiè, Pija e porta a casa" direbbe-Arbertone nostro da lassù,e prima di lui Socrate e la sua filosofia dell'ironia.

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 23/01/2017 - 12:21

----l'america l'ha sempre avuta una «special relationship» con la Gran Bretagna--con la brexit questa relazione tra i due paesi crescerà ancor di più--perchè gli inglesi fuori dall'europa non avranno più nessuna remora quando si tratterà di continuare ad organizzare coi cugini statunitensi attentati in tutta europa---hasta

Ritratto di Flex

Flex

Lun, 23/01/2017 - 12:26

Io penso che l'asse USA Londra non sia mai cessato. L'Inghilterra, a mio avviso, è sempre stata "l'arma" nemmeno tanto segreta, da parte degli USA, per controllare e "spiare" l'Europa e in Particolare l'U.E. non per nulla una delle sedi d'intercettazione globale risiede proprio nel R.U..

Ritratto di Turzo

Turzo

Lun, 23/01/2017 - 13:12

Togliete il vino a ELPIRL!!!!!!!!

emigrante48

Lun, 23/01/2017 - 13:19

E ti pareva che non arrivasse il commento illuminante del sinistropata elkid!! Manca ancora quello dell´altro ta-rato, il ffffffffffffffffamoso raoul pontalti e del sognatore dreamer66

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 23/01/2017 - 13:47

----emigrante48---quando un giorno si diraderà la nebbia sul caso regèni---noterai non lo zampino -ma lo zampone del Mi6 britannico su questa faccenda e di come gli inglesi si siano notevolmente infastiditi dei nostri rapporti con l'egitto---sullo sfondo contratti miliardari con l'eni----l'inghilterra ha la stessa mentalità degli states--ecco perchè vanno così d'accordo --se a questi due soggetti aggiungi i sionisti hai capito come va il mondo---tu caro emigrante continua a ignorare---l'ignoranza ha i suoi vantaggi---fa vivere bene---hasta

Ritratto di Turzo

Turzo

Lun, 23/01/2017 - 13:55

Ci avete sfracanato i gabasissi a voi e Regeni! Mai che si parli di altri italiani ammazzati dai vostri cari Negiodi, mi fate pena

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 23/01/2017 - 14:10

---Turzo---di cosa vuoi che parliamo?---dei fucilieri assassini?----io sono pronto---hasta