È incubo foreign fighter In Inghilterra sarebbero 400

Tra i rientrati l'italiano Tomaselli, convertito 28enne Da soldato Isis in Siria per un anno a parcheggiatore

Poteva andare molto peggio. E l'intelligence di Sua Maestà lo sa. Da mesi, infatti, le informazioni raccolte dall'antiterrorismo britannico delineano uno scenario da incubo. Stando agli 007 britannici almeno 400 dei circa 850 jihadisti partiti dal Regno Unito per i fronti di Siria o Iraq sono già tornati in patria. E se a colpire fosse stato uno di questi, anziché il terrorista pasticcione entrato in azione ieri il bilancio sarebbe assai più tragico. Per capire quanto aleatori siano i controlli sui jihadisti di ritorno basta il caso del 28enne italiano Gianluca Tomaselli, un convertito, originario di Termini Imerese, rientrato tranquillamente a Londra dopo aver trascorso un annetto in Siria combattendo tra le fila di Rayat al Tawheed, un gruppo di fuoriusciti britannici confluito poi nello Stato Islamico.

Solo il ritrovamento degli archivi dell'Isis in cui sono registrati nomi, pseudonimi e Paesi di provenienza di migliaia di volontari entrati nel Califfato ha permesso alle autorità di scoprire che il reduce Tomaselli, partito da Londra nell'ottobre nel 2013, aveva soggiornato per un annetto sui campi di battaglia siriani. Un annetto durante il quale è comparso in numerosi video di propaganda in cui - presentandosi con il nome di battaglia di Abu Abdullah al Britani invitava a colpire i popolari autobus rossi di Londra. Eppure - nonostante queste esibizioni - Tomaselli ha potuto tornarsene in Inghilterra senza problemi. E anche quando le autorità si sono accorte che aveva trovato lavoro come custode del parcheggio del Whipps Cross Hospital, nella zona est di Londra nulla, è cambiato. L'unico inconveniente è stata una sospensione dal posto di lavoro non accompagnata però dal taglio dello stipendio. Quindi il reduce Tomaselli può ora anche contare su una paga gratis.

La storia paradossale di questo terrorista d'origine italiane è solo la punta d'iceberg della rassegnata accondiscendenza garantita ai jihadisti nel Regno Unito. Stando alle cifre divulgate dal Ministero degli Interni solo 54, cioè uno su otto, sono stati arrestati, inquisiti o messi sotto sorveglianza speciale. Quindi almeno 350 reduci, addestrati al combattimento e all'uso di armi ed esplosivi, sono latitanti sul territorio inglese. Ma in verità anche in questo caso siamo di fronte ad una stima ottimistica. Come dimostra il caso Tomaselli, vi potrebbero essere centinaia di altri jihadisti transitati per i campi di battaglia della Siria e rientrati in Inghilterra all'insaputa delle autorità. «Non penso proprio che l'Inghilterra sappia quante persone sono partite per la Siria o quante sono tornate. Ci sono spiegava l'ex capo del Centro Nazionale Anti-terrorismo Chris Phillips molti modi di rientrare nel Regno Unito evitando i controlli, compresi i bus e i traghetti».

I più pericolosi tra i jihadisti di ritorno, secondo le informazioni fornite da un prigioniero dell'Isis interrogato dai miliziani curdi, sarebbero alcuni infiltrati della brigata Al Kharsa, la speciale unità dello Stato Islamico creata per selezionare e addestrare i militanti incaricati di mettere a segno attentati nel cuore delle città europee. Almeno una cinquantina di esponenti dell'unità - a cui appartenevano i membri del commando entrato in azione a Parigi e Bruxelles - sono ancora pienamente operativi e alcuni di questi sarebbero penetrati in Turchia dal valico di Bab al Hawa, nel nord ovest della Siria, per poi raggiungere le città di Konya, Gaziantep o Istanbul dove le locali cellule dell'Isis hanno messo a loro disposizione passaporti e documenti falsi per il viaggio in Europa. Se a colpire saranno loro, l'esplosivo nascosto nei loro zainetti non sarà quello improvvisato e inefficace deflagrato ieri nella metropolitana, ma quello assai più micidiale usato per far strage a Parigi e Bruxelles.

Commenti

Reip

Sab, 16/09/2017 - 10:51

Loro gli inglesi, avranno sicuramente commesso troppi errori in passato, la Gran Bretagna trabocca di extracomunitari clandestini e non. Tuttavia per lo meno adesso sono fuori dall'Europa, indipendenti dalle assurde leggi europee, sono ritornati ad essere un paese totalmente autonomo e indipendente, e presto riordineranno le loro frontiere, inizieranno le espulsioni, e controlleranno con massima attenzione i flussi migratori nel loro territorio... E noi?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 16/09/2017 - 10:51

E un bell'appezzamento di terreno verdeggiante recintato, magari, da filo spinato e sorvegliato da sentinelle sulle torrette... da adibire a soggiorno dei foreign fighters? Giammai! Siamo democratici, noi!

paolonardi

Sab, 16/09/2017 - 11:07

E le nostre suffragette ed i loro compari compreso il salume premono per concedere la cittadinanza a probabili individui del genere. Intelligenza sotto i tacchi.

Mobius

Sab, 16/09/2017 - 11:08

Dobbiamo seguire l'esempio di Donald Trump, che ha cominciato a mettere al bando gli immigrati provenienti dai Paesi musulmani. La crisi di rigetto che costoro hanno nei nostri confronti deve essere reciproca. Per quanto mi riguarda, lo è sempre stata.

puntopresa10

Sab, 16/09/2017 - 11:15

Semplice,si mandano all'altro mondo,incidenti o cause naturali,questo i servizi sanno farlo benissimo.Ritengo che qualcuno sia anche un'infiltrato,perciò staremo a vedere cosa succede,leggete le notizie strane e capirete.

19gig50

Sab, 16/09/2017 - 11:20

Se li conoscono e sanno dove sono devono andare ad eliminarli e non solo in Inghilterra, mors tua vita mea.

puntopresa10

Sab, 16/09/2017 - 11:22

Con questi articoli,come al solito state instaurando paura alle persone,ma pensate che i servizi siano una manica di deficenti,sono contigui al potere e fanno sempre quello che il potere dice. Gli F16 nel 2011erano già in volo,perché non hanno abbattuto gli aerei? Lo sapremo nel 2050.Semper Fidelis

puntopresa10

Sab, 16/09/2017 - 11:24

Scusate era il 2001

tosco1

Sab, 16/09/2017 - 11:32

Io rimango allibito da questa presa di atto di una incapacita' politica cosi' evidente dei popoli europei,in cui dilaga il buonismo, in evidente crisi di identita', e quindi con tendenze al suicidio molto accentuate. Ed e' puro suicidio riprendersi indietro senza problemi i cittadini che sono andati a combattere ed a sgozzare gli infedeli con l'Isis in Siria. Manca poco che gli diano anche la pensione di guerra.E' evidente che l'Europa e' ormai un enorme territorio abitato da eunuchi,incapaci di prendere i provvedimenti che vanno presi, per la sicurezza delle nazioni e dei cittadini, in tempo di guerra. Perche', forse non se ne sono ancora accorti ma e' in corso una guerra terroristica islamica contro l'occidente ed i suoi valori.Lo vogliamo dire o fare finta di niente.?O dobbiamo a attendere che facciano la pelle ai politici?

ukchris

Sab, 16/09/2017 - 11:46

Anche fuori dall' Europa, ci vorrano dei politici severi, per eliminare jihadisti stranieri e proteggere i nostri confini. Uscire dall' UE quindi risolve solo una parte del problema. Servono anche politici che non hanno paura di offendere i sinistroidi; quelli che hanno proprio creato questo casino. Margaret Thatcher non ci avrebbe mai fatto arrivare nella situazione attuale. Maggie dove sei ?

Maura S.

Sab, 16/09/2017 - 11:52

E noi italiani, pardon, il nostro governo italiano...... si può sommare in poche parole = i soliti idioti. =

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 16/09/2017 - 11:57

Ma cosa é che la gente deve essere pagata senza lavorare.

Jimisong007

Sab, 16/09/2017 - 12:02

Sarà arrivato il momento di ammettere il grande errore pubblicamente?

Ritratto di elkid

elkid

Sab, 16/09/2017 - 12:04

--ve la racconto io la favoletta--c'era una volta la "musulmania" dove vivevano i musulmani felici e tranquilli--tranquilli per modo di dire -perchè erano divisi in due grosse tribù e si scannavano giornalmente- ma perlomeno lo facevano per proprio conto e nelle proprie terre--poi c'erano gli occidentali cattivi che volevano il petrolio dei musulmani a buon mercato-ed allora studiarono un piano diabolico-armare una volta una tribù e poi l'altra --affinchè lo scannarsi a vicenda dei musulmani fosse più veloce ed approfittare della situazione--finchè un bel giorno alcuni musulmani sono rinsaviti ed hanno capito il giochetto --hanno capito che sono gli occidentali i bastardoni--gli occidentali che hanno creato isis -al qaeda e compagnia--gli occidentali che hanno creato i flussi migratori con le primavere e la democrazia esportata a forza-ed hanno deciso di venire in occidente a farci assaggiare la stessa medicina che abbiamo loro dato---questa si chiama nemesi storica-

Ritratto di Risorgere

Risorgere

Sab, 16/09/2017 - 12:09

A leggere le notizie quotidiane di ordinaria follia che provengono dall'Occidente (gli spagnoli che come riposta dopo gli attentati chiudono chiese e aprono moschee, i danesi e i norvegesi che danno sostegno psicologico ai tagliagole dell'Isis di ritorno dalla Siria, i francesi che votano Macron anziché la Le Pen, i tedeschi che concedono le loro donne agli islamici a capodanno, gli inglesi che lasciano stuprare le loro bambine ai pachistani perché è la loro cultura, per non parlare di belgi, olandesi, ecc.) appaiono concretizzarsi i peggiori scenari preconizzati dalla Fallaci.

Ritratto di Risorgere

Risorgere

Sab, 16/09/2017 - 12:12

Ormai il futuro dell'Occidente è a Oriente. Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca, Russia.

Ritratto di Tora

Tora

Sab, 16/09/2017 - 12:24

Le razze esistono e in base alla razza si capiscono le indoli. Al netto dei torti subiti dalla popolazioni abitanti il continente africano, non mi risulta che abbiano mai fatto un tentativo autonomo di strutturarsi socialmente in modo anche solo lontanamente paragonabile a quello occidentale. Fare finta che non esistano differenze e quindi non fare mai nulla per colmarle porterà solo ad una escalation di violenza di cui fino ad ora abbiamo visto solo dei timidi tentativi.

Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Sab, 16/09/2017 - 13:07

Eliminarli preventivamente...unica soluzione.

blackwater

Sab, 16/09/2017 - 13:17

che stupidi questi Britannici,non conoscono la teoria della Boldrini che regalando la cittadinanza questi signori si integrano perfettamente e non commettono più reati nè terrorismo.Come dite ? che tutti questi "nuovi Britannici" la cittadinanza inglese ce l'hanno già ? ma guarda che strano.

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Sab, 16/09/2017 - 13:27

Secondo il Times e molti altri giornali i jihadisti sono in realtà 23.000, articolo sul Times: “Huge scale of terror threat revealed: UK home to 23,000 jihadists”. Ci sono più di 80 tribunali della sharia in uk e diversi imam anche cosiddetti moderati sostengono di lottare perchè in uk venga istituzionalizzata la sharia perchè il paese ne ha bisogno. Questo ORRORE potrebbe tra non molto riguardare anche noi, sta succedendo in INGHILTERRA non in Burkina Faso, d’altronde a parte gli xenofobi razzisti come Farage, personaggi come Theresa May e una lunga fila di altre persone di rilievo credono di risolvere il problema negandone l’esistenza comeper esempio continuando ad arrestare cosiddetti estremisti per reati d’odio

Tobi

Sab, 16/09/2017 - 14:23

"È incubo foreign fighter" - Ma non sono quegli stessi foreign fighter che l'Europa lasciava andare e venire dalla Siria perché dovevano rovesciare il legittimo governo Siriano per conto di USA/Israele, Arabia, Gran Bretagna rifornendo le fila dell'ISIS? Allora l'Europa chiedeva entrambi gli occhi e li lasciava andare. Mi pare che anche adesso che ritornano l'Europa mantenga gli occhi chiusi. La nuova missione dei foreign figher adesso è quella di mantenere alta la tensione in Europa, per fare nuove leggi restrittive a danno dei cittadini "europei"?

Malacappa

Sab, 16/09/2017 - 14:34

Si fanno fuori tutti 400 senza pieta'