"Io, gay di destra, dico no alle nozze omosessuali"

L'esponente di Fdi Mario Fulgy Ravetto: "Le unioni civili sono il cavallo di Troia per l'utero in affitto. Se passano, le basi della società sono a rischio"

«In tanti anni non ho mai sentito il bisogno di dichiarare la mia omosessualità, pur nota a tutti i miei amici, perché non ritengo sia argomento da conversazioni pubbliche». A fare outing è Mario Flugy Ravetto, siciliano di buon lignaggio e militante da sempre nella destra, dal Msi a Fratelli d'Italia di cui oggi è esponente. E la colpa è, spiega, di Monica Cirinnà e del Pd. «Se oggi mi ritrovo a metterla in piazza è perché la posta in gioco è altissima: la legge sulle unioni civili è cavallo di Troia di una deriva che può mettere in discussione il fondamento stesso della società».

Caspita. E perché mai?

«Perché è solo il primo passo di ciò che accadrà di qui a un anno o poco più, se si andasse alle elezioni e vincesse Renzi: matrimonio gay, adozioni, uteri in affitto, fecondazioni artificiali. Fino a sconvolgere l'equilibrio determinato dalla natura o dal buon dio, a seconda delle opinioni. Una follia».Scusi la domanda personale, ma lei ha mai avuto un compagno stabile?«Ho un carattere troppo cattivo. Ma ho avuto anch'io rapporti duraturi, sì. E non ho nulla contro la stabilizzazione delle coppie e il riconoscimento di diritti: se mi ammalo, il mio compagno deve potermi assistere. Se muoio, è giusto che abbia la reversibilità della pensione».

Dunque cosa toglierebbe il matrimonio omosessuale alla società?

«Non toglie niente. Ma dobbiamo capire quale sia il senso del matrimonio: la religione non c'entra, è arrivata dopo. È stato inventato per distinguere la sua stirpe dalla mia. E quindi che senso ha se non produce figli? E i figli, mia cara, come ebbe a dire Giovanni Paolo II si producono con una scopata».

Disse proprio così?

«Disse con un atto d'amore ma il senso era quello. Due uomini o due donne non possono riprodursi, così nel loro caso il matrimonio non ha senso».

Io sono sposata e non abbiamo voluto figli: dunque anche il mio matrimonio non ha senso?

«Secondo me proprio no, se mi perdona l'impertinenza. D'altronde credo che la chiesa cattolica abbia torto marcio sull'indissolubilità del matrimonio, ma questo è altro discorso. Non è stata l'introduzione del divorzio a mettere in crisi la famiglia: la disgregazione è iniziata nel '75 con la riforma del diritto di famiglia».

Perché?

«Perché le mogli (o i mariti) sono diventati eredi pieni. Fu studiata a tavolino dal Pci per mettere in discussione i patrimoni ereditari. Così si introduce la possibilità che vengano trasmessi ad eredi senza alcun legame di sangue».

Non le pare una visione un tantino feudale?

«Sta dicendo che son rimasto fermo al 13 luglio del 1789? La risposta è sì: penso che l'Armageddon che stiamo vivendo sia iniziato allora».

Insomma, ad un suo compagno di vita non vorrebbe lasciare eredità?

«Al massimo un ricordo personale, certo non il mio patrimonio familiare. Vede, con la legge Cirinnà in apparenza non accadrà nulla. Ma alla lunga si minerà la ragion d'essere della società».

Commenti

Totonno58

Sab, 06/02/2016 - 08:43

Ho letto l'intervista...è un po' strana, che dite?L'onorevole Ravetto ha detto tutto ed il contrario di tutto...

Linucs

Sab, 06/02/2016 - 09:22

Ma quale stirpe, suvvia! Siamo tutti uguali e intercambiabili! Bisogna mescolare bene le carte! Così quelli che hanno inventato tutta questa farsa (da Boas in poi) potranno rubare meglio.

giovanni PERINCIOLO

Sab, 06/02/2016 - 09:56

Onore al coraggio! Ma non é certamente il solo gay a pensarla cosi'. Secondo alcuni la stragrande maggioranza dei gay é contraria alle adozioni e porcate assimilabili (uteri in affitto ecc.) ma é una maggioranza silenziosa mentre le vendoline sono sempre in prima linea. D'altra parte, visti i costi di un utero in affitto, non credo siano in molti a poterselo permettere. Quindi una richiesta per pochi "eletti" granosi e non certamente "democratica". Ma tant'é, non é certo una novità che la "democrazia" trinariciuta sia sicuramente a "geometria variabile" e quindi si presti a tutte le turpitudini!

denteavvelenato

Sab, 06/02/2016 - 10:09

Questo articolo è improbabile, lo sanno tutti che quelli di destra non possono essere gay

Ritratto di Civis

Civis

Sab, 06/02/2016 - 10:24

Una coppia, in quanto tale, ma senza figli, non ha alcuna utilità sociale e perciò la reversibilità della pensione è una spesa Previdenziale ingiustificabile. Basta il sostegno dell'Assistenza.

Anonimo (non verificato)

vince50

Sab, 06/02/2016 - 11:13

Io sono e sarò sempre di destra,anzi per essere precisi Fascista.Non sono gay ma se anche lo fossi,non toglierebbe nulla alla dignità e rispettabilità della mia persona.Chi vive e si comporta in modo dignitoso e civile deve essere rispettato,e a maggior ragione se la pensa come il signore a cui fa riferimento l'articolo.Il c***o è una cosa,le testa ben altro.

korovev

Sab, 06/02/2016 - 12:03

e perchè totonno? a me sembra avere senso. se uno pensa che un bambino dovrebbe avere una madre e un padre, e che ci sia un ordine naturale delle cose, è l'unica posizione che uno può tenere.

Totonno58

Sab, 06/02/2016 - 12:58

korovev...non mi riferivo a questo, un po' su tutto il resto...mah, sarà questo clima che si è creato attorno ad una legge che io ritengo giusta, doverosa ed innocua, di fronte alla quale tanti straparlano, pontificano, sia tra favorevoli che tra contrari...anche la nostra Madre Chiesa non è esente da questo salotto, a parte Papa Francesco.

korovev

Sab, 06/02/2016 - 15:23

totonno, il problema, per quanto mi riguarda, naturalmente, ma credo anche per molti altri, non è il diritto di una persona omosessuale di avere chi vuole al suo fianco quando in gravi condizioni all'ospedale, o del suo sacrosanto diritto di dormire in macchina perchè il divorzio lo ha spolpato, sono le adozioni, è l'utero in affitto e compagnia cantante.

zucca100

Sab, 06/02/2016 - 15:51

E quindi cosa vuole dimostrare questa intervista?