L'università islamica abusiva

Il progetto di un imprenditore salentino convertito ad Allah: "Siamo in attesa del riconoscimento del ministero dell'Istruzione". Intanto a Lecce via ai primi corsi

da Lecce

C'è un progetto ambiziosissimo, un terreno impegnato, dei palazzi su cui pende una trattativa, dei corsi di lingua araba già partiti e dei corsi di teologia (che sforneranno imam) in partenza. Ma non c'è ancora il via libera del Miur (la domanda al Ministero di fatto non è stata formalizzata), e non ci sono – a quanto se ne sa – neppure i soldi, fiumi di soldi, che dovrebbero arrivare dai paesi del Golfo.

«Abbiamo creato davanti ad un notaio la fondazione “Università islamica di Lecce» che è l'ente promotore dell'università stessa. Si tratta del primo step per avviare l'iter di riconoscimento al Miur», sottolinea Giampiero Khaled Paladini, imprenditore salentino convertitosi all'Islam e a capo di Confime, il Consorzio imprese del Mediterraneo, che ha intrapreso quest'avventura.

«Tra gli ispiratori c'è Vittorio Sgarbi -– racconta -– perché l'idea è nata quando mi ha voluto come suo consulente per i rapporti col mondo arabo mentre era sindaco di Salemi».

«Una domanda vera e propria per il riconoscimento al Miur non è stata presentata anche perché le pratiche sono già chiuse -– sottolinea Paladini - dobbiamo aspettare gennaio dell'anno prossimo. Fino a quel momento bisogna mettere a punto alcuni tasselli importantissimi tra cui le sedi e il piano didattico. Abbiamo stabilito quale sarà il percorso formativo. Per adesso proponiamo dei corsi interni che non hanno bisogno di passare al vaglio del Miur e che partiranno a settembre. Alcuni Master saranno avviati nel gennaio del 2016 in collaborazione con altre università italiane. E poi, finalmente, se dio vorrà, entro il 2016/2017 dovremmo ottenere il riconoscimento ed avviare le pratiche per l'istituzione delle facoltà che saranno tre: scienze umanistiche; agraria, ambiente e territorio; medicina e scienze infermieristiche, novità assoluta sul territorio. Anche qui stiamo avviando una serie di contatti e partnership con strutture sanitarie italiane, nelle quali gli studenti avranno la possibilità di svolgere attività di formazione pratica e laboratori. Vogliamo creare la corrispondente islamica dell'Università Cattolica di Roma e Milano, che tra l'altro ha istituito una sua sede a Ervil in Iraq lo stesso giorno in cui noi abbiamo sancito la nascita della fondazione Università islamica di Lecce».

Il campus universitario sorgerà in agro di Monteroni: un terreno, di 9 ettari, su saranno costruiti circa 50mila metri cubi di Ateneo, è già impegnato; per l'altro è in corso la trattativa che si concluderà a giorni. Qui sorgono dei palazzi in passato adibiti ad Università (ex facoltà di Giurisprudenza). Per collegare le due aree sarà realizzato, secondo quanto spiega l'imprenditore, un ponte o un sottopasso.

Un'opera maestosa per cui servono circa 45 milioni di euro, a cui bisogna aggiungere 35 milioni di costi di gestione all'anno, che cresceranno con la realizzazione del college per ospitare gli studenti, e il rettorato, che sarà istituito in una (non meglio precisata) villa leccese.

«Ma non sono tanti soldi se pensiamo a i partner che stiamo coinvolgendo per l'operazione. Con questi partner - spiega l'imprenditore - l'accordo di massima c'è, se no sarei un pazzo ad avviare un'iniziativa del genere. Ma, dal momento che nessuno nel mondo arabo crede che in Italia possa nascere un'Università di questo tipo, tutti danno la disponibilità, ma prima vogliono avere la certezza della fattibilità del progetto».

I nomi ancora non si possono fare: «Non si tratta soltanto di compagnie petrolifere legate agli Emirati arabi, ma anche di grosse istituzioni bancarie. L'area di riferimento è Golfo, ma non ci fermiamo lì». È questa la promessa di Paladini.

Commenti

rossini

Dom, 19/04/2015 - 08:33

Scusate, ma manca la notizia più importante. In che settore opera l'IMPRENDITORE CONVERTITO ALL'ISLAM? Vuoi vedere che è uno che fa affari, ed anche grossi, con il Medio Oriente? Se è così, più che un convertito, mi sembra un furbastro. D'altra parte si suol dire: "Parigi val bene una Messa"!

Ritratto di marcel lò

marcel lò

Dom, 19/04/2015 - 08:34

Imprenditore? Ditemi cosa vende che lo evito da ora...

michele lascaro

Dom, 19/04/2015 - 08:50

Su Internet:"l'imprenditore" sarebbe socio della Confime, con attività imprenditoriali riguardanti l'Oriente, non ho capito bene quali "attività" siano trattate.

Fiorello

Dom, 19/04/2015 - 09:03

Di quali permessi parlate? Loro hanno le loro leggi e di quelle italiane non sanno che farne. D'altronde la burocrazia italiana così farraginosa con gli italiani è di una semplicità disarmante con gli extracomunitari.

matteo lamanna

Dom, 19/04/2015 - 09:49

Matteo Lamanna.@ giampiero paladini: mi puo' dire per favore in quale paese islamico vi sono universita' Cattoliche? e dove si insegna tra l'altro il VANGELO? e, quale e' stata la folgorazione che l'ha fatta convertire all'islam? e' forse il caso di MONEY TALKS? grazie.

giovanni PERINCIOLO

Dom, 19/04/2015 - 10:02

"... fiumi di soldi, che dovrebbero arrivare dai paesi del Golfo." Le università se le facciano a casa loro perché anche questa é una invasione pura e semplice e l'Europa deve cominciare seriamente a domandarsi se veramente é disposta a morire musulmana!

Tuvok

Dom, 19/04/2015 - 10:11

Universita' abusiva? Gli Islamici sono tutti abusivi perche' la loro religione e' incompatibile con la nostra costituzione.

Tuvok

Dom, 19/04/2015 - 10:13

E comunque cosa insegnano? Come soddisfare 72 vergini per l'eternita'?

Ritratto di Giuseppe da Basilea

Giuseppe da Basilea

Dom, 19/04/2015 - 10:37

E da pazzi dare il permesso a questa Universita`, quando a 45 Km e precisamente a Otranto, nell`Agosto del 1480, 800 Otrantini, si sono fatti " Decapitare " ma non hanno accettato la Fede Islamica. Dopo essere stati invasi dai Turchi.Signori,un po`di rispetto.O noi Italiani, dobbiamo sempre abbassarci le M.......?

Ritratto di Scassa

Scassa

Dom, 19/04/2015 - 10:37

scassa domenica 19 aprile 2015 Altro che conversione ,sto traditore venduto scambio culturale di soldi ,per non dire di peggio che,comunque ,resta sottinteso . Il giorno che uno di loro ,al loro paese farà la stessa cosa ...neanche allora ci crederò ...sempre arabi sono !!!!!!!!scassa.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 19/04/2015 - 10:41

Quando la xilella avrà divorato tutti gli olivi della Puglia all'ora l'unica forma di sovvenzione per quei residenti sarà di farsi mussulmani e lavorare in quella mega università ... in nome di Allah.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 19/04/2015 - 11:31

E pensare che un tempo, 1000 e passa anni fa, furono i monaci e i "propugnatori della nuova fede in Cristo" che fondarono abazie, conventi e comunità con lo scopo di "civilizzare" gli atei "illo tempore" mentre oggi questi sono in fasce discendente altri stanno risalendo. L'Homo Sapiens diventa sapiente quando ha sperimentato sulla sua pelle cosa vuol dire il sapere ... sovente troppo tardi.

martinsvensk

Dom, 19/04/2015 - 11:33

Un apostata che si permette di offendere la sua terra con una ridicola Università islamica. Ormai è acclarato che in Italia e solo in Italia ognuno può fare ciò che vuole se straniero per l'atavico complesso di inferiorità che ci portiamo dietro.

Ritratto di hardcock

hardcock

Dom, 19/04/2015 - 11:56

Non e' un'universita'. E' solo una scuola coranica e in Italia dovrebbe essere proibita

plaunad

Dom, 19/04/2015 - 12:08

Lasciatela costruire poi c'é sempre il ....... santo tritolo

agosvac

Dom, 19/04/2015 - 12:17

Non si capisce perché questo imprenditore, convertitosi all'islamismo, non se ne vada a fare la sua università nel mondo islamico invece di chiedere contributi all'Italia!!! Nel mondo islamico i soldini ci sono , eccome se ci sono visto che con i petrodollari stanno comprando mezzo mondo.

doris39

Dom, 19/04/2015 - 12:52

Una notizia scovata,leggendo un artico dell'Intraprendente,dei finanziamenti: Paladini ha reso noto soltanto che proverranno da fondazioni private di vari Paesi, tra cui il Qatar (finanziatore dichiarato di Hamas e unico Paese del Golfo che non partecipa alla coalizione anti-Isis) e l’Afghanistan. http://www.lintraprendente.it/2015/04/luniversita-islamica-no/

Ritratto di ohm

ohm

Dom, 19/04/2015 - 13:31

Italia paese di rincoglioniti. ma questo paladini visto che gli piace tanto la unoversità islamica non può andare a romper i coglio.i in un qualsiasi paese islamico. Qui non è il benvenuto...la sua religione non E' COMPATIBILE con la nostra... qui in Italia si è cristiani e chi non è cristiano non è benvenuto per i piùse mussulmano visto che ci vogliono distruggere!

Ritratto di ohm

ohm

Dom, 19/04/2015 - 13:34

Avete mai visto un Khaled che in Italia si cambia il nome in Bramnilla ? No ? Allora fuori dalle palle! Se gli piace tanto il medio oriente non stai qui per di più proprio ad Otranto...ce se ne vada in medio oriente così lì sarà ben acetto ....forse!...perchè se becca un mussulmano invasato e sa che era cristiano fa sicuramnete una brutta fine...

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Dom, 19/04/2015 - 14:34

I contenuti del Corano sono incompatibili con la Costituzione Italiana. E' dunque un testo da mettere fuori legge, da impedirne la vendita e impedirne la diffusione con qualsiasi mezzo. STOP - Fine della trasmissione.

Gaby

Dom, 19/04/2015 - 15:16

Fuori questi schifosi dale nostre terre.

Ritratto di pascariello

pascariello

Dom, 19/04/2015 - 15:16

Costui ci dimostra ancora una volta che in Italia le madri di schif@si rinn@gati pronti ad ogni porch@eria pur di fare profitto alle spalle degli interessi dei VERI italiani sono sempre incinte !!

Ritratto di Grisostomo

Grisostomo

Dom, 19/04/2015 - 15:24

In galera questo disgraziato, radere al suolo l'università e deportazione per tutti i musulmani. Basta!

Ritratto di semovente

semovente

Dom, 19/04/2015 - 16:16

L'abusivo in argomento è perfettamente in regola in itaglia, dove ognuno fa quel katzo che gli pare e piace.

D'Angelo Ciro

Dom, 19/04/2015 - 16:51

Se vuoi proprio costruire l'università islamica, vai ad erigerla in Arabia Saudita o in altri paesi del Golfo, qui ,in Italia,ci siam rotto le balle di questi fanatici islamici e di tutti quei cretini che abbrcciano questa religione di........

Ritratto di gianky53

gianky53

Dom, 19/04/2015 - 16:52

Cos'abbia trovato di illuminante nella fede islamica questo nuovo convertito non ce lo dirà mai. C'è poco da insegnare in una Università islamica, oltre allo studio dell'ideologia maomettana. Basti considerare che la Grecia in un anno traduce e pubblica più libri di quanti ne abbiano tradotti e pubblicati tutti gli stati arabi messi insieme in mille anni.

Ritratto di gianky53

gianky53

Dom, 19/04/2015 - 17:04

Chiedo scusa e correggo quanto da me affermato in precedente commento, anche se la sostanza non cambia. I dati corretti, tratti da Arab Human Development Report, redatto nel 2002 dal Programma di sviluppo delle Nazioni Unite mostrano che ogni anno nel mondo arabo vengono tradotti trecento libri, un quinto rispetto alla sola Grecia. In Spagna in un anno si traducono circa centomila libri, quanti ne sono stati tradotti in tutti i Paesi Arabi negli ultimi mille anni.

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Dom, 19/04/2015 - 17:45

"Scienze umanistiche; agraria, ambiente e territorio; medicina e scienze infermieristiche". Belle facoltà! Al bravo imprenditore e ai suoi sodali interessa solo: Religione (le chiamate 'scienze umanistiche', ma sostanzialmente è solo Corano), possesso della nostra terra (col gentile titolo di: 'ambiente e territorio') e il ricatto della salute (Medicina è praticamente l'unica laurea posseduta dagli immigrati acculturati). Col ca@@o che mettono qualche corso rappresentativo della nostra cultura occidentale storica, con la quale non hanno alcuna voglia di relazionarsi; che so, Architettura, Arte, Storia e Filosofia o Ingegneria Aerospaziale; o magari un Conservatorio per cercare di trovare un Mozart o dare un senso alle loro lagne! PS: ma Sgarbi si era per caso impazzito a volere il Paladini come consulente?

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 19/04/2015 - 17:58

Università islamica? Dove insegneranno che il sole gira intorno alla terra?

little hawks

Dom, 19/04/2015 - 18:43

Mandiamoli via prima che sia troppo tardi! I mussulmani sono pericolosi e non accettano i principi della nostra costituzione, quindi non possono convivere con chi ritiene che tutti gli esseri umani hanno uguali diritti a prescindere dal sesso, dalle idee politiche e dal credo religioso. Togliamo i diritti civili anche agli italiani che si sono convertiti prima che comincino a chiedere la sharia, prima che ci uccidano, prima che i cristiani siano crocifissi (sura 7-124) anche nel nostro paese.

VittorioMar

Dom, 19/04/2015 - 19:06

La Cultura non deve mai spaventare,importante il confronto e stabilire le differenze.Sapere che l'Islam è per l'imposizione!Il Cattolicesimo per devozione!