Israele, dopo il calcio la musica: salta l'Eurovision

L'evento spetta allo Stato ebraico che indica Gerusalemme. Per gli organizzatori «troppo divisiva»

Netta Barzilai, l'israeliana vincitrice Eurovision 2018

Prima l'amichevole con l'Argentina saltata all'ultimo momento. E adesso tocca ad Eurovision, il festival della canzone europea ispirato da Sanremo. Gli organizzatori non vogliono tenere la gara musicale a Gerusalemme città troppo «divisiva» dopo l'investitura americana come capitale di Israele. Lo stesso scoglio politico che ha fatto saltare la partita di calcio fra lo Stato ebraico e l'Argentina di Lionel Messi.

La notizia non è ancora ufficiale ed è trapelata da Israele, membro organizzativo dell'Unione televisiva europea che manda in onda il festival. Il bello è che i cantanti israeliani hanno partecipato alla competizione musicale europea 41 volte dal 1973 vincendo in quattro occasioni. E ben due volte, nel 1979 e nel 1999, Eurovision è stata ospitata proprio a Gerusalemme, la città contesa con i palestinesi.

La ministra della Cultura e dello Sport, Miri Regev, ha messo le mani avanti dichiarando che se «Eurovision non si terrà a Gerusalemme non l'ospiteremo da altre parti». Fedelissima del primo ministro Benjamin Netanyahu era stata proprio lei a spostare l'amichevole con l'Argentina da Haifa a Gerusalemme, dove gli Usa hanno da poco trasferito l'ambasciata, sollevando sanguinose proteste dei palestinesi. L'edizione di quest'anno è stata vinta il 12 maggio dalla cantante israeliana Netta Barzilai nella finale di Lisbona. Per questo motivo Eurovision 2019 dovrebbe tenersi in Israele. E secondo il governo a Gerusalemme, la capitale dello Stato ebraico non riconosciuta da tutti i Paesi.

La battagliera Regev ha chiarito che il costo per ospitare la manifestazione è di 50 milioni di Nis, l'equivalente di 12 milioni di euro. «Se Eurovision non vuole venire a Gerusalemme - spiega la ministra -, penso che sia sbagliato investire una cifra del genere di fondi pubblici». E poi ha aggiunto: «La capitale dello stato d'Israele è Gerusalemme e non dobbiamo vergognarcene».

In rete sono già apparsi i richiami turistici per Eurovision 2019 sottolineando che il gran finale dovrebbe tenersi allo stadio Teddy o all'arena delle Nazioni a Gerusalemme. In passato Eurovision è già stato terreno di scontro fra arabi e israeliani. Nel 1978 la televisione giordana interruppe la diretta durante l'esibizione della concorrente israeliana. E quando è stato chiaro che avrebbe vinto sospese la messa in onda sostenendo che era arrivato primo il candidato del Belgio. Il Libano che voleva partecipare si è tirato indietro perché non riconosce lo Stato ebraico. Gli album di Eurovision, che oggi sono proibiti, fino al 2009 erano in vendita a Beirut con il nome di Israele cancellato.

Per la partita di calcio con l'Argentina che si sarebbe dovuta disputare domani la federazione israeliana ha denunciato alla Fifa le pressioni palestinesi sui calciatori argentini. La superstar Messi sarebbe stata minacciata di morte. Adesso sta scoppiando il braccio di ferro della canzone, che rischia di far saltare Eurovision 2019 per motivi puramente politici e timore delle rappresaglie.

Commenti
Ritratto di Tutankhamon

Tutankhamon

Ven, 08/06/2018 - 09:42

"L'investitura americana come capitale d'Israele" ???!!! Da Biloslavo non mi sarei mai aspettato che scrivesse una simile Scocchezza. Gerusalemme è capitale di Israele per volontà del suo popolo dal 1949.

momomomo

Ven, 08/06/2018 - 09:54

E con la lotta alla discriminazione, al razzismo, all'antisemitismo e via dicendo, come la mettiamo?

Edith Frolla

Ven, 08/06/2018 - 10:45

Boicottare Tel Aviv

Ritratto di Nahum

Nahum

Ven, 08/06/2018 - 11:04

Israele ci prova sempre ma un po' di sale in zucca non ci starebbe male ...

delio100

Ven, 08/06/2018 - 12:36

Il Riconoscimento di Gerusalemme capitale,è e sarà un vero macigno per Israele

Ritratto di domenico.piccolboni

domenico.piccolboni

Ven, 08/06/2018 - 13:14

Lo sport e la musica dovrebbero rimanere fuori dalla politica, guai a condizionare questi eventi, che nulla hanno a che fare con le scelte politiche compiute! Inaccettabile poi il ricorso ad intimidazioni e minacce, come è avvenuto con la nazionale argentina, cosa indegna di un paese civile, che si vuole costituire in stato sovrano!

scorpione2

Ven, 08/06/2018 - 15:00

questa e' la nuova democrazia,

tonycar48

Ven, 08/06/2018 - 15:36

E smettete di scrivere "ministra" non contribuisce alla causa e la rende ridicola, adesso che non c'è più la Boldrini tornate alla normalità. Grazie

diod

Ven, 08/06/2018 - 15:39

Non vedo la rilevanza di tutto questo fracasso. Al fatto che non ci sarà il match con l'Argentina o la finale eurovisiva, la maggior parte degli israeliani al massimo risponderà con un'alzata di spalle.

Divoll

Ven, 08/06/2018 - 22:57

@ diod - Anche la maggioranza degli altri popoli del mondo.