Il killer Zodiac mi ha confessato: «Sono io il mostro di Firenze»

Un ex ufficiale dell'esercito Usa che ha vissuto in Italia racconta al «Giornale» di essere l'assassino seriale più ricercato degli Stati Uniti e il pluriomicida che terrorizzò la Toscana Le coincidenze esistono. E adesso indagano...

«Non mi sono consegnato per non mettere nei guai gli altri». Un cittadino americano ex militare Usa ha confessato di essere l'autore materiale dei delitti avvenuti a Firenze fra il 1974 e il 1985. Secondo un'inedita testimonianza al vaglio in queste settimane dalla Procura di Firenze, l'uomo ha ammesso in una telefonata di alcuni mesi fa di essere il serial killer già noto negli Stati Uniti con il nome di «Zodiac». La testimonianza sul tavolo degli inquirenti fiorentini è corroborata da compatibilità biografiche e dalla presenza dell'identità dell'autore delle ammissioni nei messaggi cifrati del killer americano, inviate alla stampa Usa fra il 1969 e il 1974. Si tratterebbe inoltre della stessa persona che il postino di San Casciano, Mario Vanni, aveva chiamato «Ulisse» in una conversazione intercettata il 30 giugno 2003 nel carcere Don Bosco di Pisa.

L'ASSASSINO É AMERICANO

Il documento in possesso della Procura di Firenze e arrivato al Giornale attraverso la rivista Tempi, oltre a contenere la testimonianza, è corroborato da dati biografici e dalla soluzione di quattro indovinelli sull'identità di Zodiac, che contengono effettivamente il nome e il cognome dell'uomo. Si tratta di un documento scarno, di quattro pagine, che con toni chiari e netti descrive una ammissione di responsabilità inequivocabile da parte del presunto serial killer che fra il 1974 e il 1985 uccise almeno sette coppie di ragazzi nelle campagne attorno a Firenze. L'autore delle confessioni è un ex funzionario americano in pensione, con conoscenze radicate sul territorio fiorentino. Un uomo sul quale nessuno aveva mai nutrito sospetti fino a pochi mesi fa. Nella sua ventennale carriera nell'esercito Usa era stato coinvolto soltanto in un sospetto episodio di sangue avvenuto in Vietnam.

«I MIEI COLLEGHI SAPEVANO»

Ulisse secondo Vanni e secondo questa nuova testimonianza è il vero autore dei delitti seriali fiorentini avvenuti fra il 1974 e il 1985, oltre che l'uomo che fra il 1966 e il 1974, uccise almeno 6 persone in California, rivendicando i propri crimini in lettere inviate alla stampa e firmate con il nomignolo di «Zodiac».L'americano avrebbe ammesso le sue responsabilità durante una telefonata dell'11 settembre 2017, ma riportata ufficialmente agli inquirenti il primo marzo di quest'anno. L'uomo secondo il testimone che ha parlato di recente con gli investigatori fiorentini ha aggiunto: «I miei colleghi di lavoro al Criminal Investigation Detachment (un battaglione dell'esercito Usa presente a Livorno fino al 1969, ) lo sapevano».

I COMPAGNI DI MERENDE

Da anni sulla vicenda dei crimini seriali fiorentini accaduti fra gli anni '70 e '80 e nei quali furono uccisi 14 giovani, quasi tutte coppie di fidanzati, era calato il sipario. L'inchiesta, che risale al 1981, non ha mai registrato nessuna ammissione di colpevolezza e per il caso del Mostro di Firenze nessuno è mai stato condannato. Il contadino Pietro Pacciani, l'ultimo di una lunga teoria di sospetti «mostri», concluse la sua esistenza terrena il 22 febbraio 1998 dopo essere stato assolto in appello. Nonostante questo e contro i pareri di innumerevoli giuristi, compresi i magistrati della Procura Generale di Firenze furono condannati nel 2000 i presunti complici di un «mostro» che era stato assolto: il postino Mario Vanni e il disoccupato Giancarlo Lotti. La vicenda processuale tuttavia non è mai stata chiusa. Il documento in possesso del Giornale ribalta la verità processuale che emerge nel processo ai «Compagni di merende» e conferma quanto da sempre la maggior parte degli investigatori e dei criminologi aveva sospettato: dietro agli omicidi del Mostro non c'era certo una compagnia di poveri emarginati come Pacciani, Vanni e Lotti, ma qualcuno che oltre a sapere sparare e a possedere una pistola (cosa mai riscontrata in nessuno dei compagni di merende) aveva le capacità per compiere i propri delitti senza essere mai individuato.

L'INCONTRO CON «ULISSE»

La vicenda che ha portato all'ammissione di colpevolezza da parte di «Ulisse» spiega il documento in possesso de Il Giornale è maturata durante l'estate 2017. Il testimone (un giornalista) lo ha incontrato, è diventato il suo «biografo» e Ulisse, parlando della sua vita, gli ha fatto la clamorosa rivelazione.

La ragione che provoca il primo incontro fra il testimone e il presunto serial killer nel maggio 2017 appuntamento durante il quale «Ulisse» pare fosse piuttosto nervoso è proprio il sospetto di un collegamento fra lui e la vicenda processuale sul Mostro. Il giornalista non glielo confessa, ma «Ulisse» a un certo punto deve avere capito quale sia il reale motivo del loro incontro. Ciò è confermato scrive il testimone dal fatto che «Ulisse» quel giorno si fa scappare più di una battuta ambigua. In ogni caso, il testimone si propone a «Ulisse» come «biografo», per approfondire la conoscenza, e «Ulisse» accetta.

Durante l'estate, dopo alcuni incontri mentre sulla stampa trapelano notizie sulle nuove indagini sul Mostro riguardanti l'ex legionario francese Giampiero Vigilanti il giornalista chiede un commento a «Ulisse» sulla vicenda.

MACABRE COINCIDENZE

Prima di insinuare per la prima volta un collegamento fra il caso «Zodiac» e quello del «Mostro di Firenze», il giornalista chiede a «Ulisse» se nel 1970 si trovasse «per caso» sul Lago Tahoe, dove si consumò uno dei delitti di «Zodiac». «Dopo un silenzio durato venti secondi si legge nel documento Ulisse ha ammesso. Poi ha detto che non poteva parlare di quegli anni per via del suo lavoro». Non un'ammissione di poco conto, dato che nel 1970 una vittima di «Zodiac», Donna Lass, sparì proprio dalle parti del Lago Tahoe. Così quando «Ulisse» ammette di aver abitato nel 1969 nel nord della California, a Santa Rosa, a pochi chilometri dal luogo del delitto di diversi crimini di «Zodiac» e di aver a vissuto nel 1966 a Riverside, in California, un altro teatro di morte, il testimone si rende conto di avere probabilmente di fronte il serial killer americano più ricercato di sempre. Anzi secondo il giornalista non ci sono dubbi che si tratti dello stesso americano che Vanni disse di aver incontrato. Ed è ancora «Ulisse» a rivelare di aver «visto Pacciani più volte nel bosco», indicando al suo «biografo» anche la zona vicino a San Casciano in Val di Pesa che il contadino e lui erano soliti frequentare.

UN ISTINTO CRIMINALE

Oltre a possedere quelle doti criminali che i compagni di merende non avevano, «Ulisse» ha anche l'enorme capacità di commettere delitti senza lasciare traccia. La sua biografia parla chiaro dice il testimone: «Venti anni nell'esercito, di cui 10 nella Military Police. È anche un veterano della guerra in Vietnam». Dopo aver lasciato gli Stati Uniti, «Ulisse» si stabilisce in un paese vicino a Firenze nel luglio del 1974, pochi mesi dopo l'ultima lettera «ufficiale» spedita del serial killer« Zodiac» (datata 24 gennaio 1974) e pochi mesi prima del primo delitto certo del Mostro di Firenze (14 settembre 1974). L'uomo, un poliglotta che conosce sia l'inglese che l'italiano, conosce il nostro Paese già dagli inizi degli anni '60. Il motivo: faceva il soldato in Italia.

Uno dei riscontri che il giornalista riporta è quello della data di nascita di «Ulisse». L'Sfpd, la polizia di San Francisco, in una relazione del 5 gennaio 1970 consegnata all'Fbi, dichiara che durante il periodo natalizio il Killer dello Zodiaco aveva telefonato a casa di un avvocato, Melvin Belli, sostendo che fosse il giorno del suo compleanno. E «Ulisse» è nato proprio quel giorno. Più precisamente, nello stesso giorno del primo crimine rivendicato dal Killer dello Zodiaco in California, il 20 dicembre 1968, e del timbro postale di una lettera inviata da «Zodiac» all'avvocato Belli (20 dicembre 1969).

MAI INNERVOSIRE IL MOSTRO

In una occasione, Ulisse avrebbe detto al giornalista: «Vuoi rompere i coglioni al Mostro?». certo che no, risponde il reporter, ma, aggiunge, sono i Carabinieri che stanno indagando. «Pensi che mi verranno a rompere i coglioni?» risponde lui.

Nel successivo incontro, il giornalista sottopone a «Ulisse» altro materiale, fino ad arrivare a due codici scritti da Zodiac, che in seguito scrive il testimone saranno risolti proprio grazie ai suoi suggerimenti (e che portano tutti al suo nome e cognome). È singolare anche che aprendo «a caso» il libro Zodiac di Robert Graysmith, «Ulisse» si sia soffermato proprio su un episodiodi cui si fece motivo di vanto in una delle sue lettere: quando l'11 ottobre 1969, pochi minuti dopo l'omicidio di Paul Stine in Presidio Heights a San Francisco, il serial killer ingannando una coppia di poliziotti indica loro la direzione in cui aveva visto fuggire una «persona sospetta». «Ulisse» sa che Robert Graysmith, l'autore del libro, ha cambiato cognome e addirittura «sospira» alla lettura del nome del detective Dave Toschi. Si potrebbe supporre che sia un mitomane se non fosse che i suoi album fotografici scrive il giornalista confermano le sue parole. Ulisse non sta mentendo.

«VANNI? LO UCCIDERANNO»

Un giorno, il giornalista mostra a «Ulisse» le fotocopie di alcune pagine del libro Delitto degli Scopeti (di Vieri Adriani, Francesco Cappelletti e Salvatore Maugeri). Quando gli parla degli scontrini trovati nelle auto delle ultime due vittime del Mostro, Jean-Michel Kraveichvili e Nadine Mauriot, «Ulisse» dice: «Sono tutti i posti in cui vado io». In particolare «Ulisse» frequentava assiduamente La Terrazza di Tirrenia, a cui appartiene uno degli scontrini trovati nell'auto delle vittime e sulla piazzola di Via degli Scopeti dove furono trovati i loro corpi.

Il reporter legge a «Ulisse» la conversazione nella quale Vanni sostiene che il vero assassino seriale di Firenze sia proprio un americano incontrato da Pacciani in un bosco. «Ulisse», alla lettura di queste poche righe, si arrabbia. «Penso che lo uccideranno», disse. «Uccideranno chi?», chiede il giornalista. «Vanni». Il postino in realtà era già morto, ma il biografo non glielo dice. Anzi lo tranquillizza dicendogli che gli inquirenti avevano ritenuto che Vanni si riferisse a Mario Parker, un inquilino di Villa La Sfacciata, un fashion designer gay entrato e uscito dall'inchiesta negli anni Ottanta.

«VORREI COSTITUIRMI, MA...»

L'11 settembre 2017 il giornalista ha in mano la soluzione al cosiddetto «My name is» il messaggio cifrato che «Zodiac» ha inviato al San Francisco Chronicle il 20 aprile 1970. La soluzione è semplice e gliela suggerisce proprio «Ulisse». Il giornalista lo chiama e dice: «C'è il tuo nome e cognome su questa lettera. Ora ti leggo la soluzione». «Ulisse» è spaventato: «Lo sapevano...» dice. Nelle righe successive del documento stilato dal giornalista si legge che «Ulisse» a questo punto cita alcuni colleghi di lavoro dell'esercito che conoscevano la sua seconda vita. Il reporter a questo punto gli suggerisce di costituirsi, come «Zodiac» e come «Mostro di Firenze». E anche di rivolgersi a un sacerdote. «Ulisse» spiega un po' criptico di non essersi consegnato «per non mettere nei guai gli altri». Sembra volersi costituire: «Cosa devo portare?». Il giornalista gli consiglia di trovarsi un avvocato e i due si salutano. Da allora, era il 13 settembre scorso, il giornalista e il presunto «Mostro» non si sono più sentiti. E adesso la più clamorosa delle rivelazioni.

Commenti
Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Mar, 29/05/2018 - 09:47

che dire, complimenti alla magistratura italiana, non perdono un'occasione per mettersi in mostra.

tosco1

Mar, 29/05/2018 - 10:23

Se tutto questo fosse vero,come cittadino italiano, mi aspetto le dimissioni di massa della magistratura italiana.

Una-mattina-mi-...

Mar, 29/05/2018 - 10:49

SIAMO UN PAESE DA OPERETTA, A PARTIRE DALL'INNO RIDICOLO IN GIU'

mareblu

Mar, 29/05/2018 - 10:52

POVERO UOMO, IL CONDANNATO.

Willer09

Mar, 29/05/2018 - 11:27

quindi se verrà confermato chiederemo agli USA l'estradizione?.......

Marzio00

Mar, 29/05/2018 - 11:50

Ecco lì un altro bel vaccaro coperto dai suoi amichetti che ha sfogato i suoi appetti. Ricordiamoci anche delle vittime del Cermis (ad opera di militari USA) e chissà quante altre fatte in questi 20 anni in Iraq-Afganistan-Siria.....

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mar, 29/05/2018 - 11:51

^*@*^ Qual è la garanzia assoluta che sei innocente? La garanzia assoluta che sei innocente lsi ha quando sei sbattuto in galera.

ruggerobarretti

Mar, 29/05/2018 - 12:51

Il poro Vanni in aula, in pigiama, si rivolse al p.m. Canessa cosi' "al dottore Canessa gli auguro gli venga un canchero" e saluto' tutti ricordando la sua fede mussoliniana. Piu' che altro fu condannato per questo; sarebbe stato un grande personaggio di avanspettacolo, lo vedo molto meno nelle vesti del mostro o anche di assistente mostro. Nel fiorentino nessuno crede alla ricostruzione processuale!!!

WoodenLeg

Mar, 29/05/2018 - 13:03

Questo è cattivo giornalismo. La parte relativa ai "compagni di merende" è piena di gravi inesattezze: non è vero che nessuno è mai stato condannato e che nessuno ha mai ammesso la proprio colpevolezza e che nessuno sapesse usare la pistola: Giancarlo Lotti ha avuto 26 anni proprio per aver confessato di aver sparato in uno degli omicidi e di aver fatto il palo in altri 3 casi. Il Pacciani aveva comunque ucciso il rivale in amore con la cal. 22 venti anni prima, ed è stato assolto solo ed esclusivamente perché il PM del processo di appello si è rifiutato di ammettere le testimonianze dei testimoni A,B,C, appunto Lotti e altri ancora protetti da anonimato, poi risultati fondamentali nei processi successivi.

Angelo664

Mar, 29/05/2018 - 13:37

Continuo a ripetere da tempo : I processi indiziali in Italia mi fanno una paura folle. Per le teste di cocomero che ascoltano le intercettazioni per le conclusioni dei magistrati e tutto il resto. Da paura ! Senza prove certe non si deve poter incriminre nessuno !! Nemmeno il mostro di Firenze.

investigator13

Mar, 29/05/2018 - 15:51

ho visto il film. ho seguito fino in fondo il caso del mostro di Firenze. E' vero a tratti sembrano coincidere diversi punti sul suddetto caso ma in sostanza sembra tutto inverosimile se non vengono espletati i vari dubbi che ancora rimangono sul mostro di Firenze. Iimane sempre in piedi la pista sarda dai loro componenti tutti sardi appunto, dalla quale bisogna sempre ripartire per ricostruire il caso aggiungendo o escludendo i pezzi che ancora non si incastrano nel contesto degli omicidi stessi. Però da questa intervista qualcosa si potrebbe trae per capire ancor più sul misterioso Mostro di Firenze, anche se una idea ce l'ho da tempo e questa intervista non me la smentisce.

Ritratto di pulicit

pulicit

Mar, 29/05/2018 - 16:47

Ecco l'esempio che calza a pennello con l'Italia di queste ore.Nessuno in grado di comandare e decidere.Regards

carlottacharlie

Mar, 29/05/2018 - 18:02

I magistrati, quasi tutti, cercano sempre il colpevole a tutti i costi da dare in pasto all'opinione pubblica. Questo paese è quello che commette più errori giudiziari anche rispetto ai paesi sudamericani e non c'è da meravigliarsi. Chi giudica non ha formazione culturale e, avendo avuto modo di vederli al lavoro, sono fancazzisti. Non ho mai avuto paura dei mentecatti, solo rabbia tanta rabbia verso i parenti delle vittime e quell'opinione pubblica che è vuota, sorda e non ragiona.

Ritratto di tomari

tomari

Mar, 29/05/2018 - 18:09

@Una-mattina-mi-...: Non è un inno ridicolo, è la "marcia di Arlecchino"!

matteobandini

Mar, 29/05/2018 - 18:48

Mi sono registrato al sito solo per far notare quanto male è scritto questo articolo: virgole a caso, pesante da leggere, tempi verbali a piacere...ottima prova di giornalismo.

Trevigiano

Mar, 29/05/2018 - 19:43

Tipico dell’Italia, quando uno confessa, ne avevano già condannati mezza dozzina e tutti gli inquirenti erano già stai promossi due volte.

yulbrynner

Mar, 29/05/2018 - 20:18

una mattina e tornari lo so che il vostro inno preferito e quello che inneggia a rutti e scurregge ahahahahah bahhhh priit prutte prutteahahaahha

Arch_Stanton

Mar, 29/05/2018 - 22:16

@Marzio00 Ricordati le decine di migliaia di soldati americani che hanno combattuto in Italia per salvarci dal nazismo e che sono morti. Stessa cosa per il comunismo.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mar, 29/05/2018 - 22:25

Yulbrynner, hai mai senstito un inno nazionale non italiano? Ascolta quello tedesco che prima ancora era dell'impero austroungarico. Ascolta l'inno USA o quello russo o quello inglese. Noti la solennitá, la maestositá delle note? Quello italiota e´un inno che fa ridere i polli, un paraponziponzipo ridicolo, da vergognarsi. La stessa Marsigliese, che poi é un po' paraponziponzipo, e' senz'altro piú solenne di quello italiota.

elio2

Mer, 30/05/2018 - 08:44

Se fosse vero, vuol dire che abbiamo una magistratura da operetta.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mer, 30/05/2018 - 14:47

^°©°^ Io invece mi sono iscritto a questo sito per segnalare che non c'è un'apostrofo al suo POSTROFO, è tutto giù di POSTROFO.

NoemiFagiani

Mer, 30/05/2018 - 20:40

Qualche hanno dopo i primi omicidi del mostro, mi sono trovavo a vivere momentaneamente a Firenze. Ricordo il clima di terrore in cui si viveva, specie tra le ragazze che avevano una storia d'amore. A distanza di molti anni viene individuato (finalmente!) il mostro e nessun TG ne parla, dopo che per anni non si è parlato d'altro e sono stati scritti fiumi di parole...

Bartoloni

Gio, 31/05/2018 - 10:25

rispondo a: POVERO UOMO, IL CONDANNATO. pacciani si sapeva da subito che non fosse il mostro di firenze, troppo casinista e impacciato per non essere preso, ma era comunque tutt'altro che una brava persona. In ogni caso... bisogna vedere dove fosse Zodiac (o qualcuno dei suoi amici militari) nel 1998 .. quando venne ucciso Pacciani.