L’Europa boccia la dicitura “senza olio di palma”

Il Parlamento europeo ha approvato un emendamento che, pur anche senza citare l'olio di palma, vieta "che nelle etichette dei cibi siano pubblicizzati ingredienti non presenti, ma solo quelli effettivamente contenuti nel prodotto, per tutelare i consumatori dal proliferare di pubblicità ingannevoli o suggestive"

Lo slogan "senza olio di palma" finisce nel mirino di Bruxelles. Il Parlamento europeo, nel corso della commissione parlamentare Affari economici e monetari, ha approvato un emendamento che, pur non facendo esplicito riferimento a questo tipo di olio, chiede di "vietare che nelle etichette dei cibi siano pubblicizzati ingredienti non presenti, ma solo quelli effettivamente contenuti nel prodotto, per tutelare i consumatori dal proliferare di pubblicità ingannevoli o suggestive".

Gli eurodeputati Alberto Cirio della Commissione Ambiente, Salute e Sicurezza Alimentare, e Fulvio Martusciello della Commissione Econ del Parlamento Ue, spiegano: "Le vicende degli ultimi anni legate ad alcuni prodotti alimentari hanno reso evidente che ormai le grandi catene commerciali tendono a promuovere i prodotti pubblicizzando non gli ingredienti che contengono, ma quelli che non contengono". "Il problema - aggiungono Cirio e Martusciello - è che diciture di questo tipo distolgono l’attenzione da ciò che viene messo nel prodotto al posto dell’olio di palma. E questo non è accettabile. Anche perché sono slogan che con la salute non hanno nulla a che fare, visto che è dimostrato che l’olio di palma, così come altri prodotti, non è nocivo di per sé, ma può diventarlo solo se trattato a temperature molto elevate, cosa che l’industria alimentare italiana non fa".

Il professor Pietro Paganini, intervenendo al Festival del Giornalismo Alimentare, ha applaudito a questa decisione: "Il packaging, cioè la confezione è lo strumento attraverso cui le imprese si contendono i consumatori. Le etichette senza illudono solo il consumatore che un certo prodotto sia più salutare di un altro, e lo rassicurano. Ma non sempre il prodotto è migliore. Il caso dell’olio di palma è emblematico. Si discrimina l’olio di palma illudendo i consumatori che l’alimento sia migliore, ma in realtà non è così. E se anche ci fosse un miglioramento, per esempio nella riduzione dei grassi saturi, basterebbe affermare che ci sono meno grassi saturi”. “

Commenti

jeanlage

Ven, 23/02/2018 - 19:12

Incredibile! Il Parlamento Europeo ha fatto una cosa saggia. E' noto che la battaglia contro l'olio di palma era stata finanziata dalle multinazionali perché, essendo più remunerativo i contadini abbandonavano le coltivazioni pagate a livello di fame per dedicarsi a quello, cosa che dava tanto fastidio agli sfruttatori internazionali. Ovviamente i salutisti, ben pagati (come gli ecologisti) da chi ha il vero potere, hanno fatto la loro parte nella disinformazione. Non per nulla, un'azienda seria come la Ferrero, ha continuato ad utilizzare l'olio di palma.

Divoll

Sab, 24/02/2018 - 01:18

@ jeanlage - L'olio di palma e' diventato onnipresente non perche' non faccia male, ma perche' COSTA POCHISSIMO ed e' usato proprio dalle multinazionali. Studi recenti hanno dimostrato che non e' buono per l'alimentazione umana e, soprattutto, che per coltivare queste palme si sta distruggendo l'ambiente e l'habitat di centinaia di specie animali, impoverendo il pianeta e mettendolo in pericolo molto piu' del cosiddetto "riscaldamento globale" (in realta', una mini glaciazione in arrivo).

Popi46

Sab, 24/02/2018 - 07:09

Era l'ora! Non se ne può più di olio senza grassi,pasta senza glutine,caffè senza caffeina,latte senza lattosio,sigarette senza tabacco,cibo senza sale, vino senza gradazione....Che io sappia si campa una volta sola ed io voglio continuare fino alla fine a godermi i piaceri della vita. È sufficiente una normale moderazione

Ritratto di venividi

venividi

Sab, 24/02/2018 - 07:13

Sarebbe anche bello che non sbandierassero "Senza zuccheri" che è ingannevole. Infatti, mi ha spiegato un medico, i polioli (che nessuno nota nella lista ingredienti) SONO degli zuccheri o comunque si trasformano in zucchero una volta entrati nell'organismo e sono altrettanto nocivi per i diabetici.Spero di avere torto.

gabriel maria

Sab, 24/02/2018 - 07:45

Se uno vuole ingozzarsi di olio di palma con un prodotto scadente come la Nutella è libero di farlo...ma in commercio sino a poco fa l'olio di palma era proprio in tutti i prodotti da forno!!!Oggi finalmente il consumatore può scegliere!!

manuel7070

Sab, 24/02/2018 - 10:33

@Divoli - oddio, a voler essere pignoli, Studi altrettanto recenti ma meno pubblicizzati per evidenti scopi commerciali, hanno chiaramente dimostrato l'esatto contrario. Poi, ognuno crede a quello che gli fa più comodo. Basta che prima o poi non ci mettano a credere che Gesù Cristo sia morto con indigestione di olio di palma!

Ritratto di abj14

abj14

Sab, 24/02/2018 - 11:27

jeanlage 19:12 e manuel7070 10:33 - Totalmente d'accordo.