L’Europa già pretende la manovra da 5 miliardi

Il commissario della Ue Dombrovskis avvisa Di Maio e Salvini: "Bruxelles non farà sconti sulla riduzione del deficit"

C «Niente sconti sulla riduzione del deficit» he la si chiami «manovrina» o «manovrona» il senso del messaggio che la Commissione Ue invierà all’Italia mercoledì prossimo sotto forma di raccomandazioni è comunque molto chiaro: la correzione del deficit è imprescindibile sia per il 2018 che per il 2019.

Questo significa che nel documento si chiederà di effettuare un intervento per lo 0,3% del Pil (5 miliardi circa) quest’anno e dello 0,6% il prossimo. In totale lo sforzo sarà superiore ai 15 miliardi: starà al nuovo governo scegliere come intervenire. Si potrebbe emanare subito un decreto correttivo come fece l’esecutivo Gentiloni l’anno scorso o rinviare tutto quanto alla legge di Bilancio, magari accoppiandole contestualmente un decreto fiscale che produca effetti immediati sui conti del 2018. Per tradurre in politica gli orientamenti che stanno emergendo da Bruxelles è sufficiente utilizzare le recenti dichiarazioni del vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis. «È importante attenersi alla disciplina di bilancio, e specialmente per l’Italia continuare a ridurre il deficit e il debito perché fattori di rischio», aveva detto giovedì scorso di fatto stroncando sul nascere le velleità dell’esecutivo giallo-verde che sarà chiamato a «restare nei binari».

Prese di posizione che non contribuiscono a migliorare certo l’atteggiamento dell’opinione pubblica verso le istituzioni comunitarie, ma che comunque necessitano di un’interpretazione. Poiché l’Italia beneficia degli acquisiti di titoli di Stato della Bce come gli altri Paesi di Eurolandia, è importante secondo i commissari che il nostro Paese sia rigoroso nella disciplina di bilancio per non trovarsi in crisi (trascinando gli altri partner) una volta che il quantitative easing di Mario Draghi sarà finito. Si può condividere o criticare queste posizioni. Va tenuto conto, però, che il richiamo non sarà accompagnato dall’apertura di una procedura di infrazione su deficit e debito per non infiammare gli animi. B

asta solo pensare che nel libro dei sogni di Lega e M5s che vale 70-80 miliardi (50 miliardi per la dual tax, 17 miliardi per il reddito di cittadinanza e 8 miliardi circa per la controriforma della Fornero), bisogna aggiungere i 12,4 miliardi per la sterilizzazione delle accise, i 15 miliardi di correzione del deficit e i circa 5 miliardi di spese indifferibili (a meno di non voler ritirare l’Italia dalle missioni internazionali).

Se Bruxelles cercherà di non esasperare gli animi già accesi degli italiani rinviando probabilmente a ottobre ulteriori valutazioni sull’andamento dei conti pubblici, ciò non vuol dire che il nostro Paese non resti un osservato speciale. In primo luogo, tra le raccomandazioni principali si chiederà di continuare a gestire con moderazione il capitolo pensioni. Questa richiesta sarà formulata in due modi: da una parte si inviterà l’esecutivo a non smantellare la riforma Fornero che in questi anni ha consentito notevoli risparmi grazie all’allungamento dell’età pensionabile. In secondo luogo, si chiederà un’ulteriore revisione del sistema pensionistico che commisuri sempre più gli assegni pensionistici ai contributi versati, ossia incidere sui pensionati retributivi.

Va da sé che tra gli altri «consigli» ci sarà sempre il ripristino di una tassazione forte sulla prima casa e l’incremento dell’Iva per cercare di diminuire le tasse sui redditi e sul lavoro. Di Maio e Salvini sono già nel mirino.

Commenti

Divoll

Dom, 20/05/2018 - 23:05

Germania e Francia fanno come gli pare, noi invece dobbiamo dire signorsi'?! Bisognerebbe dire a questo tizio che, se continua cosi', l'Italia esce dall'UE. Chi si fa pecora, il lupo se lo mangia.

lavieenrose

Dom, 20/05/2018 - 23:07

di maio e salvini credono di essere al 14 luglio 1789 ma non ce li vedo nei panni di napoleone e ai tempi di internet il 1 novembre 1815 è dietro l'angolo. (1789 rivoluzione francese-1815 congresso di vienna con conseguente restaurazione)

Ritratto di Attila51

Attila51

Dom, 20/05/2018 - 23:12

Mandiamoli,axxxxxxxo

mareblu

Dom, 20/05/2018 - 23:41

FOSSI IO UN SPICOLOGO A COSTUI GIA ' LO AVREI POLVERIZZATO SOLO NEL GUARDARLO!!

peter46

Dom, 20/05/2018 - 23:41

Tranquillo...se aspetti che metteranno alcuna tassa sulla 1°casa o permetteranno l'aumento dell'iva per tua imposizione,puoi stare ben al fresco dove sei,e preparati...appena MPS tornerà dalle ferie già 'statalizzata',tramite lei nuova banca d'investimenti, t'arriverà un calibro '80' che i tuoi mandanti potranno scordarsi di poter continuare a f.....ci quegli 80 miliardi annuali di interessi che finora hanno sempre 'lucrato' da quando 'ascari' consapevoli ed a libro paga,glielo hanno permesso:'arrenditi' anche tu e soprattutto sappi che il motto da negativo diventerà positivo se non altro:"chi va a letto con i ragazzini(i due di maio-salvini)si alza c....." ed a te,commissario,succederà presto: #stai sereno..."una renna non fa cadere l'europa,ma l'Italia potrebbe",uno di questi giorni te lo spiegherò quel che v'accadrà con sto governo,se non si faranno 'ricattare',certo..NB:De Francesco:non si censura la 'libertà'.

rokko

Lun, 21/05/2018 - 00:07

Divoll, e quando non saremo più nella UE? Non avremo comunque il deficit?

manzoni.roberto...

Lun, 21/05/2018 - 00:46

Questo avvisa ma se uno gli alza il dito medio mandandolo cordialmente ... che succede ?

Klotz1960

Lun, 21/05/2018 - 01:10

Un burocrate eletto da nessuno proveniente da un Paese - la Lettonia - con un Pil equivalente alla provincia di Bergamo, sfamato e ricostruito da un contesto da medio evo comunista a suon di miliardi versati dai Paesi dell'Europa occidentale, si permette di alzare il tono nei confronti di un Paese ed un Governo sovrano, fondatore dell 'UE e fonte di oltre un decimo dei fondi versati per sfamare il suo Paese. Cose da pazzi. Bisognerebbe solo ricordargli che i soldi che hanno risollevato il suo Paese ed i soldi del suo stipendio di circa 20.000 Euro mensili provengono dall'Europa occidentale e per circa l'11% dall'Italia. Il suo Paese sarebbe in grado di versargli al massimo 2000 Euro al mese.

sgarbistefano

Lun, 21/05/2018 - 01:50

Quando Cavour, nel 1854, decise di far partecipare il Piemonte alla "missione internazionale" in Crimea, a fianco di Francia e Gran Bretagna contro la Russia, egli aveva ben chiari i costi ed i tornaconti geopolitici di tale operazione. Si trattava di inserire per la prima volta il piccolo regno Sabaudo nel consesso delle potenze europee, allontanando nel contempo l'ipotesi di un'alleanza tra Austria e Francia, nel quadro della politica di coinvolgimento di quest'ultima nella futura guerra di indipendenza proprio contro l'Austria, che poi scoppiò nel 1859 grazie all' intervento di Napoleone III a fianco del Piemonte. Oggi, nel XXI secolo, da cittadino comune, mi pongo la seguente domanda: quali vantaggi economici o geopolitici trae il nostro Paese dalla sua massiccia partecipazione alle missioni internazionali? O non sarebbe forse il caso di cominciare a tagliare queste voci di spesa dal Bilancio? E' solo una domanda...

Klotz1960

Lun, 21/05/2018 - 01:58

Dumbroski, tornate in Lettonia a 1500 Euro al mese, non rompere e porta sommo rispetto per un Paese dell'Europa occidentale che ha sfamato e ricostruito il tuo Paese, tuttora con un Pil equivalente a quello della provincia di Bergamo.

Gianni11

Lun, 21/05/2018 - 02:21

Prima si ferma l'invasione e poi ne riparliamo. Capito? Altrimenti andate a farvi foxxere. Italia agli italiani!

Agev

Lun, 21/05/2018 - 04:54

Bisogna dire in modo chiaro a questi criminali che da ora il debito è azzerato . Punto e a capo. Gaetano

Ritratto di CONTRO68

CONTRO68

Lun, 21/05/2018 - 06:44

GRAZIE A PADOAN E GENTILONI !!!!

Il_Kaos

Lun, 21/05/2018 - 06:57

Caro sior Valdis, lo sa che noi cittadini non vogliamo più, pagare le vostre "tangenti"? Lo sa che rivogliamo la sanità, la scuola le pensioni , la sicurezza della difesa personale e che i clandestini se ne ritornino a casa loro, come DA NOSTRA COSTITUZIONE?? Lo sa che le sue idee e quelle europee e noeliberaliste sono state bocciate dalla maggior parte dei cittadini? No, non lo sa , ho fa finta di non sentire ? Sa che le dico: tenetevi la vs Europa, noi preferiamo vivere!!! A mai piu'! ci sono altri stati che vendono materie prime e sono disposti a comprare i nostri prodotti finiti ......

pisopepe

Lun, 21/05/2018 - 07:16

CHE COMMENTI DA FARSA TRISTE COSA FATE FUORI DELL'EUROPA PIRLOTTI???

Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Lun, 21/05/2018 - 07:18

L'aria di soddisfatto compiacimento con cui postate queste notizie, anzi, queste minacce dalla Francia e dai complici europei di maastricht la dice lunga su cosa sareste in grado di fare per compiacere il vostro leader bollito.

Cosean

Lun, 21/05/2018 - 08:07

Perche? In Italia c'è qualcuno che chiede sconti? Ho notato che sono tutti addosso a chi ha aumentato il deficit e e gli stessi vogliono ancora peggiorare il deficit. E ci riusciranno! Dato che anche questa testata spinge per questa cosa.

peter46

Lun, 21/05/2018 - 10:45

klotz 1960...d'accordo sul burocrate,d'accordo sulla provenienza da un paesino rispetto all'Italia,d'accordo che le mosche non dovrebbero starnutire,poi...calmati,che chi t'ascolta potrebbe non essere d'accordo sulle altre str..... ed è bene che tu non le ripeta altre volte che altrimenti i tanti 'bambini' che ascoltano potrebbero...riprenderli.1)Nel medioevo 'comunista' non è che ci sono voluti 'stare',quei paesi,ci sono stati costretti in virtù di accordi tra comunisti e liberisti.E ci sono stati con in mente:la mosca non può abbattere un elefante,quindi muti che tanto prima o poi non possono che andarsene:e se ne sono andati,infatti.2)il suo stipendio non è nè sarà mai 20.000 euro,che non paga i deputati l'europa ma lo stato Nazionale di provenienza,ed al di fuori dello stato ricc()one italiano,nessuno si sogna di pagare na comi o na mussolini,o fino a ieri un salvini o un pittella(così non facciamo torto a nessuno)20.000 e passa euro:ecco prenderà quei 2000 eu, anzi meno.

peter46

Lun, 21/05/2018 - 10:58

viktor-SS...e pensare che volevano che si formasse un governo lega-fi-fdi perchè dicevano di avere lo stesso programma...infatti il loro presidente di turno del parlamento europeo,Tajani,è fra coloro che s'apprestano a 'elargire' na marea di contributi all'Italia(certo sempre meno,e di tanto-tanto,dei ns contributi all'unione,ma...non allarghiamoci)e sempre x le aree non industrializzate del c/sud che dovrebbero come al solito finire a chi fa la voce più grossa,ma...con la parte maggiore dedicata all'IMMIGRAZIONE selvaggia residente ed in arrivo prossimamente:8-9 miliardi di cui non meno di 5 all'immigrazione.Questo avrebbe dovuto essere il partner di lega-fdi...per i programmi in comune, certo,specie in tema 'immigrazione',come no!

Agev

Lun, 21/05/2018 - 11:59

pisopepe ... Pirlotto .. Di quale Europa Parli . Gaetano

REVANGEL666

Lun, 21/05/2018 - 12:48

Dombrovskis MA VAI A CAGARE