L'accusa di Frontex: la Turkish fa soldi coi migranti africani

La compagnia va a gonfie vele e lancia nuove tratte da Sud E a chi arriva Istanbul offre visti facili per entrare in Europa

«L'ondata migratoria nei Balcani potrebbe essere spiegata dalla crescita della Turkish Airlines». Parola di Frontex, l'agenzia europea per la sorveglianza dei confini, che in un dossier sottolinea come lo sviluppo della compagnia aerea turca sia tra le cause dell'approdo in massa di migliaia di migranti attraverso la Turchia. Da Istanbul infatti comincia il viaggio verso il cuore dell'Europa che passa da Grecia, Macedonia, Ungheria, Serbia e Croazia. Frontex nota come nel trimestre giugno-luglio-agosto si sia registrato «un aumento del 300% degli africani protagonisti di attraversamenti illegali dei confini nei Balcani occidentali. In particolare, si è registrata una crescita del 900% degli arrivi di congolesi, del 600% dei camerunensi e del 400% dei ghanesi». Ma le cifre a questo punto scendono nel dettaglio e analizzano proprio i voli e gli scali della compagnia turca. Secondo Frontex questi profughi avrebbero preso un volo della Turkish Airlines. La strategia della compagnia non ha nulla di illegale, ma il vettore, di fatto, è entrato nel rapporto dell'Agenzia europea sui flussi migratori.

La compagnia turca, tra quelle che hanno scali in Europa è quella con più tratte da e verso il continente nero. Turkish Airlines negli ultimi mesi ha aumentato la sua capacità settimanale da 38.000 a 70.000 posti. Con le sei città che verranno aggiunte con la partenza dell'orario invernale, le destinazioni africane servite da Istanbul saranno 45 in 30 Paesi, contro le 34 di Air France, le 19 di Brussels Airlines, le 18 di British Airways e le 13 di Lufthansa. Una vera e propria espansione commerciale che però incontra, in questo momento, sulla sua strada il flusso di profughi che volano verso l'Europa. Il rapporto Frontex su questo punto è molto chiaro: «L'incremento degli arrivi di africani nei Balcani dell'est può essere spiegato dall'espansione della Turkish Airlines e dei suoi collegamenti con l'Africa. Il vettore ha in questo momento la più grande rete di collegamenti con l'Africa. È la prima compagnia aerea sulle rotte africane. Air France, che di fatto aveva il primato, adesso offre voli per 34 scali», contro i 45 della Turkish. La compagnia di bandiera turca, che serve più destinazioni di qualsiasi altra, ha una flotta di 296 aerei e ha fatto registrare un fatturato di più di 5 miliardi. Durante il 2015 c'è stato un ampliamento senza precedenti delle rotte con l'apertura di una serie di nuovi collegamenti per l'Africa.

Mentre l'attenzione è puntata sulla meta finale dei migranti, le compagnie aeree non prestano attenzione ai luoghi di partenza. E così i voli della Turkish Airlines diventano un mezzo fondamentale per chi cerca di giungere in Turchia con pochi rischi per poi magari spostarsi verso i Balcani passando dalla Grecia. Il tutto rispettando le leggi del mercato che risponde con un incremento di offerta dove cresce la domanda.

Ma nel caso della Turchia, all'arrivo i migranti trovano un comodo assist per chi, in partenza dall'Africa, atterra a Istanbul ma è diretto in Europa: è la politica dei «visti facili» avviata dal governo turco. In questo modo migranti provenienti da Paesi come la Somalia, l'Eritrea e il Sudan possono ottenere visti elettronici semplicemente riempiendo un formulario e pagando una tassa online. Poi partono per Istanbul sui voli Turkish. Una volta atterrati comincia la marcia verso la Grecia e poi per i Balcani. Un lungo cammino che adesso potrebbe avere come meta casa nostra.

Commenti

blackbird

Mar, 22/09/2015 - 12:25

E' così che si fa dopo l'apertura delle frontiere tedesche. Invece di spendere per andarli a salvare in mare! Tanto il risultato finale è sempre lo stesso! Almeno qui i guadagni sono legali e non si finanzia la mafia...

i-taglianibravagente

Mar, 22/09/2015 - 12:33

Fanno benissimo....facciamoli arrivare con aerei e navi (crocera sul mediterraneo inclusa) che cosi avremo almeno un po' di morti in meno sulla coscienza.

Tuthankamon

Mar, 22/09/2015 - 12:38

Questo processo è in corso da anni. Solo che ora hanno tolto ... il tappo alla diga! E come per l'Arabia Saudita e altri Paesi musulmani, è evidente una volontà politica!

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Mar, 22/09/2015 - 12:41

Fosse solamente la Turkish a lucrare sui flussi migratori... Sekhmet.

Ritratto di hermes29

hermes29

Mar, 22/09/2015 - 12:49

la Turchia per volontà del proprio governo, è il ponte per l'EUROPA. Agevolano nei silenzi della corruzione gli acquisti dei barconi(tutti turchi) esportano immigrati per fini religiosi e destabilizzanti. Il governo turco rifiuta ancora oggi, di riconoscere il genocidio ai danni degli armeni avvenuto nel 1915-16 MAMMA LI TURCHI... L'unica arma è farla entrare subito in Europa, anche se siamo in forte ritardo: USA e GB compiacendo.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mar, 22/09/2015 - 12:56

PER FORZA CI DEVE ESSERE UN MANOVRATORE PERCHE' UN INVASIONE COME QUESTA NEGLI ULTIMI DUE MESI NON C'E' MAI STATA. SEMBRA CHE SI SIANO MESSI D'ACCORDO NELL'INVADERE L'EUROPA. FINO A GIUGNO ARRIVAVANO NEGRI SOLO DALLA LIBIA, ADESSO E' INVASIONE DA EST, CHI LA FINANZIA?

Mechwarrior

Mar, 22/09/2015 - 13:11

Il grande magna magna continua......

venco

Mar, 22/09/2015 - 14:22

E noi li crediamo tutti profughi dalle guerre e dalla fame.

Ritratto di libere

libere

Mar, 22/09/2015 - 14:58

Solo i dementi della gauche al caviale possono credere che scappino dalla guerra, muniti di visto elettronico, check-in online e ragguardevole riserva di contante per far fronte alle prime spesucce. Poi tanto subentra Repubblica Italiana, con il suo invidiabile sistema alberghiero e il pocket money.