L'affondo del candidato dem: "Il Pd è morto, mi candido per strapparlo alle pippe"

In un'intervista con Luca Telese il giovane candidato alla segreteria del Partito Democratico, Dario Corallo, spara a zero su partito e dirigenti. Renzi? "Succhierà l'ultima goccia di sangue al Pd e cercherà un nuovo contenitore"

Gli ultimi sondaggi lo danno al 4,9% nella corsa alla segreteria del Partito Democratico.

Ma Dario Corallo, trentenne romano ex ufficio stampa del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali all’epoca di Maurizio Martina, è pronto a lanciarsi “a 190 all'ora contro il muro del gotha dirigenziale democratico”. Per dimostrare che quel muro, a parere del giovane candidato alla guida del Pd, si sarebbe sgretolato ormai da tempo.

I dirigenti Dem? “Sono pippe stratosferiche”, dice Corallo a Luca Telese in un’intervista pubblicata sul quotidiano La Verità. E se a qualcuno l’aggettivo appare esagerato, lui è pronto a ribattere rivendicando il turpiloquio come un "progresso" nel rapporto tra il partito e la base: “Ho rotto il patto di omertà con lo spettatore dem? Così si sveglia”. Spara a zero sul Pd, Corallo, come se stesse correndo per la segreteria di un altro partito. Ma si difende dicendo che in fondo questa è “la verità” e “se vuoi ripartire non devi raccontare storie”. La verità secondo Corallo è che il Pd è “un partito che sta morendo”. La prova inconfutabile di questa affermazione, secondo il giovane candidato dem, arriverà con le prossime elezioni europee.

“Ci massacreranno”, pronostica. Del resto, aggiunge, “quelli che abbiamo portato in Parlamento curano gli interessi dell’1% del Paese”. Questo giovane militante politico cresciuto fra l’Eur e il Laurentino si attribuisce il ruolo di portavoce di una base stanca di un gruppo dirigente che ha “deciso in maniera metodica di ignorare la realtà”. Matteo Renzi? Per Corallo è “un bugiardo cronico” che “ha bisogno di galleggiare per rispondere ai suoi finanziatori”. Tra questi, spiega, ci sono British American Tobacco, Moby, Davide Serra. Insomma, lo definisce “un super lobbista”. Secondo Corallo l’ex premier sarebbe pronto ad uscire dal Pd già subito dopo le europee. Vuole “piazzare i suoi fedelissimi in Europa e poi ciao”, rivela. “Deve eleggere due o tre parlamentari suoi, e poi passa con i liberali”, continua Corallo, che è sicuro che Renzi abbia già “simbolo e nome” di un nuovo contenitore meno “logoro” dell’attuale. Ma prima, “succhia l'ultima goccia di sangue al Pd”.

E con Nicola Zingaretti alla guida del partito non cambierà molto. L’unica novità presente al Congresso, insomma, sarebbero lui e il suo gruppo. La Boschi? “Non ha un voto”. Lotti? “Il sicario di Renzi”. Minniti? “Il vero cavallo di Renzi”. Martina? “Il candidato b di Renzi”. Richetti? “Si candida per sopravvivere”. E così via. E sul favorito Zingaretti non ha dubbi: “Il 'modello Lazio' è una cazzata”. Insomma, il governatore della Regione Lazio, secondo Corallo, non avrebbe neppure i voti. Rimane, quindi, un’unica certezza. Quella di essere “in campo” sapendo di “non vincere”. Poco importa. “Voglio salvare la straordinaria comunità ancora raccolta intorno al partito – assicura - malgrado lo spettacolo penoso dei suoi dirigenti”.

Commenti

ziobeppe1951

Mar, 27/11/2018 - 11:04

C’è sempre il contenitore dell’umido

Paolo17

Mar, 27/11/2018 - 11:10

Fosse vero che Renzi ha già in tasca un partito liberale e se magari anche F.I. si sgretola con i suoi socialistucoli dell'altro secolo e partecipa alla fondazione del nuovo partito, io so già chi votare al prossimo giro. Basta comunisti, basta fascisti, basta leghisti da strapazzo e grillini.

Gio56

Mar, 27/11/2018 - 11:27

Da non elettore di pd,lei Sig.Corallo è proprio cosi' convinto di essere migliore. Lo sa che per avere successo deve fare la politica che sta facendo Salvini adesso.

Ritratto di beatoangelico

beatoangelico

Mar, 27/11/2018 - 12:09

Da pippe a pippa. Caro bambino, è l'ideologia di sinistra ad essere il frutto dell'ignoranza. Non hanno un tema sul quale sanno argomentare senza anteporre il falso.

akamai66

Mar, 27/11/2018 - 12:20

Se non avesse la barba, per quello che dice e per il look sarebbe Antonio Gramsci...PD:ritorno al futuro.

petra

Mar, 27/11/2018 - 12:22

Saviano 2 la vendetta!

Ritratto di hurricane

hurricane

Mar, 27/11/2018 - 12:27

Corallo è giovane e non ha peli sulla lingua. Tuttavia, il klan paramafioso dei post-komunisti gli impedirà di accedere alle stanze del potere interno.

caren

Mar, 27/11/2018 - 12:29

Non sono elettore PD, ma si fa presto a parlare di pippe. Dal dire al fare, ce ne corre.

il corsaro nero

Mar, 27/11/2018 - 13:12

@Paolo17: ovvero fai come colui che si tagliò gli attributi per fare dispetto alla moglie! Complimenti per la lungimiranza!

mimmo1960

Mar, 27/11/2018 - 13:15

Cerca un po' di popolarità.

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Mar, 27/11/2018 - 13:50

A combattere le pippe si finisce poi con il farsi pippe! Ai posteriori l'ardua sentenza.

i-taglianibravagente

Mar, 27/11/2018 - 14:53

sembra un manifesto vivente per la liberalizzazione della cannabis. Si faccia coraggio, il PIDDDI sparira' e le tocchera' andare a fare un lavoro vero. Le fara' bene.

Papilla47

Mar, 27/11/2018 - 16:16

Sicuramente hai azzeccato quell'1% che a conti fatti sono i 300 mila di voi stessi tra politici dirigenti raccomandati e nullafacenti con mensile. Gli altri che vi hanno votato contano solo di numero. Sono i fessi vostri.

Libertà75

Mar, 27/11/2018 - 16:42

alle europee sarà tanto fare il 15%, poi forse Renzi se ne andrà e del PD resterà ancora meno

Giorgio5819

Mar, 27/11/2018 - 17:09

beatoangelico 12:09, beate parole...sacrosante

Ritratto di makko55

makko55

Mar, 27/11/2018 - 17:20

Una domanda, ma ti sei pettinato con i petardi ?

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Mar, 27/11/2018 - 17:58

Pidioti vi ricordo che il vostro gran visir bersani ha dichiarato in tv: "Non pretenderete che facciamo quello che vogliono i nostri elettori vero?". Solo un pidiota può votare un idiota.