La Lega adesso vuole il carcere per l'accattonaggio "molesto"

Il Carroccio mette nel mirino l'accattonaggio molesto per le strade e ai semafori e studia una proposta per introdurre il reato nel Codice penale

La Lega prepara la stretta sul fronte sicurezza. Il Carroccio mette nel mirino l'accattonaggio molesto per le strade e ai semafori e studia una proposta per introdurre questo tipo di comportamento nel codice penale per sanzionarlo anche con l'arresto. La proposta è stata presentata dal leghista Nicola Molteni, sottosegretario agli Interni. Molteni, come spiega il Messaggero, ritiene questo strumento efficace "per aiutare sindaci e polizia locale nel combattere un prblema di ordine pubblico". Nel 1995 la Consulta considerò questo reato incostituzionale. Ma proprio tra le pieghe di quel verdetto, Molteni ha trovato la chiave per riproporre l'introduzione del reato nel codice penale. Nella sentenza della Consulta infatti spiega che "iul reato di accattonaggio è compatibile con la Carta se chi mendica lo fa simulando infermità o arrecando disturbo o in modo invasivo".

Da qui l'etichetta "molesto" che potrebbe portare la proposta di Molteni all'interno del Codice Penale. Nella proposta del Carroccio viene previsto il carcere da tre a sei mesi fino a un massimo di un anno "se si provoca disagio alle persone". Poi seguono le ammende che vanno da 3000 a 6000 euro se si "arreca disturbo" e da 5000 a 10000 euro se "si causa disagio". Infine Molteni sottoliena come questo provvedimento possa essere uno strumento di vitale importanza sul fronte sicurezza per i sindaci che finora possono predisporre sanzioni solo usando le circolari.

Commenti

jaguar

Lun, 13/08/2018 - 10:34

Buona idea, ma le carceri per accogliere tutta questa gente dove sono? Senza parlare poi delle multe, se sono accattoni come possono permettersi certe cifre?

Ritratto di Montagner

Montagner

Lun, 13/08/2018 - 10:41

Ai tempi della DC e del cristiano poverini, l'accattonaggio ERA REATO!

buri

Lun, 13/08/2018 - 11:03

non male come idea

Ritratto di ierofante

ierofante

Lun, 13/08/2018 - 11:35

Solito fumo negli occhi per il popolo bue. Provvedimento inutile se non controproducente in quanto andrebbe ad intasare la farraginosa macchina della giustizia a vantaggio dei veri criminali. On. Molteni mi spiega che senso logico ha comminare una multa ad un accattone o sottoporlo a processo con la previsione massima di una pena di sei mesi: On. Molteni la sicurezza è minacciata dagli accattoni o dai mafiosi camorristi ndranghetisti spacciatori evasori fiscali corrotti e corruttori funzionari statali infedeli e chi più ne ha più ne metta? Ma evidentemente è più semplice prendersela con gli accattoni.

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Lun, 13/08/2018 - 11:36

In carcere li dobbiamo mantenere. Bisogna mandarli ad imparare a lavorare...

19gig50

Lun, 13/08/2018 - 11:46

meno male non se ne poteva più di questi rompi palle ai semafori.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Lun, 13/08/2018 - 11:53

è un illecito? si..e quoindi va punito.di certo i governi precedenti non ci hanno pensato,visto che questo degrado l'hanno favorito loro

Viktor1

Lun, 13/08/2018 - 11:57

Perfetto ! Bravo Matteo !!! no possimao piu vivere con questa gente senza giustizia ...;

Ritratto di ierofante

ierofante

Lun, 13/08/2018 - 12:02

Contemporaneamente il capo indiscusso nonché tribuno della plebe tramite Facebook elargisce mangime ai suoi polli ricorrendo alla metafora della ruspa. On. Salvini invece di blaterare faccia applicare la legge che c'è ed è ben chiara. Il cittadino comunitario che non ha mezzi di sostentamento può essere rimandato al paese d'origine. Il bosniaco, quindi extracomunitario, può essere espulso. Certo è più semplice blaterare su Facebook, ma rammenti che "dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur".

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Lun, 13/08/2018 - 12:19

non vanno in galera per furto negli appartamenti, per borseggio, figuriamoci se un giudice li condannerà al carcere, cambiamo prima le leggi eliminando l'indulto, aumentando le carceri e obbligando gli attuali condannati ai lavori forzati, sono alquanto stufo che uno che vive in galera sia mantenuto al 100% dallo stato, ossia dal popolo.

VittorioMar

Lun, 13/08/2018 - 12:31

...speriamo che tutto diventi vero e realizzato !!

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Lun, 13/08/2018 - 13:06

Si ma sempre idee che costano sempre più di quanto fruttino. Gli accattoni sono poveri senza lavoro e speranza. Se li metti in una colonia a lavorare almeno recuperi i volenterosi e gli dai una prospettiva, se li metti in galera gli paghi vitto e alloggio e le multe col caldo che le recuperi.

rise

Lun, 13/08/2018 - 13:41

Esiste un reato di molestia e uno di violenza privata, sta allo stato applicare le norme. Il procedimento di ufficio dovrebbe essere d' obbligo, se non desistono dalle loro insistenze.

ludovik

Lun, 13/08/2018 - 13:58

prima i corrotti evasori e i politici in carcere poi gli altri

pardinant

Lun, 13/08/2018 - 14:00

In effetti c'è da chiedersi cosa mai possa pagare o pretendere da un poveraccio ridotto a chiedere l'elemosina che non paga un verbale, certo non ci saranno capitali, stipendi o beni da aggredire. L'aver depenalizzato un fatto simile è come dire non vogliamo sapere, non vogliamo vedere, non vogliamo sentire, è vietato ma voi fatelo tanto non vi succederà nulla. Lo Stato dovrebbe vedere,sentire,sapere e capire queste situazioni, agendo di conseguenza per risolverle, affidando i minori, ricoverando in istituti i malati di mente e gli anziani e rimpatriando gli immigrati illegali, altrimenti ò solo un "ente inutile".

arcierenero

Lun, 13/08/2018 - 18:44

multa e carcere vanno trasfotmati in pene quali spazzamento e pulizia strade e corsi d'acqua e spiagge cosi si rendono utili alla societa'

DemetraAtenaAngerona

Lun, 13/08/2018 - 20:44

3°tentativo...Invece di "combattere" le ragioni della povertà o almeno di trovare delle soluzioni per far uscire le persone da una situazione di povertà o di offrirgli qualche soluzione che gli dia sollievo, li si vuole mettere in prigione, per altro già strapiene e spesso di piccoli consumatori/spacciatori di cannabis o per piccoli reati...e persino multare...ma se uno sta chiedendo la carità come si può pensare che il questuante disponga di migliaia di euro da pagare di multa...e poi molesto..tra questi molti italiani e allora di molesto forse c'è il sistema politico/economico che fa si che una manciata di uomini disponga del 90℅ della ricchezza mondiale e il resto si arrangi...