"Il caso Savoini? Ecco perché è una trappola orchestrata ad arte"

Secondo Igor Pellicciari, docente presso l'Università di Urbino e alla Statale di Mosca, il famoso incontro all'Hotel Metropol di Mosca del 18 ottobre 2018 fu una trappola orchestrata ad arte. Per Giulio Sapelli, la regia è franco-tedesca.

"La dinamica dell’episodio più che un incontro al vertice ricorda una trappola orchestrata ad arte per fare abboccare degli ingenui interlocutori stranieri". È il commento, pubblicato su Dagospia, di Igor Pellicciari - docente Università di Urbino - Università Statale di Mosca per le Relazioni Internazionali - rispetto alla vicenda dei presunti fondi russi alla Lega e all'ormai famoso incontro svoltosi il 18 ottobre 2018 all'Hotel Metropol di Mosca a cui hanno partecipato Gianluca Savoini, Presidente dell'associazione Lombardia-Russia, l'avvocato Gianluca Meranda insieme all'advisor Francesco Vannucci e ad altri non meglio identificati emissari russi.

Innanzitutto, è credibile la dinamica di questo incontro? Secondo Pellicciari, grande esperto di Russia, "chi vive a Mosca sa perfettamente che seguendo una tradizione iniziata nel periodo sovietico per motivi di controllo e rafforzatasi di recente per motivi di sicurezza anti-terrorismo, tutte le lobby degli alberghi 5 stelle nella zona del Cremlino (e spesso anche quelli nelle immediate vicinanze) pullulano di telecamere di sicurezza e microfoni ad alta definizione". L’Hotel Metropol, infatti, si trova ad un centinaio di metri dalla zona del Cremlino e a pochissima distanza dalla Lubyanka, celebre per essere sede dei servizi segreti sovietici prima e russi poi: oggi l'edificio è sede dell'Fsb, il servizio segreto della Federazione Russa, erede del Kgb sovietico.

Si può discutere di una trattativa del questo tipo nella hall di un Hotel così sorvegliato in mezzo a un mucchio di persone? Si tratta di una disarmanete ingenuità o l'ipotesi di un presunto finanziamento russo alla Lega non regge? "Non si capisce perché’ degli interlocutori russi che giocano in casa scelgano un posto cosi informale ed esposto come la lobby di un Hotel centralissimo per incontrarsi - come se abbiano la necessità di nascondersi goffamente da quelle stesse istituzioni che governano e controllano stabilmente" osserva ancora Pellicciari. Come spiega il professore, inoltre, in Russia discussioni di questo tipo vengono affrontate nelle sedi opportune, soprattutto se di mezzo ci sono questioni che riguardano la sicurezza nazionale e presunti aiuti di stato: "Non c’è’ motivo politico o funzionale di affidarsi come in Italia ad un sottobosco contiguo che operi in zone di semi-ombra e border-line".

Un concetto che ha espresso di recente anche l'ambasciatore ed editorialista del Corriere della Sera Sergio Romano che al Giornale aveva commentato come la vicenda fosse "inverosimile" spiegando che quando si tratta di forzare le relazioni, la Russia "dialoga sempre e solo con gli Stati". Insomma, l'affaire Lega-Russia, rischia di passare alla storia come una spy story di bassissimo livello. Un trappolone analogo a quello orchestrato ai danni nel caso del vice-cancelliere austriaco Strache. E, come in quel caso, "la trappola è scattata ed ha funzionato benissimo, giocando sull’ignoranza, narcisismo protagonista, provincialismo internazionalista delle vittime predestinate nonché - ma questo va dimostrato - su un senso di affarismo tutto italico" spiega il docente.

Secondo un altro accademico come Giulio Sapelli, professore ordinario di Storia economica all’Università degli Studi di Milano, dietro all'inchiesta sui presunti fondi russi alla Lega di Matteo Salvini c'è la "manina" di Francia e Germania. Intervistato dalla Verità, l'economista sottolinea che "se uno deve veramente condurre un’operazione illegale non va a farlo nella hall dell’hotel Metropol, dove lo vedono tutti. Peraltro è stata tirata in ballo l’Eni…". Anche secondo Sapelli a "Savoini è stata chiaramente tesa una trappola". Una trappola magari orchestrata da Parigi e Berlino: "Non credo sia un caso se il Russiagate è scoppiato quasi in concomitanza con il premio consegnato a Parigi alla capitana tedesca, Carola Rackete, come campionessa dei diritti umani. Quando pure la magistratura italiana pare si sia accorta che la Rackete ha solo violato la legge".

Commenti

schiacciarayban

Lun, 22/07/2019 - 12:32

Savoini e i suoi compari sono personaggi di bassissimo livello, sono degli improvvisati, degni di un film di Totò. Non sarebbero neppure in grado di pensare a un'operazione del genere. La cosa preoccupante è che individui del genere siano rappresentanti della Lega. Questo la dice lunga sul livello del nostro governicchio.

Ritratto di navajo

navajo

Lun, 22/07/2019 - 12:58

Gli impresentabili sono quelli del PD che hanno governato per quasi 8 anni, e l'unica cosa che hanno messo in pratica è stato l'aumento delle tasse e di tutti i balzelli di stato possibili. In quanto al sovrastante trinariciuto si preoccupasse di quelli di sinistra, talmente improvvisati e di basso livello, da essere stati snobbati dagli stessi propri elettori, a parte quei pochi sfigati alla schiacciarayban.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 22/07/2019 - 13:01

Quando UNO,al SUO Paese,vuole discutere di una "trattativa per 3 Milioni di tonnellate di "greggio",laddove verrebbe pagata una "commissione" del 5%(alias € 65.000.000),SOTTOBANCO,non si capisce perchè dovrebbe dargli così tanta "visibilità",in un ambiente dove "occhi e orecchie" sono tanti,e non in una sede "protetta" e "discreta".Io ho avuto a che fare per motivi professionali,nella mia vita,con diversi "mediatori",in diversi Paesi,per cui una BURLA del genere,non me la bevo di sicuro!

killkoms

Lun, 22/07/2019 - 13:07

è probabile che sia un incidente prefabbricato!

killerqueen

Lun, 22/07/2019 - 13:09

Dopo Monti, Letta (il meno peggio), RENZI e il viscido Gentiloni niente e' peggio!!!

Ritratto di jasper

jasper

Lun, 22/07/2019 - 13:19

Ma come fa Salvini a contorniarsi di amici del genere alla Savoini cioè. Roba da Corte dei Miracoli. Roba da Umberto Bossi e figliolino cioè.

VittorioMar

Lun, 22/07/2019 - 13:25

..tutto bello tutto giusto ma perché non e' stato invitato a comparire il Direttore Responsabile dell'Espresso-Repubblica e il Giornalista che ha creato ad ARTE QUESTA BUFALA "MATRIOSCA" ???..MISTERI GLORIOSI ITALIANI...mah !!!

VittorioMar

Lun, 22/07/2019 - 13:27

..perché sempre e solo la Procura di Milano mentre le altre come le STELLE STANNO A GUARDARE...??

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 22/07/2019 - 13:59

Qualche tempo fa pensai (e lo scrissi qui dentro) ad una trappola preparata da franco-tedeschi. Adesso anche Sapelli, che non è certo uno sprovveduto, lo afferma: "Se uno deve veramente condurre un’operazione illegale non va a farlo nella hall dell’hotel Metropol, dove lo vedono tutti. Peraltro è stata tirata in ballo l’Eni…"." Arrivati a questo punto, oltre le balle che racconta il direttore dell'Espresso che sostiene di non aver mai ricevuto querele (pare invece ne abbia ricevute due), se la gola profonda fosse stato al tavolo con Savoini, da maxi tangente si trasformerebbe in maxi trappola. Manca solo il video o l'audio di un eventuale accordo con dentro Salvini. Avevo suggerito di mettere spie nei w.c. per carpire "conversazioni moleste" ma gnente: questi sono proprio dei badilanti...

Ritratto di WSilvioW

WSilvioW

Lun, 22/07/2019 - 15:20

Amisci legaioli, mi congratulo con voi tutti. Noto con piacere che nessuno di voi e' caduto nelle subdole trappole putativamente franco-tetesche. Purtroppo al posto vostro si e' trovato lo sprovveduto Savoini, che si e' fatto registrare mentre trattava un mazzettone di 65 milioni. Non potevate spiegarglielo prima che era un trappolone della ...ona e del franciosino? Diro' di piu'. Datosi che il giorno precedente il Savoini era a cena con il Capitone, non vorrei che esistessero registrazioni dei suddetti, sempre relative al trappolone-mazzettone, pronte per uscire se il Capitone non facesse il suo dovere riguardo inique sanzioni a Putin. Nel qual caso, a mio avviso, il Capitone farebbe meglio a darsi da fare, che una registrazione fa presto ad arrivare in una redazione comunista.

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 22/07/2019 - 15:25

A rendere ulteriormente inverosimile l'intera vicenda c'è la quantità di petrolio trattata, che sarebbe pari al fabbisogno annuo complessivo del nostro Paese. E gli altri interessati, a partire da ENI, dov'erano? E gli altri paesi da cui importiamo petrolio? Una montatura politica per indebolire Salvini, niente di più.

paco51

Lun, 22/07/2019 - 15:40

La lega rispecchia gli italiani per alcun aspetti ricorda la location del ventennio. Una trattativa come quel che si vuol dimostrare non si fa in quel modo, anche un bimbo lo sa! matteo cercati consulenti tra i preti che sanno sempre quello che fanno ma non sanno o ricordano mai qullo che hanno fatto!

Ritratto di Clastidium

Clastidium

Lun, 22/07/2019 - 15:40

da questo giornale non si poteva aspettare altro che il soccorso verde, infatti è già diverso tempo che stanno rivangando nella melma nella speranza di spalarla su qualcun altro ... e allora Bibbiano?

Rossana Rossi

Lun, 22/07/2019 - 16:37

Se qualcuno sa appena appena come stanno le cose in Russia, dove i politici non sono certo babbei come da noi, lo capisce subito che questa storia è una bella polpetta avvelenata confezionata ad arte, ci credono solo i babbei.......

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 22/07/2019 - 16:46

Intanto i 60 mila di Rixi,sono gia diventati 30 mila!!!! Ora che finira la "storia" saranno diventati 30 jajajajajajaja

baio57

Lun, 22/07/2019 - 16:58

Un consiglio ai commentatori schiaccianespole,WsilvioW e Clastidium,oggi in tutte le Coop vendono porzioni di QI a basso costo ,bisogna solo esibire la tessera di cocomeriotas/sinistrato .

SPADINO

Lun, 22/07/2019 - 17:16

CONTINUA LA FIOSOFIA DEL NON COMPIANTO BORRELLI : SE VUOI DISTRUGGERE UNA PERSONA LA DEVI ACCUSARE DI UN REATO ANCHE SE NON LO HA COMMESSO. SE POI DOPO 10-15 ANNI IL MALCAPITATO VIENE ASSOLTO, LO HAI COMUNQUE DISTRUTTO. QUESTO E' QUELLO CHE STANNO CERCANDO DI FARE CON QUELLI DELLA LEGA. INFAMIA

Ritratto di WSilvioW

WSilvioW

Lun, 22/07/2019 - 17:42

Esimio baio57, ben gentile, ordinero' la tessera di cocomeriotas-sinistrato e approfittero' dell'offerta speciale. La ringrazio per la meritoria opera di monitoraggio delle offerte di QI a prezzi bassi.

ectario

Lun, 22/07/2019 - 18:04

I comunisti del PCI e s.m.i., essendo invisi dai 2/3 del popolo italiano, hanno dovuto sempre barare, con ogni mezzo (BR docet) per prendersi voracemente il potere. E per questo odiano l'Italia. Non hanno argomenti per lo sviluppo di una nazione, con la tara nel loro cranio sarebbe impossibile, e quando sono alla canna del gas, rimestano il loro trogolo delle falsità, con le "gigantesche mancanze" dei loro invincibili nemici di turno. Da Togliatti in poi la solita tecnica di Andrej Vyšinskij, con la magistratura allevata dal "peggiore"

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 22/07/2019 - 18:11

Caro amico baio 16e58, quelli che hai nominato la tessera di COCOMERIOTAS QI ZERO, come quello delle 17e42, c'e l'hanno da un pezzo ad HONOREM!!!! jajajajajajaja Saludos.

ohibò44

Lun, 22/07/2019 - 18:21

La figuraccia di Heinz-Christian Strache non è bastata da lezione?

giudiziodivino

Lun, 22/07/2019 - 18:25

Trappola o non trappola....li hanno beccati (come molti altri) con le mani nella marmellata! a parole promettono tutto..nei fatti rubano su tutto! (provano che neanche quello sono capaci di fare!)

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Lun, 22/07/2019 - 18:32

Praticamente come dire che l'impronta degli zoccoli sulla terra dell'ippodromo di San Siro sia stata lasciata da un lama delle Ande piuttosto che da un cavallo. "La verità sta quasi sempre nelle cose semplici" (Cit. "Candido" di L. Sciascia).

baio57

Lun, 22/07/2019 - 18:58

@ WSilvioW Grazie,non c'è di che.

ohibò44

Lun, 22/07/2019 - 19:10

La figuraccia di Heinz-Christian Strache non è bastata da lezione? Comunque le trappole si tendono a chi si pensa possa cascarci