"La legge è una calamita per le ondate migratorie E non aiuta a integrarsi"

Il filosofo francese critica lo ius soli: «Non tutti gli stranieri vogliono diventare italiani»

Alain De Benoist, in Italia è in corso un dibattito accesso sullo ius soli, si è fatto un'idea?

«Il dibattito sullo ius soli ha un senso solo nei periodi di grande movimento migratorio come questo e va affrontato con la massima intelligenza. Una legge troppo permissiva rischia di accelerare questo processo e fare da calamita».

Quelli che contestano questa legge utilizzano l'espressione grande sostituzione.

«Renaud Camus, scrittore francese, è stato il primo ad utilizzare questa espressione. Non alludeva specificatamente allo ius soli ma all'immigrazione in generale. Sosteneva che nei Paesi occidentali era in corso una sostituzione dei popoli con un altro venuto da fuori. In Francia e all'estero questa teoria choc ha avuto grande successo. Personalmente non la ritengo esatta. Non contesto le intenzioni ma come viene formulata: non c'è nessuna sostituzione in corso bensì una modificazione demografica dovuta all'arrivo di nuove popolazioni. Siamo di fronte ad una grande trasformazione».

Dall'altro lato, i sostenitori dello ius soli, politici e intellettuali, lo definiscono un atto di civiltà.

«Non vedo questa riforma come un progresso ma come un regresso. Nulla è ineluttabile, e poi non sempre i diretti interessati hanno la voglia di cambiare nazionalità, molti migranti vogliono conservare la propria cultura e le proprie radici, vedi in Francia, alcuni non si sentono francesi nonostante gli sia stata data la nazionalità. La retorica umanitaria è una moda, è un catechismo morale, è una vera e propria ideologia del Bene che andrebbe rimessa in discussione. Domandiamoci piuttosto se l'immigrazione è un processo giusto o sbagliato. Quelli che gioiscono di questo fenomeno in realtà disprezzano il loro popolo e vogliono modificarlo. Come se poi i migranti fossero felici di dover lasciare il loro Paese di origine. Io considero l'immigrazione una forma di sradicamento: è innanzitutto un dramma individuale e familiare. Queste persone non emigrano per piacere o per turismo ma perché fuggono dalla guerra o dalla miseria, di conseguenza affrontare la tematica dell'immigrazione come un fatto naturale vuole dire strumentalizzare i loro sentimenti».

E poi molti dei terroristi che hanno colpito la Francia negli ultimi anni hanno ottenuto nazionalità francese proprio grazie alla legislazione nazionale.

«Non tutti i migranti sono dei terroristi, ma la maggior parte degli attentatori avevano la nazionalità francese e l'hanno ottenuta grazie allo ius soli francese. Questo dimostra che non è sufficiente ottenere lo status di cittadino per sentirsi membro di una comunità, di un popolo o di un Paese. Per cui è necessario pensare prima a quale modello di integrazione o di assimilazione adottare se no si rischia come in Francia di etnicizzare i rapporti sociali. Da un lato si dice che le etnie non esistono, che siamo tutti uguali, ma poi regna il comunitarismo e la giustizia considera le minoranze dei soggetti a sé».

Commenti

antipifferaio

Gio, 22/06/2017 - 10:19

Ve lo spiego io lo ius sola... I PiDioti oltre alle Coop-Africaimport si sono messi a fabricare e vendere tutta roba per neonati...

Jimisong007

Gio, 22/06/2017 - 10:22

Governati da criminali

Ritratto di giangol

giangol

Gio, 22/06/2017 - 10:31

i vostri figli e nipoti faranno la fine dei pellerossa. chiusi in riserve col bollino "in estimnzione"

Arethusa

Gio, 22/06/2017 - 10:48

Immigrazione e ius soli oggi come iri vanno a braccetto, ecco perché in Inghilterra è pieno e strapieno di mediorientali, Pakistani, Indiani, Africani, facevano semplicemente parte del Commonwealth ottenendo poi la cittadinanza GB ed ecco spiegato perché Sadiq Kahn, sindaco di Londra, è stato eletto; non certo dagli inglesi con i capelli rossi, ma dai Pakistani con passaporto GB. Lo stesso discorso d'immigrazione e ius soli vale anche perla Francia, il Belgio l'Olanda con le loro colonie e ora ci si mette pure l'Italia. Se non è immigrazione è sostituzione o viceversa. Chissà quando ci sarà un Sindaco Libico a Roma, Milano, Genova, Firenze Napoli, allora si che potremo piangere lacrime amare, sempre che ce ne rimangano a sufficienza.

giovanni951

Gio, 22/06/2017 - 10:49

solo i cattocom non capiscono che lo ius soli é una sciocchezza.

AndyFay

Gio, 22/06/2017 - 10:53

Gli immigrati venuti in Italia una ventina di anni fa per lavorare, albanesi, rumeni, peruviani, prendono le distanze dagli immigrati di questi ultimi anni e sono contrari allo ius soli. Anche il centro destra è contrario. Dobbiamo evitare che i catto-comunisti distruggano il nostro Paese. No all'indiferenza, no al menefreghismo, è in gioco il nostro futuro.

MASSIMOFIRENZE63

Gio, 22/06/2017 - 11:07

"La legge è una calamita per le ondate migratorie E non aiuta a integrarsi". Lo sanno benissimo anche i nostri politici di sinistra che vogliono approvare la legge. Ma non gliene frega nulla delle conseguenze che avrà il popolo italiano. Gli importa solo dei voti che gli porteranno i migranti e che gli permetteranno di restare al potere.

Rainulfo

Gio, 22/06/2017 - 11:40

Toglierei la parola rischio, è una certezza. Arrivo in Italia da clandestino con moglie (?) incinta, nasce il bambino acquisisce la cittadinanza: e i genitori? lasciamo un figlio italiano con i genitori stranieri??? ma che bella trovata davvero!!

Marcello.508

Gio, 22/06/2017 - 11:46

Secondo me, dietro la frase "legge di civiltà", si nasconde l'ansia di governare per 50anni come fece la Dc. Ma nel Pd non si rendono conto che, oltre a non essere loro ancor oggi a comandare in casa nostra fra 50anni, avanti di questo passo, gli italiani "autoctoni" saranno in netta minoranza. Se prenderà piede - come immagino - l'islam, ringrazieremo questi "bravi ragazzi" che OGGI stanno rottamando l'Italia. Dal 2008 almeno 500mila italiani se ne sono andati all'estero per condurre una vita più decorosa, avanti così spariranno a milioni e sora mento al vento sarà felicissima di vedere un'Italia multirazziale a prevalenza islamica che abolirà la ns. costituzione imponendo le sue regole quando sarà maggioranza, farà sparire il papa e qualsiasi ricordo di quella che fu un'Italia di italiani da generazioni. Un po' più di prudenza non guasterebbe.

Fjr

Gio, 22/06/2017 - 12:41

Rileggetevi il commento del Gen Perrotti ex vicecomandante della folgore a nassirya ora in pensione,decisamente illuminante

abocca55

Gio, 22/06/2017 - 12:55

La legge sarebbe giusta se ben fatta. Quello che fa paura sono i ricongiungimenti che ne deriverebbero. occorre comunque porre un limite.

mcm3

Gio, 22/06/2017 - 13:01

Solo stupidagini e disinformazione, se venissero stabiliti parametri corretti sarebbe una soluzione giusta, Se un bambino nasce in Italia, da genitori stranieri, ma regolarmente residenti in Talia da un minimo di X ( 3 - 5 - 10 ) anni, che lavorano e pagano regolarmente tasse, penso sia giusto che acquisisca la cittadinanza.. Il problema sarebbe che se questi parametri fossero applicati agli italiani, la popolazione si ridurrebbe drasticamente...

LostileFurio

Gio, 22/06/2017 - 13:10

Andare a votare e sbatterli fuori dal parlamento (PD & SOCI) e' unica cosa da fare !!!!

soldellavvenire

Gio, 22/06/2017 - 13:15

la colonizzazione inversa è un giusto contrappasso per quella diretta: senza sensi di colpa, l'occidente si attrezzi per sostenerla, visto che la ricchezza NON MANCA basta distribuire meglio le tasse sui patrimoni ed i redditi da lavoro dipendente

Ritratto di settimiosevero

settimiosevero

Gio, 22/06/2017 - 14:38

pdioti

Marcello.508

Gio, 22/06/2017 - 14:44

mcm3 - "Solo stupidagini e disinformazione, se..." Con i se non si va da nessuna parte, egregio. Questa Ue a trazione germanica dovrebbe interessarsi anche di questa tematica uniformandola nei paesi membri, invece di "limitarsi" a mettere le mani in tasca soprattutto al sud Europa con il tanto ventilato rigore (merkerliano ma non in casa sua), chiudere l'inutile sede di Strasburgo ad economia di preziosi euro, unificare i paesi membri anche come popolo Ue etc. Allora i se da lei paventati non occorrerebbero. Ognuno oggi, al di fuori delle regole economiche, mantiene la sua autonomia. Questa Ue le piace? A me fa schifo. Proprio oggi Junker ha offerto solidarietà all'Italia nella questione migranti. Secondo lei di che materia è fatta la solidarietà offerta? Per me chiacchiere di uno sbevazzone mandato avanti a fare "figuredi". io la vedrei più come un «Questi sono ca@@i vostri. Sbrigatevela da soli». Buona giornata

nopolcorrect

Gio, 22/06/2017 - 14:52

La vogliamo piantare coi sogni, si o no? In Belgio ci sono due tribù, i Fiamminghi e i Valloni che fra loro parlano in Inglese rifiutando una tribù la lingua dell'altra, in Spagna il mio parroco spagnolo quando va a Barcellona DEVE parlare catalano...vogliamo continuare? La gurra dei trent'anni venne finita seguendo il criterio del grande giurista Grozio: "cuius regio eius religio", ovvero "ognuno a casetta sua".

Nick2

Gio, 22/06/2017 - 15:35

La “grande sostituzione” o il "rimpiazzo demografico" (chiamatelo come vi pare) è in atto e lo sarà anche nei prossimi anni con o senza lo ius soli, perché in Italia (e in quasi tutta l’UE) non si fanno figli. Un continente che, nonostante gli stranieri, ha più ultrasettantenni che ragazzi sotto i 20 anni è FINITO! Guardate la piramide dell’età! E’ un fungo! Se nulla cambierà, in Italia entro 15 anni, con il pensionamento in massa dei baby boomers, salteranno sistema pensionistico e welfare e piomberemo nel terzo mondo. E’ matematico! Ma voi demagoghi razzisti, per un pugno di voti, fate passare la matematica per un’opinione. La grande ed ardua scommessa del XXI secolo sarà il riequilibrio fra le fasce di età con l’ingresso di nuovi giovani e soprattutto con la loro integrazione. Ritengo lo ius soli uno strumento utile per favorirla. Non ci sono alternative. Anzi, una ci sarebbe… la camera a gas per gli ultrasettantenni. Ma non penso sia il caso…

Ritratto di cape code

cape code

Gio, 22/06/2017 - 15:40

Ma se tutti quelli che vengono qui non son stati capaci in 2000 anni di eguagliare una civilta' come Roma, cosa vengono a fare nel continente europeo? Una volta che gli europei non ci saranno piu' e saranno estinti come se la caveranno?? Si sposteranno come le cavallette in Asia??

Ritratto di cape code

cape code

Gio, 22/06/2017 - 15:42

mcm3, scusa ma non si e' capito un'acca di quello che intendevi.

carpa1

Gio, 22/06/2017 - 15:52

Lo ius sola sarebbe già estinto semplicemente andando alla radice: fermare l'invasione e rispedire al mittente quelli che già sono qui. Questa è la soluzione e deve essere radicale. Nel contempo pensare agli italiani ed ai sussidi genitoriali in modo che le coppie non si trovino a dover fare conti che non tornano. Così anche il vituperato calo demografico potrebbe invertire la rotta; perchè questo calo è dovuto soprattutto agli idioti che hanno dato retta a sindacati di sx che hanno voluto, negli ultimi decenni, una deregulation dei sussidi quali assegni familiari (tolti anche a redditi quasi da fame, asili nido con costi esagerati a carico delle famiglie, ecc.) a vantaggio di un appiattimento dello stipendio per favorire tanti fancazzisti che da questa situazione hanno tratto un indebito profitto. E poi introducono quella cagata del bonus bebè totalmente inutile allo scopo perchè i figli crescono e con essi le spese.

Marcello.508

Gio, 22/06/2017 - 15:59

soldellavvenire - La ricchezza non manca? Dice sul serio? E con il debito italiano di oltre 2260 mld di euro, con i milioni di nostri poveri, disoccupati, precari etc. - giusto per citare qualche motivo valido (ne avrei almeno un'altra decina ma i mille caratteri non mi consento di enuclearli) per fermare questa schifezza in corso - come la mettiamo? Facciamo finta di niente con un adeguato .. contrappasso calando le braghe? Ha letto il giuramento dei ministri e del p.d.c. prima di entrare in carica? Ho idea di no..

Ritratto di wilegio

wilegio

Gio, 22/06/2017 - 16:26

Ma c'è bisogno di scomodare un filosofo francese per capire ciò che è del tutto ovvio?

baio57

Gio, 22/06/2017 - 16:33

@ soldelpassatoremoto - Scusa ,ma sei veramente fuori di melone.

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 22/06/2017 - 16:34

Quindi secondo OMBRADELPASSATO 13e15, basta far pagare piu tasse agli Italiani!!!lol lol BRAWO 7+.

baio57

Gio, 22/06/2017 - 16:37

Alain De Benoist , una voce non allineata alla dottrina collettivista del pensiero unico .

Ritratto di cape code

cape code

Gio, 22/06/2017 - 18:38

soldellavvinazzato bevi meno zecca . Se la ricchezza non manca basta portarne un po' in Africa invece che far venire quei tutti questi parassiti. Te puoi cominciare ad emigrare intanto, e portati dietro anche i miei sensi di colpa che non ho.

Marcello.508

Ven, 23/06/2017 - 06:58

Nick2 - La risposta alle sue biliose affermazioni l'ha data e bene Carpa1, cui farei la giusta eccezione afferente i migranti che sono qui, che lavorano, hanno famiglia, pagano le tasse, e rispettano le nostre regole. Quanto alla sua chiosa (quello che lei propone per chi è avanti negli anni e in cui lei stesso ricadrebbe), io la farei a quelli che fanno proposte idiote come la sua.

soldellavvenire

Ven, 23/06/2017 - 07:18

in una società come la nostra dove si assiste alla povertà più assoluta sbeffeggiata e snobbata dalla ricchezza più sfacciata ostentata con disprezzo, qualche sospetto viene: che qualcuno vi stia prendendo per i fondelli, ad esempio, facendovi credere di essere "poveri" per meglio manovrare le vostre povere menti deboli

Marcello.508

Ven, 23/06/2017 - 15:57

soldellavvenire - "Mente forte" i dati istat li legge o pensa che non siano veritieri? Se ha ragione di credere che non siano veritieri lo spieghi citando fonti con dati di fatto inoppugnabili. Lo sa che solo in Africa ci sono 650 mln di persone che vivono con due dollari: ce li prendiamo tutti noi? Invece di promuovere uno ius soli che squalifica italiani "autoctoni", un governo serio dovrebbe favorire lavoro, famiglia e nascite per prima agli italiani, non fare come ha ben spiegato Carpa1 fino ad oggi. La verità è che c'è chi cerca voti futuri per governare in eterno, altro che legge di civiltà e in barba al giuramento che fanno ministri all'atto di assumere la carica assegnata.