L'estremismo islamico è una patologia

N on è davvero un motivo di sollievo, come invece molti sembrano credere, che una delle molle della ferocia del terrorista di Monaco sia stata la depressione. Si sente argomentare in tv, alla radio, sui social che se si trattava un depresso sociale, la cui ansia e tristezza era legata alla condizione di un ragazzo di origine iraniana bistrattato dai compagni, oggetto di bullismo e di disprezzo, allora i motivi del suo gesto sono tutti personali, non risiedono nel generale movimento di odio antioccidentale di origine islamica, non fanno parte della ferocia tagliateste che ha il suo centro nell'Isis e che si sta diramando nelle nostre città.

Ma le cose sono molto più complicate: la depressione clinica di un terrorista è probabilmente, in forme varie, quasi sempre presente. Il terrorista depresso è probabilmente un fenomeno generalizzato. Inutile pensare che ci siano in giro solo dei poveri ragazzi sconvolti, che se trattati meglio non si daranno da fare con pistole e machete. Non diminuirà il terrore se ci porremo a salvaguardare l'onore dei nostri compagni di strada e dall'altra a mobilitare i presidi psicologici. Ambedue queste cose sono buone e giuste, ma non funzionerà. Tutti i terroristi, rispetto al nostro modo di intender la vita, sono degli squilibrati, anche se non sono passati per patologie riconosciute nelle ASL o in ospedale: chi vuole uccidere quanti più passanti e bambini con l'arma da fuoco, è matto quanto uno che pensa che sia cosa buona e giusta avventarsi con l'ascia sui passeggeri di un treno, o uno che spazza la passeggiata di Nizza con un camion, o uno che a Gerusalemme, a Bruxelles, a Parigi cerca di ammazzare della gente che non c'entra nulla con la sua «depressione» e la sua arrabbiatura.

La sua mente pompata ideologicamente vacilla, e vacilla in massa, non soggettivamente, perché ha delle leadership religiose e sociali preda della sua medesima sindrome: vittimismo, senso di emarginazione, senso di impotenza e insieme, decisione a recuperare, a conquistare, a vincere una volta per tutte. Qualche volta ne abbiamo sofferto tutti, adesso è diventata una pazzia di massa che ha preso le armi, il dottore deve tenere presente anche il Califfo o l'Ayatollah.

I terroristi islamici, anche se questo terrorista era un tipo a parte, sono nell'insieme dei personaggi patologici che si armano, si creano strutture mentali interne a un mondo che è in genere quello di un patologico estremismo islamico. Dunque, non c'è contraddizione fra depressione e ondata di terrorismo, effetto copycat specie nei ragazzi che appartengono al mondo islamico dell'immigrazione.

Commenti

iotului

Dom, 24/07/2016 - 09:10

Quindi terroristi sono i soldati israeliani che ogni giorno uccidono i ragazzi palestinesi.

carpa1

Dom, 24/07/2016 - 09:31

"Dunque, non c'è contraddizione fra depressione e ondata di terrorismo, effetto copycat specie nei ragazzi che appartengono al mondo islamico dell'immigrazione." E non c'è bisogno di una "Fiamma" ad illuminarci su questo. Oggi ci raccontano, gli imbe.cilli che ci governano, che a fare stragi sono "gente nata e cresciuta nei nostri paesi"; ma domani saranno queli nati dagli invasori di oggi e pure loro cresciuti nei nostri paesi e non si potrà più dare la stupida colpa alle ex colonie, ai paesi terzi sfruttati per il petrolio e quant'altro. Questa è un'invasione demenziale, promossa ed organizzata dagli i.dioti che citavo poc'anzi, che ci cancellerà totalmente se non si reagisce e la si blocca. Questi individui prigionieri di un'innata ferocia devono ritornare a vivere e rimanere nei loro paradisi maniacali ad ammazzarsi tra di loro in modo da limitare l'espansione della "conigliera".

Renee59

Dom, 24/07/2016 - 09:40

Bello. Non bastava la depressione europea per la mancanza di lavoro, adesso ci aggiungiamo anche quella dei pazzi islamici che stanno invadendo il nostro territorio giorno per giorno, e questo per qualcuno sono dei valori da importare.

Franco Ruggieri

Dom, 24/07/2016 - 10:58

Cara Fiamma, stavolta hai sbagliato. E' il corano a ordinare ai maomettani di uccidere i non maomettani. Scaricatevi il Corano dello UCOII dal sito http://www.corano.it/corano.html e verificate questi (sura. versetto): (S2. 190, 191, 193, 216, 286), (S3. 167), (S4. 74, 89, 91, 92, 95, 104), (S5. 33), (S6, 151), (S8. 12, 17, 39, 65, 67), (S9. 5, 12, 13, 14, 16, 19, 24, 29, 36, 39, 41, 44, 73, 86, 99, 111, 122, 123), (S25, 52), (S47, 4, 20, 35), (S48. 16, 29). Sono incitamenti a uccidere i miscredenti.

Franco Ruggieri

Dom, 24/07/2016 - 11:01

Caro "iotului", che non hai nemmeno il coraggio di firmarti con il tuo nome, ma usi uno pseudonimo, come ho detto nel commento precedente è il corano a incitare i suoi adepti a combattere e uccidere i miscredenti. Gli israeliani, giustissimamente, reagiscono alla guerra maomettana. Alcuni dicono che nella Bibbia ci sono cose terribili. Vero, ma sono "racconti", non "incitamenti". Questa distinzione la capisci? Se no, cerca sul vocabolario.

conviene

Dom, 24/07/2016 - 11:01

Logicamente degli ottanta massacrati e 231 feriti Islamici dall'Isis a Kabul nemmeno una parola. Quelli non sono persone, ma solo carna da macello. Quando si vuol pretendere di fare un'analisi la si facci a ragion veduta. Si analizzi il contesto e i veri motivi della nascita di questo terrorismo e i reali interessi ed obbiettivi. Non ci si fermi alle semplici apparenze

edo1969

Dom, 24/07/2016 - 11:28

Quindi signora nirenstin anche kretshmer e breivik erano islamici? Lei ha mescolato tutto senza capirci granché

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 24/07/2016 - 12:07

----------quando un depresso impazzisce --ha comunque la lucidità di scegliere l'obiettivo che in quel momento ritiene a lui più avverso----se il ragazzo di monaco fosse stato guidato da motivi religiosi si sarebbe dovuto scagliare proprio contro quelli de'isis che stanno sterminando gli sciiti come lui--se invece fosse stato un terrorista isis si sarebbe scagliato contro tedeschi tedeschi---invece si vada a vedere chi sono i morti---prevalentemente musulmani come lui---qui il fatto religioso conta come i cavoli a merenda---hasta siempre

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 24/07/2016 - 12:16

#conviene- 11:01 E perchè mai dovrebbe fregarcene? Quelle sono beghe di famiglia. Ed in famiglia devono essere risolte e restare circoscritte.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Dom, 24/07/2016 - 12:52

Mi dispiace signora Nierenstein, l'estremismo islamico sarà pure una patologia, ma ve n'è un'altra, come direbbe Hannibal Lecter, molto più terribile e selvaggia, si chiama Sindrome Politicamente Corretta e colpisce gran parte di noi, ormai lemmings destinati al suicidio.

Ritratto di ettocima

ettocima

Dom, 24/07/2016 - 12:58

@carpa1 concordo con la tua analisi. A me sembra che il fenomeno sia ascrivibile ad imprinting. Un papero considera come propria madre il primo essere che incontra e, successivamente, non c'è verso di fargli cambiare. I musssulmani vengono allevati a pane e corano, poi ... Il domani è fosco. Pensa a quei poveri bambini allevati nei territori Isis, secondo i dettami della Sharia. Li importiamo. Il resto è conseguenziale. Il giustificazionismo fa il resto. Seconda generazione? Peggio. Non è il piangere sul latte versato che risolve i problemi. Necessario è trovare il bandolo della matassa. Ormai è difficile. Un albero si raddrizza all'inizio. Oggi i mussulmani contano 1,5 MLD. Sterminarli tutti? Impossibile. Occorre allora troncare i rapporti economici che ci legano a paesi non democratici ove vige una specie di teocrazia Occorre, inoltre, liberare i territori governati da organizzazioni terroristiche. Naturalmente smetterla con l'immigrazione.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 24/07/2016 - 13:38

Una pateologia che Sion non cessa di rinfocolare e usare secondo i piani del Kivunim

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 24/07/2016 - 13:39

Che ci dice Nirenstein a proposito di quel colonnello israeliano scoperto dagli iracheni ad addestrare membri dell'ISIS ? E che dire di quell'altro ufficiale che ha detto che "l'occidente non deve combattere ISIS troppo presto" (notizia ripresa da media israeliani.

Linucs

Dom, 24/07/2016 - 13:56

Follia coranica e demenza sionista: due robe che con l'Europa civilizzata non c'entrano nulla, due corpi estranei da espellere.

nopolcorrect

Dom, 24/07/2016 - 14:38

"Odio antioccidentale di origine islamica". Proprio così. I paesi islamici sono paesi che hanno perso la gara alla modernità e che ora odiano i vincitori.Dico "paesi" per dire individui appartenenti a quei paesi. Per me arabo islamico basta guardare su Wikipedia la lunga lista di Premi Nobel ebrei per capire che la battaglia per la civiltà e il progresso è stata persa dagli islamici. E allora? Odio, odio, odio fino al mio suicidio se potrò ammazzare più vincitori possibile , più occidentali possibile.

Ritratto di Scassa

Scassa

Dom, 24/07/2016 - 14:41

scassa domenica 24 luglio 2016 Carissima Fiamma le religioni tutte sono integraliste ,ma proprio tutt'e ! La differenza sta solo nel considerare la propria l'unica e vera e avere in animo la distruzione e non la coabitazione serena unità ad un forte concetto di libertà di pensiero . Si dà anche la colpa alla povertà e alla bassa scolarizzazione ma non è del tutto vero poiché l'eccesso di sapere porta ai medesimi risulrati con aggravante il delirio di onnipotenza che infonde il denaro ! Difficile che uno spaccapietre dia del tu ai potenti ! Ci sono voluti secoli per uscire dall'oscurantismo ,ma gli uomini non erano molli e effemminati e insicuri e indeterminati come oggi è ,Lei dovrebbe aver sentito raccontare di quella frase : " morire per Danzica ?"! Poi si è visto cosa è successo e siamo su quella strada ,cara Fiamma scalmo!!!!!!!!!!!!!! scassa.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 07/08/2016 - 11:16

Leggere il Corano serve per capire il fanatismo e la pericolosità della dottrina islamica, che si confonde con la politica, con la quale anzi sostanzialmente si identifica. Più volte sono stati sul punto di sottomettere l'occidente cristiano, ma sempre sono stati fermati militarmente. Ora ci stanno invadendo "pacificamente", mentre monta la loro pressione militare esterna ed il terrorismo interno. Forse per loro è finalmente giunto il momento per spazzare via a cultura cristiana, ormai in irrefrenabile decadenza.