Letta stronca Renzi: "Il suo racconto dei fatti è come il metadone"

L'ex presidente del Consiglio stronca l'azione del governo: dal Jobs act "insufficiente" alla legge elettorale per cui serve una "maggioranza larga"

Si toglie qualche sassolino dalle scarpe Enrico Letta. E dalle sue parole emerge un astio mai sopito tra lui e il presidente del Consiglio. Intervenuto al programma radio Mix24, da Giovanni Minoli, Letta si sofferma in modo critico sul modo con cui il premier parla al Paese:"Renzi racconta un Paese che non c’è? È una fase in cui la percezione delle cose vale più del reale, aiuta a star meglio? Io cerco di dare un contributo perché non sia un tempo in cui la percezione conta più della realtà". E subito dopo piazza l'affondo: quella narrazione "non aiuta a stare meglio: è metadone".

Si sente già con un piede fuori da parlamento (pochi giorni fa ha annunciato che si dimetterà). Forse anche per questo non si sbilancia troppo sulla legge elettorale: "Voterò l’Italicum oppure no? Bisogna vedere come sarà l’Italicum. Lo vedremo. Finora, ha aggiunto, c’è stata solo una legge elettorale approvata a maggioranza stretta in Italia: il Porcellum ed è stato un disastro. Le altre, il Mattarellum e quelle della Prima Repubblica - ha concluso - sono state approvate a maggioranze larghe perché, come ha detto Renzi stesso, le regole del gioco si fanno tutte insieme". Quindi "c’è bisogno di una maggioranza larga". La critica nei confronti del leader Pd, anche in questo caso, è evidente.

Timida autocritica sulla sua esperienza a Palazzo Chigi. "Come presidente non eletto - ammette l'ex premier - mi sono sentito a disagio. Il mio governo è nato perché non c’erano alternative alle larghe intese in cui bisognava trovare una persona che riuscisse a tenere insieme tutti, se no la legislatura non partiva. Bisogna ricordarsi le condizioni".

Bacchettate anche sulla riforma del lavoro. "Il Jobs Act è stato un passo avanti però non sufficiente, c’è bisogno sul lavoro di fare molte altre cose perché oggi il vero problema è la disoccupazione e c’è bisogno di tutelare i lavoratori che hanno perso il lavoro. Le tutele crescenti non ci sono ancora a sufficienza. Bisogna aggiungere tutele".

Letta si sofferma anche sui due marò. "Proprio perché sono quattro ministri degli esteri e quattro importanti, autorevoli personalità, è la dimostrazione del fatto che l’Italia ci ha tentato in tutti i modi con formule diverse, però il tema di fondo è che questa vicenda si è infilata in una situazione indiana, indiana, attenzione, in cui abbiamo capito cosa vuole dire l’India. Se fossero stati gli americani andavano a riprenderseli. Ma noi non siamo gli americani", osserva con amarezza l’ex presidente del Consiglio.

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 22/04/2015 - 14:12

Letta certamente è meno "furbo" di Renzi, ma probabilmente più lineare nell'azione politica. Però anche lui si porterà per sempre dietro lo spettro della legge di finanziamento dei partiti che ha provveduto ad "allineare" al momento, ma riconfermandola in pieno. Solo per questo, trascurando altre questioncelle, gode di tutta la mia disistima.

scric

Mer, 22/04/2015 - 14:36

disamina perfetta quindi tutti a casa

Ritratto di uccellino44

uccellino44

Mer, 22/04/2015 - 15:39

Peccato che sia di sinistra! Ora (ma solo ora!!) meriterebbe una bella poltrona nella destra!

Ritratto di gianpaolo.barsi

gianpaolo.barsi

Gio, 23/04/2015 - 00:29

Le regole del gioco si fanno tutte insieme, dicono con lapsus rivelatore. Drammaticamente rivelatore. Per LORO sarà un gioco: per noi è una cosa molto, moltissimo seria. Da qui nasce l'inesorabile scollamento tra cittadini e politica. LORO giocano. Noi, no. Per niente.

Duka

Mer, 11/11/2015 - 07:24

Letta ha ragione da vendere ed è culturalmente molto molto più preparato del bullo fiorentino che gli ha soffiato il posto da furbastro non da intelligente. Attenzione: la furbizia è solo il parente povero dell'intelligenza.

Silvio B Parodi

Lun, 11/04/2016 - 19:12

e la principiante boschi da lezioni di governo a Letta???mah mi sembra una alunna che vuole insegnare alla maestra.poraccia!!!