L'inconfessabile verità sul delitto Moro nascosta dietro Mani Pulite e Cinquestelle

La regia di quel delitto? La stessa che tiene in pugno l'Italia da 40 anni

Foto d'archivio

Quarant'anni fa come oggi eravamo tutti in via Caetani, a metà strada fra piazza del Gesù sede della Democrazia Cristiana e le Botteghe Oscure allora sede faraonica del Partito comunista. Il cadavere smagrito nell'angoscia di Aldo Moro era nel bagagliaio della famosa Renault rossa. Aveva il pollice fracassato da uno dei colpi sparati, nel tentativo disperato di coprirsi il volto. I carnefici non ebbero nemmeno la pietà di coprirgli il volto prima di tirare il grilletto. Moro fu assassinato per impedire che il Partito comunista si sganciasse dall'Unione Sovietica, come tutto l'Occidente sperava. Per impedire questo risultato avevano già tentato di far fuori il segretario comunista Enrico Berlinguer in Bulgaria investendolo con un camion che uccise il suo autista. Moro fu catturato, spremuto e liquidato secondo un copione che poi tutti si sono dati da fare per insabbiare per far credere che un gruppo di sconsiderati boyscout comunisti le sedicenti Brigate rosse lo avesse catturato per fargli un processo del popolo. Una contraffazione ridicola, ma buona da dare a bere alle folle, allora come oggi. La storia di quel delitto è la storia di mille insabbiamenti. Francesco Cossiga che era stato il braccio destro di Aldo Moro e poi uno dei fautori del sacrificio umano sotto l'etichetta del «partito della fermezza» - a cose fatte andò a visitare tutti i brigatisti in galera con cui strinse un accordo: sarebbero stati rimessi tutti in libertà, purché tenessero la bocca chiusa.

Quando io andai, come presidente di una Commissione bicamerale d'inchiesta e sotto copertura diplomatica a Budapest nel 2005 per un incontro formale con la Procura ungherese, fu mostrata a me e agli altri membri della commissione una grande valigia di cuoio verde con tutti i documenti che certificavano l'arruolamento dei principali brigatisti rossi nei servizi segreti sovietici e della Stasi tedesca. Al momento della consegna di quei documenti che ci erano stati promessi in pompa magna, intervenne il veto diplomatico russo. Ma per me, per noi, bastava e avanzava. Moro aveva accettato di svolgere il ruolo di garante dell'ingresso dei comunisti in area democratica, purché tagliassero il loro legame con Mosca. Per questo sarebbe dovuto diventare presidente della Repubblica e per questo una terrificante campagna di stampa aveva costretto alle dimissioni l'innocente presidente Giovanni Leone trascinato nel fango dalle falsificazioni della potente centrale che guidava l'operazione. Alla potente centrale si opponeva l'altra potente centrale che alla fine vinse, liquidando il garante. La liquidazione di Moro mandò all'aria il progetto. E questa è la storia negata e insabbiata. L'operazione che avevano preparato gli americani vedi L'Italia vista dalla Cia di Paolo Mastrolilli e Maurizio Molinari, con tutti i documenti originali del corteggiamento americano al Partito comunista guidato da Enrico Berlinguer consisteva allora nel tentativo di far fuori una parte della Dc sgradita.

Operazione che riuscì perfettamente qualche anno più tardi con l'eliminazione programmata di tutta la classe politica democratica italiana con l'operazione Clean Hands, Mani Pulite come ben documentato in The Italian Guillotine di Luca Mantovani e Stanton H. Burnett, libro mai tradotto in Italia, per eloquente prudenza. Queste circostanze sono note e stampate ma mantenute accuratamente nell'ombra affinché il comune sentire della pancia italiana non avesse a soffrirne. Ma meritano di essere ricordate perché oggi, sotto l'inesistente vessillo della inesistente Terza Repubblica, è in atto una nuova purga della classe politica italiana, stavolta sotto forma di liquidazione del nucleo liberale e moderato rappresentato da Forza Italia e dal suo leader Silvio Berlusconi.

L'intransigenza razzista mostrata da Luigi Di Maio nel rifiutarsi di prender atto dell'esistenza politica di Berlusconi e del suo partito non è una capricciosa impuntatura, ma l'esecuzione dei desiderata di una grande lobby internazionale che sta dietro i danti causa del Movimento Cinque Stelle. La storia della contraffazione italiana continua, il grande giornalismo dei divi della comunicazione democratica tace e incassa dividendi di notorietà a costo zero, mentre agli italiani viene risparmiato oggi come quaranta anni fa il disturbo di sapere, di discutere, di dubitare.

Moro da vivo era stato odiato dai comunisti che lo avevano sempre deriso e attaccato, ma che oggi lo santificano come se fosse un loro martire. Moro era odiato da Eugenio Scalfari, così come Giovanni Falcone era odiato dai comunisti e degradato da vivo, ma poi assunto nell'Olimpo dei martiri resi innocui. Quanto a Moro, sapeva che si stava stringendo il cappio al suo collo e che quel cappio era stato preparato da ben altri che non i quattro mascalzoncelli sanguinari dei brigatisti «duri e puri». Nulla era duro, nulla era ed è puro.

La democrazia repubblicana è da decenni sotto attacco, fragile, infetta e sempre sotto tutela. La macabra sorpresa nella Renault rossa di via Caetani quaranta anni fa rappresentò l'apice della viltà e della malvagità, ma il delitto più grave è che malgrado le decine di migliaia di pagine e di udienze, agli italiani è stato propinato, allora come oggi, un pappone imbottito di sonnifero ed edulcoranti, affinché non pensassero troppo.

È la vecchia tecnica dei signori tedeschi durante il feudalesimo, che sceglievano personalmente la moglie per i loro contadini e, affinché non avessero a faticare, gliela davano già gravida. Oggi l'antico delitto seguita a perpetrarsi ogni giorno e ad ogni anniversario attraverso la manipolazione e la disinformazione sorvegliata e gestita da molti finti eroi. Moro è morto e anche la verità ha fatto la stessa fine, mentre maturano nuovi accurati delitti politici, complice il populismo allevato in batteria come i polli e spacciato come ruspante.

Commenti

Happy1937

Mer, 09/05/2018 - 08:35

Moro: uno dei maggiori responsabili dello sfascio della politica italiana.

Marzio00

Mer, 09/05/2018 - 09:17

E' dal 1945 che l'Italia è schiava di USA e GB e dei loro sporchi affari: abbiamo perso la guerra e continuiamo a pagarne le conseguenze. La testimonianza dell' On.Gero Grassi su Aldo Moro spiega bene cosa realmente accadde e quali furono le ingerenze internazionali. Pensate quante vittime innocenti sacrificate per i loro interessi (vedi il treno Italicus su cui doveva viaggiare Moro e fatto provvidenzialmente scendere all'ultimo momento). Quale verità ci hanno dato in pasto?

Gibulca

Mer, 09/05/2018 - 09:35

Il problema dell'Itaia è avere una Chiesa cattolica apostolica che calpesta ogni tentativo di arrivare al ragionamento e da una sinistra di impronta comunista e illiberale. A questo si aggiunge un Meridione mafioso, svogliato e illegale. Forse la secessione del nord Italia risolverebbe qualcosina, anche se andava fatta prima dell'arrivo di Mussolini

giannide

Mer, 09/05/2018 - 09:37

5 stelle???40 anni fa Di Maio non era neanche nato...

Giorgio5819

Mer, 09/05/2018 - 09:42

Hanno truffato gli italiani...nulla potranno contro la storia, arriverà anche a loro il conto...

Ritratto di sefirot2

sefirot2

Mer, 09/05/2018 - 09:53

Mi piacerebbe che Paolo Guzzanti facesse leggere il suo articolo ai propri figli e commentare con loro !

molesyo

Mer, 09/05/2018 - 09:55

Moro e Berlusconi egualmente martiri del kgb e della cia uahh ,ma che volo pindarico è capace una buona penna asservita al re dei mass media,delinquente e mafioso !!!!Ma non è che semplicemente ormai votano forza italia solo gli anziani rincoglioniti da troppa pubblicità e da Barbara d'Urso ???? No censurare please "democratici"

Ritratto di navajo

navajo

Mer, 09/05/2018 - 09:56

Ieri un giornalista del TG2 mostrando il bagagliaio dell'auto in cui fu ritrovato il cadavere di Aldo Moro ha detto: qui fu "giustiziato" l'onorevole Moro. No, caro il mio giornalista(sic!) il termine giusto è "ASSASSINATO". i giustiziati sono i criminali cui viene applicata la pena di morte negli stati dove ancora è prevista.

evuggio

Mer, 09/05/2018 - 10:01

questo è il giornalismo che andrebbe sostenuto e promosso, anche a costo di volantinaggio aereo. Gli italiani hanno dimostrato il 4 dicembre 2016 ed il 4 marzo 2018 di essere sensibili e preparati a contrastare i complotti di palazzo; per questo non si deve "mollare" lasciando galoppare la disinformazione e la dittatura strisciante che dal 2011 si sta di giorno in giorno rafforzando

accanove

Mer, 09/05/2018 - 10:05

ci siamo mai chiesti perchè molta gente non vota più? Molta gente che in gran parte appartiene al centro destra? Qualcuno di questi lo fa solo in concomitanza a snodi politici importanti per il paese in un ultimo tentativo disperato di provare a se stesso che ancora la democrazia e la volontà popolare non siano solo un lusso che "alcuni" non possono permettersi. Chi ha la mia età ed ha vissuto il comunismo in tutte le sue forme dalla rivoluzione degli anni 60 allo sputtanamento che n'è seguito dopo il muro di Berlino passando attraverso la guerra fredda, chi ha osservato la progressiva "infezione" del morbo sinistro in tutte le nostre istituzioni si è accorto che il liberismo e l'anticomunismo non trovano spazio. I 5 stelle sono solo l'ultima forma di sinistraggio che ha sostituito nella società il partito comunista o quello che l'ha seguito.

Giacinto49

Mer, 09/05/2018 - 10:11

Probabilmente ai comunisti italiani dell'epoca sarà anche dispiaciuto perdere i finanziamenti miliardari che arrivavano dall'Unione Sovietica.

MOSTARDELLIS

Mer, 09/05/2018 - 10:19

C'è da aver paura.

steacanessa

Mer, 09/05/2018 - 10:25

Meraviglioso rosso pelo!

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Mer, 09/05/2018 - 10:25

@ giannide,di maio forse no,ma nei aS ci sono fiorfiori di compagni dell'estema sinistra.

vinvince

Mer, 09/05/2018 - 10:30

“giannide” hai ragione, 40 anni fa Di Maio non era ancora nato, ma l’occhio nel triangolo era nato da un pezzo ... !!! Penta stellati, svegliatevi, state rovinando l’italia !!!

miki89

Mer, 09/05/2018 - 10:31

Il messaggio che vuol far passare Il Giornale sarebbe che i 5stelle sono le nuove BR? Sallusti, quanto ci fai ridere!

milano1954

Mer, 09/05/2018 - 10:45

tutto vero, tranne raccontare che la "classe dirigente" di FI è liberale...sono gli avanzi di PSI, radicali e gruppuscoli di estrema sinistra . Sono la faccia liberalconservatrice del golpe del 92, come il PD e i suoi predecessori sono quella cattocomunista. Quello che è vero è che Mani pulite fu orchestrata per distruggere gran parte della classe dirigente DC e che alla DC si riferiva , nell'industria , nellos tato e nella finanza.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mer, 09/05/2018 - 10:49

QUESTI SONO GLI ARTICOLI CHE VOGLIO LEGGERE E SAPERE CHE TUTTI POSSONO LEGGERE!!! ERA ORA DI PARTIRE CON UN ATTACO FRONTALE PER DENUNCIARE LE TRAME INCONFESSATE ED INCONFESSABILI DEGLI ULTIMI 50 ANNI!!! Solo cosi` si potra` fare chiarezza e tornare ad avere un' Italia FINALMENTE LIBERA E DEMOCRATICA. Quante volte nei miei interventi ho citato le conclusioni alle quali giunse Ferdinando Imposimato, visibili a tutti, ma MAI PUBBLICIZZATE quanto era DOVEROSO, col risultato che la maggioranza degli Italiani non sa quasi che e` esistito ed ha lottato per l'Italia fino al suo ultimo giorno!!

Mobius

Mer, 09/05/2018 - 10:51

Siamo come nel Medio Evo. Un'Italia veramente unita non esiste, è suddivisa in tante signorie e potentati in conflitto tra loro, pronte ad allearsi con lo straniero e tradire gli alleati interni. Ed il più viscido e lercio di questi potentati una volta si chiamava PCI.

Rossana Rossi

Mer, 09/05/2018 - 11:05

I soliti asini rossi fanno commenti da ignoranti che certificano come abbiano capito un bel nulla. Ha perfettamente ragione Accanove.

lavieenrose

Mer, 09/05/2018 - 11:07

miki89 no, non sono le nuobe BR sono le BI, brigate ignoranti, ancora più pericolose

Pitocco

Mer, 09/05/2018 - 11:27

Come mai l'anglofilo Paolo Guzzanti NON nomina mai il Dipartimento di Stato Americano? Da alcune note: "Siamo stati noi a mettere il dito dei brigatisti sul grilletto della pistola. Le Brigate Rosse sono state manipolate in questa direzione, verso l’esecuzione di Moro. Non l’hanno mai capito o scoperto, ma è così che è andata. (…) La trappola era che dovevano ucciderlo. Sono stati sopraffatti dalla loro stessa incapacità di capire ciò che davvero stava accadendo. Ancora una volta sono stati eccellenti sul piano tattico, ma strategicamente si sono fatti manovrare come degli ingenui. (…) Li ho messi a tal punto con le spalle al muro che non gli restava altro da fare che uccidere il loro prigioniero. Si sono fatti manipolare fino a diventare i responsabili del loro stesso annientamento. Steve Pieczenik"

63FRANCK

Mer, 09/05/2018 - 11:29

caro miki89 non è Sallusti ma Paolo Guazzanti che ha scritto il pezzo.. vabbè. cmq i 5stelle non sono le nuove BR piuttosto bassa manovalanza o volenterosi carnefici, anche polli..fai tu, quanto ci fai ridere!

Ritratto di blackeagle

blackeagle

Mer, 09/05/2018 - 11:29

@Marzio00 veramente che l'itaglia sia serva degli anglosassoni è dal 1861, quando fu venduta dai piemontesi per ripianare il loro enorme debito e calarono al Sud a fottersi tutto quello che potevano, perfino le pietre. Questi signori non danno soldi per carità! se hanno permesso ai bersaglieri, ai piemontesi di fare quello che hanno fatto è semplicemente perchè DOVEVANO avere un loro tornaconto ed eliminare un pericoloso concorrente dalla scena mondiale! E l'albero nato allora è nato con radici fradice, che non hanno mai attecchito e vogliono che resti così! Come si può ben vedere dal trattamento riservato dall'Europa all'itaglia!

d_amod1

Mer, 09/05/2018 - 11:34

Ma diciamola tutta: Moro come Mussolini! Ancora più precise di Guzzanti sono i resoconti di Giovanni Fasanella (su youtube). La verità è che l'Italia è balcanica e i balcani sono italiani. Latini o greci? Falso problema. L'Italia è slava a nordest (latina) e ortodossa a sudest (greca). In mezzo c'è la Chiesa Cattolica da tempo giudaica e poco cristiana. A guastar ogni cosa c'è il ponente impetuoso. Saluti.-

diesonne

Mer, 09/05/2018 - 11:37

DIESONNE E' PROPRIO VERO :IL DIAVOLO FA LE PENTOLE MA SIN DIMENTICA DEL COPERCHIO E SI VEDE QUELLO CHE CHE RIMANE NELLA PENTOLA-LA VERITA' STORICA SCRIVERA' L'ULTIMA PAGINA

Ritratto di bismark22

bismark22

Mer, 09/05/2018 - 11:54

Caro Guzzanti: Rana, Freato, Muselli, il generale Giudice le dicono niente? Le campagne di Espresso e Panorama e pure delle sentenze. Dove è finita la mostruosa , ma mostruosa-mostruosa quantità di denaro creata nella disponibilità della corrente di Moro su conti esteri? Una fetta, bella grossa, della storia del rapimento Moro secondo me sta lì. Ma nessuno ne parla. L’ho sempre trovato sorprendente. Guarda caso negli anni immediatamente successivi in Italia si scatenano le più torbide storie economiche.....Di solito si dice segui il denaro...

santecaserio55

Mer, 09/05/2018 - 11:55

Leggere i racconti Guzzanti è troppo divertente. Il Giornale dovrebbe pubblicarlo più spesso. Ma quando ha scritto l'articolo era fatto di bianco o di rosso

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 09/05/2018 - 12:04

---guzzanti--giornalista mediocre---caso raro in cui i figli sono più in gamba del padre ---giornalista mediocre ripeto--ed ex politico ancora più mediocre --un raccontatore di balle unico---che ha dato il suo massimo nulla --un costosissimo nulla sia nella commissione Mitrokhin che in quella Telekom Serbia--commissioni finite con due flop pazzeschi ed in cui guzzanti ha sguazzato in documenti fake--sull'omicidio moro la mano armata fu delle br ---ma non furono loro i mandanti --tutt'altro--su internet vi sono tonnellate di roba sull'ex giudice Ferdinando Imposimato ---se volete ricostruire molte realtà e misteri italiani--su questo ex magistrato dovete far riferimento e non sul ballista guzzanti--

investigator13

Mer, 09/05/2018 - 12:05

analisi tutt'altra che convincente, segue solo alla fine morto Moro, morta la verità. I brigatisti rossi arruolati nei servizi segreti di Mosca e della Stasi tedesca, mah! forse... solo se visti dai russi persone che tentano di instaurare una dittatura rossa ma non certamente coinvolti, altrimenti il modus operandi dei brigatisti rossi,sarebbe stato di tutt'altro tenore e Mosca avrebbe diretta essa le condizioni. Poi una domanda che uno si è sempre fatta ma i cosiddetti comunisti in Italia chi sono veramente se non c'è mai stata dittatura comunista nel ns Paese? costoro sono solo antifascisti ma essere antifascisti non significa prescindere essere comunisti, forse è più opportuno chiamarli anarchici rossi e così arriviamo al m5s anche loro solo antifascisti anarchci.

Andrea Balzarotti

Mer, 09/05/2018 - 12:24

Grande articolo ! Di quelli che in un anno si trovano 4-5 volte, non di più. Strano che sia stato possibile pubblicarlo. Cosa bolle in pentola ?Comunque che le cose stessero più o meno così ne ero certo già all'epoca.

wintek3

Mer, 09/05/2018 - 12:26

Ma ancora stiamo parlando di Moro, come se fosse l'unico ucciso dalle BR. La prossima volta forse riusciremo a riesumare Giulio Cesare e forse anche Enrico Toti. Preoccupiamoci pittosto dei problemi attuali , della gente senza lavoro, dei migranti e chi più ne ha più ne metta.

Ritratto di ersola

ersola

Mer, 09/05/2018 - 12:27

vinvince quindi saremmo noi quelli che dovremmo svegliarci.....certo che detto da uno che è in coma da quando è nato fa veramente ridere.

Ritratto di ersola

ersola

Mer, 09/05/2018 - 12:28

Questo tizio comunque già in precedenza aveva dimostrato di avere le basi per fare lo scrittore di libri sulla fantascienza.

puponzolo

Mer, 09/05/2018 - 12:47

Giusto, è da anni che dico che dietro a Mani Pulite doveva esserci la CIA, e i frutti del cambiamento coatto sono sotto gli occhi di tutti: la politica italiana si fa a Londra e New York; il New York Times scrive le linee guida del PD mondiale e le sue direttive rimbalzano poche ore dopo sui principali quotidiani nazionali aderenti a questo "PD mondiale"; infine le medesime notizia vengono riprese dai piccoli quotidiani locali.

flip

Mer, 09/05/2018 - 13:12

indubbio.brigate rosse esecutori. ex DC e America mandanti! forse anche il vaticano.

investigator13

Mer, 09/05/2018 - 13:18

un'altra considerazione il compromesso storico Dc-Pc dava fastidio agli americani non di certo ai russi. L'Italia è stata liberata dagli americani e non dall'esercito russo. I comunisti al governo, per gli americani erano loro che avrebbero minacciato la democrazia importata dagli americani con la liberazione occupazione dell'Italia il 1944. Oggi tutto il male del mondo viene dalla Russia, quindi nel calderone mettiamoci pure la morte di Moro. Saranno contenti gli americani che sono i veri responsabili dell'assassinio di Moro, ma assolti come vuole la storia manipolata che richiede oggi il ns. tempo.

batracomiomachie

Mer, 09/05/2018 - 13:44

Levategli il vino

batracomiomachie

Mer, 09/05/2018 - 13:45

Levategli il vino

vinvince

Mer, 09/05/2018 - 13:48

“ ersola “ ... un nome, una garanzia !!!

giza48

Mer, 09/05/2018 - 14:02

Mi fa pena un certo molesyo perfettamente ignorante delle dinamiche storiche subite dal nostro paese. Ricordiamoci che sia durante guerra fredda che dopo, siamo sempre stati terra di confine e di influenza e spartizione, (politico, militare, economica), tra USA, URSS-Russia, UE. Guzzanti ha ragione nel tirare in ballo le potenze politiche di allora, USA-URSS che si combattevano sul suolo italiano con la disinformazione politico mediatica, l'incomprensibile negazione a trattare della DC e PCI condizionando gli apparati di polizia che giravano volutamente vuoto senza mai prendere quei criminali terroristi rubagalline. continua dopo

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mer, 09/05/2018 - 14:11

Guzzanti che dire? Ha detto tante cose giuste e tante cose a metà (ossia giuste ma incomplete). È vero che ci fu lo zampino del KGB dietro all'assassinio Moro (l'Unione Sovietica non poteva permettersi un precedente come il PC al governo in un paese para-democratico perché de facto la democrazia è una chimera in Italia). Ma è altrettanto vero che gli interessi dell'URSS coincidevano con quelli (per motivi avversi sebbene) di altri signori che da decenni tengono in pugno le redini dell'Europa. Le faccio notare che il Colonnello Guglielmi (uomo SISMI e addestratore Gladio) era presente in via Fani quella mattina e che gli uomini sulla Honda erano alle sue dipendenze. C'è dell'altro che lei, si è ricordato di omettere. Concordo appieno M5S è una psyop politica (l'ennesima!). Aggiorni l'articolo, ci faccia un favore.

arkangel72

Mer, 09/05/2018 - 14:27

Siamo sicuri che le BR vennero arruolati dai servizi segreti sovietici e della DDR senza che CIA e servizi britannici intervenissero? E Gladio, di cui Cossiga si definì un "semplice amministratore", non ebbe nessun ruolo in questa vicenda? Prodi che assistette alla famosa seduta spiritica da cui venne fuori il nome "Gradoli" perché non ha mai chiarito bene che ruolo ebbe? Guarda caso sia Prodi, sia Cossiga col tempo furono "premiati" a ricoprire le massime cariche della repubblichetta massonica!!!

lonesomewolf

Mer, 09/05/2018 - 16:26

MEGLIO SCHIAVI DELL'AMERICA E DELLA GB. ALMENO SI PUO' ANCORA PARLARE LIBERAMENTE, COME FANNO CON GRANDE PROSOPOPEA I TRINARICCIUTI. SE AVESSIMO AVUTO IL KGB QUESTI GRANDI VENDITORI DI FUMO, CHE CERVELLO NON HANNO E SI PRODIGANO IN CRITICHE VUOTE, NON AVREBBERO NEMMENO FIATATO.

acam

Mer, 09/05/2018 - 16:39

a quei tempi ero già da sette otto anni in Germania, erano cominciate le spese munificenti per il debito di adesso pensioncine a cani e gatti per i voti, una specie di reddito di cittadinanza non ve lo ricordate?

Pitocco

Mer, 09/05/2018 - 16:54

@lonesomewolf SE AVESSIMO AVUTO IL KGB... aggiungo adesso ci sarebbe un certo Gospodin Putin

Giovanmario

Mer, 09/05/2018 - 17:02

se non ricordo male.. verso la fine degli anni settanta ci fu un partito ed un segretario di partito.. che crebbero notevolmente sia dal punto di vista politico sia dal punto di vista numerico.. e quella strana coincidenza mi rimase per molto tempo in mente.. ma fu senz'altro un cattivo pensiero..

sparviero51

Mer, 09/05/2018 - 17:24

DISGRAZIATO PAESE INFETTATO DA SCORIE COMUNISTE CHE,COME QUELLE NUCLEARI, NECESSITANO DI SECOLI PRIMA DI ESSERE INNOCUE . IL GRILLISMO NON È ALTRO CHE UNO STADIO DI QUESTO FENOMENO !!!

Gianlo

Mer, 09/05/2018 - 17:39

E poi i complottisti erano quelli di sinistra ah ah ah ah

Gianlo

Mer, 09/05/2018 - 17:43

Quindi in pratica prima ... Piove = GOVERNO LADRO ora invece PIOVE = COLPA DEL M5S E DELLA RAGGI!!!!

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 09/05/2018 - 17:47

Non so se quello che scrive è vero. Le uniche certezze è che è stato abbattuto il fascismo per diventare schiavi e servi di altri potentati stranieri. Che la democrazia italiana è una cloaca, marcia fino al midollo dalla sua nascita e che il voto del popolo è una buffonata, non conta nulla.

Luigi Farinelli

Mer, 09/05/2018 - 17:53

(1) Nel 1982 John Coleman (ex agente intelligence) con accesso a molte carte segrete USA rivelò: "Moro progettava di dare stabilità all'Italia attraverso la piena occupazione e la pace industriale e politica, rafforzando l'opposizione cattolica al comunismo e facendo in modo che la destabilizzazione del Medio Oriente fosse più difficile da ottenere." Moro infatti si opponeva alla "crescita zero" e alle politiche di riduzione della popolazione (Vedi Club di Roma e Bilderberg: questa politica ancora oggi è in piena attuazione). Sempre Coleman ha raccontato che durante il processo alle BR molti di loro testimoniarono dell'implicazione di un alto funzionario USA nel piano per uccidere Moro, cosa emersa anche dalla testimonianza della vedova Moro durante il processo del giugno-luglio 1982...(continua su 2).

Luigi Farinelli

Mer, 09/05/2018 - 18:10

(2) A proposito della testimonianza della vedova Moro al processo dell'82, sempre Coleman annota: "Eleonora Moro testimoniò che l'omicidio era seguito a una serie di minacce alla sua vita mosse da qualcuno che lei definì una figura molto importante della politica USA. Alla richiesta di chiarimento del giudice esplicitò la minaccia: (concetto già espresso in precedenza anche da un amico di Moro, Corrado Guerzoni). Quando il giudice chiese a Guerzoni se poteva identificare la persona citata dalla S.ra Moro, rispose che si trattava di Henry Kissinger." ...(continua su 3).

Klotz1960

Mer, 09/05/2018 - 18:12

Basta con le invezioni sulle BR e sul sequestro Moro! Le BR hanno notoriamente fatto tutto da sole, e le decine di brigatisti non pentiti non hanno mai fatto cenno alcuno a servizi stranieri, nonostante le condanne e gli sconti offerti se ne avessero parlato. In quel periodo c'era circa il 35% di partito comunista ed un magma di estrema sinistra marxista di circa il 3-4%. Le BR sono il prodotto del marxismo leninismo italiano. Il resto sono chiacchiere.

tonyreleone

Mer, 09/05/2018 - 18:20

"Giannide" 40 fa di maio, di battista, la raggi, bonafede, fraccaro, non erano ancora nati, ma la massoneria di licio gelli c'era, non ti dicono niente i tanti massoni coperti che hanno portato in parlamento alcuni dei quali scoperti per caso. Secondo te di maio da chi e' stato messo li, e per realizzare il piano di chi?

Luigi Farinelli

Mer, 09/05/2018 - 18:36

(3) La notizia fu trasmessa da tutti i media dell'Europa Occidentale il 10 nov. 82 ma nessun canale televisivo americano la trasmise anche se (come scritto da Daniel Estulin in "Il Club Bilderberg" - Arianna Ed., pag.90) Kissinger venne condannato per complicità in omicidio. Inoltre John Coleman afferma che le forze della globalizzazione volevano utilizzare l'Italia per destabilizzare il Medio Oriente come obiettivo principale. Un'altra loro vittima fu Nixon costretto a dimettersi l'8 ago 74 per sottrarsi all'accusa di impeachement, a causa della sua opposizione ad una società industriale "a crescita zero" voluta (ancora oggi) dal Bilderberg (Nixon era un forte oppositore del GATT che invece perseguiva proprio ciò).

Ritratto di pravda99

pravda99

Mer, 09/05/2018 - 18:54

ODDIO Guzzanti!! Se avesse scritto che Moro fu ucciso perche' aveva vinto con Berlinguer a tressette barando, sarebbe stato piu` credibile. Quindi lei crede ad una valigia chiusa? Sa, ho davanti a me una valigia chiusa e dentro ci sono i documenti che attestano come Moro fu ucciso dai servizi italiani e USA perche' stava per sdoganare il PCI e lo accoglieva al tavolo del potere, ma Cossiga e Gladio erano in agguato. Io credo a quella... Si faccia vedere Guzzanti, ormai e` piu` comico dei suoi figli.

Reip

Mer, 09/05/2018 - 18:58

AVETE ROTTO I COGLIOXXI CON IL DELITTO MORO! Basta!!! Ci sono problemi molto piu importanti di cui parlare!!

Jon

Mer, 09/05/2018 - 20:00

Siamo una colonia anche mentalmente...manco se vediamo la verita' dipinta la riconosciamo..!! Che pena..! I massoni non esistono e gli amerikani fanno il nostro bene.. Continuiamo a battere i piedi ed urlare "arrivano i nostri"..!!

Ritratto di nestore55

nestore55

Mer, 09/05/2018 - 20:41

molesyo Mer, 09/05/2018 - 09:55...Commento ignobile, scritto da uno con il cervello devastato dall'abuso di sostanze! E.A.

Giacinto49

Mer, 09/05/2018 - 20:46

Senza entrare in polemica con vari edotti commentatori, è semplicemente da ingenui credere che le br agissero in nome e per conto proprio. La ricostruzione di Guzzanti è più che verosimile, personalmente ne sono convinto da sempre, come da sempre sono convinto che i finanaziamenti miliardari al pci abbiano avuto un ruolo di primaria importanza. Quanto meno tra gli infami "italiani" coinvolti.