L'incubo del ventennio grillino

Grillo parla dai palchi. Parla nelle piazze. Parla dal suo blog nuovo di zecca, dal quale, come una costola biblica, si è staccato il sito del Movimento 5 Stelle. E parla anche coi giornalisti. Cosa normale per un politico, ma bizzarra per lui che, fino a poche settimane fa, i giornalisti voleva mangiarseli tutti per poi vomitarli. Ma d'altronde era anche quello che aveva fatto un passo indietro e poi, come nel caso delle Olimpiadi di Torino, detta la linea alla faccia della democrazia diretta.

«L'Italia ora deve conquistare una visione lunga, a vent'anni» afferma il comico, in una sofferta intervista a La Repubblica. E subito viene il sospetto che per solidificare in realtà le liquide promesse del Movimento cinque stelle Grillo voglia mettere un'ipoteca su due decadi. Un Ventennio tecno(fascio)comunista. Sia chiaro, il punto di partenza di Grillo è giusto: il Paese ha bisogno di una prospettiva di ampio respiro, che vada oltre gli starnuti del quotidiano. Ma se il tema è giusto, lo svolgimento è sbagliato. Per due motivi.

Uno. Grillo dipinge il futuro coi vecchi arnesi dell'utopia marxista: da una parte il desiderio di cambiare «il modo di pensare» degli italiani (come non ci avesse mai provato nessuno...), dall'altra la volontà di permeare di grillismo tutti i gangli del Paese, dall'economia alla cultura. Il partito che voleva combattere i poteri forti vuole diventare (e in parte è già diventato) un potere forte. A tutti i costi. È la democristianizzazione dei Cinque stelle, aperti a tutti e a tutto pur di fare un governo.

Due. Se i progetti a lungo termine dei grillini sono quelli prefigurati nei video e nei libri di Gianroberto Casaleggio possiamo stare freschi: guerre mondiali che decimeranno la popolazione, realtà reale sostituita da quella virtuale, decrescita ma col sorriso stampata sulle labbra, macchine al potere e uomini a fare qualcosa di non ben identificato. Probabilmente ad aspettare il reddito di cittadinanza. E forse è proprio per trovare le coperture a quest'ultimo che ci vorranno vent'anni.

Commenti

scapiddatu

Mar, 20/03/2018 - 09:10

E mortificante che 1/3 di elettori sia tanto prostrato da meditare di consegnare il futuro della propria patria a una macchietta dell’esperienza politica di un Beppe Grillo(Di Maio 'O guagliunciello). Povera Patria....è una delle canzoni di Franco Battiato.

INGVDI

Mar, 20/03/2018 - 09:30

Ottimo articolo di Francesco Maria Belvigo. Descrive il pensiero del movimento 5S e, indirettamente, la pochezza mentale e l'irresponsabilità di chi lo vota.

angelovf

Mar, 20/03/2018 - 09:44

La cosa che non capisco come fanno questi gonzi italiani che assistono alle sue idiozie.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mar, 20/03/2018 - 09:47

Tra non molto parlerà dal carcere.nopecoroni

Morion

Mar, 20/03/2018 - 10:12

Si dia requie Francesco Maria, vent’anni con il suo datore di lavoro ci hanno vaccinato, preparato, a qualsivoglia sussulto di natura politica. Al peggio abbiamo infatti già assistito, ergo, tutto ciò che sorte vorrà riservarci sarà sempre meglio che essere alla mercé di chi, per vent’anni, tra governo e opposizione, ha creato danni inenarrabili a questo nostro paese. Per risollevarci da tale rovina non basteranno cinquant’anni, forse di più!

d_amod1

Mar, 20/03/2018 - 10:25

La solita rivoluzione degli italiani. Semplicemente ridicola.

hornblower

Mar, 20/03/2018 - 10:39

"La prospettiva di ampio respiro" non può essere quella dell'infernale profitto Stars & Stripes, abitato da un'umanità in preda all'ansia della competitività a tutti i costi. Un nazi-mondo dove Uomo & Dio (libertà e intelligenza) verranno sostituiti dal binomio Cliente & Algoritmo (schiavitù e ottusità). L'assoluta validità del "moltiplicatore keynesiano" è confermata anche da uno studio del FMI del 2013: ogni dollaro speso dallo Stato in infrastrutture ne genera 3 di PIL e da uno del 2014 in cui ammette di avere sbagliato sul "moltiplicatore" negli anni precedenti.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mar, 20/03/2018 - 10:48

la mentalità degli italiani non va cambiata, bisogna saperla usare.

greg

Mar, 20/03/2018 - 11:16

Grillo- uno che vuole darla ad intendere dì essere intelligente, ma è una buffonata che non convince neppure lui, infatti continua a proporre pappette e minestrine, mentre a lui piace maggggnare a 4 ganasce, e che il conto lo paghino gli altri, avaro come un genovese, ma opportunista come un napoletano, e falso come un italiano ormai miliardario.... senza mai avere veramente lavorato in vita sua, difatti si è dato alla politica, per evitare che in vecchiaia gli venissero strambe idee in testa, di lavorare. Mi viene sempre in mente quel PESCATORE GENOVESE, scapolo incallito, ma che si sposò perchè aveva trovato una morosa con i VERMI........ intestinali

nipotedimubarakk

Mar, 20/03/2018 - 11:36

Non ti preoccupare Francesco Maria Del Vigo, tu non sei un giornalista, sei un servo. e scrivi solo quello che fa comodo al tuo padrone.

Ritratto di rapax

rapax

Mar, 20/03/2018 - 12:09

il suo elettorato non è sedimentato, è ancora liquido, se sbagliano questa tornata..si ridimensionano

baor

Mar, 20/03/2018 - 13:05

Per fortuna qualcuno lo considera ancora per quello che è: un comico. Pertanto le sue affermazioni dovrebbero essere prese per quel che valgono, cabaret al servizio di un popolo affamato di risate e promesse strampalate. Fa riflettere che quel 1/3 di sostenitori provengano quasi tutti dal sud dove hanno sostanzialmente votato seguendo la promessa di un reddito di cittadinanza (e magari tralasciando di spiegare il meccanismo, non facile, necessario per accedervi). Ora vorrei veder governare la banda di comici solo per assaporare il fallimento del loro cavallo di battaglia che segnerà il definitivo declino del movimento-partito

Ritratto di comunistialmuro

comunistialmuro

Mar, 20/03/2018 - 16:14

Che la quasi totalita' dei giornalisti italiani facciano vomitare,mi sembra pacifico,a giudicare dal crollo di copie vendute in questi ultimi anni;che sia necessario trovare un modo per far mangiare chi e' costretto a lavorare per due euro l'ora o chi non riesce ad avere neanche quel reddito,mi sembra altrettanto pacifico;che coloro i quali ci hanno portato in questa situazione,vadano girando col piattino in mano chiedendo l'elemosina,mi sembra sacrosanto.

yulbrynner

Mar, 20/03/2018 - 16:17

l'incubo del ventennio grillino??? al momento fantapolitica!

salvatore40

Mar, 20/03/2018 - 18:01

Un ventennio tecno-fascio-comunista ? Io non sono grillino, avendo convintamente votato Salvini. Epperò i 5s sono, insieme a Salvini, il Nuovo rispetto al Vecchiume tradizionale. Abbiamo provato tutto, mettiamo alla prova il grillismo : non faranno peggio degli altri ! Soprattutto non mettiamo il Vino Nuovo negli otri vecchi !

Ritratto di ersola

ersola

Mar, 20/03/2018 - 18:54

ecco la formula per fare un mediocre articolo al servizio di uno(inutile nominarlo) contro beppe grillo:n.1) estrapolare una frase da un'intervista del soggetto da attaccare; n.2) collegare la frase con cose dette anni prima; n.3) shekerare e trarre conclusioni del tutto soggettive a proprio piacimento. Purtroppo però funziona solo i lettori già fedeli a cui si può somministrare di tutto tanto sono tifosi senza spirito critico. guardando gli ultimi risultati l'unico raggiunto è stato quello di perdere voti a favore della lega......silvio sarà incazzatissimo e per ora di promozioni non se ne parla

stefor

Mer, 21/03/2018 - 09:31

Piano con i ventennii, siamo appena usciti da quello renziano durato 3 anni! questo nemmeno si sa se inizia.

rrobytopyy

Mer, 21/03/2018 - 10:50

ma ancora nessuno, tantomeno Del Vigo, ha capito perchè gli italiani hanno votato i 5 stelle. Certamente no perchè sono PIU' PURI, PIU' ONESTI, PIU' CAPACI degli altri. Loro sono (o diventeranno) UGUALI agli altri. Il problema è che tutti gli altri hanno già governato e i danni si sono visti, loro no. E allora perchè non provare ?

Ritratto di cic

cic

Mer, 21/03/2018 - 11:04

Quando non si hanno argomenti, si tirano fuori i fascisti. Un partito che vince le elezioni diventa PER FORZA DI COSE un potere forte. L'apertura per fare un governo stabile io la vedo come una maturità, non come una incoerenza: l'alternativa é lo sfascio del paese. Il M5S che é un partito di cittadini non vuole essere come il PD che distrugge con l'opposizione totale quello che non può governare: ha sempre votato anche in passato a favore delle leggi che riteneva giuste. Libri ed idee che guardano al futuro dell'umanità io la vedo una visione di lungo periodo ESSENZIALE per l'orientamento delle politiche di medio e corto, ed é promossa dai libri di economia politica. Infine, disprezzi il fasciocomunismo (che cavolo é??) ma con il tuo linguaggio di odio e irridenza dimostri di essere peggiore

kobler

Mer, 21/03/2018 - 11:22

L'incubo lo possono avere soltanto quei delinquenti poilitici che sono là a rubare fingendo interesse per l'Italia! Certo che parlare di invidia è dire poco per chi scrive certe cose. Se i pentastellati sono incapaci allora cosa è quel PD che commette reati e aggiunge alle sue fila una Fedeli senza requisiti? Il minimo è la 3a media detta scuola dell'obbligo. Come mai è là dentro dopo avere commesso delitto? E questa è una menzogna dell'autore! "Ventennio tecno(fascio)comunista". Ventennio di respiro per tutti ma non per i delinquenti! Vi rode che il M5S accetti proposte da tutti, senza trattare interessi personali, vero?

rrobytopyy

Mer, 21/03/2018 - 12:20

ma se i 5stelle sono il male assoluto, perchè non entrare a far parte del governo per cercare di alleggerire quel male ? La logica e l' interesse per il paese, direbbe questo ma la politica no, da ciò si capisce che la politica fa solo gli interessi propri e non quelli della collettività. Ma in fondo è una cosa ovvia anche questa.

PaolodC

Mer, 21/03/2018 - 12:39

Il giornalismo d'inchiesta ha più volte dimostrato che il M5S è una creazione americana per influenzare la vita politica italiana. Leggete le inchieste di Federico Dezzani, per esempio. Guarda caso il primo placet al movimento venne dall'ambasciatore USA a Roma. Non basta questo agli italiani per capire? Capire chiaramente cosa è bene votare e cosa è bene evitare come la peste?!!!

mbrambilla

Mer, 21/03/2018 - 14:42

Già un vetennio ci è bastato, per carità.

INGVDI

Mer, 21/03/2018 - 14:49

Una soluzione ci sarebbe: favorire un governo m5s-pd. Nella gente si formerebbero quegli anticorpi adatti ad evitarli alle prossime elezioni. Un invito alla riflessione rivolto a Matteo Salvini.

rrobytopyy

Mer, 21/03/2018 - 15:48

ma un pò di fantasia, di sana ironia, di sdrammatizzazione politica, no ? non ne è capace Del Vigo ? penso farebbe piacere anche al suo datore di lavoro.

rrobytopyy

Mer, 21/03/2018 - 16:20

continua la campagna elettorale del Giornale in favore dei 5 Stelle. Ma le elezioni ci sono già state, forse state affilando le penne per la prossima, i 5 stelle vi salutano e vi ringraziano per questa pubblicità a costo zero.

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Gio, 22/03/2018 - 06:35

Si l'incubo del ventennio : qua l'unico incubo sono i prezzi dei generi alimentari . Datti una svegliata e telefona alla Nasa : se arrivano gli alieni e portano la pillola per non mangiare ne vedremo delle belle . Yeeeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh .

nopolcorrect

Gio, 22/03/2018 - 09:03

Una serie di sciocchezze non meritevoli di un commento. Ma i grillini sono diventati popolari non per questa serie multipla e convergente di idiozie del loro ideologo, ma perché finora sono indubbiamente i più onesti in un Paese pieno di politici ladri.Il loro reddito di cittadinanza è in gran parte un sogno ad occhi aperti soprattutto pensando a tutti gli imbroglioni che ne fruirebbero o ne vorrebbero fruire, con annessi infiniti ricorsi, un incubo pensando solo a come, ed a chi applicarlo, soprattutto nel Sud. E questo a prescindere dalla sostenibilità economica.