L'Isis come i ceceni. Ma Putin sa come affrontarli

Il Cremlino si aspettava rappresaglie per i raid in Siria. Per questo non arretrerà

Bomba o non bomba non arriveranno a Mosca. La canzone di Venditti, a finale invertito, ben interpreta lo scenario russo-siriano all'indomani del disastro aereo nel Sinai. Diamo pure per scontato, ed ancora non lo è, che dietro quello schianto ci sia lo Stato Islamico. Questo di certo non fermerà il disegno strategico politico di Vladimir Putin. Chi paragona il suo intervento in Siria a quello dell'Urss in Afghanistan negli anni Ottanta sbaglia di grosso. E non solo perché non esiste più la Russia sovietica, ma perché Putin, a differenza dei suoi predecessori del Pcus, segue un disegno politico sofisticato, può contare su un esercito efficiente e s'avvale di esperienze consolidate sia nella lotta al terrorismo, sia nell'intervento in conflitti di bassa-media intensità.

Il precedente storico da cui partire non è dunque quello afghano, ma la «seconda guerra di Cecenia» condotta da Putin dall'agosto 1999 fino all'aprile 2009. Quel conflitto, segnato da massicci bombardamenti, sanguinose operazioni di terra, spregiudicate eliminazioni di nemici, non causò soltanto un numero esagerato di perdite collaterali tra i civili ceceni, ma portò anche il terrore nel cuore della Russia. Chi immagina un Putin preoccupato per la tragedia del Sinai non dimentichi l'assalto ceceno al teatro della Dubrovka a Mosca costato la vita, nell'ottobre 2002, a 120 ostaggi o l'assalto alla scuola di Beslan conclusosi, nel 2004, con la morte di 385 persone tra cui 186 bambini. E chi considera una novità l'abbattimento di un aereo civile scorda le due «vedove nere» cecene che la notte del 24 agosto 2004 si fecero saltare a bordo del Volga Avia Express 1353 e del Siberian Airlines 1047, partiti a mezz'ora di distanza da Mosca, causando la morte di tutti i passeggeri.

Ma nel caso di Putin la vera differenza non la fanno solo gli anticorpi indispensabili per resistere ad una guerra combattuta sull'impervio doppio fronte dello scontro convenzionale e del terrore asimmetrico. La vera differenza la fa la sua capacità di combattere su un doppio fronte seguendo un unico disegno politico. In Cecenia Putin vinse dividendo la compagine jihadista e trasformando in alleato quel capo ribelle Akhmat Kadyrov a cui affidò prima la distruzione del nemico e poi la ricostruzione di Grozny. Un disegno politico totalmente assente negli anni dell'occupazione sovietica dell'Afghanistan. Un disegno politico che non sembra guidare le mosse di Obama dei suoi alleati europei impegnati ad esigere la destituzione di Bashar Assad senza indicare qualcuno in grado di sostituirlo.

Una differenza ben rimarcata da un presidente russo che prima di bombardare la Siria ha avviato colloqui con l'Arabia Saudita, la Turchia e gli altri Paesi sunniti impegnati alleati dei ribelli siriani. Colloqui sfociati il 30 ottobre scorso a Vienna nel primo tavolo negoziale sulla Siria con Russia e Iran da una parte e Turchia ed Arabia Saudita dall'altra. Senza dimenticare che l'esercito russo non è più l'impacciato e rugginoso residuato post sovietico da due milioni di coscritti visto all'opera in Afghanistan, Cecenia e Georgia. Dopo la magra prova georgiana Vladimir Putin ne ha preteso un'autentica rigenerazione, dando vita ad una selezionata e costosa macchina da guerra da 700mila militari a cui, solo nel 2011, ha garantito fondi per 56 miliardi di euro. Fondi aumentati del 53 per cento nel 2014 fino ad arrivare ad un spesa militare inferiore soltanto a quella di Stati Uniti e Cina. Quella raffinata macchina da guerra affidata alla guida politica di un leader consumato è la vera forza di un Putin che, a differenza di Gorbaciov in Afghanistan o Eltsin in Cecenia, potrà tentennare, ma non certo mollare.

Commenti

Iacobellig

Ven, 06/11/2015 - 08:28

SOLIDARIETÀ PIENA A PUTIN. AVANTI SENZA INDUGIO UTILIZZANDO FORZA E TEMPI STRETTI, OGNI LIMITE È STATO SUPERATO DALL'ISIS E NESSUNA TOLLERANZA ANCORA. BOMBARDARE E RADERE AL SUOLO I TERRITORI DOVE SONO PRESENTI IN MASSA QUESTI TERRORISTI, OGNI RITARDO COSTERÀ CARO ALL'OCCIDENTE E A TUTTI GLI ALTRI STATI. BENE PUTIN! AVANTI!

mister_B

Ven, 06/11/2015 - 08:45

vai Gian, tifa per putin che il tuo padrone ti alza la paghetta.

marcomasiero

Ven, 06/11/2015 - 08:45

unico con gli attributi per annientare l' islam e i musulmani (cancro dell' umanità) ad ogni latitudine !

ccappai

Ven, 06/11/2015 - 09:03

Io credo realmente che nella vostra redazione sia definitivamente tramontato il buon senso. In pratica celebrate il trionfo delle barbarie commesse da Putin a garanzia di una efficace lotta contro lo Stato Islamico. A parte il fatto che a Putin dello Stato Islamico non gliene frega un bel niente, ma è solo interessato alla restaurazione del potere di Damasco, di certo non è con la strage di bambini innocenti o la distruzione delle case dei ceceni con dentro le loro famiglie che può essere preso ad esempio di "giusta guerra". Capite o no che qui c'è di mezzo il riconoscimento o il disconoscimento dei valori su cui si fonda l'occidente? Voi davvero pensate che gli Stati Uniti o la Gran Bretagna o lo stesso Israele non avrebbero la forza e i mezzi per annientare definitivamente il "nemico"? Li hanno ma non gli usano in nome di quei valori. Riflettetici sopra Bestie!!

Ritratto di Rames

Rames

Ven, 06/11/2015 - 09:10

Si ma ancora non abbiamo risultati di nessun tipo.E' una guerra prospettata lunga almeno dieci anni e va combattuta con tenacia e fermezza sul campo non solo con i raid.Ci vuole un rastrellamento completo un vero e proprio genocidio jihadista.Ma finchè ci sara' chi finanzia e vende armi questa storia non avra' mai fine.

Ritratto di Otto-Volante

Otto-Volante

Ven, 06/11/2015 - 09:22

Caro "sempre chino" micalissin... Se putler fará dell'isis come per la Cecenia, vorrá dire che il criminale ex kgb dovrá fondargli una nuova repubblica islamica radicale!!! Esattamente come la "repubblica islamica radicale di Cecenia", in cui l'etnia islamica al potere, ha persino i vessilli neri con lo stesso "font" di quelli dell'isis, ma in lingua russa! Ma ovvio lei in Cecenia, non c'é mai stato...

Ritratto di Otto-Volante

Otto-Volante

Ven, 06/11/2015 - 09:24

Caro "sempre chino" micalissin... Se putler fará dell'isis come per la Cecenia, vorrá dire che il criminale ex kgb dovrá fondargli una nuova repubblica islamica radicale!!! Esattamente come la "repubblica islamica radicale di Cecenia", in cui l'etnia islamica al potere, ha persino i vessilli neri con lo stesso "font" di quelli dell'isis, ma in lingua russa! Ma ovvio lei in Cecenia, non c'é mai stato...

GVO

Ven, 06/11/2015 - 10:01

Evviva Putin..!

tuttoilmondo

Ven, 06/11/2015 - 10:05

ccappai Ven, 06/11/2015 - 09:03 "nessuno è buono sul cuor della terra, trafitto da un raggio di sole, ed è subito guerra". Ce chi il lavoro sporco lo fa e chi lo fa fare: Cile, Libia, etc. il potere non guarda alle maniere ma va, in un modo o nell'altro, dritto allo scopo. Nessuno è buono contro i propri interessi. Sei rimandato. Studia di più.

Edmond Dantes

Ven, 06/11/2015 - 10:13

@ccappai. A tutti piacerebbe la riedizione della disfida di Barletta per decidere il vincitore in ogni contesa militare, ma purtroppo bisogna essere realisti e "a la guerre comme a la guerre ". Putin combatte certo per motivi geopolitici ma comunque difende i valori e la civiltà dell'Occidente, come non stanno facendo l'Europa e Obama. Purtroppo gli innocenti muoiono in ogni guerra: tenga conto che se gli USA non avessero lanciato l'atomica sul Giappone le previsioni di una conquista via terra davano milioni di vittime civili e militari giapponesi, e non meno di un milione di soldati americani morti o feriti È stata scelta la tragedia minore. Capito? Per il resto non rifletta troppo perché, come dice il filosofo: troppa riflessione paralizza lo spirito (posto che aleggi in una bestia del suo genere).

Ora

Ven, 06/11/2015 - 10:37

L'amico del padrone ha sempre ragione.

VESPA50

Ven, 06/11/2015 - 11:17

@ ccappai senti non bere più..il vino ti fa male, non ti fa ragionare. Da quello che ho capito dal tuo ragionamento post sbornia non dovremmo nemmeno ringraziare Putin per quello che sta facendo per l' Occidente (che nemmeno se lo merita) e dovremmo essere riconoscenti a Stati Uniti e Gran Bretagna per che cosa? Cosa stanno facendo di concreto per combattere il Califfato oltre a bombardare l'ospedale di medici senza frontiere? Pensa cosa sarebbe successo se Obama fosse riuscito a far fuori Assad dalla Siria? Sicuramente sarebbe diventata una nuova polveriera pronta ad esplodere con conseguenze inimmaginabili anche per noi e pronta ad essere travolta dall'Isis. ma forse è questo che tu sogni in nome di QUEI VALORI

Mr Blonde

Ven, 06/11/2015 - 11:18

solidarietà a tutte le vittime, ma visto che si fa il raffronto con la cecenia anche con tutti i ceceni vittime delle atrocità di un pericoloso dittatore

Fab73

Ven, 06/11/2015 - 11:37

Tanto per sapere VESPA50 ed Edmond Dantes, quali sarebbero i "valori dell'occidente" che sta difendendo Putin??? Io capisco che siccome il capo ordina tutto "deve" essere giusto, ma se invece di passare il tempo su Facebook vi leggeste un paio di libri sapreste che Putin non solo è di scuola staliniana (e come potrebbe non esserlo da ex colonnello del KGB dell'URSS???), ma usa gli stessi metodi e prassi. Dopo una vita a rompere le scatole dando del "comunista" a gente come Prodi vi ritrovate a schierarvi con uno che di Stalin e Lenin faceva degli idoli! Se non altro la cosa è esilarante!

onurb

Ven, 06/11/2015 - 11:38

Edmond Dantes. Purtroppo ci sono persone che si scandalizzano se combatti il nemico applicando gli stessi suoi metodi. Sono le stesse che accettano che il nemico uccida civili inermi scientemente, distruggendo aeroplani delle compagnie private. Oltretutto si scandalizzano a sproposito perché, non avendo mai studiato sui libri che riguardano il diritto bellico, non sanno quali sono gli atti di guerra che si possono o non si possono compiere. Lei dice bene: à la guerre comme à la guerre. Quando tentano di staccarti la testa dal resto del corpo non puoi stare a filosofeggiare di valori occidentali.

electric

Ven, 06/11/2015 - 11:49

ccappai, qui l'unica vera bestia sei tu. Sembra quasi che tu voglia difendere gli autori materiali degli omicidi ( i ceceni) e criticare l'operato di chi ha saputo fermarli (Putin). Ti ricordo che i ceceni e i musulmani (che poi è la stessa cosa) compiono i loro delitti anche se nessuno li contrasta. La loro è una missione satanica, di annientamento del non-musulmano

roseg

Ven, 06/11/2015 - 12:00

ccappai DOCET...Ti è già stato consigliato ma visto che sei un pò duro di comprendonio te lo ripeto MOLLA IL BOTTIGLIONE .

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 06/11/2015 - 12:09

Avanti Zar... avanti Russia, unico paese europeo degno di tale aggettivo. Unita e forte contro i briganti occidentali, schiavi degli USA

fisis

Ven, 06/11/2015 - 12:11

E' ovvio che non fa certo piacere se ci saranno, come è inevitabile, vittime tra i civili, nel momento in cui Putin, unico vero attuale leader dell'Occidente, continuerà e intensificherà la sua lotta per estirpare il cancro malefico dell'Isis, che mette a repentaglio proprio quei valori fondamentali su cui si basa l'Occidente. Del resto ,basta guardare alla Storia: gli Stati Uniti non si fecero un problema di sganciare le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki, pur di mettere termine alla seconda guerra mondiale, annientando definitivamente il Nazismo e i suoi alleati, che rischiavano in caso di vittoria anche essi di mettere fine alla civiltà occidentale. Proprio come sta succedendo adesso con l’isis e l'Islam radicale.

ziobeppe1951

Ven, 06/11/2015 - 12:15

Caro Putin butta giù un po' di fosforo, dicono faccia bene al cervello

fisis

Ven, 06/11/2015 - 12:15

E' ovvio che non fa certo piacere se ci saranno, come è inevitabile, vittime tra i civili, nel momento in cui Putin, unico vero attuale leader dell'Occidente, continuerà e intensificherà la sua lotta per estirpare il cancro malefico dell'Isis, che mette a repentaglio proprio quei valori fondamentali su cui si basa proprio l'Occidente. Del resto ,basta guardare alla Storia: gli Stati Uniti non si fecero un problema di sganciare le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki, pur di mettere termine alla seconda guerra mondiale, annientando definitivamente il Nazismo e i suoi alleati, che rischiavano i, in caso di vittoria anche essi di mettere fine alla civiltà occidentale. Proprio come sta succedendo adesso con l’isis e l'Islam radicale.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 06/11/2015 - 12:20

con Putin, unico Cesare rimasto in Europa... il resto è solo feccia di pavidi, schiavi e sgualdrine della NATO

Duka

Ven, 06/11/2015 - 12:25

Se l'avessimo noi PUTIN la Libia era già sistemata.

agosvac

Ven, 06/11/2015 - 12:28

Egregio cccappai, la vera bestia è lei! che preferisce che l'isis, con l'aiutino di Obama, venga a farle la decapitazione a domicilio?????

pagu

Ven, 06/11/2015 - 12:37

PUTIN E' UN GRANDE, un vero uomo con le palle, altro che quel buffone abbronzato di Obama, speriamo di diventare colonia Russa, forse ci salviamo...

fisis

Ven, 06/11/2015 - 12:52

E' consolante pensare che esiste un immenso Paese, dalle indiscutibili radici cristiane, di cultura europea e occidentale (basti pensare a Dostoevskij in letteratura o Čajkovskij in campo musicale), la Russia, che si è preso in carico di annientare l'islamico isis. Questo ci dà quasi la certezze che l'islam radicale non trionferà. Al massimo, conquisterà temporaneamente parte dell'Europa occidentale (l'Italia per la sua miope politica cattocomunista è il primo candidato più probabile), ma comunque, prima o poi dovrà vedersela con quel gigantesco paese. Speriamo solo, noi o i nostri figli, di non dover emigrare in Russia.

Mr Blonde

Ven, 06/11/2015 - 12:57

Ausonio meglio schiavi degli usa che di un nazi-comunista come putin

VESPA50

Ven, 06/11/2015 - 13:03

Caro Fab73 nella tua delirante risposta oltre a fare un ritratto tetro di Putin non hai nemmeno cercato di farci capire se il suo (e fin'ora unico) intervento serio contro l'Isis ha la tua approvazione o invece dovremmo affidarci alla protezione americana col rischio che oltre a bombardare qualche altro ospedale vengano a bombardare (per sbaglio) anche l'Italia. Hai citato due libri ma non i titoli.Sei sicuro di averli letti e... compresi?

ziobeppe1951

Ven, 06/11/2015 - 13:04

Fab73...ah ah Putin stalinista nel 2015? Anche Fo,Bocca,BOBBIO, scalfari, Biagi, ecco alcuni dei fascisti tuoi

Ritratto di Otto-Volante

Otto-Volante

Ven, 06/11/2015 - 13:21

Questa é la lista dei "valori" che putler porta avanti da anni: 1) - Ammazza il tuo oppositore politico, e dai la colpa ai ceceni/georgiani. 2) - Metti le mani su TV, giornali e internet. 3) - ruba a man bassa, fino a diventare l'uomo (l'invertebrato...) piú ricco del mondo con 70/200 miliardi di $ di patrimonio. 4) - Invadi le nazioni cui i tuoi predecessori avevano ridato la libertá. 5) - Nega sempre, nega tutto, anche l'evidenza! 6) - Metti i tuoi "amici" a controllare TV, banche (l'amante!), giornali e internet. 7) - Sorridi sempre, anche quando stai distruggendo il tuo paese.

Ritratto di Otto-Volante

Otto-Volante

Ven, 06/11/2015 - 13:54

Questa é la lista dei "valori" che putler porta avanti da anni: 1) - Ammazza il tuo oppositore politico, e dai la colpa ai ceceni/georgiani. 2) - Metti le mani su TV, giornali e internet. 3) - ruba a man bassa, fino a diventare l'uomo (l'invertebrato...) piú ricco del mondo con 70/200 miliardi di $ di patrimonio. 4) - Invadi le nazioni cui i tuoi predecessori avevano ridato la libertá. 5) - Nega sempre, nega tutto, anche l'evidenza! 6) - Metti i tuoi "amici" a controllare TV, banche (l'amante!), giornali e internet. 7) - Sorridi sempre, anche quando stai distruggendo il tuo paese.

Fab73

Ven, 06/11/2015 - 14:08

VESPA50, evidentemente non sai in che zone sono impegnate principalmente le forze areree russe ("forse" si fa per dire, perchè sonoo in totale meno di 20 aerei, ossia un quarto di un singolo gruppo imbarcato su una qualsiasi portaerei USA). Si da il caso che, per l'80, 90% l'aviazione russa bombardi zone a nord est di Latakia, dove l'IS proprio non c'è. Basta un atlante (e ovviamente sapere quali zone della Siria sono in mano all'IS quali ai ribelli contro Assad). ziobeppe1951 prova a rileggere "scuola" stalinista. Nel KGB degli anni 60/70 del 900 che scuola credi si applicasse? E infatti i metodi quelli sono...

Edmond Dantes

Ven, 06/11/2015 - 14:11

@Fab73 .Guardi,io Facebook non so neanche dove stia di casa. Vedo però che la scuola degli ignoranti voluta dalla sinistra ha prodotto antropologie del suo stampo che nel loro orizzonte "culturale" neppure riescono a concepire quello che l'Occidente rappresenta non solo per se' ma per la storia del pianeta che, purtroppo, deve farsi carico anche di soggetti come lei. Capisco che un paio di "libri" li abbia letti (presumo l'Almanacco di Topolino e l'opera omnia della Litizzetto) ma se il risultato è questo forse deve impegnarsi un po' di più. Anche quella mortadella rancida di Prodi si vergognerebbe di averla tra i suoi fan. Ad maiora.

Edmond Dantes

Ven, 06/11/2015 - 14:22

@Otto-Volante. Lei è certamente uno squadrista del web. Resta da vedere se è un musulmano ceceno estremista o è solo un caso psicopatologico. Nel primo caso prima o poi Putin la beccherà e noi non sentiremo la sua mancanza, nel secondo le consiglio una cura: ANTISINISTRONZ 3 compresse al giorno vitanaturaldurante.

Fab73

Ven, 06/11/2015 - 15:03

vedi Edmond Dantes, se avessi letto l'Almanacco di Topolino sapresti che la Russia non è MAI stata "Occidente". Lasciamo stare l'espressione geografica, ma nemmeno culturalmente e storicamente. La Russia per l'Occidente è sempre stata "IL" nemico, e ben prima che i comunisti arrivassero al potere. Il fatto che Pietro il grande (puoi andare a cercare su Wikipedia, credo che più in là tu non possa andare) abbia fatto tagliare un paio di barbe non ha certo modificato quella che è sempre stata una cultura che con l'occidente (cattolico, te lo ricordi?) aveva a che fare quanto Berlusconi con la GdF. Oggi, siccome il simpatico dittatore di Leningrado (perchè lì lui è nato, non a S. Pietroburgo) è amico del vostro idolo, improvvisamente sarebbe diventato il baluardo dell'Occidente. Spiacente. Capisco il bersi la storia delle cene eleganti, ma qui si esagera!!!

Edmond Dantes

Ven, 06/11/2015 - 18:32

@Fab 73. Guardi, Wikipedia, notoriamente la bibbia degli ignoranti che lei si è affannato a consultare, così come Facebook, la lascio a lei. La Russia è un paese cristiano, anche se cattolico in misura trascurabile, e si riconosce nei valori della tradizione greco-cristiana, se avesse letto Tolstoj o Dostoevskij invece della Litizzetto magari avrebbe capito qualcosa di più di quel paese. Capisco che a lei, come a Obama e all'ottusa sinistra antioccidentale piacciano di più i musulmani dei cristiani ma fortunatamente non è così per i Russi. Berlusconi c'entra in questo come i cavoli a merenda e tirarlo in ballo da la cifra della sua statura "culturale" che non va oltre quella del polemista "de sinistra" da strapazzo. Auguri per l'esame di licenza elementare, vedrà che lo supererà brillantemente (non importa se è già al decimo tentativo), sai che festa le faranno nel suo centro sociale !

alox

Ven, 06/11/2015 - 22:13

@Otto-Volante pienamente d'accordo!

alox

Ven, 06/11/2015 - 23:46

@Fab73 pienamente d'accordo!

mila

Sab, 07/11/2015 - 06:18

@ Fab73 -Guardi che penso sia il contrario. La maggior parte dei commentatori del giornale non apprezza Putin perche' amico di Berlusconi, ma votavano Berlusconi perche' faceva una politica estera di avvicinamento alla Russia (come e' negli interessi dell'Italia)